DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
La scomparsa di Jeff Beck: dagli Yardbirds a icona mondiale
La scomparsa di Jeff Beck: dagli Yardbirds a icona mondiale
di [user #116] - pubblicato il

È venuto a mancare il 10 gennaio 2023 Jeff Beck, tra i chitarristi elettrici più influenti che il rock ricordi. Aveva 78 anni.
La rivista Rolling Stone lo ha inserito al quinto posto nella classifica dei migliori chitarristi di tutti i tempi
In effetti, Jeff è un riferimento universale. Iconica è la sua presenza degli Yardbirds, formazione che ha plasmato gli inizi di carriera di leggende come Eric Clapton e Jimmy Page.

“Nato” con una Gibson Les Paul in mano, è con la Fender Stratocaster che Beck trova la sua dimensione più naturale. Il suo playing si trasforma, la leva del Tremolo diventa un’estensione della sua mano destra e caratterizza il linguaggio in modo inconfondibile, insieme con le corde pizzicate a dita.

La sua carriera è costellata di collaborazioni, il Jeff Beck Group lo segue per gran parte della sua ascesa verso l'olimpo del chitarrismo rock, poi la carriera solista, ma il trio è forse la formazione in cui Jeff dimostra di esprimersi al meglio. Riempie gli spazi, dialoga con i compagni di band e cesella note ed effetti con una padronanza dello strumento, della dinamica e dei suoni assoluta.
La giovane Tal Wilkenfeld e una roccia ritmica come Vinnie Colaiuta lo hanno supportato nella fase di maggiore libertà espressiva nella sua carriera recente, frontman capace di tenere interi stadi in un pugno solo con il suo strumento al collo. Capacità simili non si insegnano, si hanno o non si hanno, e a Jeff sono valse numerose presenze ai Grammy Awards tra nomination e vittorie, per lo più proprio nella categoria “miglior esibizione strumentale”.



Attivo fino alla fine, il suo ultimo lavoro discografico è stato quello al fianco con l’attore e musicista Johnny Depp, dal titolo 18, ma sempre nel 2022 ha collaborato anche con Ozzy Osbourne, suonando su due brani del disco Patient n.9. Appena due mesi fa, l’artista compariva anche in un video promozionale Fender, armato di una Strat American Vintage II su stile ’57, tra le sue preferite.

A portarlo via è stata una meningite batterica. La famiglia dell’artista non si è pronunciata a riguardo, chiedendo solo di rispettarne la privacy. La notizia è stata infatti diffusa solo l’11 gennaio ed è giunta in Italia nella notte del 12.
Jeff lascia un vuoto incolmabile nella scena musicale mondiale. Due volte candidato alla Rock & Roll Hall of Fame, è stato un esempio per intere generazioni, fino a rappresentare una fetta importante dello stile maturato dall’italiano Pino Daniele negli ultimi anni della sua carriera. E, siamo certi, la sua tradizione non si fermerà con la sua morte.
jeff beck
Link utili
Jeff Beck nel video Fender
Nascondi commenti     21
Loggati per commentare

