CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Il controllo del tono del Dumble Overdrive Special anni ‘60
Il controllo del tono del Dumble Overdrive Special anni ‘60
di [user #16055] - pubblicato il

Un raro circuito a due toni disegnato da Alexander Howard Dumble per l'ODS degli anni '60 offre lo spunto a un nostro lettore per esplorare il comportamento tecnico dei controlli e degli originali switch Deep e Rock/Jazz.
Come molti sapranno, gli amplificatori progettati e costruiti da Alexander “Howard” Dumble - deceduto a inizio 2022 all’età di 77 anni - sono tra i più ricercati e costosi dell’intero panorama chitarristico. L’eccellenza assoluta nella ricerca del suono migliore, accompagnata alla volontà di rimanere un artigiano che costruiva tutti i suoi amplificatori per chitarra, ha reso il nome Dumble come il più desiderato dai chitarristi professionisti. Sì perché, per i comuni mortali, poter mettere le mani su uno di questi rimane e rimarrà pura utopia. I motivi principali sono due: il primo è che ogni realizzazione è stata “cucita” su misura al chitarrista che l’aveva commissionato, personalizzando quindi i circuiti per ottenere il migliore tono, mentre il secondo è dovuto alla piccolissima produzione, pochissimi pezzi l’anno, creati dagli anni ‘60 fino alla sua dipartita. Nel mercato dell’usato questi viaggiano da circa 70.000 $ fino ad arrivare anche a 150.000 $.
Se però ogni realizzazione è diversa dalle precedenti, i circuiti di controllo del tono, che è la parte dove ogni chitarrista può scolpire il proprio suono andando a interagire con manopole e interruttori, ne dovrebbero essere uscite poche versioni. Vorrei analizzare quella del modello più famoso, ovvero l’Overdrive Special conosciuto spesso con la sigla ODS che è stato riproposto anche da altri produttori. Dagli schemi trovati in rete, chi l’ha visto un Dumble originale dal vivo alzi la mano, ne esistono almeno tre versioni.
Piccola nota: questa è la versione più semplice, ma lo schema che si trova in rete manca di un collegamento fondamentale sul controllo dei bassi, che ne impedisce il funzionamento corretto.

Il controllo del tono del Dumble Overdrive Special anni ‘60

La versione del circuito tipica del Dumble Overdrive Special degli anni ‘60 aveva solo due bande d’equalizzazione per Bass e Treble e già i tre interruttori per la selezione Rock/Jazz, Deep e Bright. Quest’ultimo era disegnato in modo molto classico come nei vecchi amplificatori Fender ma con un valore del condensatore decisamente più grande per ottenere una maggiore modifica timbrica con l’esaltazione non solo delle alte frequenze, ma anche delle medio-alte. Come nel modello d’ispirazione, aumentando il volume, l’effetto del Bright tende ad attenuarsi fino a scomparire quando il controllo viene aperto del tutto. Il selettore Deep dona maggiore segnale in uscita, maggiore corposità al suono specialmente con il controllo dei bassi al minimo e tende a scavare meno la timbrica sulle medie frequenze. La variazione è contenuta in pochi dB, maggiormente nella zona delle frequenze medio-basse, importantissime per scolpire il proprio suono. Il selettore più importante e originale rimane però quello chiamato Rock/Jazz, che stravolge l’equalizzazione e la corsa dei due controlli di tono. La selezione chiamata “Rock” richiama il classico schema Fender a due manopole per Bass e Treble, con medi preimpostati a un certo valore tramite una resistenza. La variazione “Jazz” fa uso invece di uno schema di tipo Baxandall passivo, normalmente usato in forma attiva sui controlli di tono di tipo HiFi, nei mixer, negli amplificatori per basso o acustica, molto raramente per la chitarra elettrica.

Il controllo del tono del Dumble Overdrive Special anni ‘60
Comportamento dei toni in posizione Rock

Il controllo del tono del Dumble Overdrive Special anni ‘60
Comportamento dei toni in posizione Jazz

Nella posizione Rock e con tutti e due i controlli al minimo l’equalizzazione è molto lineare su tutta la banda con un’attenuazione compresa fra i -20/-22 dB, mentre nella posizione Jazz e le stesse regolazioni il suono è lineare fino alle medie frequenze, con un picco a circa 300-400 Hz e molto tagliato sulle alte. Il controllo degli alti, oltre ad amplificare la sua banda, amplifica anche le medie frequenze, con una corsa più decisa dalla metà in su per la posizione Rock, mentre per la posizione Jazz ha una maggiore escursione portando il suono da estremamente chiuso a molto aperto. Le medie in questo caso vengono modificate meno rispetto alla posizione Rock. Il controllo Bass interagisce anche con la banda dei medi nella posizione Rock e ha un maggiore intervento nella prima metà di corsa, similmente alla posizione Jazz, che però modifica poco la banda dei medi.

Il controllo del tono del Dumble Overdrive Special anni ‘60
Posizione Rock e Deep Off

Il controllo del tono del Dumble Overdrive Special anni ‘60
Posizione Rock e Deep On

Combinando i due controlli di tono, sono possibili suoni scavati sulle medie frequenze in stile Fender e derivati, a frequenze maggiori per la posizione Jazz e minori per la Rock. Con tutti e due i controlli al massimo l’equalizzazione e quindi la timbrica è molto diversa. Con il selettore su Rock si ha un’escursione massima di circa 18 dB per le basse frequenze, fino a 17 dB per le medie e circa 20 dB per le alte. Nella selezione Jazz, la variazione massima delle basse frequenze arriva a circa 17 dB, circa 10 dB per le medie e ben 40 dB per le alte.

Il controllo del tono del Dumble Overdrive Special anni ‘60
Posizione Jazz e Deep On
alexander howard dumble amplificatori per chitarra dumble elettronica gli articoli dei lettori
Link utili
La notizia della morte di Alexander Howard Dumble
Mostra commenti     8
Altro da leggere
L'attacco dei cloni: EP o BP Booster?
Gear: la Flop Ten di una vita - Parte 1
Il controllo del tono del Dumble Overdrive Special anni '70
Charvel San Dimas: cosa ci si aspetta da una super-Strat
MK Ultra: il primo ampli made in USA da Orange
Eko Ranger 12 Electra riemersa dall'oblio
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...
È morto Richard Benson: chi era il chitarrista, il personaggio, l’u...
Gear: la Flop Ten di una vita - Parte 1
Flea dei RHCP nell’universo di Star Wars
Guitars of my life: una top 10 romantica
Il paradosso di Enesidemo (ovvero, noi delle chitarre non sappiamo un ...
Crisi delle valvole: Western Electric le produrrà in USA
Dal metal alle big band: Mark Tremonti canta Sinatra per la Sindrome d...
Visita alla fabbrica Gibson nel 1967: guarda il video
Niente più valvole dalla Russia: cosa succede, cosa provocherà
Quel dubbio che ci frega. Sempre
La GAS come l’amore? Una storia semiseria




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964