VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Come Gibson antichizza un’acustica
Come Gibson antichizza un’acustica
di [user #116] - pubblicato il

Una sottile patina applicata alle chitarre acustiche Gibson emula il processo di invecchiamento naturale di legni, plastiche e vernici. Un video dietro le quinte mostra le fasi finali della nascita di una Gibson acustica.
Le scalfiture e i segni del tempo estremi del Murphy Lab sono un discorso a sé, ma l’antichizzazione è un processo che Gibson applica già di base a una discreta fetta dei suoi modelli acustici di fascia alta. Si tratta di un leggero strato di vernice speciale che punta a ricreare l’opacizzazione dei legni, l’ingiallimento delle plastiche e tutto quel velo che il tempo dona con naturalezza a uno strumento, e che l’azienda replica in una precisa fase di produzione.
Una puntata della serie The Process racconta gli ultimi ritocchi a una chitarra acustica, da quando la vernice viene rifilata dai binding alle ispezioni finali.

Il documentario è un’occasione per tornare indietro nella storia di casa fino agli anni ’40, quando la guerra ha portato gli uomini di Gibson lontano dai loro posti di lavoro rendendo la forza lavoro nell’azienda quasi completamente al femminile.
Sono gli anni in cui prendono forma alcuni dei più grandi classici del catalogo acustico di casa, e ancora oggi molti degli operai addetti a precise fasi di lavorazione più delicate sono donne.

chitarre acustiche curiosità gibson
Link utili
The Process presentato su Accordo
Nascondi commenti     21
Loggati per commentare

di go00742 [user #875]
commento del 12/02/2024 ore 12:20:5
La domanda sorge spontanea ma a che serve invecchiare esteticamente una chitarra qualsiasi altro oggetto in modo artificiale.

Mai visto un harley, uno motoscafo Riva o bimotore, un rolex, un francobollo invecchiato artificialmente ma sulle chitarre invece l'adorazione ...vabbè i gusti sono gusti per carità se piacciono così ci mancherebbe non tiro fuori io i soldi va benissimo.
Rispondi
di Repsol [user #30201]
commento del 12/02/2024 ore 12:42:02
Provo a darti una risposta ma ovviamente è solo la mia idea, quindi del tutto soggettiva.
Credo che uno strumento musicale, a differenza degli altri beni che hai elencato, sia da considerare "migliore" se è stato utilizzato molto. Mi spiego, una chitarra intonsa mi vien da pensare che non sia stata utilizzata perchè non suona bene. Una chitarra vissuta invece ti da l'idea di aver suonato molto di conseguenza viene naturale pensare che suoni bene.
Quindi il processo di invecchiamento da quell'aurea di strumento vecchio, strumento che ha suonato per tanti anni, che ha calcato numerosi palchi, quindi di strumento "buono".

