HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Zoom G9 TT oppure Pedali analogici ?
di [user #6706] - pubblicato il

Salve a tutti volevo proporre a voi un importante quesito. Come tutti sappiamo il mondo degli effetti è super vasto, ma le grosse scelte terminano sempre su due grosse categorie, I pedali analogici e le pedaliere multieffetto Qua ognuno dice la sua chi preferisce un suono analogico, chi digitale chi più chi meno. Oggi sul mercato sono infinite le marche che fanno effetti dalla Boss alla Berhinger alla Beta Alvin all'Ibanez fino alla Zoom. Io attualemente sono alla ricerca di un buon distorsore o comunque di una buona effettistica. suono principalmente con un suono molto distorto e penso di aver trovato il giusto suono con un bel Vox distortion bulldog, un pedale dalla potenza impressionante. Ecco la questione...

Io uso in catena:

-Ch1 della boss come chorus

-Sd1 della boss come overdrive

-Vox bulldog (lo dev comprare ancora)

il fatto è che mi da molto rumore, la prima domanda è per evitare i rumori basta comprare un noise gate della beringer e risolviamo tutto??? o quello della boss è meglio?

La domanda seria arriva ora... siccome la pedaliera come avete intuito non è assolutamente completata servirebbe ancora un bel reverbero, un bel wah e poi penso principalemnte bastino... il fatto è che cosi arriviamo oltre i 400 €

Vale la pena farsi una pedaliera analogica con cinque pedali invece di farsi ad un prezzo più basso una bella zoom g9 multieffetto? Io suono molto dal vivo e uso uno stinger testata e cassa valvolare... ed il rumore del noise è alto.. diciamo che con il multieffetto non c'è ma è l'unico vantaggio qualcuno l'ha mai provata? La mia chitarra è una epiphone les paul custom con pick up al ponte JB.. fatemi sapere cosa ne pensate.. conto su di voi

Risponde Guido Michetti di Vinteck: La scelta tra una pedalierina multieffetti o una serie di pedali è di fatto una non scelta. Mi spiego meglio. Optare per una pedalierina competa è una soluzione dettata da due fattori principali: quello economico e quello di praticità immediata.

Quello economico è evidente, una pedalierina, in particolare di bassa qualità, costerà sempre meno di un sistema di pedalini. Quello di praticità è legato alle situazioni di utilizzo.

Ci sono occasioni nelle quali qualsiasi cosa va bene (che, so una festina, un matrimonio, insomma occasioni dove alla fine la qualità sonora è veramente la cosa meno importante). Se invece si vuole realmente andare a creare il proprio suono personale, scegliendo con cura il timbro, le modulazioni, la qualità del delay, etc. allora i pedalini singoli sono una necessità. Ad oggi ci sono sul mercato una quantità tale di effetti che la scelta è realmente imbarazzante. Ce n'è veramente per tutti i gusti e per tutte le tasche, si tratta solo di testare quelle che sono più confacenti alle proprie esigenze. Per ciò che concerne la rumorosità sinceramente io ho verificato che i problemi maggiori si verificano entrando in un amplificatore proprio con i multieffetto che probabilmente rendono meglio in diretta.

L'utilizzo di un noise gate è una soluzione che in tantissimi casi si riesce tranquillamente ad evitare. Nel 90% delle pedaliere che mi capita di assemblare i gate non vengono mai inseriti per problemi di dinamica. Con delle regolazioni idonee e non esasperate il fattore rumore è sempre estremamente ridotto. Certo è che, purtroppo, più i prodotti sono di fascia bassa maggiore sarà il rumore finale. Questo assioma purtroppo è vero nella stragrande maggioranza dei casi.

