CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Strato 68 reissue japan "domestic market"
di [user #393] - pubblicato il

vintcorner scrive:L'estate, si sa, è tempo di vizi e stravizi: il desiderio monta ed è assai difficile trattenersi. Per me, questa volta, il desiderio era la Strato "palettona" maple capped (ossia con tastiera in acero separata). La Fender japan produce da quasi 20 anni la reissue nella serie Collectibles: quella prodotta (solo sunburst o olimpic white) per l'export non è proprio completamente corretta dal punto di vista estetico, ma rappresenta tuttavia, soprattutto per gli hendrixiani, uno strumento cult. Infatti, non è facile da trovare sul mercato dell'usato e, quando ne esce qualcuna su ebay, difficilmente viene venduta sotto i 600 dollari, anche se interventata.

strato japan reissue 1Io ne ho già "girata" una. Nel '94, ne comprai una usata, che mi permise di verificarne i dettagli e, nonostante la complessiva buona fattura, parecchie cose non erano a posto. Il logo (un transition, quando la maggior parte delle '68 furono prodotte già col black logo) è, in realtà, un collage di vari logo di altra provenienza. Le meccaniche sono del tipo Kluson, quando ormai già dal '67 erano state introdotte le Schaller F; monta il doppio guidacorde (istituito solo nel '71), mentre il battipenna ha le viti posizionate come sulle pre-63. Questo, senza contare alcune parti di non eccellente qualità, come il blocco di inerzia in Zama e i pickups con sì le espansioni in alnico, ma flat e non staggered, come invece sarebbero dovuti essere. Il body, inoltre, è in tiglio. La vendetti qualche anno dopo: sinceramente, "m'era passata". Però già allora, la vendetti con un profitto di 200 mila lire, senza averci messo mano.

Quindi, sapevo cosa mi aspettava. E sapevo che, per renderla accettabile ai miei occhi, avrei dovuto versare lacrime e sangue (nonché vaini). Innanzitutto, la volevo nera. Poi volevo rimediare a tutte le pecche estetiche. Infine dotarla di pickups decenti. Una bella sfida: praticamente a me serviva, per essere franchi, solo il manico. Già, perché si fa presto a dire "tastiera riportata": i manici delle Fender con tastiera in acero della seconda parte dei '60 fino all'avvento del bullet truss rod erano costruiti con la stessa struttura dei fratelli con il palissandro, ossia con tastiera laminata curva. Questa particolarità è perfettamente riprodotta sulle reissue giapponesi e, fino all'avvento delle Custom Shop, era l'unico strumento prodotto in serie disponibile con questo tipo di manico.

La caccia è cominciata qualche mese fa. Qualche annuncio, al quale qualcuno ha risposto proponendo cifre fuori mercato, e molta ebay (in Inghilterra, c'è uno che me l'ha soffiata per 20 secondi!). Tuttavia si parla sempre di cifre "importanti", soprattutto se tengo conto di quanto poi dovrò investire per le modifiche - più di 300 euro, escluso il lavoro di verniciatura.

Poi un giorno mi ricordai che, tra i "preferiti", avevo ancora il sito ufficiale della Fender Japan. Clicco e comincio a navigare. La chitarra è classificata come ST68-85, ma è assai diversa dal modello che si trova in commercio: il logo èblack, di guidacorde solo uno, il battipenna è giusto... Inoltre, nella descrizione si cita "steel tremolo block...alder wood body..." e addirittura il montaggio di serie di pickups texas special. I colori disponibili sono il bianco e il sunburst. Dalla foto non si capisce se la chitarra è equipaggiata con meccaniche tipo Kluson o Shaller. Poco male, mi dico, al limite c'è da comprare un set di meccaniche e riverniciare il body. Prezzo: 68 mila yen. La spedizione via EMS costa altri 16.500. In tutto 84,5 mila yen (siamo intorno ai 620 euro). Un rapido conto con la dogana e l'IVA: altri 140 euro. Si può fare.

Contatto i signori della Ishibashi. Chiedo la disponibilità del pezzo, e la possibilità dell'occultamento delle spese di spedizione dalla fattura (va bene le tasse, ma l'IVA e il dazio anche sul trasporto no, ecchecavolo!). Rispondono con sollecitudine, cortesia e eloquenza DISARMANTE. A gente così uno finisce per comprare anche la cacca surgelata, se decidessero di vendergliela. La chitarra è disponibile, anche NERA. Nessun problema per le spese di trasporto e, in più, mi fanno anche 500 yen di sconto. Ma non è finita: contrariamente a quanto esposto sul sito, che prevedeva solo il pagamento a mezzo bonifico, è possibile pagare anche con carta di credito. Bestiale!

