CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Tremate, le nuove pantere…son tornate?

di [user #18572] - pubblicato il

Studenti in piazza, tafferugli nel centro di Roma. Berlusconi: andate a studiare.

 "Fermatevi" o "lo chiederemo paralizzando il paese con le nostre iniziative". Con questo grido di battaglia studenti, ricercatori e dottorandi hanno organizzato in tutte le città italiane cortei spontanei che hanno lo scopo di bloccare traffico e attività per protestare contro la riforma della Gelmini. Un giorno di caos per far sentire la loro voce e chiedere ancora una volta al Parlamento una diversa organizzazione dell'Università italiana. Non sono mancati gli incidenti durante i cortei in numerose città.

P.S: Ed il discorso riguarda tutti voi giovani, il vostro...insicuro futuro, anche quello artistico ovviamente, perchè l'arte, nelle sue forme, ha sempre poco interessato chi..."muove i fili".

P.P.S.: e, tanto per rimanerte in tema "artistico", anche oggi è crollato un muro a Pompei!

Dello stesso autore
C'è chi potrebbe....farsi idee strane.
C’è chi ne usa 3, chi 4 e chi 5
Ponte Fender, una curiosa cura contro i cigolii delle molle
Buon 2011 a tutti e…
È venuto a trovarci Gibsonmaniac
Se Gesù fosse nato ai tempi di google e di Facebook?
Per arricchire di Blues il vostro albero della vita
I miei auguri? La Vita è un libro con una scala di Blues …
Loggati per commentare

singolare che le rovine del nostro illustre ...
di hivez [user #9272]
commento del 30/11/2010 ore 17:3
singolare che le rovine del nostro illustre passato siano in sintonia con i tempi.. qualcuno potrebbe pensare ad un "segno".. e me lo auguro!
Rispondi
Re: singolare che le rovine del nostro illustre ...
di saketman2 [user #18572]
commento del 01/12/2010 ore 00:0
Eh si Hivez...è proprio un segno...più che evidente:))
Rispondi
Tanti auguri
di Martinez53 [user #23272]
commento del 30/11/2010 ore 17:3
Era maggio 1968, scendemmo in strada per incominciare quello che è stato il più grande movimento giovanile degli ultimi decenni, quello chiamato comunemente il "68". Eravamo giovani e volevamo cambiare il mondo, non ci siamo riusciti. Altri giovani dopo di noi hanno tentato di cambiare il mondo senza riuscirci. O forse no, qualcosa l'abbiamo cambiato noi e quelli che sono venuti dopo di noi, poche cose in confronto a quelli che erano i nostri grandi ideali ma certo, se quel giorno di maggio di più di quarant'anni fa noi, fossimo rimasti a casa a dormire o a scuola, credo che oggi sarebbe peggio. Auguri ragazzi. Aldo
Rispondi
Re: Tanti auguri
di saketman2 [user #18572]
commento del 01/12/2010 ore 00:1
Aldo noi del '53 abbiamo vissuto in pieno la "meteora" di quegli anni:)) Anch'io mi sono ritrovato a pensare che forse molto di quegli anni e delle "conquiste" fossero andate perse... Poi ho visto, a metà degli anni '80, nascere questi gruppi di "pantere". Un qualche cosa di diverso dai nostri tempi ma con lo stesso fervore e voglia di "costruire" e mettere in discussione .... Ma poi. tutto si è assopito... Ora spero che questa nuova "forza di formazione e di sviluppo lavorativo" del nostro Paese sia testarda come lo siamo stati noi e che magari...riesca a far andare avanti per un po' le conquiste che spero riusciranno ad ottenere:))
Rispondi
...e qui è tutto paralizzato perchè Maroni ...
di gaveyn utente non più registrato
commento del 30/11/2010 ore 18:0
...e qui è tutto paralizzato perchè Maroni ha mandato l'esercito... se gli studenti sono così pericolosi da scomodare i carriarmati vuol dire che la rivoluzione finalmente è arrivata. ... e se non è arrivata ce la stanno facendo arrivare questi arroganti buffoni allo pseudo-potere
Rispondi
Re: ...e qui è tutto paralizzato perchè Maroni ...
