HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Parliamo ancora di cavi ?
di [user #7361] - pubblicato il

Torniamo a parlare di cavi ? Ma si ! Inizio così perché se andate a cercare sul motore di ricerca di Accordo, troverete che questo argomento è stato più volte toccato e credo che lo sarà ancora per molto. Dico questo perché in questi ultimi giorni mi è capitato per le mani un cavo artigianale “ Tabacco “ che una volta collegato alle mie chitarre, ha scatenato una vera e propria prova comparativa con tutti i cavi che ho trovato sparsi per la mia casa, generando ancora una volta non pochi risultati e considerazioni interessanti.

Per la comparazione ho usato :

01) Tabacco, DD3, lungo 3 metri con connettori Neutrik

02) Reference Ric 01 Hi, lungo 3 metri con connettori Amphenol

03) Tasker C209 1X0.75 O.F.C. , lungo 3 metri con connettori Neutrik

04) Accord O.F.C., lungo 3 metri con connettori Neutrik

05) Proel Die Hard, lungo 3 metri

Fender Stratocaster American serie ( U.S.A. 2003 )

Gibson SG Standard ( U.S.A. 2006 )

Fender Blues Deluxe 40 W

Marshall JCM 2000 TSL 601

La prova si è svolta in due giorni distinti proprio per verificare l’esattezza delle impressioni che di volta in volta mi sono appuntato, suonando ovviamente la stessa cosa.

Il cavo Tabacco si presenta molto massiccio e morbido al tatto, constatando nel maneggiarlo una flessibilità veramente notevole. Ottima la sua caratteristica di non rimanere condizionato da pieghe o torsioni, mentre i connettori non lasciano dubbi in fatto di qualità per la loro fama e comprovata affidabilità. L’esemplare in prova ha entrambi i connettori dritti e non placcati in oro e sopra il cavo non vi è nessuna indicazione di chi sia effettivamente il produttore, in quanto vi è sopra impressa la sola dicitura “ Tabaccoamps.com “ . Collegato alla mia Stratocaster ho cercato di accendere qualche Ventilatore e Neon nelle immediate vicinanze così come per gli altri cavi, proprio per verificare la schermatura che in questo caso è risultata essere eccellente. Il Cavo trasmette il segnale in maniera molto naturale e bilanciata, che si evidenzia in maniera più marcata se a mio avviso si utilizza La Stratocaster anziché la SG, meravigliandomi a tal punto che sono andato a cercare tutti i cavi che ho per la casa proprio per effettuare una comparazione diretta e per avere proprio delle conferme o smentite.

Il cavo Reference Ric 01 Hi che uso da svariato tempo per registrare, è un cavo con i connettori placcati in oro, con uno dei due piegato di 90° … è un cavo dal diametro che rientra nella media, morbido al tatto e poco incline a rimanere condizionato da pieghe e torsioni, è un cavo che restituisce un suono leggermente più aperto in gamma alta rispetto al Tabacco mentre offre una schermatura molto buona che non mi ha dato mai nessun problema. I connettori nel tempo hanno dato prova di affidabilità pur essendo stati in più occasioni maltrattati e calpestati accidentalmente.

Tasker C209 1X0.75 O.F.C. cavo auto-costruito con connettori Neutrik praticamente identici al Tabacco. Questo cavo è in servizio da circa 4 anni insieme ad un suo gemello, è abbastanza rigido, anche se con il tempo diventa più malleabile con un diametro che rientra leggermente sopra la media … ha la tendenza di assumere pieghe che si causano nel normale utilizzo ma è particolarmente schermato e resistentissimo. Il suono trasmesso è leggermente velato in gamma alta rispetto al Reference, mentre in gamma Bassa non sembra riuscire a trasmettere la corposità che si riscontra con il Tabacco.

Accord O.F.C., Cavo auto-costruito con connettori Neutrik. Ha caratteristiche sonore praticamente identiche al Tasker e forse più definite in gamma bassa ed è in servizio da 3 anni. A differenza del Tasker è molto più flessibile e morbido al tatto, ma presenta una schermatura leggermente inferiore che comunque è ampiamente sufficiente. Stranamente nel tempo la sua rigidità è aumentata ma che comunque rimane accettabile.

