VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
di [user #41826] - pubblicato il

Una entry level e tanta passione per il fai-da-te sono gli ingredienti perfetti per cucirsi addosso una Strat-style come non ce ne sono in giro. È l'esperienza del nostro lettore redfive.
Complici le vacanze natalizie, ho finalmente ultimato i lavori di ammodernamento-setup sullo strumento.
Mesi fa in questo articolo vi ho raccontato la prima, purtroppo deludente esperienza con questa chitarra. In breve, cercavo una chitarra col singolo al ponte per una manciata di situazioni.
Poco tempo per girare per negozi causa trasferte di lavoro e una videorecensione entusiasta proprio in quel periodo mi hanno convinto alla prova, del resto il marchio festeggia i 25 anni di attività (mica nati ieri) e in tanti ne parlano bene... e al limite rispedisco.

Come è andata veramente lo sapete già: tra ritardi del corriere e trasferte dell'ultima ora ho potuto fare un test approfondito della chitarra quando ormai il periodo di prova era già scaduto..
Sì, lo so, molti di voi scriveranno: "ma cosa puoi pretendere da una chitarra che non arriva ai 200 euro?". Altri soddisfatti del marchio al contrario diranno che non è possibile e che le loro sono arrivate in ottime condizioni.
Questo articolo non tifa per nessuna delle parti, vuole essere un semplice resoconto agli interventi da me effettuati per rendere lo strumento come piace a me, con alcuni interventi necesssari e altri no, quindi se qualcuno ritenesse offensive le mie parole nei riguardi del brand, sappiate che si riferiscono esclusivamente all'esemplare a me pervenuto e potrebbero non coincidere con lo standard del marchio.

Il manico
Qui purtroppo sono concentrate gran parte delle magagne della chitarra, ed è un peccato perché a dimensioni lo sentivo proprio "giusto" per la mia mano. Pazienza per qualche tasto più alto o per l'action superiore ai 3 mm, non vi avrei rotto le scatole in un articolo per una leggera lucidata di tasti e una regolazione di action.

Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)

Come potete vedere dalle foto, ai lati della tastiera, per evitare bordi sporgenti dei tasti sono stati effettuati due generosi smussi (due cicatrici) da un millimetro per parte. Lo smusso lo potete notare anche dalla vista del nut al lato destro, a sinistra invece notate il capotasto troncato a spigolo. Nella terza foto si evidenzia la finitura grossolana a fine manico, comune in alcune zone della paletta e la foratura storta delle quattro viti (come di conseguenza la piastra di contrasto sotto il corpo).
Da qui tre opzioni:
- Riprofilare assottigliando il manico, ma poi aumento l'aria lateralmente nella tasca del tacco
- Scollare e sostutuire la tastiera
- Approfittando di una tastiera già slottata accantonata a casa in attesa di progetto, rifare un manico da zero e con la forma della paletta corretta.

Visto che ho qualche ritaglio di acero tra i legnami di mio padre opto per la terza opzione, il manico originale riprofilato finirà su un altro progetto per la figlia di un carissimo amico.

Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)

Il body
Come ricorderete, il ponte era disallineato rispetto al centro del manico. Ho chiuso quindi tutti i fori con stuzzicadenti e i fori del manico con tasselli, ho poi riprofilato il tacco.
Il body, come si nota dagli scavi imprecisi, credo sia stato realizzato a mano al pantografo con sagoma di riferimento (no CNC), ed è in tre pezzi di legno misto. Inizialmente pensavo a un cherry burst ma la presenza di vari nodi stuccati non mi dà altra scelta: colore solido.

Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Ecco il body col primer.

Elettronica e Hardware
Qui devo dire di essere stato fortunato ad avere quasi tutto già in casa.
Il ponte originale aveva la base gia solida e il blocco inerziale - seppur in alluminio - abbastanza generoso. Ho quindi solo sostirtuito le sellette in alluminio con quelle in acciaio ricurvo.
Anche le viti, insolitamente storte in origine, sono state spostituite con delle PRS-style. Però, per fare ciò bisogna rilavorare le sedi delle viti con uno svasatore nella parte inferiore del ponte, come da foto a destra.

Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
 
Per le meccaniche ho utilizzato le sperzel autobloccanti prelevate dalla mia Pacifica. Come pickup, i Roswell non erano certo miracolisi: due Iron Gear Texas Loco (stile Texas Special) centro e manico, al ponte un Entwistle al Neodimio potente ma dettagliato. Il rumore di fondo dei pickup originali era causato da una falsa saldatura di massa.
Potenziometro del volume e primo tono sono rimasti originali (stranamente da 500K) mentre un push-push sul secondo tono permette l'utilizzo del pickup manico-ponte in prima posizione in stile Gilmour.

Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Le manopole dei potenziometri così come il battipenna in alluminio sono autocostruiti.

Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Paletta con le Sperzel e gli abbassacorde roller.

Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Retro del manico.

Visto che va di moda il roasted, per l'effetto fiammato caramellato ho utilizzato una tecnica che consiste nell'avvolgere il manico con del fil di ferro e sfiammare con un cannello, poi una carteggiata, un mordente a due tinte e finitura satinata nitro.
Per paletta e body, vernice spray acrilica e 2K finitura satinata.

Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
chitarre elettriche fai da te gli articoli dei lettori harley benton
Link utili
Il primo articolo sulla Harley Benton
Nascondi commenti     25
Loggati per commentare

di talpa [user #1842]
commento del 28/01/2024 ore 12:33:38
Praticamente hai preso un body e ci hai costruito su una Chitarra Fantastica 😁
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 28/01/2024 ore 13:01:0
Il risultato finale mi piace molto, complimenti.
Notevole il metodo usato per l’effetto roasted-fiammato, sembra vero.
Però… di HB non c’è più nulla, solo un body, da quello che dici, veramente scrauso.
Forse forse, avrei rifatto nuovo anche quello, che è molto più semplice di un manico.
Comunque bravo.
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 28/01/2024 ore 13:20:26
Mi sembrano davvero troppi interventi, a quel punto preferisco prendere uno strumento da 4-500 euro e mpdificare poco o niente... un momento l'ho appena fatto!
Rispondi
di redfive [user #41826]
commento del 28/01/2024 ore 19:54:03
Si, tanti... Ma avevo ho già quasi tutto il materiale in casa di recupero, a parte poche cose...
Anche se di lavoro faccio tutt'altro mio padre era falegname ed in cantina ho ereditato gran parte degli attrezzi che aveva nel suo laboratorio..
Quello che ho imparato da ragazzino è quello che ho saputo rubare guardandolo all' opera ma ce ne ho messi di anni...
...e di chitarre di prova finite sul caminetto..
Rispondi
di enrico t. [user #46959]
commento del 02/02/2024 ore 11:41:08
Ciao a tutti, mi sembra di capire, da quello che vedo,che tutti o quasi gli acquirenti di Harley Benton o sostituiscono i pickup o le meccaniche o l'elettronica, alla fine non mi sembra che questo marchio sia così prestigioso come vogliono farci credere,costa poco ma vale la pena spendere di più di quello che si paga per farla diventare decente?
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 02/02/2024 ore 12:01:42
Ciao, non ti saprei dire, lo strumento a cui mi riferisco che ho comprato è una G&L
Rispondi
di enrico t. [user #46959]
commento del 02/02/2024 ore 16:35:02
Ciao, g&l è un'ottima marca,forse anche meglio delle Fender di fascia media, ho provato una Simil Tele che costava sui 600€ e mi era piaciuta molto.
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 02/02/2024 ore 17:09:10
La mia è una Legacy (evoluzione della Stratocaster) serie tribure quindi stessa fascia di prezzo della ASAT (che sta per "as a telecaster") che hai provato tu.
Non avrei mai pensato che una chitarra di questa fascia, con tremolo settato flottante, potesse tenere l'accordatura in modo così preciso anche se maltrattata.
Ho cambiato i pickup solo perché volevo i noiseless, altrimenti davvero non aveva bisogno di niente.
Rispondi
di Pieroscarpone [user #49478]
commento del 02/02/2024 ore 15:40:34
Nel mio piccolo è proprio così: due Tele in kit comprate già con in mente una montagna di modifiche!
Lo stesso farei se comprassi anche strumenti finiti di fascia bassa. Ma se dovessi già spendere oltre 200 Euro cercherei nei cataloghi di Cort, Yamaha e Ibanez.
