CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Quando un chitarrista è influente?
Quando un chitarrista è influente?
di [user #116] - pubblicato il

Un chitarrista è influente quando grazie alla sua musica, o anche semplicemente al suo playing, riesce ad accendere interesse e passione sul mondo della chitarra. Oppure, addirittura a contribuirne all’evoluzione stilistica, tecnica e sonora.

 È facile annoverare tra i chitarristi più influenti di sempre Jimi Hendrix, Eddie Van Halen, Jimmy Page autentiche icone del rock: portatori di un successo planetario e al contempo innovatori visionari della chitarra che ne hanno determinato trasformazioni determinanti. Ma esistono anche chitarristi che, senza essere riusciti a traghettare la propria musica fuori dalla una nicchia di pubblico selezionato di musicisti, sono un faro per chi studia la chitarra, un incentivo a studiare, sperimentare e migliorare. Spesso si tratta di grandi virtuosi come Allan Holdsworth, Guthrie Govan o Tosin Abasi: musicisti che spingendo il livello del suonato oltre lo standard convenzionale, hanno spronato anche migliorie e novità nella progettazione di chitarre, amplificazione, effetti. Quindi ci sono musicisti che con la chitarra al collo hanno fatto innamorare di questo strumento intere generazioni; magari grandi artisti o cantanti prima che grandi chitarristi ma, quello che conta, capaci di incarnare tutte le più vivide suggestioni del rock in una sei corde e renderle contagiose. Joe Strummer, Billie Joe Armstrong ma anche Bruce Springsteen…
E per voi, chi sono e perchè i chitarristi più influenti della storia del rock? 
Aspettiamo di leggerlo nei commenti e poi ne parliamo questa sera su Radiofreccia, alle 21:00, in un’altra puntata di Note di Stile!



Ogni prima domenica del mese "Note di Stile" vede Gianni Rojatti ospite di Double M, aka Mattia Maieli, e nasce dalla collaborazione tra Accordo.it, Classic Rock e RadioFreccia. Note Di Stile, infatti, è anche il nome della rubrica che Gianni Rojatti di Accordo.it cura sul magazine Classic Rock. Il format radiofonico nasce con il supporto di Double M e ha inizio lo scorso novembre, quando quattro appuntamenti settimanali hanno creato un percorso attraverso le chitarre elettriche più rappresentative del rock, percorso che ha trovato il suo punto di arrivo a SHG Music Show 2021 e oggi, proseguirà fino al prossimo SHG Music Show 2022! 

 
 
Gianni Rojatti radiofreccia
Link utili
Guarda tutte le puntate di "Note Di Stile" su RadioFreccia
Mostra commenti     19
Altro da leggere
Fare i dischi. E poi studiare.
Caro vecchio Sting
Sting dal vivo
Il Riff di "Battle without honor or humanity"
Frank Gambale: un ottimo manuale per imparare a improvvisare
I miei assolo preferiti
1987: un assolo su una ballad hard rock
Plettrata e legato: il meglio dei due mondi
Su Radiofreccia, le grandi chitarre di NEVER MIND THE BOLLOCKS dei Sex Pistols
Su Radiofreccia, a "Note di Stile" ospite Steve Vai
Su Radiofreccia, elogio dell'assolo di chitarra
Su Radiofreccia si parla di Police con Stewart Copeland
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy
Su Radiofreccia uno speciale sui Rolling Stones
Ikea pensa ai musicisti: arriva Obegränsad
Usato: abbiamo perso la ragione?
PRS è al lavoro su una Tele-style con Myles Kennedy?
Bob Taylor si ritira: annunciato il nuovo CEO e Presidente
Nick Drake e gli altri: Guild, icona al collo dei giganti
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...
È morto Richard Benson: chi era il chitarrista, il personaggio, l’u...
Gear: la Flop Ten di una vita - Parte 1




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964