effetti e processori
Link utili
Vinteck
Altro da leggere
Pubblicità
Omni Reverb: tre ambienti da impostare e...
Boss Angry Driver: due è meglio di uno...
BugCrusher: distruzione sonora analogica...
Wally+: da Hotone la loop station più...
Pubblicità
Commenti
Il behringer ti cons
di HeavySamba utente non più registrato - commento del 03/06/2008 ore 12:1
Il behringer ti consiglio di evitarlo come la peste. Boss e MXR sono sicuramente meglio (meglio ancora sarebbe l'hush ma è difficile da trovare)ma bisogna imparare ad usarli bene,altrimenti oltre al rumore di fondo ti mangiano anche l'attacco delle note. Come ha detto il Michetti però con delle regolazioni fatte a modo è possibile fare ameno di certi pedali,quindi pensaci bene prima di spendere soldi. Una soluzione potrebbe essere vendere lo stinger (con tutto il rispetto ma non è certo il massimo come valvolare) risparmiare i soldi del bulldog e aspettare l'occasione giusta per prendere,ad esempio, una JCM800. Avresti una distorsione con i controcoglioni con meno rumore di fondo (che non potrà mai scomparire del tutto se usi distorsioni molto spinte) e ti risparmieresti un pedale (o due,se pensavi al noise gate) nella catena effetti. Il suono così ci guadagnerebbe di sicuro.
Rispondi
Io ce l'ho
di Strato2006 [user #13781] - commento del 03/06/2008 ore 12:2
Con ordine: 1. io ho uno Zoom G9.2tt ed è una macchina meravigliosa; 2. concordo quasi del tutto con Guido Michetti. PER LA PARTE 1: lo Zoom G9.2tt è un ottimo strumento. Io ci suono principalmente con una Epiphone Les Paul Standard Plus e con una Fender Stratocaster Mexico; butto tutto in un Mesa-Boogie Studio 22+ che dal vivo con la cover band uso (sigh, vergogna...) praticamente come cassa. Ho preso lo Zoom per sostituire la mia vecchia Roland GP-8 che non rimpiango per nulla. Per chi, suonando cover come me, deve poter disporre di parecchi suoni diversi contemporaneamente, è una manna: ha suoni molto belli e realistici (specie con il Les Paul), caldi (ha 2 valvoline integrate nel circuito), morbidi, pastosi, dinamici, soprattutto le distorsioni (un pelino meno le modulazioni, ma neanche tanto meno), e il rumore di fondo è ben gestibile. PER LA PARTE 2: la pedaliera è un ottimo compromesso per avere 1000 suoni a disposizione, e lo Zoom in questo è ottimo; PERO'... la mia Strato collegata direttamente al Mesa, genera una "pasta sonora" ineguagliabile. Non ci sono proprio santi. E dubito che uno Zoom da circa 350,00 euri possa fare meglio di un set di pedali ciascuno dei quali costa poco meno. Semmai il mio dubbio è questo (e rilancio la questione): 'sta storia del TRUE BYPASS è vera? Io un pedale che non mi modifica il suono originale chitarra-ampli non lo ho mai trovato...
Rispondi
Rumore
di eddvedd1978 [user #14754] - commento del 03/06/2008 ore 12:3
Ti premetto che la tua domanda, come moltissime del resto in questo campo, NON possono avere una risposta univoca. E' una questione di scelta, dettata dal gusto personale e dalle esigenze economiche (queste ultime, a volte, preponderanti rispetto al primo). Ho provato la G9 2tt appena uscita, un pò di tempo fa. L'impressione che ho avuto di questa pedaliera con valvolina incorporata è che la valvolina non scalda un bel niente. Non crea il tipico suono... direi... "spugnoso" che sento quando suono in diretta sul mio peavey valvolare. Messo da parte il discorso valvola, per il resto è sempre la stessa storia: sembra sempre che qualcosa non funzioni, che la distorsione non sia bella "rotonda", che il suono finale sia sempre un pò incasinato. La consiglierei più per una situazione di studio o di registrazione "casalinga" piuttosto che per un uso live. Tuttavia non biasimerei mai chi la utilizza per un uso live: te la metti avanti, colleghi i cavi e hai fatto. Personalmente, mi sentirei di consigliarti, per avere degli effetti di non buono, ma ottimo livello ad un prezzo contenuto, un bel rocktron intellifex (usato, ovviamente): spenderesti sui 200 euri e non ci penseresti più. Per il discorso