Proel Die Hard, cavo con i connettori placcati in oro completamente in plastica. Non presenta una grande morbidezza e tende una volta piegato a rimanere in quella posizione di più dell’Accord e meno del Tasker . E’ molto resistente presentando uno dei due connettori piegato di 90° … dal punto di vista sonoro riesce a stare appena sotto al Tasker ma è la schermatura che non riesce a stare al passo di tutti gli altri specie se si usa la Startocaster.

Il risultato è stato inequivocabile, ed ha di fatto posto il Tabacco al primo posto giustificandone ampiamente il prezzo di circa 23 euro. La prova come prima ho anticipato è scaturita proprio per la straordinaria trasparenza che avevo paura fosse percepita per l’entusiasmo del nuovo acquisto … invece non è stato così, perché paragonando il suono con l’eccellente Reference dal costo quasi equivalente, ho trovato una maggiore naturalezza nella trasmissione del suono che poi alla fine potrebbe anche far preferire l’uno o l’altro a seconda dei gusti personali. Ho trovato il Reference più aperto in gamma alta, ma non si deve cadere nell’errore di pensare al Tabacco come più “ Attufato “ se mi permettete l’espressione, ma semplicemente più definito in gamma bassa. I cavi auto-costruiti e il Proel, pur non essendo paragonabili in termini di prezzo, mi sono serviti perché hanno tutti la stessa lunghezza ed in più sia sul Tasker che sull’Accord vi sono i connettori Neutrik … tutto questo ha permesso di avere una certa costanza di “Canoni” per poter dare alla prova un minimo di denominatore comune. Sicuramente se si possiede una certa dimestichezza con il saldatore è conveniente costruirsi dei cavi ottenendo così con una certa facilità, un eccellente rapporto prezzo /qualità, mentre appare veramente assurdo e frequente come molte persone spendano una fortuna in pedali, ampli e chitarre, trascurando poi questo accessorio che in molti casi che non mi sono dilungato ad elencare poiché di lunghezze diverse da quelle in prova, offrono risultati veramente deludenti se paragonati ad esempio a quelli del Tasker.

