CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
EarMaster - Ear training fatto in casa
di [user #24381] - pubblicato il

In gergo, si definisce orecchio musicale la capacità di comprendere e cogliere, unicamente attraverso il senso dell'udito, la composizione della musica nel suo insieme, o solo determinati aspetti: questa abilità permette di decifrare un costrutto musicale o singole parti di esso, e di essere quindi in grado di riprodurlo in modo sostanzialmente fedele.Tratto da Wikipedia, voce “Orecchio Musicale”.


L’orecchio musicale è una dote fortemente sottovalutata, ma fondamentale per qualsiasi musicista, alla base dell’interazione con altri musicisti; esso ci permette di capire effettivamente quello che suoniamo rendendoci più consapevoli, sicuri, versatili e completi. Forse trascurabile da parte di chi ha come unico obiettivo il suonare con la propria band per locali, diventa un obbligo per chi vuole fare della musica un mestiere. Non tutti hanno, tuttavia, la fortuna di possedere l’orecchio assoluto; diventa per questo necessario allenare il proprio orecchio relativo in un processo comunemente definito Ear Training. Passaggio primario nel percorso formativo di un musicista, non è infatti un mistero che in molte scuole di musica e in pressoché tutti i conservatori sia necessaria una capacità uditiva minima per l’ingresso (il famoso “dettato melodico”) e che vengano effettuati corsi con tanto di esame finale.
Ma come si fa a migliorare il proprio orecchio musicale senza spendere uno sproposito in lezioni private? In soccorso del musicista squattrinato arriva un’interessante software; EarMaster, giunto alla sua quinta incarnazione, prodotto dalla compagnia Danese EarMaster ApS. Disponibile in tre versioni diverse per prezzo, profondità e target a cui sono rivolte (Essentials la versione base, Pro la versione completa, School la versione per insegnanti), il programma si pone come lo strumento definitivo per l’ear training “fai-da-te”, sebbene sia tanto completo da essere utilizzato anche da scuole ed insegnanti. Basti pensare che le versioni Pro e School mettono a disposizione dell’utente la bellezza di 650 lezioni circa, divise in 12 aree di apprendimento.


Al primo avvio, indipendentemente dalla versione scelta, ci si troverà davanti a due Tutori Virtuali, due wizard che ci proporranno una progressione di esercizi graduale e ci daranno un feedback istantaneo in base alla percentuale di risposte esatte. Il tutore standard offrirà la maggioranza delle lezioni (circa 440 nelle versioni Pro/School), partendo da un livello di principiante fino ad un livello avanzato, mentre il tutore jazz offrirà un numero minore di lezioni (circa 210 nelle versioni Pro/School), ma con un livello di ingresso ed una complessità totale decisamente maggiore. Semplicemente selezionando uno dei due ci si potrà cimentare in confronto e riconoscimento di intervalli, riconoscimento di accordi e rivolti, dettato melodico o ritmico e tanto altro; tutti gli esercizi sono completamente modificabili, ed è possibile ripetere lo stesso esercizio più volte, essendo le domande scelte casualmente dal database. Il tutto è inserito in un’interfaccia decisamente user frendly e provvista di numerose funzionalità. Le risposte possono essere inserite mediante una tastiera virtuale su schermo che può rappresentare quasi ogni strumento, oppure direttamente sul pentagramma, oppure ancora collegando un microfono, uno strumento o un dispositivo MIDI e cantando/suonando direttamente la risposta. Il sistema tiene traccia dei nostri risultati, permettendoci di consultare in ogni momento le nostre statistiche e controllare se stiamo facendo progressi e dove abbiamo bisogno di migliorare. E quanto costa tutto questo? Trattandosi di un software piuttosto complesso, il prezzo è comunque alto; basti pensare che la versione Pro, con licenza di installazione per un unico terminale, viene venduto a circa 70 euro.
 

Per maggiori informazioni, comunque, vi rimando al sito ufficiale di EarMaster, dove è inoltre possibile scaricare una demo gratuita della durata di 7 giorni. Provate, valutate, poi eventualmente acquistate. Chi ha orecchio per intendere…

ear master software
Link utili
Sito ufficiale di EarMaster
Mostra commenti     7
Altro da leggere
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
STL Tonality: i suoni dei big vanno su schermo
I cabinet Mesa diventano virtuali in IR
I suoni di Dimebag Darrell sul tuo schermo con AmpliTube
BIAS FX arriva su iPhone e iPad
Toneforge è il plugin di Misha Mansoor con Joey Sturgis Tones
Seguici anche su:
News
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
Ascolta New Horizons: il nuovo singolo di Brian May
I temi chitarristici più caldi del 2018
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964