rumore, avrei una domanda: non è che utilizzi l' sd1 sul canale overdrive dell'ampli? Te lo chiedo poichè hai affermato di utilizzare un suono "molto distorto", suono che difficilmente credo otterresti solo con l' sd1 nel canale pulito. Se è vera la prima ipotesi, cmq, è ovvio che tu percepisca molto rumore. Non ne parliamo se poi tu dovessi decidere di utilizzare l'sd1 con il bulldog. Se invece , pur utilizzando l'overdrive sul canale pulito percepisci comunque un alto rumore di fondo, dando per scontato che sia tutto a posto in quanto a cavetteria ed affini, credo che a questo punto ci sia un problema di amplificatore... ed allora sarei più orientato a cambiarlo.
Rispondi
*siccome la pedalier
di jackGRC [user #2564] - commento del 03/06/2008 ore 12:5
*siccome la pedaliera come avete intuito non è assolutamente completata servirebbe ancora...* Credo che prima o poi (di solito più "prima" che "poi") la maggior parte di noi attraversa un periodo in cui ci si convince dell'assoluta necessità di avere a disposizione un tot di effetti, come se avere un set "completo" e variegato di effetti allineabili sia il modo giusto per trovare Il Proprio Suono, come se avere a disposizione virtualmente TUTTI gli effetti fosse il modo più semplice e veloce di raggiungere il nirvana. Poi solo col passare del tempo, dopo prove, concerti, rivelazioni, sogni, incubi, esperimenti, incontri, scontri, scoperte dell'acqua calda, allagamenti della cantina e altri tipi di sventure ci rendiamo conto che forse abbiamo bisogno di un approccio inverso. Non dico che dobbiamo per forza tutti ricominciare dalla Chitarra Più Jack Più Ampli per trovare la nostra essenza. Però a volte è aggiungendo un piccolo tassello alla volta, coscientemente, attentamente, a volte eliminandolo o sostituendolo con un altro che si arriva a essere veramente soddisfatti. (Che poi non esista il Setup Definitivo sono il primo a dirlo: fa parte dell'essenza di questo modo di "costruire" il non arrivare mai. Ma gustarsi ogni piccolo passo nella direzione giusta è una vera goduria.) Una serie di pedali effetto costruita con il TEMPO oltre che con criterio, oltre che solitamente (ma non sempre) essere decisamente più costosa, dà sicuramente risultati soddisfacenti. Una pedaliera multieffetto è EQUIVALENTE a una serie di pedali-effetto a basso costo arrabattati qua e là perchè "è bello un po' di riverbero", "ci vorrebbe un po' di delay", "il chorus non guasta mai", "l'equalizzatore è fondamentale", "il compressore lo lascio sempre acceso". Il fatto di aver a disposizione mille effetti solamente perchè "POTREBBERO SERVIRMI" è in sostanza distraente. La non soddisfazione solitamente deriva dal fatto che si usano equipaggiamenti economici, che ci sono mille fruscii e rumori di fondo, che la chitarra suona "spompa", che la "mano" non fa più la sua parte. Tentare la via del noise gate, soprattutto quando si usano pedaliere economiche o pedali di scarsa qualità, solitamente non fa che peggiorare le cose. Il mio consiglio è: risparmia i 400€, non comprare mai la pedaliera multieffetto e col tempo comprati un pedale alla volta, magari usato. Comincia col far suonare bene quello che hai. Dici "suono principalmente con un suono molto distorto con un bel Vox distortion bulldog", anche se mi sembra di capire che devi ancora comprarlo. A parte il mistero dietro queste frasi, probabilmente tutto il fruscio che senti è dovuto alla quantità di guadagno che usi. Interrogati sul fatto che potresti ne usi più del necessario. Se ci abbini un noise gate probabilmente ridurrai il rumore (si sente veramente quando suoni con tutta la band?) però, oltre a dovertelo comprare, il suono sarà meno dinamico e meno aperto (un po' come se avessi i toni più chiusi). Se sei uno che suona "di brutto", la band è molto aggressiva e rumorosa, i fruscii fanno parte del gioco, non ci stanno male, e stonerebbe se non ci fossero. Poi, poco per volta, aggiungi un pezzo e provalo. In casa, in cantina, sul palco. Quando diventa "tuo", lo sai gestire, lo conosci, sai esattamente quello che ti dà e quanto, sai quando e se è veramente necessario, allora, se lo ritieni opportuno, fai il passo successivo e ricomincia da capo con un nuovo pedale. Se te ne frega poco del suono che esce e suoni poco dal vivo e davanti a gente che pensa ad altro, allora una pedaliera multieffetto, essendo solamente "pratica", è forse l'acquisto più sensato.