di saketman2 [user #18572]
commento del 01/12/2010 ore 00:3
Eh si Gaveyn hai ragione...speriamo adesso che non si parli di "azioni" da parte di questi ragazzi che mirino a destabilizzare l'Italia e la sua Economia di fronte al Mondo... Sai...potrei anche aspettarmela una reazione di Potere alla... "scarica barili" così:))
Rispondi
La situazione è seria.
di aPhoenix90 [user #22026]
commento del 30/11/2010 ore 18:1
I problemi sono tanti. Troppi. E non si risolvono certo paralizzando il traffico, anzi. Sì perché (purtroppo) la gente che non è più (o non lo è mai stata) dentro il mondo universitario, quando deve prendere l'autobus, il treno, ecc.. o deve anche solo percorrere un tratto di strada in macchina e si trova di fronte a un corteo disordinato di gente arrabbiata pensa solo a una cosa: «questi, giovani.. fanno così solo perché non hanno voglia di studiare.» Oppure, nel caso dei professori: «non hanno voglia di lavorare, e quindi fa bene la Gelmini a "tagliare"». Il problema nel problema è riuscire a far capire alla gente che l'Università Italiana è un SERVIZIO PUBBLICO, alla pari dell'autobus o della Mutua. Questo significa che CHIUNQUE e ripeto CHIUNQUE ha il diritto di assistere a una lezione accademica (che siano i nostri genitori, i nostri nonni, il fruttivendolo, e così via). Certo se non sei iscritto non puoi dare esami (ovvio), ma potenzialmente puoi assistere a qualsiasi lezione. Per questo l'idea era (dalle nostre parti almeno) di andare al mercato e dare appuntamento alla gente (qualsiasi) a lezione. Oppure di andare a fare lezione in piazza, dove i passanti (tutti) potrebbero fermarsi ad ascoltare la lezione. Sono solo idee (per ora), ma forse così facendo si accresce molto più concretamente la consapevolezza del termine "pubblico" accanto a quello di Università. I "professionisti della rivolta", quelli armati fino ai denti, servono solo a peggiorare le cose, perché agli occhi dell'opinione pubblica appare vergognosa la rivolta selvaggia (che peraltro questa è realmente vergognosa in un paese civile) piuttosto che la situazione (che pure questa è realmente vergognosa per un paese civile) e non se ne esce più. I professori, ricercatori e gli studenti non manifestano tanto per manifestare (tanto per far baldoria), ma si battono per garantire che questo servizio rimanga alla portata di TUTTI (cfr art. 34 della Costituzione). Il Sistema va riformato, perché va riformato. Ma tagliare in modo vergognoso i fondi alla Cultura, alla Ricerca, e tutte le boiate non mi sembra che vadano in direzione di una "riforma", sembrano più che altro una palla di cannone sparata nel già esile Sistema. Un saluto :) Andrea.
Rispondi
Re: La situazione è seria.
di saketman2 [user #18572]
commento del 01/12/2010 ore 00:0
Si Andrea hai ragione :"Il Sistema va riformato, perché va riformato" Sai purtroppo solo "paralizzano " determinate branchie della nostra società si riesce a farsi ascoltare, altrimenti, con lo...scusi ma...non si ottiene nulla. Purtroppo c'è sempre chi dell'informazione, non ne fa una professione ma una speculazione ed una snaturalizzazione. Mi riferisco ai molti servizi di informazione "deviati"... Anche nell'Arte, e la musica ne è un esempio, si cerca di tagliare moltissimo, perchè la si reputa...non produttiva.
Rispondi
Se poi qualcuno in mezzo alle riprese degli ...
di Oliver [user #910]
commento del 30/11/2010 ore 18:2
Se poi qualcuno in mezzo alle riprese degli studenti che manifestano ci mette anche degli spezzoni dei tafferugli tra poliziotti e cittadini de L'Aquila... Ma sarà stato sicuramente un errore, niente di voluto. Non c'è dubbio. Siamo per l'amore, mica per accendere gli animi, no?
Rispondi
Re: Se poi qualcuno in mezzo alle riprese degli ...
di aPhoenix90 [user #22026]
commento del 30/11/2010 ore 18:4
Sarà stato sicuramente un errore accidentale :) Sai... con tutte quelle registrazioni, che sembrano tutte uguali, a volte si fa un po' di confusione... :)
Rispondi
Re: Se poi qualcuno in mezzo alle riprese degli ...
di saketman2 [user #18572]
commento del 30/11/2010 ore 19:4
Ciao, io ho trovato questi video. Alcuni sono Ansa, altri Tiscali,molti privati su You Tube ed altri ancora di emittenti locali di Pisa: vai al link Ansa: vai al link A Palermo: vai al link A Pisa: vai al link vai al link
Rispondi
Re: Se poi qualcuno in mezzo alle riprese degli ...
di Oliver [user #910]
commento del 30/11/2010 ore 20:2
Non parlavo mica di te :) Parlavo del TG1.