di Ernestor [user #46937]
commento del 12/01/2023 ore 09:46:44
Non trovo le parole...😔🙏🏻
Rispondi
di Gigibagigi [user #49591]
commento del 12/01/2023 ore 09:58:12
Oddio, non lo sapevo... sono costernato. Visto quest'estate a Pordenone, un'emozione dopo l'altra.
Che gigante, che artista immenso, irripetibile e mai abbastanza apprezzato.
Rispondi
di McTac [user #47030]
commento del 12/01/2023 ore 10:17:40
Mi viene in mente solo una parola: inimitabile.
Purtroppo non sono mai riuscito a vederlo dal vivo.... è un mio grande rimpianto
Rispondi
di adriphoenix [user #11414]
commento del 12/01/2023 ore 11:13:39
2023 che parte già malissimo.....
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 12/01/2023 ore 11:25:11
Senza parole... riposa in pace Jeff.
Purtroppo non sono mai riuscito a vederlo dal vivo.
Rispondi
di marcoecami [user #54447]
commento del 12/01/2023 ore 11:36:14
Nessuno ha il controllo dello strumento che Jeff Beck aveva e non soltanto sulla leva del tremolo. Grande sperimentatore ed innovatore. Un bravo musicista diventa un numero uno quando lo si riconosce in mezzo a tanti: lui era unico. La chitarra elettrica perde uno suoi migliori talenti. Ci mancherai Jeff
Rispondi
di Francescod [user #48583]
commento del 12/01/2023 ore 11:54:50
Io Beck l'ho conosciuto proprio come chitarrista "prestato": la prima volta che ho scoperto il suo nome è stato casualmente. Un mio amico aveva comprato l'appena uscito album di Roger Waters e tra i chitarristi c'erano Lukather e Beck, che tra l'altro si faceva notare con una parte di chitarra davvero eccitante. Poi comprai un doppio di Stanley Clarke e... pure lì c'era Beck, non lo sapevo: prestava la sua chitarra in due brani di genere jazz-fusion (mica pizza e fichi). Di lì le prime letture su Guitar Club in cui si parlava di lui, delle sue chitarre, ampli ecc. Incuriosito comprai Guitar shop, e iniziai ad approcciare il mio primo album strumentale! (Non sapevo che sarebbe stato il primo di una lunga serie: amo gli album strumentali). Poi Wired, poi i primi due album, il video del live in Giappone con Santana, il mitico doppio cd del live da Ronnie Scott's, l'album Wired e altre collaborazioni.
E poi l'ho visto dal vivo. E qui c'è uno spartiacque, e mi dispiace davvero molto che tantissimi che lo amano non l'abbiano mai visto, anzi sentito dal vivo: è tutta un'altra cosa! Sì, tutto è sempre diverso dal vivo, ma con Beck è stato differente: era tutta un'altra storia, dieci volte meglio. Non ho mai, mai, mai sentito una chitarra urlare in quella maniera tridimensionale, quadridimensionale. Eppure era sparata fuori da due testate Marshall, qualche pedalino (appena toccato) e un normale impianto audio.
La stimolava con le dita e la dominava con leva e volume. Assolutamente impressionante.
Ecco, così lo ricorderò sempre.
Rispondi
di E! [user #6395]
commento del 12/01/2023 ore 23:43:21
Bellissimo commento.
Rispondi
di TriAxisLover [user #39110]
commento del 12/01/2023 ore 13:07:42
La triste notizia tocca le mie corde nel modo più profondo.
Un grande, inimitabile, geniale, oltre alle sue composizioni originali e non, per quelle di altri artisti in cui poneva le sue note e le arricchiva...
Provate a riascoltare alcuni pezzi di Mick Jagger negli album solisti, o altre collaborazioni.
Un tutt'uno con la chitarra che si poteva esprimere al suo meglio con qualunque strumento avesse tra le mani... non necessariamente con lo stesso timbro o stile, ma sempre unico.
C'è un video di qualche tempo fa, dura una mezz'oretta, in cui mostra alcuni degli strumenti che ha in casa, e li fa ascoltare, è un bel modo per sentirsi complici...
Mi manca ed è triste sapere che non è più tra di noi, anche se la sua musica lo resterà per sempre.
Rispondi
di teppaz [user #39756]
commento del 12/01/2023 ore 14:33:00
Sali a bordo del treno Jeff, non ti serve bagaglio, basta la tua fida stratocaster.

Ma io il signore non lo ringrazio per averti portato via troppo presto, anche perchè eri un dei pochi grandi che non si ripeteva da anni solo per continuare ad incassare il conto dei bei tempi andati.