Dieci giorni e il pacco arriva. 138 euro di spese: ri-bestiale!

Scatola fender Japan, gig-bag, attrezzi di corredo e tags, manuale di manutenzione - tutto rigorosamente in giapponese. La chitarra è splendida: peso medio accettabile, anche le meccaniche sono giuste (Schaller F repro) e sul battipenna spicca un largo adesivo "Pickups texas special USA". Impeccabile la verniciatura, la rifinitura dei tasti e la regolazione generale. Il corpo è veramente in Ontano. La scritta "Crafted in Japan" con il numero di serie dietro il manico tradisce una chitarra che altrimenti potrebbe essere tranquillamente di produzione USA. Infatti anche il ponte, che generalmente sulle Japan ha il blocco di inerzia in Zama e tutte le filettature metriche, su questa chitarra è in tutto e per tutto come se fosse made in USA: blocco in acciaio, filettature in pollici, tutte. Addirittura le sellette sono fatte meglio di quelle USA. Infatti le sellette "vintage" americane hanno le scritte "Fender" stampate in caratteri più grossi rispetto a quelle degli anni 50/60 e, da qualche anno, sono stampate nei due sensi sui bordi del foro di passaggio delle corde. Questo foro inoltre, è posizionato arretrato rispetto al punto di appoggio delle corde (e questa è la ragione per cui a tante Strato i cantini saltano: il bordo del foro taglia la corda). Queste curiose sellette Japan/USA invece sono perfette: ferro nichelato, scritte "Fender" unidirezionali e precise per carattere e dimensione, e foro centrato. Chitarra assolutamente perfetta. Il suono? Nulla da dire: è una Stratocaster di razza in tutti i sensi, e suona benissimo.

strato japan reissue 2I giapponesi si trattano bene per il loro mercato, non c'è che dire.

E io sono contento: appendo la mia '68 reissue (reissue?) nella rastrelliera, soddisfatto. Per una volta non dovrò moccolare in sanscrito per ottenere una Strato come piace a me.

Mi chiedo: sono i giapponesi che si tengono la roba buona per loro o qualcuno decide che noi ci meritiamo solo roba di qualità inferiore?

O_o

chitarre elettriche fender reissue japan 68 stratocaster
Nascondi commenti     21
Loggati per commentare