Rispondi
Re: Se poi qualcuno in mezzo alle riprese degli ...
di saketman2 [user #18572]
commento del 30/11/2010 ore 20:3
O.K. Oliver:)) Sai nel dubbio...non volevo che Tiscali, alla quale mi riferivo nel mio post, avesse messo dei video "tarocchi" di quel tipo. Molto bello invece il video esplicativo trasmesso dall'emittente locale di Pisa! Il problema comunque, per noi che abbiamo figli, merita attenzione sviscerandolo e parlandone con loro anche nelle nostre mura domestiche:))
Rispondi
Re: Se poi qualcuno in mezzo alle riprese degli ...
di Oliver [user #910]
commento del 30/11/2010 ore 21:0
E' l'argomento principale, da un po' di tempo. Anche gli insegnanti lo sentono (a livello di scuole superiori sicuramente, da quello che sento), ma pare che troppi decenni di "bambagia" nell'oasi felice del posto statale li abbiano resi sostanzialmente... storditi. Dovrebbero ribellarsi con forza, invece... Chissà perchè le scuole private invece riescono a farsi ridurre i tagli. D'altra parte, con un ministro (tzk...) che minaccia, con dovizia di particolari tecnici (mi riferisco alla circolare ministeriale che non sarebbe dovuta trapelare, ma...), ritorsioni sui presidi che criticano le sue geniali scemenze, che vuoi fare? Siamo nell'Italia che taglia l'80% del finanziamento alla ricerca, quella VERA, ma non si sogna nemmeno di toccare l'8 per mille. O di far pagare l'ICI alle attività commerciali (sottolineo commerciali, non di carità) della Chiesa. Viva l'ignoranza e il bigottismo, entrambi perfettamente rappresentati nel nostro imbarazzante Parlamento.
Rispondi
Re: Se poi qualcuno in mezzo alle riprese degli ...
di saketman2 [user #18572]
commento del 30/11/2010 ore 21:5
Hai ragione, i tagli alla Ricerca e alla cultura poi rivelano quanto sia arretrato il termine di valutazione dei nostri politici rispetto alla collocazione del paese Italia all'interno della Comunità Europea. Le Scuole private, si sa, in Italia godono di un trattamennto di riguardo....forse perchè da chi ci governa sono "maggiormente" considerate Imprese. Poi si continua a gettare "infamia" sul personale Docente della Scuola Pubblica....non fosse altro che per casi minoritari di parassitismo lavorativo. Mia figlia ques'anno parteciperà al Programma Comenius (un piccolo Erasmus per gli studenti dei Licei) e proverà cosa vuol dire studiare, anche solo per 15 giorni, in una Scuola Scandinava. Sicuramente sarà per lei interessante, come spero lo sarà per la ragazza Scandinava che ospiteremo... Ecco. questo Progetto Comenius, per esempio, lo trovo interessantissimo per la formazione di questi ragazzi, ma anche lui a rischio futuro per i sempre minori fondi messi a disposizione della Scuola Pubblica.
Rispondi
Re: Se poi qualcuno in mezzo alle riprese degli ...
di Desi [user #16241]
commento del 30/11/2010 ore 22:1
La ragazza Scandinava,starà benissimo in casa Saket,se ho intuito che persona sei..... non è un complimento gratuito non voglio grazie. Piuttosto,(anche se mi chiedo sempre se sia il caso di parlarne su accordo) sarebbe da approfondire in generale il discorso dei tagli sulla Scuola sulla sanità sulle pensioni,sui servizi in generale, sul sostegno alle famiglie,...se vuoi un esempio personale ce l'avrei fresco fresco ma non è il caso,ci siamo capiti....no?..Ciao e grazie .Desi-desiking.