E lo so che hai fatto tanto di meglio, ma nel mio cuore rimarrà sempre questo.

vai al link

Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 12/01/2023 ore 16:51:12
Performance magistrale (eseguita con la Jackson) in questo pezzo.
Mi ricordo bene la prima volta che la ascoltai quando uscì... mi dissi: cazzarola, questo è manico.
Rispondi
di ovinda [user #46688]
commento del 13/01/2023 ore 07:21:49
Perchè dici che il signore lo ha portato via troppo presto? Aveva 78-79 anni, a quanti anni doveva andarsene? A 120?
Rispondi
di teppaz [user #39756]
commento del 13/01/2023 ore 15:20:40
Ne riparliamo quando arriverai a 78 anni.....
E comunque troppo presto perchè aveva ancora qualcosa da dire, a differenza di altri che non fanno che ripetere se stessi (e in peggio) da 20 anni o più.
Rispondi
di ovinda [user #46688]
commento del 14/01/2023 ore 08:08:18
@teppaz che sciocchezze, 78 anni sono molti anni, considerando che la vita media in Inghilterra è 79 anni per gli uomini. Comunque non è un anno in più o in meno a fare la differenza. Dire che uno se ne è andato troppo presto a 78 anni è eccessivo. Circa le cose che uno avrebbe da dire, se uno resta attivo, ha sempre qualcosa da dire. Ma questo non vuol dire che 78 anni sono stati pochi.
Rispondi
di Mimmo66 [user #26026]
commento del 12/01/2023 ore 15:29:4
ma il 2023 cos'è? un'altra stella ad illuminare il cielo... 😪
Rispondi
di eolo27 [user #44700]
commento del 12/01/2023 ore 16:44:50
Tristezza infinita.... Ho iniziato ad ascoltarlo con i dischi da ragazzo e man mano che crescevo ad appassionarmi sempre di più ad uno stile unico ed irripetibile. Vi suggerisco un documentario su Raiplay in cui si percepisce la sua grandezza assoluta.
Rispondi
di ADayDrive [user #12502]
commento del 12/01/2023 ore 18:19:00
L'ho visto giusto l'estate scorsa, per fortuna. Sordo come una campana (la chitarra era talmente alta nelle spie che si sentiva anche fuori dal palco), invecchiato, ma con un controllo della corda e del potenziometro del volume che lo facevano sembrare un misto tra un chitarrista ed un violinista. Probabilmente è stata l'unica volta in cui mi sono emozionato in un concerto di musica strumentale. Peccato che sia durato poco, ma era già un miracolo che un signore così anziano suonasse così bene, non gli si potevano chiedere due ore di musica.
Rispondi
di DANIELE61da [user #28553]
commento del 13/01/2023 ore 13:32:18
Tristezza per avere perso il più grande chitarrista vivente, riconosciuto come tale dai suoi colleghi musicisti di tutto il mondo. Dispiace che in un sito dedicato alla chitarra ci siano così poche righe di cordoglio, forse perché lo conosceva chi è nato nel periodo di pieno fermento rock (anni 70), dove Jeff ha fatto la storia prima con gli Yardbirds e poi con una lunga carriera solista). Co.e ha detto qualcuno l'enciclopedia della musica ha perso un altro volume.
Rispondi
di frankpoogy [user #45097]
commento del 14/01/2023 ore 10:11:42
Che perdita, difficile trovare parole adatte.

Per me il chitarrista più inimitabile e irraggiungibile di tutti.

Tanti mi hanno divertito ed emozionato in concerto, ma solo lui mi ha fatto venire la pelle d'oca: al Pistoia blues, attacco del primo pezzo, una "semplice", singola nota tirata. Non so ancora cosa abbia fatto ma un brivido mi percorse la schiena. E ne seguirono altri... Letteralmente incredibile.

Grazie per quel che ci hai regalato Jeff!
Rispondi
di francescolomunno [user #38311]
commento del 20/01/2023 ore 22:15:56
Solo per portare alla vostra attenzione: 19 commenti per la morte di Jeff Beck, 118 commenti per Morello con i Maneskin. E' tutto.
Rispondi
di frankpoogy [user #45097]
commento del 22/01/2023 ore 09:11:56
Che tristezza...
Rispondi
Altro da leggere
Non solo Stratocaster: le chitarre preferite di Jeff Beck
Chitarre distrutte: da Pete Townshend ai Måneskin
Jeff Beck e la Fender Strat 1957 in video
I 10 batteristi fondamentali dell’hard rock - Introduzione
'The Mystical Journey of Jimmy Page's '59 Telecaster' il video animato che racconta la storia della famosa chitarra
Perché Jeff Beck è il più grande dei grandi
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964