Alcune domande
di From Under [user #7913]
commento del 07/10/2005 ore 13:5
Sono andato a vedere il sito e ho alcune domande da fare. Le giapponesi che vendono da noi vengono da li? Io possiedo una Jazzmaster del 2002 e mi chiedevo se la fabbrica che la produceva era la stessa. Che relazione c'è fra questa Ishibashi e la Fender USA? Complimenti per lo strumento e per la scelta del colore!
Rispondi
Re:Alcune domande
di Massimo Panchetti [user #22]
commento del 07/10/2005 ore 14:2
le fender japan mi risulta siano prodotte dalla stessa società che fabbrica le Ibba, Ishibashi invece è il più grande rivenditore di strumenti musicali in Giappone nonchè il gestore del negozio on line della Fender Japan... li ho contattati in passato per usato e nuovo, sono favolosi per tempi di risposta e cortesia, anche se fino ad oggi non ho avuto modo di fare acquisti... comunque sto puntando da molto una thinline stupenda.Buon suono a tuttiM
Rispondi
Re:Alcune domande
di From Under [user #7913]
commento del 07/10/2005 ore 14:4
...era esattamente il modello che guardavo!
Rispondi
che dire...
di Asbel77 utente non più registrato
commento del 07/10/2005 ore 13:5
...w i palettoni e w i japponesi!E complimeti per la chitarra!-
Rispondi
e in italia?????
di oldboy1891 [user #5308]
commento del 07/10/2005 ore 15:2
ma in italia nessuno le importa queste chitarre??????Ho visto il sito,e mi sembrano chitarre addirittura sopra gli standard delle made in usa...poi a quel prezzo oggi cosa ci prendi! Solo,che da bravo scettico,non amo acquistare senza provare...se solo ci fossero negozi in italia che le vendono!!!!!!!!
Rispondi
Re:e in italia?????
di black poodle [user #1259]
commento del 07/10/2005 ore 16:0
Credo che la Fender americana proibisca alla Fender japan l'esportazione ufficiale dei modelli destinati al mercato domestico giapponese; tra l'altro, non vorrei dire una fesseria (correggetemi se sbaglio) ma mi sembra che da quando la Fender produce le chitarre in Messico, le giapponesi vengono interamente costruite in giappone (crafted in japan) mentre una volta venivano piu' che altro assemblate, con pezzi che venivano forniti dalla casamadre; i liutai giapponesi sono evidentemente piu' preparati di quelli messicani per cui l'immissione ufficiale sul mercato mondiale di fender giapponesi metterebbe in crisi la produzione messicana, considerata entry-level. So che comunque ci sono diversi negozi inglesi, credo anche italiani, che fanno delle importazioni parallele, probabilmente acquistando a loro volta proprio da Ishibashi, pero' in genere sul prezzo sdoganato ci ricaricano sopra tra i 250 e i 300 euro, rendendo giustificabile l'acquisto solo per modelli che in versione messicana non esistono o sono pietosi (tele '69 thinline, jaguar, jazzmaster, ecc.).
Rispondi
de ishibashi... leggermente OT conti della serva
di mamuele [user #4349]
commento del 08/10/2005 ore 15:1
in giappone (da ishibashi) una LP standard americana costa 179.000 yen... che al cambio odierno fanno 1298.8 euris(plurale)... supponiamo 138 euris di trasporto e... diciamo un 30% di spese tra dogana e pippe mentali statali varie... quanto fa???1298+    138= ______ 14361436 + 30% = 1866io vengo da una delle piu' belle isole d'italia la sardegna e qui una LP standard costa 2560 euris...rimango basito....un saluto dalla riviera del corallo
Rispondi
Re:e in italia?????
di D.D. [user #106]
commento del 08/10/2005 ore 21:1
Sono anchio convinto della importazione parallela dei modeli "particolari". Ho notato diversi modelli in un noto negozio vicino a Bra, incluso una Telecaster con il ponte Bigsby che si trovo solo Made in Japan.
Rispondi
69 reverse & japan vs classic
di KATA [user #172]
commento del 10/10/2005 ore 11:4
Ciao Vint ma ti chiedo , secondo te che differenza tecnica e qualitativa intercorre tra una attuale classic 70 della fender e una japan di questo tipo ?? ma sta 68 è come le vecchie Jv ? le facevano sempre i jappo no ? o meglio questa è un modello standard o una Jv ??Ho capito che hai una reissue 68 , io ho una reverse 68 c.shop parliamo della stessa cosa ? perchè io di ste hendrix style ne ho viste parecchie e anche nelle mani di Srv !! Che ne pensi di queste chitarre e come si catalogano i vari modelli nei vari anni di produzione ? Io ne vado matto .Scusa delle tante domande ma i hai mosso la " strato-libido " ;-)Ultima cosa che fine fa' la Fender si vocifera che sposta tutto in Jappone verso il 2007 è vero ? Da Ishibashi come si compra accettano il paypal ?w il jappo e scusa le tante domande spero ti facciano piacere visto che sei una autorità dell' invecchiamento stratosalutoni da PaoloKata e Matt - Gli Stratomani -
Rispondi
Re:e in italia?????
di From Under [user #7913]
commento del 10/10/2005 ore 13:5
Ho provato una '72 Telecaster Deluxe messicana ed è tutt'altro che pietosa, suona benissimo. E' il miglior esempio di Fender messicana che abbia mai sentito. Che differenza può esserci con gli altri modelli? Perché non la fanno in giappone?
Rispondi
Re:e in italia?????
di Emmanuele Burigo [user #8006]
commento del 11/10/2005 ore 17:0
Collegandomi al tuo discorso io possiedo una strato standard sunbrust made in mexico ed è una delle migliori strato che io abbia mai sentito suonare, e l'ho pagata 425¤ perché era una ex-demo, fai un po te... E allora io credo che mexico, usa, o japan dipenda molto dalla fattura della chitarra stessa, basterebbe suonarla e guardare un poco le offerte più allettanti.