Rispondi
Re: Se poi qualcuno in mezzo alle riprese degli ...
di saketman2 [user #18572]
commento del 30/11/2010 ore 23:1
Ciao DesiKing:)) Sai, dopotutto mi è sembrato molto attuale proporre una discussione su questi ferventi momenti che i ragazzi e ...non solo loro, vivono. Mi sono detto: o.K. la maggior parte degli Accordiani (specialmente le nuove leve) ha un'età compresa tra i 15 ed i 25 anni, quindi in perfetto asse con le tematiche lavorative per il loro futuro. E poi...le chitarre, bisognerà pur comprarle, non ce le regalano mica:)) E ...se il lavoro e la ricerca, fa acqua da tutte le parti, un ragazzo di oggi, può autonomamente, costruirsi un suo futuro e magari dedicarsi ad una passione artistica senza che questa sia vista come "non voler far niente"? Oggi, ma direi anche da ieri, la "coperta" pubblica, va stretta da tutte le parti... E dopotutto parlarne ed esprimerci con i nostri pareri a riguardo, anche per esempio con i tagli per l'arte e tutte le professioni che si affacciano in questo settore anche musicale, penso che sia importante come ho sentito dire anche in recenti convegni su queste pagine. Forse che sia arrivato il momento di...farsi sentire? P.S.:" Forse che sia arrivato il momento di...farsi sentire?" E' riferito al titolo di questo post. Le Pantere , per quello che mi ricordo, sono state forse l'ultimo fenomeno di ribellione studentesca-lavoratrice ( a metà degli anni '80) che hanno smosso, seppur temporaneamente le acque, e cercato di rimettere in discussione i Diritti della formazione lavorativa. Comunque hai ragione , di acqua in pentola e di problemi, ce ne sono molti:))
Rispondi
Re: Se poi qualcuno in mezzo alle riprese degli ...
di Desi [user #16241]
commento del 01/12/2010 ore 17:1
Mi resta solo un po' di amaro in bocca perchè per esempio le pantere per chi se lo ricorda sono finite per essere classificate,come i "ragazzi dell' ottantacinque e i ragazzi dell'ottantasei "....anche tu una vespa un casco e via"......nonostante si sia capito da che parte stò,preferisco che ci ragionino un pò sù,,sono il primo a dire che bisogna ESSERCI però ci vuole la concretezza,,,anche se alla fine....sono ragazzi ed è giusto e bello che si entusismino. Per il resto sono d'accordo con te,anche se è dal "92 che ripeto che stiamo cadendo (anzi ormai ci siamo "in una dittatura morbida)dove ormai la potenza della TV ci pilota le opinioni.
Rispondi
Re: Se poi qualcuno in mezzo alle riprese degli ...
di gaveyn utente non più registrato
commento del 01/12/2010 ore 10:3
per non parlare dell'esercito (che tanto fa arrazzare La Russa a solo sentirlo nominare...): schierarlo qui a Roma a bloccare tutto il centro storico mi sembra un chiaro modo di dare ad intendere alla gente che non solo gli studenti che protestato rompono più che altro le palle bloccando mezza città (più di quella che avrebbero però bloccato senza esercito...) ma pure che sono potenziali pseudo-terroristi attentatori dfella vita "civile"... (per non parlare dell'annuncio addietro di Maroni, circa i Serbi infiltrati al corteo della Fiom...) tattiche propagandistiche da terzo mondo, ma sempre efficaci e infatti questa militarizzazione dell'Italia che tanto piace a questi qua, e che la gente spesso applaude contenta come ragazzini deficienti, quasi si fosse ad una sfilata di soldatini, fa tanto pensare alle esibizioni da dittature da terzo mondo
Rispondi
Re: Se poi qualcuno in mezzo alle riprese degli ...
di Oliver [user #910]
commento del 01/12/2010 ore 10:4
E' questo che mi lascia allibito e mi preoccupa veramente. E l'esercito viene usato anche per presidiare le zone in cui la criminalità organizzata la fa da padrona. Oltre ad essere una esplicita ammissione di incapacità dello Stato (per queste cose abbiamo Polizia e Carabinieri, facciamo piuttosto in modo che possano lavorare come si deve loro), l'utilizzo dell'esercito in funzioni di pubblica sicurezza è roba da stato di emergenza! Solo qualche decina di anni fa ci sarebbe stata una rivolta in Parlamento per scelte simili, invece... tutti zitti e buoni. Cittadini compresi. Ma allora ce lo meritiamo davvero?