accessori
Altro da leggere
Pubblicità
JW-02: il trasmettitore Joyo multiplo e...
Joyo JP-05: alimentatore professionale a...
Boss WL: trasmettitori smart per tutti i...
Analizzare e riparare un cavo difettoso...
Pubblicità
Commenti
Interessante
di cattivik76na utente non più registrato - commento del 25/03/2009 ore 00:2
Molto interessante questo articolo, io ho un Proel, un RockCable (Warwick) e un classico fender. Avevo notato nel Fender una certa scadenza soprattutto sui disturbi esterni ed i Jack molto scarsi, mentre gli altri due cavi mi hanno sempre soddisfatto ma non avevo mai fatto un confronto e cercato di percepire quale fosse il migliore anche in termini di "resa sonora". Mentre ho sempre apprezzato i Proel come qualità per i collegamenti mixer (rca, xlr ecc.) Attendo altre impressioni :)
Rispondi
Anche io ho trovato
di stoppaz [user #18354] - commento del 25/03/2009 ore 00:2
Anche io ho trovato nei Tabacco i cavi definitivi (anche le versioni con connettore angolato, "DP"), molto flessibili, con scarsa tendenza ad attorcigliarsi e ovviamente un' ottima trasparenza sonora. :)
Rispondi
Bell'articolo!!!
di vaxell [user #16941] - commento del 25/03/2009 ore 00:3
Bell'articolo!!! Non lo conoscevo questo cavo Tobacco ma sembra molto interessante...su internet però non lo si trova..o almeno io!!! :) se avessi qualche info su dove vederlo sul web sarebbe perfetto!! Ciao e ancora complimenti! Avevo una curiosità sui reference..cosa cambia tra i RIC01 (quelli blu) e i RIC09-T (trasparenti)?qual'è il "migliore"?
Rispondi
Re: Bell'articolo!!!
di Joey K. [user #11987] - commento del 25/03/2009 ore 02:1
Dal sito della Tabacco vai al link l'unico negozio che li ha disponibili in rete è questo però vai al link
Rispondi
Re: Bell'articolo!!!
di vaxell [user #16941] - commento del 25/03/2009 ore 14:0
grazie per i links!!
Rispondi
Re: Bell'articolo!!!
di stoppaz [user #18354] - commento del 25/03/2009 ore 02:1
Nel sito di V. Tabacco c' è l' elenco dei negozi in cui trovarli. ;) vai al link Per i reference, sembra che vi siano differenze nelle caratteristiche elettriche, come da sito. vai al link〈=en&cod=RIC09-T vai al link〈=en&cod=RIC01
Rispondi
Bravo
di Airhead [user #4932] - commento del 25/03/2009 ore 01:2
Grazie per questi articoli interessantissimi, è ora di tirare fuori la lira e munirsi di cavi nuovi
Rispondi
^^
di JackDynamite [user #14761] - commento del 25/03/2009 ore 03:4
andate a vedervi gli zaolla... vai al link
Rispondi
eh.. dannati cavi...
di Denis Buratto [user #16167] - commento del 25/03/2009 ore 10:5
effettivamente io prima non ci facevo molta attenzione, ma ora ho capito che sono davvero importanti!
Rispondi
e degli Evidence Aud
di gilmour_pugliese [user #8498] - commento del 25/03/2009 ore 12:1
e degli Evidence Audio che mi dite?
Rispondi
Sono basito. Per me
di mahogany_joe [user #18259] - commento del 25/03/2009 ore 13:0
Sono basito. Per me chi riesce a notare differenze non tra un cavo cagotto e uno professionale, ma tra quattro o cinque cavi professionali di alta qualità è uno dei misteri inspiegabili della scienza di confine. ^^
Rispondi
Re: Sono basito. Per me
di guitar_taliban [user #12410] - commento del 25/03/2009 ore 13:4
scopa*! GT *nel senso che gioco la stessa carta che hai giocato tu, poi se invece travisando vuoi seguire il consiglio...non é tempo buttato...
Rispondi
Re: Sono basito. Per me
di mahogany_joe [user #18259] - commento del 25/03/2009 ore 14:5
LOL!
Rispondi
Re: Sono basito. Per me
di guitar_taliban [user #12410] - commento del 25/03/2009 ore 21:1
LOL?
Rispondi
Re: Sono basito. Per me
di mahogany_joe [user #18259] - commento del 25/03/2009 ore 22:4
Ehm... sì, lol. Sai, per la tua battuta.
Rispondi
ti dico solo questo
di frezz63 [user #17782] - commento del 25/03/2009 ore 14:0