Rispondi
maggiori info
di claudio_accatino [user #5580]
commento del 08/10/2005 ore 15:5
Ciao vintcorner, questo tuo articolo mi ha decisamente illuminato. Da parecchio tempo infatti sto cercando una strato hendrixiana senza spendere i soldi di una custom shop. Volevo solo chiederti un paio di info in più:- la "finitura" del maple-capping ti pare buona? - quali tasti monta il manico? - la vernice è poliuretana o nitro? - il wiring è fatto con componenti scadenti o standard? - rispetto ad una Vintage Reissue (57/62) è uno strumento molto inferiore?Grazie mille, Claudioclaudio.accatino@@@@@gmail.com
Rispondi
in generale
di aria utente non più registrato
commento del 09/10/2005 ore 11:0
per stratocaster e telecaster il giappone e' una pacchia. su ebay si trovano anche custom order a meno di 1000 USD. colori non di serie, battipenna anodizzati ma ho visto anche vernice alla nitro oltre a delle mostruosita' (una strato con paletta telecaster). Credo che il rapporto q/p sia molto buono ma continuo a pensare che le cose Made in Japan erano mediamente migliori delle Crafted in Japan. Tutti i grandi rivenditori giapponesi su ebay sono il massimo della correttezza e ho notato che hanno sempre una grandissima scelta di strumenti mancini. Questo per tele e strato. Ma per Jaguar e Jazzmaster la situazione cambia un poco. Le valutazioni piu' basse delle riedizioni USA (800/900 usd) e addirittura del vintage un po' abusato o refin mi mettono in crisi. di contro forse e' piu' sicuro trattare con un negozio giapponese che con un privato americano.a margine... perché una chitarra riverniciata o restaurata perde metà del suo valore e una ferrari gto o un mobile del 700 no?
Rispondi
Che coincidenza!!
di zabu [user #2321]
commento del 10/10/2005 ore 06:1
Veramente incredibile la coincidenza, ma da qualche mese appena mi collegavo ad internet andavo sempre a vedere il sito di ishibashi con l'idea di prendermi una '68 reissue... Hai sciolto ogni dubbio con la tua recensione!! Qualche tempo fa c'era anche una '66 in Lake Placid Blue con meccaniche e ponte dorati, sembrava veramente fatta bene, peccato che era una Limited Edition e poco dopo è stata tolta dal catalogo.
Rispondi
Aiutooo!!!ATTACCO DI GAS!!!!
di oldboy1891 [user #5308]
commento del 11/10/2005 ore 20:5
ATTACCO DI GAS!!!!!!!!!TELE RIEDIZIONE 62 JAPAN....mi sono già adoperato per contattare i simpatici giapponesi,ma come si deve fare per dogana e tasse varie?dove mi devo rivolgere?
Rispondi
occultamento spese di spedizione
di Massimo Panchetti [user #22]
commento del 18/10/2005 ore 20:1
Ciao Vintcorner, cosa hai chiesto specificamente quando dici "Chiedo ... e la possibilità dell'occultamento delle spese di spedizione dalla fattura"? volevo passare un ordine ma questa cosa non riesco a decifrarla... Grazie in anticipo per la rispostaMax
Rispondi
Re:occultamento spese di spedizione
di eternik [user #9246]
commento del 21/12/2005 ore 00:3
..mi unisco alla richiesta di info riguardo alla agevolazione sulla spedizione..   Thanx!Eric.
Rispondi
50 years of excellence
di ricomincioDaStrat [user #11048]
commento del 19/09/2006 ore 16:4
Cerco informazioni su una chitarra del tipo descritta nella prima parte dell'articolo con in più un bollino che dice 50 years of excellence, riferito ai 50 anni della Fender. Potrebbe essere una Made in Japan 1996? n. di serie V010231
Rispondi
Dinensioni Strato Japan e USA
di littlegiop [user #5312]
commento del 06/01/2007 ore 16:1
Ciao a tutti!! Incuriosito da questa discussione ho contattato anche io io simpatici Giapponesi della Ishibashi che prontamente mi hanno risposto in modo super esauriente. Alla mia richiesta di sostituire eventualmente la soft case con una custodia rigida Fender vintage mi sono sentito rispondere che le misure delle strato giapponesi sono sensibilmente differenti da quelle USA. Qualche possessore di Fender japan può confermarmi questa cosa? Grazie!! CIAO!!
Rispondi
Re:Dinensioni Strato Japan e USA
di alecb [user #7031]
commento del 06/01/2007 ore 18:2
>>> le misure delle strato giapponesi sono sensibilmente differenti da quelle USA.Le misure delle strato Japan sono perfettamente identiche alle strato originali d'epoca. Più identiche di quelle americane.Non è che non vi siete capiti, per caso? Il giapponese è una brutta bestia da tradurre ...:-)))Ciao. Lauro. Alecb.
Rispondi
Re:Dinensioni Strato Japan e USA
di joseph75 [user #6078]
commento del 14/06/2007 ore 16:5
Ciao ragazzi, ma a voi risulta che questo modello è ancora in produzione? Dove posso trovarla sul web? E' davvero fantastica!
Rispondi
Altro da leggere
Framus: Idolmaker più accessibile con la serie D
Game Of Thrones suona Fender
Gibson: conto alla rovescia per il nuovo catalogo
Noce fiammato e mogano caramellato: Phil Collen mostra la sua Jackson
Le tentazioni del Diavoletto
'The Mystical Journey of Jimmy Page's '59 Telecaster' il video animato che racconta la storia della famosa chitarra
Seguici anche su:
News
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing
Ha inizio la settimana del Namm 2019




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964