DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Il groove interiore: quello che ti fa sorridere mentre suoni
Il groove interiore: quello che ti fa sorridere mentre suoni
di [user #17404] - pubblicato il

Nicola Pastori ha scritto un bel manuale dedicato alla chitarra acustica, "Fingerstyle Guitar Mastery". Un libro che insiste sui benefici che qualunque genere di chitarrista - anche squisitamente elettrico e magari calato in contesti stilisticamente diversi - potrà ottenere studiando questa tecnica.

Abbiamo incontrato Nicola Pastori per approfondire i contenuti di "Fingerstyle Guitar Mastery" 

In che termini ritieni che il fingerstyle educhi ad un approccio poliedrico alla chitarra?
Lo studio del fingerstyle sviluppa la musicalità di un chitarrista a 360 gradi. Pensaci: nel fingerstyle quando suoni hai da tener conto di moltissime cose! C’è la melodia, la “regina” del brano; poi il basso, le fondamenta; le percussioni, il motore; i contro canti per evidenziare l’armonia...  Il pensare a tante parti diverse e suonarle contemporaneamente, ti porta ad apprezzare la musica da prospettive differenti e al tempo stesso a diventare molto, molto più abile sul tuo strumento.
 
Leggendo la descrizione degli argomenti del manuale, ne ho trovata una meravigliosa: "Il groove interiore: quello che ti fa sorridere mentre suoni"...ce la spieghi?
La musica sa certamente evocare moltissime emozioni diverse. Ce n’è una però che è in cima alla mia lista: la gioia! Questa emozione è strettamente collegata al groove. Hai presente quando senti un pezzo con un bel tiro e automaticamente inizi a muovere la testa a tempo e accenni un sorriso? Questo è l’impatto che un buon groove ha su tutti noi. Il termine “groove interiore” è una locuzione che mi sono inventato per sottolineare che il ritmo nasce sempre da te stesso. Non dal metronomo, dalla backing track o dal batterista, ma dalla tua intenzione nel suonare. Ciò, tra l’altro, è vero per tutti i musicisti, non solamente per noi chitarristi fingerstyle.
 
Il groove interiore: quello che ti fa sorridere mentre suoni

Un aspetto che ho molto apprezzato in questo testo è l'organizzazione dei "Troubleshooting": piccoli capiti che dispensano consigli strategici per risolvere problematiche tra le più diffuse. Intoppi che rallentano studio e lavoro dei chitarristi. Ce li descrivi?
Certo! Sin dalle fasi iniziali di scrittura ho capito che il materiale da trattare era molto vasto. Per organizzarlo al meglio ho creato questa forma di Q&A al termine di ogni lezione. Qui passo in rassegna in modo dettagliato tutte le difficoltà degli esercizi precedenti e propongo delle soluzioni basate sulla mia esperienza di insegnante. Ciò mi ha consentito di mantenere snelli e “dritti al dunque” tutti i testi di spiegazione che precedono gli esercizi, riuscendo tra l’altro a impaginare il libro in modo molto regolare, spiegazione sulla pagina sinistra, spartito sulla pagina destra. Oltre a favorire la chiarezza del testo, i capitoli “Troubleshooting” mi hanno consentito di trattare alcuni temi “extra”, come il metodo di studio, le tecniche di arrangiamento fingerstyle, la mentalità del musicista.
P.S. L’idea del “Troubleshooting” è nata dal celebre libro “Guitar Compendium” (H. Roberts, G. Hagberg), è un testo davvero fantastico.
 
Nel testo spieghi che farti guidare dalla vocalità è l'approccio che preferisci in fase compositiva...
Questo approccio è importante per scrivere musica in modo creativo e originale, senza farsi condizionare dai propri limiti. Ogni musicista, per quanto esperto, li ha… Se lasci che siano le mani a guidare ciò che suoni, esse saranno propense a fare ciò che già conoscono. L’immaginazione musicale invece, espressa attraverso lo strumento innato che tutti noi possediamo (la voce), non ha limiti! Non fraintendermi, non è necessario saper cantare come Freddie Mercury o Stevie Wonder per comporre musica in questo modo. Sai quante volte mi capita di registrare (terribili e stonatissime) note vocali sul telefono mentre mi trovo in strada, al supermercato, in auto... Il brano nasce lì, in quel momento! Poi, una volta a casa, sarà compito delle mani trovare un modo di suonare quello che ho pensato. Questo richiede molto studio e, al tempo stesso, comporta molti miglioramenti.

Il groove interiore: quello che ti fa sorridere mentre suoni

In questo libro ti avvali della collaborazione di un'icona della didattica chitarristica: Donato Begotti. Qual è stato il suo apporto nella stesura di FINGERSTYLE GUITAR MASTERY?
Donato è stato un preziosissimo aiuto sotto tanti aspetti. Come si organizza la didattica in modo efficace? Qual è il segreto della buona comunicazione? Cos’è necessario, cos’è superfluo? In sostanza, come si scrive un libro? Tutto questo (e tanto altro) me l’ha insegnato lui! Ha avuto un ruolo di grande importanza nella revisione della parte letteraria. Il libro è nato, tra l’altro, da una sua proposta, che è stata ben accetta dal super editore Marco Volontè. Sono grato a entrambi per il grande supporto. Fingerstyle Guitar Mastery fa parte della collana RGA (ed. Volontè & Co.) ed è il libro di testo del mio corso CCR® Acoustic. Questo percorso di studi, sviluppato sempre in collaborazione con Donato, applica l’inconfondibile stile didattico RGA al fingerstyle.
 
A chi ti piace pensare maggiormente sia rivolto questo testo: a un chitarrista già votato all'acustica e al fingerstyle che vuole migliorarsi? O a un chitarrista più generico nell'approccio stilistico, magari uno elettrico, che tramite il fingerstyle può ampliare il suo canovaccio espressivo e tecnico?
Cito la primissima frase del libro: “Ogni chitarrista trae enormi benefici dallo studio del fingerstyle”. E questo è ciò in cui credo: che tu sia un chitarrista elettrico, acustico, intermedio o esperto, il fingerstyle può impreziosire il tuo playing e la tua musicalità. Il testo parte da un livello basic e arriva a “ultra-avanzato”, quindi c’è davvero pane per tutti i denti! Grazie Gianni per queste domande molto interessanti, alla prossima!
 
Il groove interiore: quello che ti fa sorridere mentre suoni
 
donato begotti interviste libri nicola pastori volonté&co
Link utili
"Fingerstyle Guitar Mastery" sul sito di Volontè&Co
Mostra commenti     0
Altro da leggere
Chitarra acustica e batteria
Bonamassa: pace con la chitarra acustica
Kit di montaggio con acustica
Billy Gibbons: suona quello che tu vuoi sentire
Gretchen Menn: fatevi un regalo, studiate la teoria
I miei assolo preferiti
Mixing Secrets: sapere è potere
Funk Rock: un assolo con Misolidio e Cromatismi
Malmsteen: ecco il mio lavoro più estremo
1987: un assolo su una ballad hard rock
Yvette Young: due consigli per studiare chitarra
"Fingerstyle Guitar Mastery" ma non solo quello
Marty Friedman: due buone ragioni per iniziare a suonare la chitarra
Il 2022 in 5 pezzi di chitarra rock
Chitarra e registrazione: creare una traccia Comping
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964