CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Facciamo chiarezza sulle Gibson Traditional
di [user #21859] - pubblicato il

Bella chitarra, la Les Paul. Ormai è da almeno quattro anni che sono uscite sul mercato la Traditional e Standard 2008 e ancora c'è titubanza sulla qualità di queste chitarre. Leggendo, in giro per la rete, c'è chi le prova e resta folgorato, c'è a chi proprio non vanno giù. Diciamoci la verità: l'attuale produzione made in USA va al risparmio, ma comunque sforna buone chitarre.
 

Sulla Les Paul Standard 2008 non c'è molto da dire. Io l'ho provata è l'ho trovata molto buona, una Les Paul moderna che fa un mondo a sé. Ma la Gibson Traditional? Quella che dovrebbe essere la vecchia Standard, com'è? Le uguaglia o è inferiore? E qui vi parlo della mia esperienza personale con questa chitarra. Sarò breve, ma non troppo.

L'attuale Traditional è liuteristicamente inferiore a una vecchia Standard pre 2004, anno più anno meno. Attenzione, con liuteristicamente inferiore intendo dire che è costruttivamente più veloce da realizzare, ma comunque è un capolavoro per quanto riguarda la lavorazione/produzione.

Guardata nei dettagli, la Traditional è rifinita benissimo e il settaggio alla Plek rende la tastiera molto confortevole.
Puntualizzo che la Traditional è liuteristicamente inferiore a una vecchia Standard in prevalenza per particolari che non suonano, c'è uno scarso 5% restante che andrebbe sostituito dopo l'acquisto per un risultato ottimale, vediamo perché.

La Traditional differisce dalla Vecchia Standard per i seguenti aspetti.

Body
Traditional - Corpo in Due pezzi con nove buchi di alleggerimento.
Vecchia Standard- Corpo in pezzo unico con nove buchi di alleggerimento.
Liuteristicamente è rilevante, ma non per il suono. La quantità di pezzi per il corpo non influisce sul suono a patto che tutto sia fatto bene. Comunque consideriamo che, nella stragrande maggioranza delle copie Lawsuit giapponesi, Burny in primis, i corpi unici sono rarissimi poiché di norma il corpo delle Giapponesine è sempre in due o tre pezzi, e i complimenti a queste chitarre sono gratuiti. Quante volte abbiamo sentito delle Giapponesi migliori delle sorelle americane?

Intarsi
Traditional - Intarsi in Acrilico.
V. Standard - Intarsi in pearloid molto più lucenti.
Oggi Gibson usa gli intarsi in acrilico anche sulla serie Historic, questo perché, oltre il discorso del costo inferiore, sono più facili e precisi da stendere e il risultato su di un palco non è molto diverso rispetto a quelli in pearloid. Con l'acrilico la produzione Gibson si velocizza. Precisiamo che gli intarsi non si riperquotono sul suono.

Ponte e Tailpiece
Traditional - Ponte e Tailpiece cromati in Zamak probabilmente prodotti in stabilimento da Gibson stessa. Non pensiamo che lo Zamak sia un materiale Scarso, si è economico, ma Scarso no. Chi vuole sapere di più sullo Zamak entri su questo sito.
V. Standard - non so cosa montassero di serie, i miei occhi possono vedere che prima l'hardware era Nickel e si opacizzava, mentre oggi è cromato.

Vernice
Traditional - Hanno una rifinitura alla nitrocellulosa con lucentezza al 90%, fino a poco tempo fa si leggeva tra le specifiche del sito Gibson.
Standard - Quelle che ho provato io avevano una vernice molto simile se non uguale alla VOS, un po' appicicosa e molto delicata.
Entrambe le tipologie di vernice utilizzata sono belle a vedersi, la Traditional appare un po' più lucida ma mai quanto le chitarre in poliuretanica.