ti dico solo questo a proposito di cavi: mia nipote Elena, 14 anni, bassista rock, suona con una testa a valvole PP6550 e cassa 1x12 in saletta e testa a mosfet 200W e cassa 2x10 sul palco, il tutto autocostruito dal sottoscritto, bè sapete quanti cavi mi ha gia chiesto, quello più dinamico, più morbido, più secco, ora sta in fissa con un pre a tubi con uscita bilanciata...e ci ha solo 14 anni cazzo!!! ma quanti di noi/voi alla sua età avevano già uno yamaha,un fender due teste di cui una a valvole...e che valvole, due casse da terremoto e una decina di cavi, mo canta pure e mi toccherà fargli un pre micro a tubi ovviamente e li per i cavi so dolori....e tu Joe sei solo basito...ciao a tutti e abbiate pietà!!!
Rispondi
Re: ti dico solo questo
di mahogany_joe [user #18259] - commento del 25/03/2009 ore 22:5
Io il primo basso l'ho comprato nel 1992 e ancora non ho capito a che serve il ground lift. E' fortunata Elena ad avere uno zio che le costruisce casse e testate addirittura valvolari! Deve essere una gran figata. Però sui cavi io mi arrendo. Non credo che avrei mai l'orecchio fine per capire una differenza sostanziale, a meno che non sia drammatica, tra un cavo e un altro. Inoltre, non spenderei mai l'equivalente di uno stompbox per quello che ritengo comunque un 'bene di consumo', prono all'usura, facile da rompere/rovinare. Del resto, non sono un professionista.
Rispondi
Per me...
di zoso93 [user #15626] - commento del 25/03/2009 ore 14:2
I cavi tabacco sono il top...suono incredibile e nonostante il diametro del cavo sono molto flessibili e maneggevoli, ma praticamente indistruttibili...e hanno la garanzia a vita!
Rispondi
ma la sentite proprio ?
di cisco [user #1569] - commento del 25/03/2009 ore 14:5
Ragazzi, ma la sentite proprio la differenza sonora tra un cavo e un altro, a parte il rumore di fondo? Io percepisco la differenza di segnale tra un cavo di 3 e uno di 6 metri, ma la diversa qualità sonora tra due cavi integri di tre metri.... ditemelo voi! Avete mai provato i cavi costruiti da Pistolesi con filo Belden ? Per lui erano i migliori Proverò anche i Tabacco
Rispondi
Vincenzo è un grande.
di Dario1981 [user #8546] - commento del 25/03/2009 ore 15:3
Ho la fortuna di conoscere presonalmente Vincenzo Tabacco, il costruttore che c'è dietro questi cavi, e posso dirvi che è davvero un grande. Ho avuto la fortuna di poter far customizzare la mia mkII 50watt da lui ( regà mo è DAVVERO un altra cosa ), è nato un buon rapporto umano e mi son fatto fare diverse cose (looper, modifiche a pedali ) e la qualità, l'inventiva e la preparazione di quest'uomo sono davvero formidabili. Non a caso qui a Roma, e non solo a Roma, viene giustamente considerato una autorità nel suo lavoro. Al momento gli ho commissionato la costruzione della mia pedal board, e come immaginerete, il risultato sta venendo davvero al top. E dovreste sentire i suoi ampli...inarrivabili, soprattutto alla faccia dei bouticcari americani da 6000 dollari a testata. Certo, i suoi lavori non sono economici ( ad ogni modo, ben lontani dai bouticcari di cui sopra, comunque...), ma, come Vincenzo ripete spesso, "siamo cari, mica ladri". Come dire, la qualità VERA costa, ma si ritrova tutta nel prodotto finito. Straconsigliatissimo non solo per i suoi cavi, ma per tutto cio che può concernere la "cura" del vostro suono. Ciao, Dario.
Rispondi
Tasker C300
di Zanna [user #8891] - commento del 25/03/2009 ore 15:4
Ciao, mi permetto di segnalare che il tasker C209 non è certo il migliore per il segnale della chitarra, con i sui 236 pF/m. vai al link Potrebbe andare magari per piccoli collegamenti tra pedali. io invece uso dei cavi autocostruiti tasker C300, non facilissimo da trovare, con 88 pF/m. vai al link Io mi trovo bene. Ciao Zanna
Rispondi
di patrilemauro [user #2228] - commento del 02/05/2018 ore 19:59:37
Ciao,scusa se il post è già vecchiotto,ricordi se il cavo tasker c300 è marchiato (almeno una volta sulla lunghezza di 3 metri?).Ne ho comprati 3 mt su ebay e mi è arrivato un cavo anonimo senza nessuna scritta...temo mi abbiano rifilato la prima cosa che hanno trovato...Grazie,Mauro
Rispondi
di Zanna [user #8891] - commento del 15/05/2018 ore 00:44:53
Ciao, in quello che ho io in 3 metri di lunghezza c'è scritto almeno il marchio o il codice (C300, appunto).
Ho qualche dubbio sulla autenticità di quello che ti è stato venduto.

