CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Corso di liuteria full immersion con Fusion School
di [user #25683] - pubblicato il

Sono un ragazzo di vent’anni e vengo da Bergamo, quest’estate mi sono diplomato e come regalo di maturità ho deciso di informarmi in rete per frequentare un corso che mi portasse a realizzare una chitarra interamente con le mie mani. Dopo svariarte ricerche ho trovato il corso offerto da Fusion School di Roma che prevedeva un’intera settimana dedicata alla costruzione di una chitarra elettrica, acustica o classica, di forma e specifiche originali per un costo di 2200 euro.

Incuriosito dall’offerta ho contatto uno dei maestri della scuola, Leonardo Petrucci che, a differenza di altri liutai che proponevano corsi simili, mi è sembrato subito una persona competente e disponibilissima. Decido di iscrivermi, includendo anche la prenotazione in un Bed & Breakfast a cinquanta metri dal laboratorio suggeritomi da Leonardo, e dopo qualche settimana mi reco a Roma. Il laboratorio dove si sono tenuti i corsi era in via Riccardo Grazioli Lante, a pochi passi dalla fermata della metropolitana A Ottaviano, e non è stato difficle trovarlo. Appena arrivato sono stato accolto dai due maestri, Franco di Filippo e Leonardo Petrucci, e dall’altro corsista, Stefano. Dopo una rapida occhiata al laboratorio e dopo aver scattato qualche foto tipo turista nipponico, mi sono subito messo al lavoro.
Come prima cosa insieme al mio maestro, Franco, abbiano stabilito l’iter del lavoro che andava fatto e poi via, al lavoro! Franco, il mio maestro, mi ha seguito passo per passo con manicale precisione per tutta la durata del corso, fornendo consigli e offrendosi per un servizio assistenza remoto nel periodo post corso. Va fatto un piccolo accenno ai due maestri dato che esercitano questa professione da 35 anni, portandosi dietro un’esperienza davvero notevole e con ciò anche un notevole giro di clientela, sintomo della loro competenza e professionalità.
Franco di Filippo è il fondatore di Douglas Guitar che, in pochi anni a cavallo tra gli anni '80 e i '90, ha prodotto circa 4cento esemplari interamente fatti a mano. Leonardo Petrucci è specializzato in intarsi, costruzione solid body, acustiche, restauro di strumenti musicali antichi. Ma passiamo alla suddivisione giornaliera del mio corso.

Giorno 1: Come primo lavoro ho eseguito i tagli dei tasti sulla tastiera, disegnato e sgrossato la forma del body, creato lo scasso per il truss-rod, tagliata e incollata la paletta.
Giorno 2: Incollato la tastiera al manico, bombato il corpo, creato il radius alla tastiera, sagomato la paletta e la campana del copri truss-rod.
Giorno 3: Sgrossato e rifinito il manico, montati i dot di abalone e frettata la tastiera, carteggiato il body.
Giorno 4: Acquisto dell’hardware, messa a punto dell’elettronica, carteggiatura del manico e del corpo e successiva stesura del fondo di poliuretanica sul body e di gommalacca sul manico.
Giorno 5: Set up completo dello strumento e suonatina.

Va sottolineato che la tastiera, il manico, il copri paletta e il corpo sono stati ricavati dal sottoscritto da pezzi grezzi di legno e non da semilavorati.
Con il sudore della fronte, fiacche sulle dita, qualche errore dovuto alla mia inesperienza (subito corretto da Franco), ma soprattutto senza nessuna conoscenza di falegnameria il risultato è il seguente: corpo in samba (legno africano, chiaro e facilissimo da lavorare, con timbriche brillanti), tastiera e copripaletta in palissandro indiano, manico in mogano okumè con finitura a gommalacca (con una fantastica marezzatura su tutta la sua lunghezza), copri vite in acero, dot in abalone, meccaniche dorate grover mini rotomatics, ponte Tune O Matic e cordiera Gotoh dorati, pickup Di Marzio PAF vintage originali, toggle switch stile Gibson, manopole bell knob, controlli volume e tono. Il costo di alcune meccaniche e dei pickup è stato sostenuto dal sottoscritto, poiché quelle offerte dalla corso non erano di mio gradimento, seppur di buona qualità. Nonostante questo, va detto che Franco è stato disponibilissimo ad accompagnarmi in un negozio per comprare le parti di mia scelta, ottenendo anche un po’ di sconto.
Devo dire che quando ho attaccato la mia creatura all’amplificatore presente in laboratorio mi stavo per mettere a piangere dalla gioia! La soddisfazione era davvero immensa! Quindi consiglio a tutti di visitare la pagina internet di Fusion School e magari fare una chiamata o un salto al loro laboratorio. Tenete presente che non è l’unica formula di corso che viene offerta, inoltre un'altra iniziativa interessante proposta dalla scuola è quella relativa a un corso full immersion di liuteria all’Isola del Giglio in Toscana durante il periodo estivo. Così almeno si possono alternare le fatiche del lavoro alla tranquillità di un bel bagno in mare. Tra l'altro, a Novembre saranno anche al Second Hand.

eventi
Link utili
Fusion School
Foto Isola del Giglio 2008
Mostra commenti     16
Altro da leggere
La settimana di ACCORDO.IT per Milano Music Week
Milano Music Week: il gran finale di domenica 25
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Milano Music Week: il programma di sabato 24
Luca De Gennaro Incontra Beatrice Antolini a Music Show Milano
Milano Music Week: cosa vedere venerdì 23
Seguici anche su:
News
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe chitarre!"
La storia del delay
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive




Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964