Rispondi
di fbf [user #36393]
commento del 28/01/2024 ore 15:16:31
Fantastica! Molto bella e personale! Complimenti per l'ottimo lavoro e la manualità nel realizzarlo
Rispondi
di bluesfever [user #461]
commento del 28/01/2024 ore 15:46:27
A me piace sempre un casino vedere queste cose, traspare il divertimento, il mettersi alla prova, la voglia di fare qualcosa di personale e di stupirsi del risultato, con poca spesa e poco danno. Bravo! ;)
Rispondi
di Tubes [user #15838]
commento del 28/01/2024 ore 18:44:27
hai fatto un super-lavoro, bravo!
Rispondi
di RedRaven [user #20706]
commento del 28/01/2024 ore 19:24:
Bravo, e se ti piace il risultato tanto meglio. Io la chitarra l'avrei rimandata indietro, tra fori disallineati e tastiera è la peggiore abbia visto da tanto tempo. Non lo dici ma il manico è forato in modo clamorosamente asimmetrico, come fa a stare in linea col resto?
Tanto valeva ordinare un body a questo punto.
Ah, il "roasted" non è una fiammata superficiale ma una cottura che altera le caratteristiche meccaniche del legno.
Rispondi
di redfive [user #41826]
commento del 28/01/2024 ore 19:44:43
Si, vero!! La mia è solo un imitazione estetica per scimmiottare il trattamento ( di fatti si nota che non ha il colore del legno torrefatto o arrostito ma è in tonalità marrone su sfondo ambra-arancio).
A breve proverò a fare qualche foto di come ottenerlo anche se in sincerità, bisogna praticare molto..😂
Rispondi
di MTB70 [user #26791]
commento del 28/01/2024 ore 20:39:33
Bellissima idea ed esecuzione! Certo, se fosse mancata la manualità oppure anche solo gli attrezzi sarebbe stato un bagno di sangue, tra tempo, costi e possibili peggioramenti della situazione…io avrei fatto un disastro.
Rispondi
di Guiduz [user #51218]
commento del 28/01/2024 ore 20:47:49
Ammiro sempre in primo luogo la dedizione di chi si cimenta in lavori del genere.
In secondo luogo la resa estetica dello strumento c’è tutta. Stile coerente e sufficientemente sfacciato da non passare inosservato. Se anche la suonabilità è all’altezza dell’estetica…top!
Io sono una pera, non sarei in grado di fare un lavoro del genere.
@redfive goditela: sarà sicuramente una soddisfazione incredibile suonarla
Rispondi
di diumafe [user #17831]
commento del 28/01/2024 ore 22:24:16
E se poi te ne Penton?
Rispondi
di hellequin [user #42701]
commento del 29/01/2024 ore 09:44:17
Io leggo sempre con ammirazione e un pizzico di invidia, questi articoli. Complimenti, bel lavoro, vorrei provarci ma è meglio lasciar perdere, mi manca praticamente tutto, c'è solo la voglia.
Mi pare di capire che hai salvato solo il body (solo perché sei bravo e capace di alcune modifiche), diciamo che la famosa HB nel tuo caso ha toppato alla grande. Visto il risultato direi: meglio così, bellissimo lavoro. A parte l'estetica, il suono ti soddisfa? Saluti, buona giornata.
Rispondi
di redfive [user #41826]
commento del 29/01/2024 ore 10:15:08
Si.... Il manico nuovo è stato un " di più"...onestamente avrei potuto in qualche modo imbrogliare e salvare il vecchio con qualche modifica , una rettifica ai tasti e una tinta perché dal vivo come acero soprattutto la tastiera è abbastanza anonimo...
L' imput è arrivato dopo una chiacchierata con un amico che cercava qualcosa di economico per fare provare la figlia.. col manico farò qualcosa da regalare al compleanno se arrivo giusto coi tempi...
Insomma.... Da una chitarra due...🤣
Rispondi
di hellequin [user #42701]
commento del 29/01/2024 ore 10:29:04
Per uno come te, che sa dove mettere le mani e lavorare il legno, è stata un occasione per passare il tempo e divertirsi. Pensa se quella chitarra l'avesse presa un principiante. Io infatti consiglio sempre di partire da una chitarra semi-seria comprata in negozio e fatta testare da un amico chitarrista. Anche oggi dopo anni di chitarre qualche magagna mi sfugge provando al volo una chitarra, tipo i tasti da sistemare mascherati da un action alta, infatti non comprerò mai più una chitarra in queste condizioni, per fortuna sono solo un paio di tasti da sistemare, ma non ci ho fatto caso al momento. Magari te la porto così ti diverti un po' a sistemarla ;-).
Rispondi
di KingCharles [user #62056]
commento del 30/01/2024 ore 12:42:47
Ciao RedFive, complimenti per il lavoro, la pazienza e la bravura!