Rispondi
Re: Se poi qualcuno in mezzo alle riprese degli ...
di gaveyn utente non più registrato
commento del 01/12/2010 ore 11:0
francamente non penso che ce lo meritiamo... è che il qualunquismo passivo della gente, che si anima solo quando gli toccano l'orticello personale, va in c..o a tutti, indiscriminatamente. infatti non mi sento più gran che tollerante (che già "tollerare" è un verbo con una certa accezione negativa) più che altro mi domando se sia effettivamente qualunquismo da ritardati, quello della gente, e non piuttosto un modo di pensare diffuso dell'italiano medio che dopo gli ultimi secoli, di cui parlava Monicelli in quell'intervista, è diventato un'abitudine: un approccio tribalmente "mafioso" alle relazioni sociali, sia interpersonali che istituzionali .. che poi in effetti sempre infantile demenza masochistica è...
Rispondi
le principali tratte ferroviarie toscane sono ...
di SteveRV [user #14271]
commento del 30/11/2010 ore 19:4
le principali tratte ferroviarie toscane sono state bloccate dalle 12 alle 17, per i binari bloccati a pisa centrale, dopo l'occupazione della torre, dell'aereoporto, della normale e di tutte le facoltà, il mondo studentesco non si ferma perchè la voglia di studiare c'è ma qui è in gioco il nostro futuro
Rispondi
Re: le principali tratte ferroviarie toscane sono ...
di saketman2 [user #18572]
commento del 30/11/2010 ore 23:2
Ciao SteveRV:)) Hai ragione, ho sentito che i blocchi sono poi continuati in serata. Dopotutto forse, anche se scomodo, penso che sia l'unico modo da fare che abbiano questi ragazzi e neo laureati che si affacciano nel mondo del lavoro, per "farsi sentire" altrimenti...se non si creano "disagi" nessuno " se li fila" :)) A proposito allego anche a te i link delle manifestazioni Pisane: A Pisa: vai al link vai al link
Rispondi
finalmente qualcuno che s'incazza !
di stefano58 [user #23807]
commento del 30/11/2010 ore 19:5
finalmente qualcuno che s'incazza !
Rispondi
Re: finalmente qualcuno che s'incazza !
di saketman2 [user #18572]
commento del 30/11/2010 ore 23:2
Proprio così Stefano:)) In italia, l'unico modo per farsi ascoltare...penso che sia solo questo.
Rispondi
Peccato che in mezzo a chi manifesta per ...
di xstrings utente non più registrato
commento del 30/11/2010 ore 20:5
Peccato che in mezzo a chi manifesta per difendere i propri ideali ci siano dei deficienti che stanno lì solo ed esclusivamente per creare casino, tafferugli e vandalismi.
Rispondi
Re: Peccato che in mezzo a chi manifesta per ...
di Oliver [user #910]
commento del 30/11/2010 ore 21:1
Già. Gli imbecilli ci sono sempre, purtroppo. Poi, anche nel caso non ci fossero, si rimedia lo stesso. La volta scorsa, in Piazza Navona a Roma (2008) ci ha pensato un gruppetto guidato da un tizio che parlava con i poliziotti come se lo conoscessero benissimo, a momenti dava anche indicazioni che sembravano proprio ordini, tanto che quando sono poi saliti tutti su un cellulare, lui è salito per ultimo, preceduto (preceduto!) da un poliziotto in divisa. Su Youtube si vede da diverse angolazioni, c'è poco da fare. vai al link E se qualcuno avesse avuto dei dubbi, li ha chiariti tutti Cossiga, con le sue dichiarazioni.
Rispondi
Re: Peccato che in mezzo a chi manifesta per ...
di xstrings utente non più registrato
commento del 30/11/2010 ore 21:1
Che vergogna...
Rispondi
E' ora di
di Desi [user #16241]
commento del 30/11/2010 ore 21:5
Bella,sak,,vogliono farci credere l'incredibilr ,magari mettendoci gli infiltrati,poi ci scapperà qualche altra vittima innocente,,che verrà accusata di aver minacciato i poliziotti (ARMATI !!!) e l'attenzione dei VelinistiGrandefratellistiTGquattristi.....verrà spostata su qualcos'altro e la verità deformata,poi speculando su qualche fatto di cronaca (preferibilmente tragico) ci distrarranno (e magari ci scapperà anche una bella leggina a "loro" favore o a nostra "sodomizzazione"(per essere delicato) P.S. Dai Ragazzi non mollate!!!!!!
