CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Bulk Big Poppy, 30w tutti italiani
di [user #17844] - pubblicato il

Oggi voglio parlarvi di una piccola casa italiana che ha lasciato, nella sua breve carriera, alcuni amplificatori interessanti sotto diversi punti di vista. Bulk era un piccolo tecnico ed audiofilo italiano che si è dedicato agli amplificatori per chitarra nel 1995 e presto si è trasformato in Bulk Sonica, facendo nascere molte storie riguardo la scomparsa del marchio originale e l'accorpamento, c'è chi dice che la Bulk sia finita in bolletta per colpa dei prezzi troppo bassi, che non fornivano un margine di guadagno sufficiente a portare avanti la produzione del piccolo laboratorio lombardo, c'è chi invece incolpa la casa di poca serietà, accusandola di aver presentato al pubblico degli amplificatori superiori a quelli che poi realmente mise in commercio, inimicandosi così l'opinione pubblica, sta di fatto che oggi è possibile scovare, a prezzi stracciati, degli usati interessanti tra la più vecchia produzione di questa casa.


Questo contenuto è riservato agli utenti registrati, per continuare a leggere clicca qui per loggarti o creare un account.
Seguici anche su:
Altro da leggere
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy
Su Radiofreccia uno speciale sui Rolling Stones
Ikea pensa ai musicisti: arriva Obegränsad
Usato: abbiamo perso la ragione?
PRS è al lavoro su una Tele-style con Myles Kennedy?
Bob Taylor si ritira: annunciato il nuovo CEO e Presidente
Nick Drake e gli altri: Guild, icona al collo dei giganti
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...
È morto Richard Benson: chi era il chitarrista, il personaggio, l’u...




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964