Rispondi
Re: *siccome la pedalier
di _fLIck_87 [user #3784] - commento del 04/06/2008 ore 00:1
"Poi, poco per volta, aggiungi un pezzo e provalo. In casa, in cantina, sul palco. Quando diventa "tuo", lo sai gestire, lo conosci, sai esattamente quello che ti dà e quanto, sai quando e se è veramente necessario, allora, se lo ritieni opportuno, fai il passo successivo e ricomincia da capo con un nuovo pedale." E' una cosa che ho sempre cercato di fare, (in effetti la strategia del tutto subito non mi è mai piaciuta) e spesso uno pensa di dover cambiare tutto il suo setup quando invece non ha perso 10minuti a "smanettare" su cose anche molto semplici, come settaggi dell'ampli, dei pedali o l'ordine degli stessi..
Rispondi
suggestioni???
di Sephyx Ervil [user #8710] - commento del 03/06/2008 ore 18:0
Salve a tutti E' la prima volta che scrivo ma avendo fatto questa dolorosa scelta da poco l'argomento mi tocca sul vivo Nell'ultimo mese ho messo via la mia dotazione analogica per una più prosaica G9.2tt e mi sento di dover difendere a spada tratta questa pedaliera perchè non credo ci sia sul mercato attuale niente con lo stesso rapporto qualità prezzo! Sono passato per decine di pedali piu o meno modificati,fatti a mano,true by-pass,distorsori più o meno valvolari, cavi esoterici, alimentatori spaziali,varie pedaliere e fagioli ma niente mi ha mai dato questa duttilità e resa sonora senza dover fare il tip tap infinito e spendere cifre improponibili. La cosa che però mi colpisce quando si parla di questo argomento è l'impressione che nei confronti di determinati prodotti ci sia il gusto di voler affermare a tutti i costi che "non suonerà mai come una buona elettrica (meglio se vintage) in un ampli valvolare di buona qualità (meglio se vintage)" come se oggetti neoprodotti non abbiano la nobiltà per poter ottenere dei bei suoni!! La prima cosa che mi viene da pensare è che probabilmente questo è vero (sempre dipendentemente dai gusti) ma che non tutti possono permettersi 3000 euro di attrezzatura ed un box insonorizzato per suonare e che magari a qualcuno neanche va di incollarsi 50 kg di attrezzatura per andare alle prove o a suonare su di un palco.
Rispondi
Re: suggestioni???
di jackGRC [user #2564] - commento del 03/06/2008 ore 18:1
Se il paragone lo fai solo sulla praticità allora come non darti torto, meglio una pedaliera compatta già pronta che una pedaliera fatta cablando decine di pedalini. "non suonerà mai come una buona chitarra elettrica in un ampli valvolare": l'affermazione va fatta paragonando "chitarra-pedalanza-ampli" a "chitarra-pedaliera-ampli" e non "pedaliera" vs. "chitarra-ampli", altrimenti non ha senso. Per il resto, dal punto di vista personale, con una buona strato usata, un ampli valvolare usato, un paio di pedali usati superi di poco le 1000 euro, puoi avere un setup che suona molto bene, spendere poco, non superare i 20 kg e tutta la praticità che vuoi. Scrivo di proposito "usato" e non "vintage". Sempre restando nella sfera personale, per usato intendo un ampli monocanale fine anni '70 e strato Ri'62 fine '80.
Rispondi
Re: suggestioni???
di Emiliano Girolami [user #13] - commento del 03/06/2008 ore 19:1
Come sempre quando si affrontano certe questioni è difficile dire cosa è giusto. Il "tuo" suono è, per definizione, personale. Sono abbastanza convinto che la tecnologia di "oggi" consenta di arrivare a risultati dello stesso valore di quella di "ieri", vintage o meno. Il suono è legato indissolubilmente a chi lo emette e questo, secondo me, è l'aspetto principale. Io ho confrontato per mesi pedali analogici boutique con pedaliere digitali e, per quanto suonino in modo diverso, non sono riuscito a dire quale sia la scelta migliore. Avete mai provato a suonare due chitarre dello stesso modello, o due ampli dello stesso modello o due overdrive dello stesso modello? Suonano ... diversi! Appena riesco vi racconto del Pod X3 Live ... ciao, Emiliano