Rispondi
Re: E' ora di
di saketman2 [user #18572]
commento del 30/11/2010 ore 23:2
Proprio così Desiking...ma speriamo vivamente di no. In italia l'arte del "depistaggio" è floridissima. Ho notato che Oliver si è accorto di uno dei tanti episodi di "violenza manovrata ed indotta".
Rispondi
Tristezza
di jebstuart [user #19455]
commento del 30/11/2010 ore 22:0
Sul Decreto Gelmini non dirò nulla. Sapete che lavoro nell'Università e potete farvi un'idea di cosa rappresenti per me questa storia. Alzo invece un grido di dolore per la nostra Pompei, vittima, dopo duemila anni, di una nuova eruzione. Quella della stupida disonestà, questa volta.
Rispondi
Re: Tristezza
di saketman2 [user #18572]
commento del 30/11/2010 ore 23:3
Si Jeb Pompei è proprio l'esempio tangibile di come i fondi dastinati all' Arte si siano volatilizzati. Mi viene in mente l'intervista fatta poco tempo fa a Mario Monicelli proprio sul futuro dell'Arte in Italia e sulle sue future prospettive. Inutile dirti che Monicelli, in quella occasione, non ebbe peli sulla lingua:)) .
Rispondi
Senza dubbio
di CHARLIE [user #1047]
commento del 30/11/2010 ore 23:2
la parte migliore della nostra società
Rispondi
Re: Senza dubbio
di saketman2 [user #18572]
commento del 01/12/2010 ore 00:3
Quella che...vuole farsi giustamente sentire:))
Rispondi
prego chiunque critichi i movimenti di ...
di luigi_ego [user #24803]
commento del 01/12/2010 ore 00:1
prego chiunque critichi i movimenti di protesta di trovare un alternativa valida ps: inchinarsi a 90° e farselo mettere in quel posto ancora una volta non è un' alternativa ;)
Rispondi
Re: prego chiunque critichi i movimenti di ...
di saketman2 [user #18572]
commento del 01/12/2010 ore 00:3
Hai ragione Luigi :))
Rispondi
Sono convinto.......
di bernablues [user #16917]
commento del 01/12/2010 ore 07:2
Che i Giovani ci salveranno.......
Rispondi
Re: Sono convinto.......
di saketman2 [user #18572]
commento del 01/12/2010 ore 09:5
Spero proprio Berna che tu l'abbia vista giusta :)) Altrimenti...non ci resta che piangere.
Rispondi
questione di prassi.
di Drive71 [user #18611]
commento del 01/12/2010 ore 09:3
Tutti i regimi reprimono le contestazioni con la violenza. Il nostro non fa eccezzione!
Rispondi
Re: questione di prassi.
di saketman2 [user #18572]
commento del 01/12/2010 ore 16:5
Si e purtroppo è sempre più diffuso il "modello" che: chiedere voglia dire dubitare della buonafede di chi ti governa. E, la cosa peggiore sta nel fatto che la maggior parte delle persone preferiscono sempre più ingoiare la pillola senza domandarsi il perchè! Meno male che non tutti sono passivi:))
Rispondi
Se questo è lunico modo di farsi sentire,
di gratta [user #13442]
commento del 01/12/2010 ore 09:3
ben vengano i cortei e le manifestazioni di protesta, che il paese si renda conto dove stiamo andando a finire, la situazione per chi lavora nella cultura e nell'arte è davvero drammatica, oltre alla fuga dei cervelli stiamo assistendo anche alla fuga degli artisti, che è una cosa ugualmente tragica e segno di degrado sociale. Se poi succedono tafferugli e scontri con incidenti beh..... .....è il prezzo da pagare.
Rispondi
Re: Se questo è lunico modo di farsi sentire,
di saketman2 [user #18572]
commento del 01/12/2010 ore 16:5
Hai la mia approvazione! Lo so che forse non è la cosa migliore da dire però per ottenere qualche "conquista" c'è sempre stato chi si è messo in gioco in prima persona e molte volte ci ha anche rimesso. A proposito di Arte...c'è su You Tube una breve ma intensa intervista a Mario Monicelli alla rassegna di Venezia dell'anno scorso. E' molto interessante riguardo al "plagio" mediatico che è in atto: vai al link
Rispondi
Re: Se questo è lunico modo di farsi sentire,
di gratta [user #13442]
commento del 02/12/2010 ore 07:0
Molto interessante davvero, era un uomo che ci vedeva lungo e ancora molto lucido nonostante l'età. La mancanza di questi "pilastri" si sente soprattutto nei momentii di crisi sociale e di creatività. Ancora saluto a quello che prima di tutto è stato un grande uomo.