Ciao!
Zanna
Rispondi
io i cavi...
di LUDRIA92 [user #18470] - commento del 25/03/2009 ore 16:3
io per risparmiare i cavi li faccio da solo,prendo al negozio di elettronica 20m di cavo mono e una manata di jack ad angolo, poi arrivo a casa e faccio due tagli e due saldature e con 10 euri mi sono fatto sei cavi da tre metri e qualcosa; di certo non sono come questi tobacco,ma non ronzano,e poi non credo ci sia una differenza cosi' ampia da giustificare il prezzo nei cavi professionali
Rispondi
come fai? sei un gen
di SteveRV [user #14271] - commento del 25/03/2009 ore 18:3
come fai? sei un genio io non noterei le differenze. comunque, secondo me, un buon cavo economico è il cort(altro proel che sono praticamente usa e getta)
Rispondi
io mi trovo benissim
di manuzambo [user #15331] - commento del 25/03/2009 ore 19:1
io mi trovo benissimo con gli horizon.. avete mai avuto a che fare con codesti cavi?
Rispondi
Parliamo ancora di cavi?
di Cukoo [user #17731] - commento del 25/03/2009 ore 19:2
Eccomenò. E anche di tracolle, plettri, girabischeri, eccetera. Altri temi: 1-C'è qualcuno che fa un altro articolo sulle corde? Dico sulla miglior combinazione chitarra-corde? Una roba tecnica, ragionata e con poca enfasi? Lo leggerei volentieri, perchè sto facendo cose strane e vorrei un confronto. 2-Perchè non scrivere dieci righe su come si fa a misurare l'action e la curvatura; con che strumenti, dico. Come si fa a misurare 0.25 mm tra top del tasto e bottom della corda?
Rispondi
proprio oggi..
di les stratodan utente non più registrato - commento del 25/03/2009 ore 19:2
..ho comprato un cavo nuovo..un fender di quelli a molla,bianco di un bianco sgargiante,che fa tanto "cavo della cornetta del telefono della nonna"..beh devo dire che e' bellissimo XD l'ho confrontato con un reference con terminali placcati in oro (l'altro cavo che ho) e sinceramente per me suonano IDENTICI..poi ho messo il fender attaccato alla chitarra dentro la pedaliera e il reference dalla pedaliera all'ampli,e anche in questo caso zero ronzii e suono ottimo..poi li ho provati di nuovo singolarmente con la stessa chitarra e lo stesso ampli e per quanto mi sia sforzato non ho sentito la differenza tra il reference e il fender visto che a quanto ho capito dovrei percepire addirittura differenze timbriche oltre che aumento/diminuzione del ronzio..ergo mi chiedo "dov'e' che ho sbagliato?"
Rispondi
tabacco : ottimo!!
di maurofree [user #17366] - commento del 25/03/2009 ore 22:3
Ho conosciuto il grande Vince Tabacco ,guru delle valvole e non solo, allo SMAS di Spoleto 2008 apprezzandone modestia e gentilezza altre alla ormai riconosciuta competenza e professionalità. Ho comprato il cavo suddetto : sono d'accordo è ottimo!!! Uso da tempo gli ottimi cavi della Reference, RIC-S01 HI e RIC-S01 R HI per registrare e Live, ma la qualità e la resa del Tabacco (io ho 1 da 3mt.) con Strato Ann.54, Les paul de luxe e Ibanez AT300 mi ha veramente entusiasmato per qualità e resistenza. .... e poi è italiano !!
Rispondi
vovox
di gidibigi utente non più registrato - commento del 25/03/2009 ore 22:5
Ho usato vari cavi, da Planet Wave a Neutrik a Proel poi ho deciso di prendermi un Vovox ( 3,5m 75 euri!!) e per me che suono chitarra-cavo-ampli e' veramente cambiato molto. Certo per chi ha cinquanta pedali in mezzo non penso ne valga la pena.
Rispondi
...e per la pedaliera???
di jfm [user #14113] - commento del 26/03/2009 ore 11:5
Salve a tutti e complimenti all'autore di questo interessantissimo articolo! Io da anni utilizzo questi due cavi... Planet Waves con terminazioni dorate (6m) cavo autocostruito Tasker C300 1x24 AWG con connettori Neutrik (5m) ...il primo dalla chitarra alla pedaliera, l'altro dalla pedaliera all'ampli. Sinceramente mi sono sempre trovato bene in contesti live e studio e ora vorrei curare anche la cavetteria all'interno della pedaliera, visto che al momento utilizzo i classici cavetti economici colorati che mi trovai ad acquistare tempo fa in una situazione di "emergenza". Cosa mi consigliate tra le marche in commercio? Grazie, Paolo
