DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Cambiare il mood di una melodia
Cambiare il mood di una melodia
di [user #116] - pubblicato il

Riarmonizzare una canzone o, più in generale una musica, significa cambiare, variare o sostituire la progressione degli accordi che la compongono e che ne sorreggono la melodia. "Tecniche di riarmonizzazione" è l'ottimo testo scritto da Randy Felts, docente di armonia jazz presso il Berklee College Of Music di Boston;

 
"Tecniche di riarmonizzazione" è quindi un libro che si rivolge espressamente a chi scrive ed arrangia musica: canzoni ma anche jingle pubblicitari, colonne sonore e - perchè no - musiche per videogiochi. Non è quindi un testo con una vocazione espressamente jazzistica e, tantomeno, particolarmente rivolta ad espandere le possibilità del solista o strumentista virtuoso che vuole ampliare la sua sensibilità e conoscenza dell'armonia. Certo, gioverà anche a lui, ma "Tecniche di Riarmonizzazione" si rivolge soprattutto a songwriter, produttori e arrangiatori che - se realmente motivati nello studio - in questo testo troveranno una "cassetta degli attrezzi" con cui dare nuova vita e colori diversi alla musica a cui stanno lavorando. Perchè, riarmonizzando una melodia se ne varierà il mood originale, rendendola spendibile in ambiti stilistici diversi da quello originale e magari più moderni.

Cambiare il mood di una melodia

I concetti e le tecniche spiegate in questo manuale si sviluppano sulle basi della teoria musicale più vicina al jazz e al pop ma sono funzionali a soddisfare le esigenze di musicisti di qualsiasi background stilistico. Come accennato, per studiare questo testo e ottenerne buoni risultati non è richiesta una preparazione strumentale sensazionale ma, viceversa, serve una solida conoscenza della teoria: familiarità con le sigle degli accordi e dei loro rivolti, lettura in chiave di violino e di basso (con conseguente familiarità delle alterazioni in chiave) e - soprattutto - la capacità pratica di saper leggere e riprodurre su chitarra o tastiere spartiti in cui sono riportate la linea melodica e le sigle armoniche degli accordi.
Gli argomenti che compongono "Tecniche di Riarmonizzazione" sono tanti, complessi e si possono dividere in tre macro aree di studio e lavoro: i primi cinque "Sostituzioni di Base", "Approccio Diatonico", "Sostituzione di Tritono", "Displacement Armonico" e "Interscambio Modale" paiono la parte più teorica del testo, funzionale a consolidare le basi su cui sviluppare le tecniche illustrate. Quindi, i capitoli restanti si dividono tra quelli che si concentrano sulla riarmonizzazione di un repertorio più mainstream (Pop, Rock, Jazz) e quelli, gli ultimi quattro, che esplorano i più recenti generi di musica da film e gli stili del jazz contemporaneo.
Fiore all'occhiello di questo testo, sono le traduzioni di Roberto Spadoni compositore, arrangiatore e chitarrista jazz di fama nazionale, la cui due pubblicazioni didattiche "Jazz Harmony", sono riconosciute come classici dell'editoria musicale italiana.
Edito da Volontè&Co, "Tecniche di Riarmonizzazione" è un testo davvero utile, consigliatissimo perchè in grado di fornire strumenti di lavoro eccezionali nell'ambito dell'attività musicale da professionista.
 
Cambiare il mood di una melodia
 
 
libri randy felts volonté&co
Link utili
"Tecniche di Riarmonizzazione" sul sito di Volontè&Co
Mostra commenti     0
Altro da leggere
Double Stop & Misolidio
Plettrata e legato: il meglio dei due mondi
Celebrare il passato
Polimetria, scatti & misolidio b2/b6
Riverbero, l'effetto del momento
L'arte dell'Arrangiamento
Sweep Picking: due approcci alle Triadi
Outside Playing For Guitar
Yvette Young: due consigli per studiare chitarra
Marty Friedman: due buone ragioni per iniziare a suonare la chitarra
Yvette Young: "Non mi interessa lo shred ma scrivere bella musica"
Dalla pentatonica nuove idee melodiche
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964