DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Lo conosci Guitar Man?
Lo conosci Guitar Man?
di [user #116] - pubblicato il

Jerry Reed non è popolare come tanti altri giganti della chitarra. Eppure tra musicisti, appassionati e addetti ai lavori - insomma tra chi ne sa e ne capisce - è considerato un chitarrista essenziale del novecento. Se non altro per la sua influenza come compositore e i tratti innovativi della sua tecnica chitarristica. Un nostro amico, ce l'ha fatto tornare in mente, accennando la sua celeberrima "The Claw" durante una giornata di riprese in studio. E ci è venuta voglia di ricordarlo e, soprattutto, farlo scoprire a chi non lo conosce.


Succede che sei in studio e il buon Mario Aubry (talentuoso chitarrista napoletano, fuoriclasse del blues) mentre è sotto torchio per il test di una semiacustica Guild, cattura l'attenzione di tutti con un pezzo folgorante. Te lo godi, tanto che quell'esecuzione di "The Claw" ti fa venire voglia di rispolverare discografia e storia dell'autore, Jerry Reed. Ed è un attimo andare a spulcare tra le outtake della giornata, recuperare quella schitarrata di Aubry e postarla qui. Un ottimo prestesto per scrivere un articolo che ricordi Jerry "Guitar Man" Reed un vero eroe della chitarra.

Intanto, per raccontare Jerry Reed è bene partire dal fatto che ricordarlo solo come chitarrista è riduttivo: era un cantante country che agli inizi degli anni '70 conquista i primi posti delle classifiche americane con pezzi come "When You Are Hot, You Are Hot" (1971) o "Lord Mr. Ford" (1973). Merito di una grande verve compositiva che fece sì che Elvis Presley, nel 1968, incidesse la cover di ben suoi due brani, "U.S. Male" e "Guitar Man", pubblicati solo una anno prima. "Guitar Man", in particolare, contribuisce a fare di Reed una sorta di beniamino dei chitarristi: il testo infatti, sul piglio brioso del groove, racconta le disavventure di un guitar man che non si arrende e insegue il suo sogno:
“Hopin' I could make myself a dollar, Makin' music on my guitar".



Inoltre Jerry Reed - che era un bel ragazzo ma con la faccia da mascalzone - lavorava anche come attore: finisce per recitare persino con Burt Reynolds in "Smokey And The Bandit" del 1977 e comparendo come ospite in una manciata di episodi della sitcom "Alice", popolarissima negli anni '80.
Con queste premesse, è facile intuire perchè su Jerry Reed aleggi l'aurea della leggenda. Perchè oltre a queste cose, chitarra alla mano, era sensazionale! Un innovatore in primo luogo: tanto per le impressionanti doti tecniche da funambolo; tanto per una profonda conoscenza armonica dello strumento che sfociava in soluzioni stilistiche e musicali mai banali o scontate.

Lo conosci Guitar Man?

Il suo playing era una miscelaunica di ritmi sincopati e banjo roll; melodie contrappuntistiche a walking bass; il tutto combinato all'utilizzo di voicing chitarristici inediti con cui snocciolava accordi brillanti: fattori che, assieme, portavano ad una nuova dimensione delle esecuzioni di chitarra fingerstyle
Nel ricordare Jerry Reed è fondamentale parlare di Chet Atkins, suo autentico mentore.
Reed lavorava come session man nello studio di Chet Atkins che lo prese sotto la sua ala diventandone il produttore artistico: non solo eseguì e registrò lui stesso molti dei pezzi scritti da Reed ma lo esortò a incidere la sua musica, consigliandolo e guidandolo. E così, grazie alla mano sulla spalla e ai suggerimenti di Chet Atkins (che è bene ricordare sia uno dei migliori chitarristi della storia) nel 1967 esce "The Unbelievable Guitar And Voice of Jerry Reed": una raccolta di grandi pezzi con delle parti chitarristiche al fulmicotone tra cui spicca "The Claw" uno strumentale folgorante, eseguito su una chitarraccia da quattro soldi Baldwin, con corde in nylon e pick up Prismatone.

Lo conosci Guitar Man?

Di questa chitarra, che Reed utilizzò in tanti dischi, il musicista diceva: "E' funky perchè ha l'action praticamente inesistente: le corde frustano sul manico ed esce questo suono particolare!"
In "The Claw" Jerry Reed ubriacava con la sua tecnica di thumbpick (mutuata dai suoi idoli, Merle Travis e la sua versione di "Cannonball Rag" su tutti) ma ancora più sensazionale era il sound pianistico che usciva dalla sua chitarra, ispirato a Ray Charles e lo stile di New Orleans.

guitar man jerry reed mario aubry
Link utili
Starfire I Jet90 la chitarra Guild suonata in questo video
Il test della Guild I Jet90 Starfire
Sito del distributore Adagio
Mostra commenti     4
Altro da leggere
Grazie all'acustica si apprezza la vera natura dell'elettrica
Dall'elettrica all'acustica
Acustica anche per elettrici
Chitarra acustica & studio di registrazione
Chitarra acustica e batteria
Ghost Notes all'acustica
Bonamassa: pace con la chitarra acustica
Kit di montaggio con acustica
Esercizi per chitarra acustica
Scala diminuita Semitono Tono: come usarla nel blues
Scala Blues e Modo Dorico su un pezzo Punk Rock
Riverbero, l'effetto del momento
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964