Rispondi
Splendidi
di Tom Anderson [user #2700] - commento del 26/03/2009 ore 14:1
Li uso anche io e li trovo fantastici! Esistono cavi di fascia simile piu aperti sulle alte, ma concordo con i commenti dell'autore: non basta guardare le specifiche tecniche e scegliere il piu trasparente sulla carta, il cavo SUONA e va provato, introduce un proprio colore timbrico anche se è un componente passivo, e quello dei Tabacco, fra tutti quelli che ho provato, mi sembra il piu' rispettoso delle sfumature su tutte le frequenze, è estremamente naturale, a differenza di altri che lasciano si passare piu alte, ma "sfibrano" un po il segnale armonico in mezzo e in basso. PS questi cavi sono usati e consigliati anche da Pierangelo della Masotti. PPS per sentire le differenze basta avere un buon setup dal suono trasparente e fare le prove in A/B a un volume generoso, non c è bisogno di essere dei pipistrelli. Ovviamente il cavo giusto non trasforma magicamente un mediocre chitarrista o un mediocre setup in una bomba! Ma non è di quello che si parla... inoltre non concordo,un buon cavo non è materiale di consumo, se costruito bene dura anni senza dare problemi. Sono infatti proprio quelli troppo economici a rompersi puntualmente appena dopo qualche torsione di troppo.....
Rispondi
Re: Splendidi
di Guitar Blues [user #7361] - commento del 26/03/2009 ore 18:4
Grazie del tuo post ... cominciavo a credere di aver avuto qualche allucinazione quando ho scritto l'articolo.
Rispondi
Scartiamo Klotz, George'LS, Horizon?
di Giander [user #565] - commento del 13/04/2009 ore 19:3
Ciao...avevi risposto ad una discussione analoga che ho posto nel 2007 "Cavi...la resa dei conti". A suo tempo non avevi ancora "scoperto" i Tabacco e consigliavi i Tasker. Io nel frattempo ho provato i George LS ed ho notato una differenza effettiva sulla qualità ma ho l'impressione che pecchino un pò sui bassi...li tengo per la comodità della gestione della pedalboard ma per il resto mi stò guardando intorno. Proverò i Tabacco ma mi chiedo come mai nessuno parla più di Klotz e Horizon: tu pensi che siano sopravvalutati?
Rispondi
Cavi Elixir
di Aurelio [user #3587] - commento del 28/03/2009 ore 00:5
Non ho avuto il piacere di provare questi nuovi cavi Tabacco, ma sono sicuro che saranno ottimi. In compenso, su consiglio di un amico, un paio di settimane fa ho acquistato un (costoso) cavo Elixir (si, quelli delle famose corde). Ragazzi, non credevo alle mie orecchie! Davvero tutto un altro suono! E' come se il cavo "equalizzasse" il segnale, esaltando gli estremi di banda (in realtà sono gli altri cavi a suonare più "mediosi", impedendo alle alte ed alle basse frequenze di raggiungere l'ampli). Avevo sentito le clip audio sul sito (vai al link) ma pensavo si trattasse della solita "esasperazione pubblicitaria". Provandolo personalmente ho dovuto ricredermi. Ho effettuato attente prove comparative con tutti gli altri cavi a mia disposizione (vi assicuro che ne ho tanti e di buona fattura) ed ha primeggiato sempre. Se avete la possibilità di provarli non fatevela sfuggire perchè rimarrete sbalorditi da quanto un cavo possa cambiare il suono. Relio
Rispondi
Re: Cavi Elixir -- Dove?
di Giander [user #565] - commento del 13/04/2009 ore 19:1
Dove li hai acquistati? Ho visto su ebay che un 4,6 metri costa circa 40€...ti risulta?
Rispondi
Re: Cavi Elixir -- Dove?
di Aurelio [user #3587] - commento del 14/04/2009 ore 00:4
Si, purtroppo costano tanto, ma sono davvero ottimi. In effetti il mio, che è un 3,1 mt., costa 40€. L'ho acquistato nel mio negozio di fiducia (non so se si può scrivere qui, magari se mi scrivi in privato ti dico di preciso quale). L'unico problema è che dopo averne provato uno, ti rendi conto che ci vorrebbero cavi "seri" per TUTTA la catena del segnale... quindi, già se hai solo un wah a terra, fra ampli e chitarra, ce ne vogliono due! Relio PS: quelli da 6mt., nello stesso negozio, costano 45€ ma ho visto che nella confezione trovi un coupon da inviare per ricevere a casa in omaggio una muta di corde Elixir (che pure costano parecchio rispetto alle altre marche, quindi in qualche modo risparmi). Però, se non hai particolari necessità, ti consiglio di non esagerare con la lunghezza del cavo in quanto questa, inevitabilmente, incide sulla qualità del segnale.