Rispondi
di fab-for [user #62742]
commento del 12/02/2024 ore 13:11:25
qusta cosa può essere vera per le chitarre acustiche di pregio, che - essendo costruite in massello - hanno bisogno di essere suonate per "aprirsi". Infatti anni fa era in vendita uno strumento da applicare alle corde che le faceva vibrare in modo da accelerare questo processo. Però un binding invecchiato o una patina di sporco sulla verniciatura non mi sembra che portino nessun giovamento pratico al suono, è solo un voler seguire la moda (atroce) innescata con le solid body reliccate.
Rispondi
di Repsol [user #30201]
commento del 12/02/2024 ore 14:08:40
Si hai perfettamente ragione, non c'è alcun miglioramento nel suono, quello che intendevo è solo una percezione psicologica, strumento "vecchio" uguale strumento "buono".
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 12/02/2024 ore 18:54:57
io credo più che tanti preferiscano la chitarra invecchiata perchè sembra avere una storia fatta di jam, concerti, tour...il musicista che suona una chitarra così pensa di dare l'impressione di essere avvezzo ai palchi, ai concerti...isomma di essere figo con una chitarra alla quale hanno dato una storia che però realmente non ha...o molto più semplicemente a molti piace la chitarra così, un po' come i jeans strappati
Rispondi
di RedRaven [user #20706]
commento del 12/02/2024 ore 19:32:2
dopo di che ci sono tantissimi strumenti arrivati in ottime condizioni. E nessuno vuole il relic ai tasti (consumati) o ai potenziometri (gracchianti).
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 12/02/2024 ore 22:03:24
eh beh certo...fa strano vedere chitarre che sembrano state sotto un carroarmato con tastiere nuove di pacca
Rispondi
di RedRaven [user #20706]
commento del 12/02/2024 ore 19:30:5
Penso sia un contesto culturale che in altri campi è trattato in modo diverso. Mi spiego: una Ferrari intonsa vale, ma una ferrari anni '50 restaurata è normale ed è accettata e se il lavoro è fatto bene e di norma lo è il valore è alto. Quindi: auto d'epoca, restauri fatti bene, originali mint quasi zero. restauro accettato. Chitarre: restauri fatti male a iosa, modifiche discutibili anche. Esemplari mint si trovano. Scetticismo per i restauri è la conseguenza. Valorizzare il relic come "conservativo". Imitazione del relic è la perversione che ne consegue.
Rispondi
di edgar587 [user #15315]
commento del 13/02/2024 ore 14:43:45
motivazione estetica, e totalmente soggettiva: Mi piace l'estetica di oggetto consunto, vissuto. motivazione pratica, ma anche dai risvolti psicologici: il non doversi preoccupare di botte e graffi. conosco il patema d'animo provocato da questa cosa, tutte le volte che lasciavo parcheggiata la 500 restaurata di famiglia, avrei desiderato fosse un esemplare non così ben tenuto, più da battaglia. Non è piacevole doversi preoccupare delle superfici lucide ed intonse di una cosa a cui si tiene.
Rispondi
di RedRaven [user #20706]
commento del 14/02/2024 ore 18:48:10
il problema è se la versione consunta e da battaglia l'ho pagata il doppio del nuovo e intonso...
Rispondi
di DAME54 [user #53104]
commento del 12/02/2024 ore 17:31:24
Io appartengo alla tribù di quelli che tengono con cura i propri strumenti, e mi piace che non abbiano segni vistosi che li deturpino
Rispondi
di RedRaven [user #20706]
commento del 12/02/2024 ore 19:42:34
Io ho solo una chitarra relic, una telecaster che aveva tutte le specifiche che cercavo ma era solo relic, non c'era l'opzione "nuova". Nemmeno gli strumenti vintage che ho sono così relic. dopo di che quella mi faccio mezzo problema in meno a portarla in giro ma se l'avessi pagata 5000 euro, me ne farei eccome! Ho il sospetto che dalle linee che producono strumenti relic in modo industriale il numero di B-stock sia magicamente azzerato, comunque.
Rispondi
di redfive [user #41826]
commento del 16/02/2024 ore 20:34:55
Per me è come la storia della mela segnata...
In mezzo alle altre la scarti... Ma se la mettono insieme nel reparto BIO la compri e la paghi di più....
Le finiture venute male le grattugiano un po', alzano il prezzo e voilà....
Rispondi
di RedRaven [user #20706]
commento del 12/02/2024 ore 19:38:4
Nel filmato comunque non vedo nulla inerente il relic, è il normalissimo processo di verniciatura e scraping del binding. Poi verniciano col trasparente, che se capisco bene non è finito in hi-gloss ma meno lucido e di colore un po' giallognolo. Lo fanno anche su strumenti di fascia medio-bassa per capirci.
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 12/02/2024 ore 23:21:03
Il trattamento infatti non è di reliccatura (mamma che schifo questa parola) ma è una verniciatura che simula una sorta di patina del tempo ed ingiallimento delle plastiche, ne parla al minuto 7
Rispondi
di RedRaven [user #20706]
commento del 14/02/2024 ore 18:50:48
ma non è "invecchiamento" è come la verniciano. Invecchiare vuol dire fare delle cose ad hoc per far sembrare più vecchia.
Rispondi
di hellequin [user #42701]
commento del 12/02/2024 ore 21:43:12
Ma nel video non mi sembra di vedere un processo di invecchiamento, sbaglio? A quale minuto se ne parla?
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 12/02/2024 ore 23:21:41
leggi il mio commento qui sopra
Rispondi
di hellequin [user #42701]
commento del 12/02/2024 ore 23:33:56
Grazie, l'ho guardato senza l'audio e non capivo dove fosse, comunque a me non dispiace. Quello che invece faccio fatica a comprendere è il relic, ma vedo che piace a molti dato che nei negozi si trovano solo quelle.
Rispondi
di JoeManganese [user #43736]
commento del 13/02/2024 ore 07:07:24
Si comprano questi strumenti le stesse persone che acquistano i rolex falsi, o acquistano la macchina di prestigio e non hanno nemmeno un tetto di proprietà. Per me sono casi umani.
Rispondi
di ironface [user #340]
commento del 14/02/2024 ore 10:03:07
Io invece la vedo solo una questione estetica, come i jeans sbiaditi, gli anfibi effetto "used", le foto modificate col filtro seppia, i tappeti effetto vintage, ecc...
Solo gusto estetico.
Lo stesso gusto che fa preferire i Rolex puliti e lucidi, e idem le auto.
A me piacciono il colore blu, i Rolex veri e le chitarre antichizzate e magari a te piacciono il viola, gli Omega e le chitarre lucide.
Gusti; tutti siamo casi umani.
Rispondi
Altro da leggere
Brian May per Gibson: una Red Special senza precedenti è all’orizzonte?
The Vintage Gibson Summit: un giorno dedicato alla storia del marchio americano
Phil X e l’accordatura “Bouzouki” che stravolge il tuo sound
Ritrovato dopo mezzo secolo lo Hofner Violin Bass di Paul McCartney
Marcus King al calcio d'inizio per i 50 anni di Taylor
La SG diventa Supreme e Gibson la spiega in video
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964