Rispondi
Io mi sono informato: per il 90% la riforma ...
di ultrariky [user #23869]
commento del 01/12/2010 ore 10:1
Io mi sono informato: per il 90% la riforma non è buona. Ma quanti, in piazza o sui tetti, sanno davvero che c'è scritto? quanti, invece di informarsi, si fidano di quello che gli ha detto l'amico a cui è arrivata voce vagamente del contenuto della riforma? ci sono cose assurde nella riforma, tipo che a cepu vanno gli stessi fondi di altre università (sennò gente come gasparri come avrebbe potuto laurearsi in scienze delle merendine???), ma anche cose il cui intento non è poi molto sbagliato, ad esempio non essere ricercatore a vita; poi apriamo una parentesi sulla parola "ricerca" e su quella "ricercatore": da me ad economia alla Sapienza ci sono professori di materie giuridiche che sono più giovani di alcuni loro assistenti e ricercatori, poiché questi non farebbero mai il concorso per diventare professori a 65 anni per ovvi motivi; ci sono professori che hanno assistenti e ricercatori a decine che spesso hanno una sola utilità, portare l'acqua al prof mentre spiega; ci sono ricercatori che insomma non fanno ricerca, ma vogliono solo un lavoro stabile, e finché il prof assicura loro il dottorato di ricerca e li mette sotto la sua ala protettiva vanno avanti, anche fino ai 60 anni, senza lasciare, molto spesso, spazio a chi segue e mi rattrista vedere che per le materie giuridiche questo è sempre più frequente. Ci sono cose sbagliatissime nella riforma, il fatto di farla gestire a soggeti (manager esterni) che spesso neanche hanno mai visto un bilancio di un'università e non conoscono la realtà che amministrano ne è la riprova; ma parliamo di cose serie, non solo del "è giusto protestare perchè nel '68 lo facevamo anche noi ed è bello che sia così anche oggi"; parlare di un problema vuol dire discuterne, non parlare per assoluti e basta, come fanno i giornali e purtroppo anche alcuni qui presenti.
Rispondi
Re: Io mi sono informato: per il 90% la riforma ...
di Oliver [user #910]
commento del 01/12/2010 ore 11:1
E' statisticamente impossibile che una riforma sia sbagliata al 100%. Qualcosa di giusto ci scappa anche solo per sbaglio, anche se un compito così importante viene affidato a dei completi incompetenti che non sono nemmeno in grado di comprendere ciò che i consulenti (quelli sì che sono esperti, il più delle volte) tentano invano di fare capire. Se una riforma è criticabile al 20%, ci sta. Al 40% è discutibile. Al 50% è imbarazzante. Al 90% è solo un'altro dei numeri da circo (ma non si parla di acrobati: di clown) di quello che è diventato il "paese del bunga bunga". Nessuno sostiene che la scuola vada bene così com'è (cazzarola, ho 47 anni e da che ho memoria si parla di riforma... possibile?), nessuno immagina che non ci siano "imboscati" o fannulloni, raccomandati o disonesti. Ne sono infarciti i ministeri, ne è zeppo il Parlamento, di che ci dovremmo stupire? Ma c'è un sacco di gente che sa e vuole lavorare, sia tra i docenti, sia tra gli studenti. E noi ci stiamo perdendo il meglio di entrambe le categorie. E' di ieri la notizia secondo la quale i soli brevetti prodotti dai cervelli italiani fuggiti all'estero ammonterebbero a circa 4 milioni di euro. Soldi che abbiamo buttato nel cesso. Erano parte di una risorsa di questo Stato. Che toglie soldi alla scuola pubblica e alla ricerca (come per il 5 per mille), ma non alla scuola privata o alla Chiesa. Riguardo all'ignoranza diffusa sui contenuti della riforma, e delle azioni di governo in generale, chi dovremmo ringraziare? Chi lavora nella scuola e nell'università, sa. E gli studenti, anche i giovani dei primi anni delle scuole superiori, sanno. Lo vedo tutti i giorni con i miei figli. Quello che i politicanti non sanno, perchè sono VECCHI (VECCHI, VECCHI, VECCHI, VECCHI, cento volte), è che i giovani sono più avanti delle loro ottusità e rigidità mentali. Sono svegli, attivi e non passivi come loro vorrebbero. Sanno come informarsi COMUNQUE e, soprattutto, VOGLIONO informarsi. E non si accontentano di quattro ciance sparate da un TG1. Se aspettiamo che venga Minzolini a spiegarci le cose importanti, invece di fare i servizi sulla moda o sulla cucina, stiamo freschi. E comunque, non sottovalutiamo troppo la gente. Moltissimi ne sanno molto più di quello che si crede. O che si vorrebbe sapessero.