Rispondi
Re: suggestioni???
di feloi [user #14193] - commento del 03/06/2008 ore 19:4
suggestioni o no, io soddisfatto del bistrattato V-amp2 che sarà vero che il crunch non esiste e che non ha un certo calore valvolare, ma in quanto a clean e lead(senza troppi fronzoli di effetti) era un prodotto valido, poi se pensi al przzo dici ottimo, comunque soddisfatto da ciò ho deciso di passare al Vox Tonelab Le, trovando godurioso suonoare con un dc womanizer con due valvoline pensai "bè, leggo solo pareri positivi, le clip sono veramente buone e tutto quel che ho sentito paragonandolo alla zoom g9 è meglio, sul tubo, sulle recensioni e poi i suoni brit e un pò vintage son quello che volevo con in più le modulazioni varie, comprata, create le patchs sulla falsa riga di quelle che avevo sul behringer e ancora smanetta smanetta non riesco a farmelo piacere, non che sia brutto, ma: 1 se si da un pò di gain diventa rumorosissimo, si è costretti a usare il noise gate a valori alti(altrimenti è quasi inesistente)perdendo polta persistenza sonora e... dinamica... altrimenti si lavora sempre con uno sciame di zanzare, il V-amp2 anche con l'emulazione del savage beast o del dual rectifier bastava un quarto di nr, ottenendo un giusto compromesso senza avere praticamente decadenza delle note singole specie in assolo. 2 l'emulazione di speaker e direct line 1 e 2 sono improponibili a mio gusto, ho rimmediato aquistando una GI 100 sempre della criticatissima Behringer che mi ha salvato anche per suonare l'ampli a palla senza disturbare vicini e famigliari. 3 anche se è ostico neisettagi, se usi certi effetti o certi ampli in overdrive può "spernacchiare" una volta trovata la posizzione giusta suonato live è buono, con l'accorgimento dell GI100, altrimenti nel return dell'ampli in amp2 mode, ma pur sentendo una certa naturalezza in più rispetto ad altri virtual amp provati oltre la v-amp2(digitec, pod) che restano comunque un pò plasticosi a mio avviso, da sempre un suono un pò fine e un certo accento sulle alte che è difficile correggere, in home recording è quasi inutilizzabile(parlo di registrazione in diretta) Ora non so se continuare a smanettare, proverò a usarlo come multieffetto puro e semplice, ma se non dovesse soddisfarmi neanche così sto pensando seriamente di rivenderlo, sarò io che ancora non ho capito come uasrlo al meglio non lo so, sarà aquestione di gusti ma sto tornando a riutilizzare i pedalini che avevo messo da parte insieme ovviamente al womanizer che mi sta piacendo sempre di più, non è nè critica nè niente, semplicemente la mia esperienza con l'ultimo colpo di "gasolina"... con le pedaliere mutieffetto c'è da andarci cauti penso, il V-amp2 ci ho messo anni a tirarci fuori il meglio, ma comunque i suoni anche sperimentando erano sempre buoni, unaca vera pecca... una latenza infinita nel cambio patch
Rispondi
a proposito di Pod...
di jimi_42del [user #14838] - commento del 03/06/2008 ore 22:4
a proposito di Pod... c'è qualcuno che potrebbe darmi qualche consiglio su questi affarini che, a detta di molti musicisti, riescono a produrre dei suoni molto soddisfacenti? sono consigliabili per chi suona in studio oppure anche dal vivo? rapporto qualità-prezzo? p.s. scusate l'off-topic !
Rispondi
Re: a proposito di Pod...
di Emiliano Girolami [user #13] - commento del 04/06/2008 ore 07:2
I suoni sono effettivamente soddisfacenti, alcuni modelli sono pensati espressamente per lo studio, altri per il live. In entrambi i casi la praticità ed il rapporto qualità prezzo sono elevati. Tieni presente che le emulazioni fanno riferimento al suono dell'ampli microfonato e quindi il confronto va fatto con il Pod nell'ingresso linea con un ampli + microfono ascoltato con i monitor della regia (o home studio). Escludendo il simulatore di ampli/cassa diventano multieffetti con decine di effetti di alta qualità (soprattutto gli ultimi modelli). Ciao, Emiliano