Rispondi
Qualcuno si ricorda (angolo del trash)?
di Audiofilox [user #11909] - commento del 28/03/2009 ore 09:1
Qualcuno si ricorda i terrificanti cavi a spirale (o più prosaicamente a coda di maiale)? Erano semplicementi agghiaccianti come suono e duravano pochi mesi! Stavo guardando su youtube alcune esibizioni dal vivo dei primi anni ottanti e mi sono tornati in mente! Porca miseria, appartengono ad un immaginario visivo vintage e anche un po' trash (erano ridicoli, infatti)!!!!!! Scusate il fuori tema!
Rispondi
HELP
di RobSqr [user #15630] - commento del 01/05/2009 ore 11:1
Caspita, in questo periodo della mia vita non sto più capendo niente. Vorrei gettarmi su qualche cavo durevole, di buona qualità, ma non so davvero su cosa andare. Sinceramente stavo puntando o gli Evidence Melody per fare il collegamento chitarra---inizio catena effetti, ma da poter usare anche in plug and play (che sinceramente la Strato dritta nell' Hiwatt è una cosa incredibile) oppure i Reference; di questi ultimi però non so i modelli su cui orientarmi. Pareri? Pensavo al RIC01 da usare con i Neutrik, mi è parso di capire sia quello che mi serve, ma non so. Gli Evidence costano un occhio (si, lo so tutti i commenti "ma sono cavi ottimi, i migliori, ecc ecc", quindi astenetevi, vi prego, o mi fate salire la GAS). Help me! E poi qualcuno di quelli che ha scritto qui sopra mi ha fatto venire la curiosità dei Tabacco, solo che da me (provincia di Brindisi) non si trovano, dovrei ordinarli, e mi sa che risparmio facendomi a Bari i Reference a metro... Uff. Illuminatemi o fratelli più esperti!
Rispondi
io ho proel on stage
di donfun [user #17178] - commento del 01/05/2009 ore 13:2
io ho proel on stage...il negoziante me li ha spacciati per i migliori che aveva a 20 euro da 3metri ...qualcuno li conosce? confrontati con gli altri a che posto possono posizionarsi?
Rispondi
Evidence VS Mogami
di jfm [user #14113] - commento del 02/05/2009 ore 19:2
Salve a tutti, vorrei curare un pò l'aspetto della cavetteria - al momento all'interno della pedaliera - e sono arrivato ad un punto in cui sono indeciso tra due combinazioni cavo/connettore: 1. Mogami 2524 + Neutrik NP2RX-B 2. Evidence Audio Monorail + Neutrik NP2RX-B Cosa ne pensate?
Rispondi
Mi sapreste indicare
di herrdoctor [user #18849] - commento del 01/11/2009 ore 23:2
Mi sapreste indicare dove comprare i ref ric 01 possibilmente sfuso? Ciao
Rispondi
Ho letto questo articolo solo oggi !
di Kata_ts [user #2290] - commento del 02/11/2009 ore 11:2
perchè riportato i testa dalla domanda di herrdoctor. ..... personalmente se volevi fare un 'paragone' di qualità tra vari tipi di cavi avresti dovuto utilizzare - un generatore di segnale - un oscilloscopio - un tester di qualità per Farad/ohm Detto questo ... NON credo proprio che il nostro orecchio 'umano' percepisca cotali differenze a meno che non si paragonino due cavi completamente 'diversi', di cui uno veramente INFIMO SaluToneS
Rispondi
Cavi Mogami
di jady [user #12525] - commento del 28/06/2010 ore 14:4
Il discorso dei cavi è un discorso molto variegato, io uso solo cavi Mogami per l'elevata qualità e ovviamente per il nome che a livello mondiale si fà sentire. Per i cavi di tabacco non credo che lui è un produttore di cavi, quindi non so quanto conviene affidarsi a dei cavi, che magari suonerranno anche bene, ma non sai da dove vengono e chi li fabbrica, però sai da chi li compri, quindi preferisco dare i miei soldi a mache che hanno fatto la storia della musica. Il cavo Mogami è chiamato “Il cavo dei professionisti”. Ogni studio di registrazione di fama mondiale è cablato con cavi Mogami, questo significa che ogni musica che ascolti è passata da almeno un cavo Mogami in una qualsiasi sala di