DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Tutte le Fender American Vintage II in video
Tutte le Fender American Vintage II in video
di [user #116] - pubblicato il

Una playlist completa di video ufficiali mostra e fa ascoltare le rinnovate American Vintage: Fender Stratocaster, Telecaster e Jazzmaster dedicate alle edizioni più rappresentative di sempre.
La American Vintage II aggiorna la collezione di chitarre e bassi Fender ispirati ai modelli più iconici della tradizione elettrica californiana.
Dalla Telecaster “così come Leo l’ha fatta” alla lussuosa Jazzmaster, fino alle trasformazioni introdotte con la gestione CBS, la raccolta Vintage introdotta sul finire del 2022 fotografa le innovazioni che più hanno connotato l’evoluzione Fender, come pietre miliari con cui ricostruire un percorso a oggi lungo quasi un secolo.

Tutte le Fender American Vintage II in video

Tutte vantano specifiche costruttive storicamente corrette dalla finitura a base nitrocellulosa ai manici sagomati fedelmente sullo stile delle rispettive epoche di riferimento e l’hardware selezionato di conseguenza. Un’attenzione particolare all’elettronica dà vita a un’intera collezione di pickup battezzati Pure Vintage e progettati in base alle annate, compresa la ricetta originale dei magneti CuNiFe per i modelli Telecaster dotati di humbucker Wide Range.
Storicamente corretti sono anche i materiali impiegati, che annoverano la presenza del frassino su determinati modelli. Il legni, che sembrava destinato a sparire dai cataloghi, come promesso è stato conservato per le reissue dei modelli d’epoca.
A completare l’opera, tutte le American Vintage II sono accompagnate da custodie rigide in stile vintage, coerenti con i rispettivi strumenti che andranno a conservare.



Le American Vintage II sono chitarre di fascia alta, realizzate con perizia e attenzione per i dettagli, materiali di prim’ordine al fine di replicare l’estetica, l’impronta timbrica e il fascino degli originali. Fender le presenta quindi in pompa magna, con un’intera playlist di video dettagliati.

Si parte dalla Telecaster del 1951, la prima della sua stirpe che ha spedito dritto nella storia l’intramontabile abbinamento di un battipenna nero - blackguard - con una finitura Butterscotch Blonde che lascia a vista il frassino del body.



La svolta stilistica avviene con il modello dedicato al 1963, con una Telecaster distinta dalla tastiera in palissandro e con le classiche finiture Custom oltre al sunburst a tre toni. L’opzione per il body è ora tra ontano e mogano.



Si torna al frassino nel 1972, quando la Telecaster diventa Thinline con un body cavo e la caratteristica buca a effe. Sul top compaiono due pickup Wide Range, i primi humbucker di casa Fender.



L’edizione del 1975 immortala la Telecaster Deluxe, nuovamente con cassa in ontano e ancora una volta dotata di due Wide Range, stavolta abbinati al tipico battipenna di grosse dimensioni con controlli indipendenti per i volumi e i toni di entrambi i pickup.



Solo due anni più tardi, nel 1977 la Telecaster Custom torna a ospitare un single coil al ponte. Restano i controlli estesi e il selettore sulla spalla, mentre un set di sellette in stile Barrel prende il posto dei “blocchi” usati sulla Deluxe.



Parallelamente, anche la Stratocaster fa il suo corso. L’edizione del 1957 vuole congelare nel tempo un momento di svolta per la storia Fender. La prima incarnazione del 1954 era soggetta ad accorgimenti e piccole modifiche di un Leo perennemente in cerca di un nuovo traguardo, ma è proprio nel 1957 che secondo molti la Stratocaster riceve la sua forma definitiva. Almeno quella che sarà ricordata come la base di partenza per tutte le evoluzioni a venire, con un classico assemblato di frassino e acero.



La Stratocaster del 1961 si distingue per il body in ontano, e la tastiera diventa in palissandro mentre le finiture disponibili cambiano e si ampliano.



Gli anni ’70 sono quelli dello stravolgimento CBS, ma sono anche quelli della Stratocaster da hard rock. Quella del 1973 è una Strat nuovamente in frassino e acero, ma aggiornata nella dotazione hardware, nella forma del manico che da una V diventa una C e con l’inconfondibile palettone che ha stregato alcuni dei più grandi, da Jimi Hendrix a Ritchie Blackmore.



Anche la più lussuosa delle off-set trova posto nella serie American Vintage II. La Jazzmaster si presenta così com’era nel 1966, con un body in ontano, tastiera laminata in palissandro con segnatasti a blocco e binding tutto intorno. Immancabile, l’elettronica con circuiti Lead e Rhythm comanda una coppia di single coil di grosse dimensioni appositamente progettati.



Per l’occasione, in catalogo compaiono anche versioni mancine, con i modelli Telecaster del 1951, Stratocaster del 1957 e Stratocaster del 1961.
american vintage ii chitarre elettriche fender jazzmaster stratocaster telecaster ultime dal mercato
Link utili
Fender dice addio al frassino
Telecaster 1951 sul sito Fender
Telecaster 1963 sul sito Fender
Telecaster Thinline 1972 sul sito Fender
Telecaster Deluxe 1975 sul sito Fender
Telecaster Custom 1977 sul sito Fender
Stratocaster 1957 sul sito Fender
Stratocaster 1961 sul sito Fender
Stratocaster 1973 sul sito Fender
Jazzmaster 1966 sul sito Fender
Telecaster 1951 mancina sul sito Fender
Stratocaster 1957 mancina sul sito Fender
Stratocaster 1961 mancina sul sito Fender
Mostra commenti     36
Altro da leggere
Cloudburst: il riverbero ambientale più piccolo e creativo di Strymon
Il mito del Jazz Chorus in edizione limitata
PRS Swamp Ash Special: non sei tu, sono io
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Bare Knuckle e paletta Strat per la Jackson 7-corde di Josh Smith
Le Ibanez elettriche diventano ukulele (e fanno impazzire Paul Gilbert)
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964