Rispondi
Re2: suggestioni???
di Strato2006 [user #13781] - commento del 04/06/2008 ore 11:5
Quoto il tuo intervento; come dicevo sopra, io ho lo Zoom G9,2tt e ne sono molto contento. Trovo che le sue valvoline scaldino eccome, anzi ho un suono che tanti chitarristi che ascolto sui dischi a mio avviso non hanno. E un multieffetto a mio avviso NON E' PER NIENTE EQUIVALENTE a una catena di pedalini, è molto di più. A me per fare cover servono due o tre livelli di distorsione + chorus + delay + wha etc, e uso almeno due chitarre completamente diverse (Strato / Les Paul); quanti pedalini servirebbero per ottenere una cosa del genere? E con quante pressioni del piede? E la qualità del segnale che fine farebbe? Come dicevo, la mia Strato sul mio Mesa SENZA NIENT'ALTRO genera una pasta timbrica decisamente superiore; ma se ci metto in mezzo anche un solo pedale, per quanto di buona qualità... addio suono originale! Quindi sì, se mi servono I MIEI DUE SUONI (tipo che sono in sala d'incisione) vanno alla grande due-tre ottimi pedali, CHE COMUNQUE MODIFICANO IL SUONO DELL'ACCOPPIATA CHITARRA-AMPLI; se invece devo suonare dal vivo... dipende da quello che devo fare. Nel mio caso è indispensabile il multieffetto; è chiaro che un singolo chorus da 500 euri suona meglio (e ci mancherebbe), ma devo dire che le distorsioni e i modelli di ampli dello Zoom sono molto realistici e ben gestibili.
Rispondi
di Rokam [user #23215] - commento del 06/12/2017 ore 18:20:39
Ciao, stufo di tirarmi dietro una valigiona di pedalozzi vari per un totale di 15 Kg e un metro e mezzo di ingombro, sarei anch'io orientato a comprarmi una ZOOM G92tt, che vendono usata al negozio da cui mi servo abitualmente, l'unica perplessità che per il momento mi frena e la difficoltà di utilizzo, in quanto mi sembra molto complicata da gestire. Tu che la possiedi e la usi cosa ne pensi a riguardo, è poi veramente così complicata?
Rispondi
..
di terminetornik [user #6706] - commento del 03/06/2008 ore 21:2
Vi ringrazio intanto a tutti per i vostr preziosi commenti. ho venduto il mio ds-1 per prenermi un distorsore avevo pensato al distortion della vox come scritto sopra ma ho capito piano piano che la pedaliera fatta da te non ha prezzo. attualmente dopo aver venduto un ds-1 mi trovo alla ricerca. ho trovato un pedale che penso faccia al caso mio. si chiama Metal Muff!!! costa 100 € massimo ma ha un boost come il distortion solo che ha una botta molto più forte.. l'ho sentito solo su you tub qualcuno lo conosce proprio??? ero indeciso tra il metal muff e il big muff. penso che ci vorrebbero tutti e due .. datemi qualche consiglio
Rispondi
Re: ..
di feloi [user #14193] - commento del 03/06/2008 ore 22:0
ho suonato il big muff e non era il mio tipo, l'aveva un tipo con cui ho fatto un paio di prove, il distorto molto sgranato e indeffinito, poi sembrava ci fosse dentro uno sciame di zanzare, per quel che so chi lo apprezza è proprio per la suoa fuzzosità, dipense se cerchi quel suono così sporco, comunque sull'usato se ne trovano tanti per 50-60 euro, poi ovvio se ti propongono un'originale made in N.Y. o russo degli anni 70-80 i prezzi sono anche il quadruplo
Rispondi
Re: ..
di feloi [user #14193] - commento del 03/06/2008 ore 22:0
a dimenticavo... "ma ho capito piano piano che la pedaliera fatta da te non ha prezzo." puro vangelo e lo sto imparando sulle mie tasche...
Rispondi
Re: ..
di HeavySamba utente non più registrato - commento del 03/06/2008 ore 23:1