Rispondi
Re: Io mi sono informato: per il 90% la riforma ...
di ultrariky [user #23869]
commento del 01/12/2010 ore 12:1
Ti assicuro, perchè lo vivo in prima persona più di quanto tu lo faccia con i tuoi figli, che i ragazzi non sono informati, per niente te lo assicuro, lo giuro su tutto ciò che ho di più caro (anche la chitarra, anche se una squier). Nessuno sa nulla perchè a nessuno importa nulla ed è questa la cosa più grave. Sì, i politicanti sono vecchi e ignoranti hai perfettamente ragione, ma neanche si può dire che tutti i ragazzi sono bravi e informati, c'è anche chi per partito preso è contro o a favore della riforma, c'è chi come me se ne sta all'università o a casa a studiare, perché domani ha una presentazione di una tesina in Economia e Gestione della Banca e tra due settimane ha l'esame che probabilmente deciderà che fare dopo la laurea, ma non per questo sono come dice Berlusconi un bravo studente o cmq migliore di quanto non sia chi sta in piazza. Io critico chi parla senza cognizione di causa, perchè se siamo un paese immobile è anche per colpa di chi parla o scende/non scende in piazza senza sapere per cosa davvero sta lottanto/non lottando. Il problema non è la riforma della scuola, il problema è sistemico in un paese in cui il garantismo è entrato a far parte dell'ideologia dei politici che votiamo e ce la vendono come una conquista... Insomma non è giusto parlare per assoluti, si cadrebbe in illogiche e non giustificate conclusioni che ci rendono più stolti che mai.
Rispondi
Re: Io mi sono informato: per il 90% la riforma ...
di Oliver [user #910]
commento del 01/12/2010 ore 13:3
Evidentemente la situazione non è uniforme in tutta l'Italia, perchè mi è già successo di sentire quello che dici tu. Forse dove vivo io c'è una maggiore partecipazione. A parte questo, secondo me il problema è proprio che non si scende più in piazza. Queste manifestazioni sono poca cosa, tutto sommato, e vengono ulteriormente minimizzate da un'informazione attentamente manipolata. La situazione attuale, dalla scuola al lavoro, dalla corruzione all'illegalità, è tremendamente grave. Sono basito, venti o trent'anni fa si sarebbero fatte le barricate, scioperi generali a oltranza, il governo (non ha alcuna importanza di che colore) sarebbe stato COSTRETTO a discutere. Adesso invece gli unici argomenti che possono influenzare le scelte politiche sono le rivelazioni sulle proprietà immobiliari, le tendenze sessuali, i ricatti o i linciaggi mediatici ai quali nessu politico pare poter sfuggire.
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Nux Monterey vibe: piccolo formato e grande suono
Dave Rude ed Epiphone per una Flying V total white
Ligabue da oggi disponibile il nuovo singolo "Polvere di Stelle"
Daniele Gottardo: il controfagotto è la mia otto corde
Il prototipo Ibanez di Herman Li all’asta per una buona causa
Nashville Number System: regola base per sopravvivere al music biz
Keeley DDR: Drive, Delay e Reverb in un pedale
Lo stile di Matt Garstka
Connessioni, il mondo modulare a Milano
Cos’è un loop: quello che c'è da sapere su, looper, loop station e...
Eric Gales due live in Italia a giugno
Nuovo shape single-cut da Solar Guitars
Mi Ami Festival la programmazione completa
A day with the Mixing-Lord!
Lost Highway: Fender testa il phaser super-versatile

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964