VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Quella strana chitarra
Quella strana chitarra "giocattolo" di Lucio Battisti
di [user #17844] - pubblicato il

È il 1 maggio 1971, il cantautore è ospite a Teatro 10 e si esibisce in una memorabile “Eppur Mi Son Scordato Di Te”. Tra le sue mani qualcosa di insolito per uno studio Rai, che darà vita a una leggenda.
La musica di Lucio Battisti ha quel dono raro di attraversare le epoche che solo la vera arte possiede. Le sue canzoni sono state la colonna sonora di intere generazioni e ancora oggi fanno parte degli ascolti dei giovani, dei repertori delle band e - immancabili - degli incontri tra amici con una chitarra tra le mani.
Sono grandi canzoni, appunto, perché anche con una semplice chitarra, spogliate di tutto il resto, funzionano alla grande. Ed è con una sola chitarra che in più occasioni Lucio si è esibito in pubblico.
I documenti disponibili oggi riguardano per lo più le sue apparizioni televisive, e una in particolare continua a far discutere i fan a cinquant’anni di distanza.

È celebre la versione di “Eppur Mi Son Scordato Di Te” eseguita solo chitarra e voce in occasione della sua ospitata alla trasmissione Teatro 10, nel 1971. In altre occasioni è possibile vederlo con diverse chitarre classiche, con l’immancabile Eko Ranger, ma stavolta si tratta di uno strumento diverso, come assai diverso e peculiare è anche il suono che produce.

Quella strana chitarra "giocattolo" di Lucio Battisti

Da qui si entra nel campo della leggenda, dei racconti e delle dicerie
Pare che, nel giorno delle riprese, Lucio avesse dimenticato a casa la chitarra con cui avrebbe dovuto esibirsi. Così, prima di raggiungere gli studi Rai, ne acquistò una giocattolo in zona Stazione Termini a Roma. Con quella consegnò alla storia una delle esibizioni dal vivo più famose della sua carriera.



La chitarra è in effetti curiosa. La cassa piccola, la tastiera tutt’altro che raffinata e l’economico sistema di fissaggio delle corde con tailpiece sul fondo della tavola armonica fanno pensare a uno strumento da battaglia, davvero un giocattolo, o quasi.
È innegabile poi che il suono sia quello di una scatoletta, l’accordatura incerta. Le corde, forse fin troppo morbide, sbatacchiano a ogni accordo e non aiutano in questo.

Ma, c’è un ma
La storia romantica del cantautore che si esibisce negli studi più importanti della TV di Stato con una chitarraccia da quattro soldi è affascinante, ma non convince tutti.
È impensabile, commenta qualcuno, che in Rai nessuno gli avesse messo a disposizione uno strumento più serio. Oggi sarebbe impossibile lasciare esibire un artista con un giocattolo tra le mani, se non previ accordi ben precisi a monte.
Inoltre non è un segreto l’interesse di Battisti verso le sonorità d’oltre Oceano, e nel blues come nel rock n roll non era raro ascoltare chitarre dagli evidenti limiti costruttivi ma che, anche in virtù di quelli, sono poi diventate riferimenti assoluti. Dalle chitarre povere - per forza di cose - dei primi bluesmen fino alle Danelectro che hanno conquistato le star, il suo esempio sarebbe stato in ottima compagnia. Potrebbe essere una semplice scelta stilistica, insomma, ponderata e tutt’altro che lasciata al caso.

Fatto sta che la storia ha una seconda parte, che non tutti conoscono
Teatro 10 non è la sola apparizione pubblica di quella chitarra, e Lucio tornerà a portarla con se alcuni mesi più tardi. Sarà possibile vederla di nuovo in TV il 31 dicembre dello stesso anno. Il brano è “La Canzone Del Sole”, ma l’esibizione è in playback, e non è facilissimo decidere se è una scelta o magari uno scherzo in risposta al non dover suonare “davvero”, condizione comunque molto diffusa all’epoca.



Ancora una volta, però, tornano in soccorso gli archivi Rai che, nell’apparizione integrale, mostrano anche un primo minuto di improvvisazione dal vivo.
Il suono della chitarra, metallico e nasale con l’intonazione delle corde in sofferenza sotto le plettrate più decise, è inconfondibile. Lucio l’ha fatto di nuovo: quella chitarra giocattolo, o comunque economica, sbilenca, fa sentire per la seconda volta la sua voce nella TV nazionale.

Leggenda o scelta stilistica in barba ai canoni sonori che andavano per la maggiore? Se così fosse, il gesto di Battisti acquisirebbe tutt’altro significato e diventerebbe incredibilmente punk, di pura rottura, anni prima che il punk stesso nascesse. A noi piace pensare che il suo genio stesse anche in questo.
chitarre acustiche curiosità lucio battisti palchi e strumentazione
Link utili
La partecipazione integrale a Studio 10 dagli archivi Rai
La partecipazione al capodanno
Mostra commenti     22
Altro da leggere
Chitarre da sogno, chitarre da record
A ciascuno il suo… slide!
Vedere la chitarra oggi: io la penso così
Liam, Noel, Barbie Girl e la chitarra magica di Johnny Marr
Un accessorio da tennis trasforma il suono della tua acustica
Samuele Corrado: la vita on the road di un guitar tech
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
The Aston Martin Project: verniciatura fai-da-te
Perché ti serve un pedale preamp e come puoi utilizzarlo
Vedere la chitarra oggi: io la penso così
La mia LadyBird
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964