CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
The Jackals - Grown from inside
di [user #6115] - pubblicato il

porter scrive: The Jackals - Grown from insideI The Jackals sono un giovane gruppo di Milano dedito al rock. E fin qui nulla di strano, direte voi. In realtà Davide, Vladimiro, Riccardo e Valerio ci tengono a precisare che il loro è un rock volutamente "retrò", in quanto realizzato solo con due chitarre, basso e batteria e senza l'ausilio di sintetizzatori, campionatori, et cetera; cosa non troppo comune al giorno d'oggi. In questo modo il gruppo cerca di ottenere una sonorità più ruvida, come nella migliore tradizione del rock classico e, seppure forse un po' nostalgica e ancorata al passato, più autentica. E ci riesce! E' davvero rinfrescante sentire vagare gli strumenti acustici ed elettrici liberi dalla schiavitù elettronica.

I nostri "Sciacalli" sono alla loro prima fatica discografica, un album di 11 tracce (+ sorpresa..) intitolato "Grown from inside", prodotto in proprio dagli stessi The Jackals con Cesare De Mattei.

La sonorità di fondo è, come già detto, inconfondibilmente rock, ma i quattro riescono a rendere l'ascolto abbastanza diversificato contaminando i brani con incursioni in generi diversi.

I tre brani d'apertura sono molto simili nell'intenzione e costituiscono quasi un tutt'uno: si parte con "You thrill my weak little heart", un rock energico e ruvido con un ritornello molto "catchy"; il brano ci fa intuire che tipo di prodotto abbiamo per le mani, ma le sorprese non mancheranno! Suono tirato e ottimo assolo di chitarra di Davide Simontacchi; si prosegue con "Take me ot of here", un altro rock riffoso e tendente al funky. La canzone è stata scelta da Italia Uno per "Le Iene" e viene regolarmente trasmessa all'interno di ogni puntata del programma! Mica male! E per chiudere questo ipotetico trio, andiamo con "Don't play with me", un brano appena meno teso dei due precedenti ma sempre in ambito rock, e ancora con un ottimo ritornello. Iniziamo più che bene, insomma.

L'atmosfera si rilassa con la 4a traccia, "Back in the 60's", prima ballata del disco; il brano è decisamente più morbido nella scelta dei suoni, e ci rivela come i nostri si sentano vittime di una nostalgia nei confronti di un passato (soprattutto musicale, a quanto sembra) ormai lontano. Molto bello il suono della Strato simil-Hendrix. "I don't sleep at all" parte con un riff di basso molto particolare e azzeccato che poi, ripreso dalle chitarre, traina il brano fino alla fine. Qui iniziamo ad intravedere le influenze prog del gruppo. Altro notevole assolo di Davide con Strato + Wah.

Si continua con la cover di "Get up, stand up" di Bob Marley, in versione decisamente rockettara; qui mi sembra quasi di sentire i Rage against the machine! Che il rap presente nel brano sia un omaggio a Zac de la Rocha? Chissà.. Buona cover comunque.

Altra ballad al numero 7, intitolata "Starry night" (Joe Satriani non c'entra niente..); molta atmosfera e romanticismo, e un ottimo uso delle chitarre acustiche. La slide elettrica in sottofondo poi è magnifica. Questo brano è indubbiamente uno dei migliori del CD. In ottava posizione troviamo uno strumentale, intitolato (questa volta in Italiano!) "Il tempo non è un giornale", carico di tempi dispari e di combinazioni sonore inusuali. Molto bello!! Lo dice un amante del prog.. Ottimo lavoro di basso slap di Vladimiro Grassini nella parte centrale. "This is how I live" è il brano che ha fatto conoscere i The Jackals al pubblico, grazie alla continuativa presenza nelle classifiche di Demo, il famoso programma di Radio1 RAI. La sonorità è di nuovo rock funkeggiante simile ai due brani di apertura. Immancabile l'ottimo assolo di Davide..

"Believe in myself" è uno dei brani più interessanti dell'album: intro da prog puro che evolve in un pop rock molto particolare. Altro ritornello ben riuscito! Questa volta l'assolo di chitarra viene diviso fra Davide Simontacchi e Riccardo Sauna, con ottimi risultati! Davvero un bel brano. Chiude l'album "Long as I remember", brano dal sapore vagamente jazzato che ben presto rientra nel territorio rock caro ai nostri quattro. Da citare il bellissimo basso fretless di Vladimiro Grassini. (A circa 6 minuti e 50 parte la traccia fantasma dell'album che.. beh, non vi anticipo niente; dico solo che mette in risalto le ottime doti chitarristiche di Riccardo Sauna sulla chitarra classica!)

 

In definitiva il CD è molto ben riuscito, soprattutto per essere un disco d'esordio. Mi ha colpito molto la produzione dell'album, che a mio modesto avviso è praticamente perfetta! L'equilibrio e la scelta dei suoni è impeccabile; il suono è cristallino ma caldo allo stesso tempo; i ragazzi hanno un forte affiatamento di gruppo e la sonorità è sempre molto tirata e precisa. E infine, tutti e quattro hanno una padronanza ed un gusto invidiabili sui propri strumenti. Ogni singolo assolo dell'album è una piccola perla!

Se i nostri volevano, come dicono, ottenere un sound ruvido e autentico, beh, ci sono proprio riusciti. E' incredibile sentire quello che si può fare con due chitarre, un basso ed una batteria.. alla faccia di chi è convinto che si debba usare chissà quale prodigio della tecnica per avere un suono denso e potente (e ahimè sono in tanti a crederlo..).

In chiusura mi permetto però un piccolo ed umile consiglio: nel vostro prossimo album mi piacerebbe sentire una scelta appena più oculata dei brani: in questo caso avrei rinunciato a "Back in the 60's", bel brano in sè, ma a mio modesto avviso poco amalgamato con il resto dell'album, e a "Get up stand up", ottima cover ma preferisco gli originali. I vostri, ovviamente!

Comunque un ottimo disco di rock, che risulterà un piacevole ascolto per tutti.

Complimenti ai The Jackals! Aspettiamo la vostra prossima fatica ansiosi di ritrovare la freschezza presente in "Grown from Inside".

 

I The Jackals sono:

 

Davide Simontacchi: chitarra solista e voce

Vladimiro "Vlady" Grassini: basso

Riccardo "Catastrofe" Sauna: chitarra ritmica e acustica

Valerio Bianchessi: batteria

 

Contatti:

 

Tel.: 3282735240

email: jackals@thejackals.it

web: www.thejackals.it*

myspace: www.myspace.com/thejackalsband

 

*"Grown from inside" è ascoltabile per intero in streaming sul sito della band, e potete ordinare il CD al prezzo di 10 euro + spedizione.

album the jackasl
Mostra commenti     6
Altro da leggere
Ascolta White Christmas in blues da Eric Clapton
Spunta una nuova copia del Black Album di Prince
Gli Stray Cats sono tornati
White Album mai sentito prima per i 50 anni
Online il video di Valley Of Fire di Jason Becker
Album in arrivo per i Greta Van Fleet
Seguici anche su:
News
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe chitarre!"
La storia del delay
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi




Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964