Elettronica
Questo è un tasto dolente per la Traditonal e che incide sul suono, ma per fortuna è sostituibile.
La Traditional ha una brutta elettronica che la fa suonare intubata. Non so nello specifico cosa montino le vecchie Standard ma, quando provate una Traditional con l'elettronica originale, sappiate che quello non è esattamente il suono di quella chitarra. La Traditional può suonare mille volte meglio a patto di toglierle quei potenziometri e quei condensatori a lenticchia che Gibson monta di serie. Qui non si scherza, si tratta di una modifica obbligatoria, gusti a parte. Se poi vi piace intubata tutto può essere, come puotrebbe anche essere che con la vostra attrezzatura suoni bene così come esce dalla casa.

Pickup
Traditional - 57 Classic e 57 Classic+
V. Standard - 490R e 498T.
A mio parere molto meglio i 57.

Tutti i parlticolari suddetti, a esclusione dei pickup che sono a gusto personale e della elettronica (che sulla Traditional va cambiata all'istante), non sono rilevanti ai fini del suono.

Concludendo, una Traditional, a parità di optional, deve necessariamente suonare tanto quanto una Standard pre 2004. Non c'è assolutamente nulla di differente se non un diverso tipo di costruzione finalizzata a velocizzare la produzione. La Standard pre 2004 quindi può essere solo esteticamente un filo più bella della Traditional per intarsi e verniciatura (questo però dipende anche dalla bellezza del top: certe Traditional sono top model). A livello sonoro, con le opportune modifiche, si tratta della stessa identica chitarra per un prezzo inferiore.

chitarre elettriche gibson les paul traditional
SOSTIENI LA MUSICA

Dal 1992 ACCORDO si impegna a favore di chi fa musica, offrendo gratuitamente contenuti di alta qualità e servizi. Sostieni ACCORDO per sostenere la musica italiana nella sua stagione più difficile.

Dona adesso e usufruisci dei serviizi riservati ai sostenitori!
In vendita su Shop
 
FOXGEAR XYZ WAVES
di Boxguitar.com
 € 138,00 
 
SOUNDCRAFT SIGNATURE 22 MTK MIXER USB MULTITRACCIA CON EFFETTI 22 CANALI SIGNATURE 22-MTK
di Borsari Strumenti Musicali
 € 819,00 
 
Hagstrom VIK-GJY
di Banana Music Store
 € 765,00 
 
SENNHEISER HD300 PRO CUFFIA PROFESSIONALE HD-300 PRO
di Borsari Strumenti Musicali
 € 169,00 
 
VIC FIRTH - AB HB HERITAGE BRUSH SPAZZOLE
di Music Works
 € 36,00 
 
fender precision 1973
di Scolopendra
 € 3.400,00 
 
Cort GB55JJ NAT
di Music Island
 € 400,00 
 
Digitech Bass Whammy V-01
di Banana Music Store
 € 129,00 
Mostra commenti     151
Altro da leggere
La Gibson J-150 di Noel Gallagher diventa limited edition: il video
Jackson Soloist SLX DX: leggenda in total black
Fender Stratocaster #0018 del 1954: il restauro ToneTeam
Ibanez amplia le Iron Label con ancora più violenza
Migliorare l’accordatura con Tune-o-matic e Bigsby
Da Nashville a Perugia: restauro di una Telecaster del 1952
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Gibson Les Paul Slash Signature November Burst NAMM 2020
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Visualizza l'annuncio
Gibson USA Les Paul Joe Perry Signature 19961997
Seguici anche su:
Altro da leggere
Fender Stratocaster #0018 del 1954: il restauro ToneTeam
E se il ritorno al rock passasse dalla realtà virtuale?
Che cos’è il blues? Il video
Un plotone di star per il vaccino con la chitarra dei Tenacious D
Il fenomeno Maneskin
La posizione del pickup al manico tra mito e scienza
Fender a 21 o 22 fret: cosa cambia?
La Made From Melbourne di Maton è costruita con pezzi di teatri austr...
Vuoi fare l’influencer? Spiacente: YouTube non paga
Lo streaming funziona, se sai cosa vendi
Non farti fregare: impara a leggere i numeri dei social
Le telecamere di The Scene al Grand Ole Opry
Il rock è reazionario
A Sanremo ha vinto il rock: e giù tutti a indignarsi
Una foto svela per errore la prima Silver Sky SE?




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964