VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Perché ti serve un pedale preamp e come puoi utilizzarlo
Perché ti serve un pedale preamp e come puoi utilizzarlo
di [user #60182] - pubblicato il

Ai giorni nostri e ormai da parecchio tempo il mondo del chitarrismo, amatoriale e professionale, è diviso tra chi ama l'analogico e non può fare a meno delle sue testate valvolari e dei suoi meravigliosi pedalini e chi ama il digitale e ha il tempo e l'esperienza di interfacciarsi con macchine contenenti una scelta a volte troppo ampia.
In mezzo ai due mondi c'è chi li sa unire e trarre il massimo dei vantaggi da entrambi. O almeno i vantaggi che LUI vuole, perché la percezione porta inevitabilmente e in qualsiasi caso a creare un qualcosa di soggettivo.

Fatto questo preambolo faccio nuovamente outing su come la penso in merito:
1. Non c'è nulla che suoni meglio di un setup analogico nelle giuste condizioni;
2. Non c'è niente di più comodo di andare in giro con una piccola pedalierina che va dritta nel mixer, che comunque suona sufficientemente bene da far capire la differenza tra analogico e digitale solamente a chi la sta suonando e neanche sempre;
3. I veri contro dell'analogico sono peso, ingombro e l'impossibilità di avere sempre ottimali condizioni di utilizzo;
4. I veri contro del digitale sono la mole di tempo che ci si deve dedicare e la non immediatezza di regolazioni al volo in situazioni dal vivo.

Presi per buoni questi personalissimi assiomi la mia soluzione è stata: mi prendo un preamp a pedale. Nel mio caso ho preso l'analogicissimo e conosciutissimo Friedman BE-OD, attrezzo davvero eccellente per l'utilizzo da me pensato.

Perché ti serve un pedale preamp e come puoi utilizzarlo

Ho assemblato una piccola pedaliera con quei pochi pedali che normalmente uso (tutti analogici tranne accordatore e delay), creando quindi una base per il mio suono davvero molto piccola (30x20) e leggera. Dall'output dell'ultimo pedale mi sono riservato la possibilità di avere due scelte tramite un cavo a Y autocostruito per la particolare esigenza: una linea la mando all'input di un Harley Benton GPA-100, un piccolo finalino di potenza in classe D con un'efficacissima equalizzazione attiva a bordo e da lì alla cassa che ho a disposizione; l'altra linea la mando a una Mooer Micro DI con simulazione di cassa attiva.
In questo modo ho la possibilità di sfruttare una o entrambe le uscite a seconda delle esigenze e avere una strumentazione molto flessibile, ridotta, leggera e "user friendly", ovvero regolabile al volo. Ho anche provato a integrare il Friedman BE-OD con la mia Sonicake Matribox, della quale ho utilizzato solamente simulazioni di cassa ed effetti dopo la distorsione. La gestione è leggermente meno immediata ma il suono c'è eccome.

be-od effetti singoli per chitarra friedman gli articoli dei lettori
Link utili
Friedman BE-OD su Accordo
Mostra commenti     18
Altro da leggere
DigiTech JamMan diventa HD e multitraccia per ore di loop stereo
Halo Core: il delay ambientale di Andy Timmons in edizione speciale ridotta all’osso
The Aston Martin Project: verniciatura fai-da-te
Vedere la chitarra oggi: io la penso così
Cornerstone Nero: il fuzz vintage diventa hi-fi
Perseus Dio è il fuzz Catalinbread con doppia ottava tra muri sonori e glitch analogici
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
The Aston Martin Project: verniciatura fai-da-te
Perché ti serve un pedale preamp e come puoi utilizzarlo
Vedere la chitarra oggi: io la penso così
La mia LadyBird
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964