registrazione sparsa nel mondo. Perchè viene scelto il cavo Mogami? E’ semplice. Mogami è famosa per l’accuratezza, il bassissimo rumore, la facilità di installazione, la flessibilità, e la qualità superiore. I professionisti apprezzano tantissimo l’incredibile chiarezza e l’assenza di disturbi dei cavi Mogami. Storia La storia di Mogami comincia decine di anni fa, quando alcuni ricercatori cominciarono a valutare le cause di differenze di segnale con cavi diversi. La ricerca fu impegnativa e con molte controversie, alla fine nessun cavo “suonava” come un’altro, così nacque Mogami. L’approccio degli ingegneri alla ricerca di un cavo con bassissime perdite e bassissimo rumore, ha portato in anni di esperienza alla creazione della serie Neglex, un cavo che ha cambiato l’industria del cablaggio audio professionale. Mogami ha una chiara filosofia. Progettare cavi che sono in grado di offrire il miglior trasferimento di segnale possibile. Sembra un obiettivo comune a tanti, ma tante industrie progettano cavi che danno solo la sensazione di percepire il miglior suono. Il problema è che creano distorsioni innaturali che permanentemente alterano il segnale che attraversa il cavo. La distorsione creata può anche contribuire a rendere più piacevole il suono ad una determinata frequenza, ma peggiorerà la situazione su un’altra frequenza. La cosa più importante è il mantenimento del segnale d’origine. Non esiste un solo segreto nei cavi Mogami. Un prodotto superiore è un mix di materiali, dielettrico, conduttore, geometria dello schermo e isolanti. Mogami utilizza solo rame OFC (Oxygen Free Copper) per una migliore trasmissione del segnale, così come l’XLPE (cross linked polyethylene) per un miglior dielettrico. Ecco perchè Mogami è la scelta migliore per studi professionali di registrazione e per qualsiasi tipo di applicazione in ogni parte del mondo.
Rispondi
Re: Cavi Mogami 2524
di eldiogo [user #19920] - commento del 17/12/2013 ore 08:48:39
Concordo in Toto.i cavi 2524 mogami,sono neutralità allo stato puro,e come dire che l hiwatt non è un ottimo amplificatore perché freddo....e un parallelo incalzante nel senso che sia mogami quanto hiwatt,tanto gli entra e tanto esce,non aggiunge e non toglie nulla...bisogna vedere tutta la catena come composta..se si suona con una les paul Vos ha chiaramente un suono ,se si suona con una marca vattela a pesca un altro...la maggior parte delle volte dipende da tantissime variabili,un buon sound.ci sono cavi che costano uno sproposito,e moltissime volte se non sempre e solo marketing....e ciò che noi vogliamo che sia....se non ci mettiamo in testa che udiamo quelle caratteristiche fantastiche,alla fine le udremo.ma il mogami e da sempre stato un must in tutti gli studi del mondo.io sono un fan di gilmour ho pure pensato per esempio di acquistare gli evidente melody ma poi ho dedotto che sono uguali al mogami w2524 solo il prezzo e' 10 volte superiore perché trattasi di cavo boutique...se mogami son decenni quelli
più usati in tutto il mondo,un motivo ci sarà...ciao a tutti.
Rispondi
i cavi.
di eldiogo [user #19920] - commento del 04/05/2014 ore 07:57:04
avete omesso di analizzare il miglior cavo.IL BELDEN 9778.questo cavo asfalta tranquillamente anche tutta la gamma evidence dal lyric al monorail...
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Marty Friedman e Jackson: un ritorno di fiamma durato decenni
Vox testa l’AC30 monocanale 1x12
Martin mostra in video la gamma 2018
KODA: overdrive a triplo gain da Komet
Supa-Trem Jr: il tremolo Fulltone triplica
I più commentati
Vox testa l’AC30 monocanale 1x12
Salen: Strandberg sfida la tradizione californiana
Agostino Marangolo: come suonare "A me me piace o Blues"
Martin mostra in video la gamma 2018
Pennata Alternata con Steve Morse
I vostri articoli
Fender Modern Player Telecaster Plus
DigiTech Obscura Altered Delay
Sterling St Vincent Signature
DV Mark Micro 50 M: piccola peste
Come sostituire un pickup sulla chitarra elettrica
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964