Hai creato veramente un pezzo unico. Devo dire che sei stato poco fortunato, di solito le B stock non sono così scalcagnate. Non credevo che con la diffusione delle lavorazioni CNC facessero ancora passaggi a mano con esiti disastrosi come questo, senza che poi il controllo qualità li intercetti.

Però non ci hai ancora dato dettagli sul suono, come va dal quel punto di vista? Il cambio di manico ha influito sul suono?

TI volevo chiedere se hai intenzione di scrivere qualcosa sulla verniciatura di questo modello (come hai fatto, materiali, ecc.). Volevo comprare il kit telecaster di HB e mi servirebbero dei consigli sulla verniciatura del body.

Grazie e ancora complimenti
Rispondi
di frankpoogy [user #45097]
commento del 30/01/2024 ore 18:01:16
Bravo, tantissimi complimenti per il tuo lavoro e per la tua tenacia! Il risultato finale mi piace parecchio!
Rispondi
di redfive [user #41826]
commento del 30/01/2024 ore 18:13:2
Ciao! Per prima cosa grazie mille!!! Comunque sono anni che faccio ogni tanto qualcosa per passione, mi aiuta a passare il tempo.... Avendo il laboratorio di falegnameria lasciatomi da mio padre le attrezzature più comuni ( sega, pialla, pulitrice a nastro) è tutto più facile, ho solo dovuto comprarmi nel tempo solo gli attrezzi specifici per chitarre... soprattutto lime e necessario per una buona rettifica dei tasti...
Dunque.... Il suono è onesto, i pickups non sono certamente materiale costoso ma fanno il loro lavoro molte meglio degli originali, appena riesco provo a registrare qualcosa...
Ovviamente la differenza è tutta nell' assetto e nella suonabilità nettamente migliori adesso.
La verniciatura è la parte più delicata di tutta l' opera, è il biglietto da visita della tua chitarra...ci ho messo tempo prima di avere risultati degni ma dopo tentativi ho capito che non è impossibile anche con mezzi semplici.
Posso spiegarti come ho trovato la quadra io..Altri sicuramente avranno i loro metodi diversi.
Se può interessare a qualcuno posso buttare giù due righe con delle foto prese a casaccio tra i miei lavori...
Rispondi
di geps [user #37612]
commento del 02/02/2024 ore 08:01:45
Prendi una Harley Benton, diceva, costano poco e sono fatte bene, diceva.

Ora tu avevi la manualità, l'attrezzatura e lo spazio necessari per fare gli opportuni interventi correttivi, ma chi invece no? Si prende un pezzo di legno buono per il camino, si convince che ha fatto un affare e va su internet a dire ai possessori di Fender americane che hanno buttato i soldi dalla finestra.
Rispondi
di Pieroscarpone [user #49478]
commento del 02/02/2024 ore 15:44:
Complimenti per l'abilità e la pazienza dimostrate.
So per esperienza che suonare uno strumento plasmato con le proprie mani dona emozioni speciali.
Rispondi
Altro da leggere
Billy Gibbons strapazza le Fender Vintera II al suono di Jimmy Reed
Cesareo e la Fender Strat del 1966 di "Tapparella"
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
SE CE 24 Standard Satin: la PRS più accessibile
Sette corde, Evertune e venature nude per la Cort KX707
La SG diventa Supreme e Gibson la spiega in video
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964