Il Metal Muff ce l'ha un mio amico e ho avuto modo di sentirlo e provarlo in sala prove un paio di volte. E' uno dei distorsori peggiori che io abbia mai sentito. Zero bassi e zanzaroso come pochi. E' ingestibile. Puoi regolare il livello di distorsione come vuoi ma il risultato cambia veramente poco. E se metti la distorsione a tre quarti o più il tuo "tocco" diventa assolutamente irriconoscibile. Credo che il pedale in questione sia stato messo sul mercato sulla scia del successo avuto dal Metal Zone della Boss. Una semplice questione di marketing. E' evidente che io e te abbiamo gusti differenti,ma da chitarrista mi sento in dovere di sconsigliartelo,anche se ti piacciono le distorsioni molto spinte. Hai mai pensato ad un RAT??? (non ti fidare dell'audio di you tube!)
Rispondi
Re: ..
di zack83 [user #2302] - commento del 04/06/2008 ore 10:4
Contrariamente alle opinioni degli altri mi sono trovato bene col Metal Muff. Trovo non abbia niente a che fare con il Metal Zone, ha il suo suono, con tendenza ad avvicinarsi al thrash. Il boost che dici funziona solo sulle alte frequenze, con possibilità di selezionarle, ovviamente, è un treble boost. L'eq è abbastanza efficacie, e le basse per conto mio si sentono, anzi, anche troppo. sono gli alti che si perdono un pochettino. Il gain è tanto, anche troppo, usato a palo forse è esagerato. Fino a metà invece trovo sia potente e sufficiente a fare varie sfumature di metal. Penso che dipenda poi dal tipo di ampli su cui lo si usa... ho avuto risultati non soddisfacenti su ampli a transistor, mentre sui valvolari davvero belli. L'idea che mi ha dato è che questo pedale rispetti molto il timbro dell'ampli, e che quindi suoni bene se la pasta dell'ampli è buona. Poi sono solo mie opinioni. Tutto il resto è noia.
Rispondi
Se trovi i pedali Keeley
di Pearly Gates [user #12346] - commento del 04/06/2008 ore 17:0
Se trovi i pedali Keeley Se ti piaceva il tuo DS-1 compralo modificato da Keeley o il suo FUZZHEAD e vedrai che suonerà molto meglio e non ci sarà bisogno di noise gate. Oppure un pedale FULLTONE 70 o un OCD. oppure un xotic AC BOOSTER, anzi meglio il nuovo doppio AC Booster sono due distorsori in uno che puoi anche sommare e fare un sacco di cose, costa ma è qualità pura! come del resto KEELEY e FULLTONE. Se invece vuoi la valvola, prova TUBE FACTOR H&K o DEMONIZER DAMAGE CONTROL Boss, Mxr, e certi pedali EH, lasciali stare.....soldi buttati. Behrin.... non riesco mi viene la nausea! Piuttosto compra un pedale di meno ma che sia il più bello e tieni sempre presente che nessuno ragala niente. Cmq, in primis, la chitarra e l'ampli, se hai una bella chitarra e un bell'ampli non servono pedalini. Se non hai una bella chitarra o un bell'ampli NESSUN pedalino potrà mai salvarti, invece un brutto pedalino potrà sempre rovinarti il suono. ciao
Rispondi
io ho una epiphone l
di terminetornik [user #6706] - commento del 04/06/2008 ore 21:1
io ho una epiphone les paul custom con un duncan jb al ponte.. in sala studio suono con uno stinger testata e cassa valvolari.. non è il massimo ma il convento in sala passa quello.. sono sempre stato indeciso tra il metal muff e il turbo rat.. dovrei fare un bel confronto pedali ai piedi...
Rispondi
scusate ma cosa camb
di terminetornik [user #6706] - commento del 04/06/2008 ore 21:4
scusate ma cosa cambia tra il Metal Muff e il Micro Metal muff ??? Cioè sono i stessi pedali ma con la differenza che uno ha il boost?? ps. ecco per chi non ce l'ha presente vai al link vai al link
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Gallinaro Customcaster 2017: i sogni diventano realtà
Boss Angry Driver: due è meglio di uno
di aleZ
La storia del PAF: Gibson riceve il brevetto
Labyrinth: spiegato il super-controller CostaLab
TV-Tele: la chitarra TV Jones con bobina asimmetrica
I più commentati
Boss Angry Driver: due è meglio di uno
di aleZ
Gallinaro Customcaster 2017: i sogni diventano realtà
Esercizi per chitarra acustica
Arturia V Collection 6
Wally+: da Hotone la loop station più piccola al mondo
I vostri articoli
Gallinaro Customcaster 2017: i sogni diventano realtà
La storia del PAF: Gibson riceve il brevetto
La storia del PAF: l'etichetta da migliaia di dollari
Segna-posizione fashion con poca spesa
Trasformare una chitarra in un tres cubano
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964