VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Fender Ghost: la Telecaster fantasma di John 5
Fender Ghost: la Telecaster fantasma di John 5
di [user #62015] - pubblicato il

Tutta bianca, iniettata di rosso e con potenti pickup DiMarzio: la limited edition di John 5 reinventa la Telecaster miscelando elementi classici a una violenza inattesa.
Da Marilyn Manson a Rob Zombie, il chitarrismo di John 5 ha segnato la scena metal degli ultimi vent’anni con un sound e uno stile del tutto riconoscibili. Lick e tecniche country incontrano l’hi-gain più aggressivo per una miscela originale, capace di fare scuola pur restando inimitabile. Peculiare è anche la scelta degli strumenti che John ha voluto nel tempo al suo fianco: difficile pensare a un musicista della sua estrazione con al collo la solid body più datata che la tradizione californiana ricordi, eppure è proprio nella Telecaster che ha trovato la sua dimensione ideale. A differenza dei chitarristi che - in tempi più recenti e forse ispirati proprio da lui - hanno riscoperto le forme Tele-style applicandovi caratteristiche e suonabilità da super-Strat estreme, John svela una predilezione per un approccio classico, che ora diventa un modello in serie limitata con la Fender Ghost Telecaster.



Su carta, la Ghost di John 5 sembra una Telecaster come tante. Il body è in ontano e, avvitato in quattro punti, il manico è interamente in acero. Del tutto convenzionale è anche l’approccio alle misure, con una scala da 25,5 pollici e 22 fret di tipo narrow tall posati su un raggio da 9,5 pollici. La prima personalizzazione avviene con la forma: John 5 ha disegnato uno speciale medium C insieme ai liutai Fender. Tondeggiante, non troppo sottile, ma focalizzato sull’agevolare l’esecuzione di parti classiche quanto di tecniche moderne e passaggi veloci.
Basta fare un passo indietro e guardare la chitarra nel suo intero, per rendersi conto che ci si trova davanti a un modello più che singolare. Una finitura Arctic White la avvolge per intero, compreso il manico e fino a tastiera e paletta. Dettagli rossi del binding, capotasto, il logo e le plastiche dell’elettronica spiccano con violenza, la stessa che lo strumento promette attraverso una coppia di humbucker particolarmente proni alla saturazione estrema.

Fender Ghost: la Telecaster fantasma di John 5

Due DiMarzio D Activator montati su un battipenna a specchio offrono un output importante e la definizione che ci si aspetta da un set studiato per il rock duro fino al metal spinto. Il selettore, posto sulla spalla superiore, è a tre posizioni. In basso, sulla tipica piastrina Telecaster, un volume master si accompagna a un pulsante killswitch in stile Arcade. Manco a dirlo, rosso anche lui.

Non c’è la firma dell’artista in giro per il body o sulla paletta, ma una piastra col suo logo inciso sul retro del manico rende evidente il tributo, qualora l’estetica assolutamente singolare e la custodia rigida personalizzata bianca con interno rosso avessero lasciato qualche dubbio.

Fender Ghost: la Telecaster fantasma di John 5

La Ghost di John 5 è disponibile da subito in qualità di serie limitata a 600 pezzi in tutto il mondo. Sul sito Fender, è possibile vederla a questo link con foto, scheda e prezzo per il mercato statunitense.
chitarre elettriche fender ghost john 5 telecaster
Link utili
John 5 Ghost Telecaster
Mostra commenti     2
Altro da leggere
Tono TBX e manico custom: Susan Tedeschi racconta la sua Telecaster signature
La AZ del 2024 di Tom Quayle punta su flessibilità e affidabilità
Ronciswall: una visione italiana per la chitarra elettrica del futuro
ST-Modern Plus HSS è la Strat-style ultramoderna di Harley Benton
La mia LadyBird
Vintage Visions from the World - Paolo Lippi e la Stratocaster Sunburst del 1955 #09759 [IT-EN]
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
La mia LadyBird
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964