HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Doug Aldrich: pentatonica, corde a vuoto e pennata alternata
Doug Aldrich: pentatonica, corde a vuoto e pennata alternata
di [user #116] - pubblicato il

Con Doug Aldrich parliamo di tecnica e ci concentriamo sulla pennata alternata lavorando su alcuni esercizi legati alla coordinazione. Saranno studi estremamente utili anche come esercizi di warm up. Il tutto si sviluppa sulla pentatonica e scala blues integrata dall'utilizzo delle corde a vuoto
Lavoriamo sulla pentatonica minore di G (G, Bb, C, D, F). La tipologia di esercizi suggeriti è fondamentalmente basata sulla pennata alternata che è una tecnica che costringe la mani a un notevole lavoro di coordinazione. Per cui, è necessario suonare in staccato, plettrando ogni nota sempre in maniera alternata.
Si parte da un semplicissimo esercizio su una singola nota. Si tratta  di sequenze di sedicesimi in cui ci si sforzerà di marcare forte l’accento sulla prima di ogni quattro note.

Doug Aldrich: pentatonica, corde a vuoto e pennata alternata
 
L’esercizio può essere ovviamente applicato su qualsiasi altra nota della pentatonica e su qualsiasi altra corda.

Doug Aldrich: pentatonica, corde a vuoto e pennata alternata

Per esempio, una buona idea potrebbe essere praticarlo su ogni nota della scala in maniera da migliorare la visualizzazione orizzontale della pentatonica. In questo caso sviluppiamo la pentatonica di Gm sulla corda di D.

Doug Aldrich: pentatonica, corde a vuoto e pennata alternata

Oppure, torniamo sulla corda di G e sfruttiamola facendola suonare a vuoto. Dei quattro sedicesimi di ogni movimento, la prima nota, quella accentata, sarà quella suonata della pentatonica le tre restanti saranno la corda a vuoto.

Doug Aldrich: pentatonica, corde a vuoto e pennata alternata
 
A questo punto si può estendere l’esercizio su più note e su due corde, sempre rispettando il box della scala pentatonica minore di G. Partiremo con una pennata verso il basso tutte e continueremo a plettrare tutte le note in maniera alternata.

Doug Aldrich: pentatonica, corde a vuoto e pennata alternata

Evitiamo movimenti eccessivi della mano sinistra, anzi riduciamoli al minimo, tenendo il dito indice fisso su un mini barrè sulle corde di G e D.

Doug Aldrich: pentatonica, corde a vuoto e pennata alternata
 
Doug amplia la diteggiatura di partenza aggiungendo due note. La prima è la nota blues, il Db.
L'altra è un’altra nota pentatonica di Gm, il D. Questa, presa al settimo tasto della corda di G, mette in gioco l’utilizzo del dito mignolo della sinistra, impegnato in un importante lavoro di stretching

Doug Aldrich: pentatonica, corde a vuoto e pennata alternata

I pattern esaminati fino ad ora vengono liberamente combinati tra loro per creare lick come questo:

Doug Aldrich: pentatonica, corde a vuoto e pennata alternata
 
Un altro esercizio interessante riguarda ancora la pennata. E’ costruito sempre sulla pentatonica di G e sfrutta le corde a vuoto. Si parte sempre con la pennata verso il basso e ci si serve della mano destra per operare un deciso palm muting.

Doug Aldrich: pentatonica, corde a vuoto e pennata alternata

Esercizi come questo creano davvero una stretta connessione e coordinazione tra le due mani.

Doug Aldrich: pentatonica, corde a vuoto e pennata alternata
 
Tre interessanti sviluppi di quest’ultimo esercizio. Nel primo si combina l’esercizio con le corde a vuoto con il patter pentatonico su due corde.

Doug Aldrich: pentatonica, corde a vuoto e pennata alternata
 
E ora, la combinazione è con l’esercizio iniziale sulla nota singola. Si presti attenzione alla grande cura nel groove dell’esecuzione e agli accenti marcati sempre con decisione.

Doug Aldrich: pentatonica, corde a vuoto e pennata alternata
 
Nell’ultimo sviluppo,il pattern è spostato in orizzontale attraverso la pentatonica. 

Doug Aldrich: pentatonica, corde a vuoto e pennata alternata

Si osservi il passaggio cromatico sulla corda di G tra c, Db e D, rispettivamente quarta, nota blues e quinta della pentatonica.


 
IL SUONO:
 
E' importante fornire qualche suggerimento sul suono più appropiato da utilizzare per praticare questi studi.
Si tratta di esercizi per sviluppare al meglio coordinazione e pulizia esecutiva. Serviamoci per tanto di un suono totalmente pulito sempre pronto a svelarci in maniera spietata ogni piccola imprecisione, così da poterla correggere subito. Evitiamo persino il riverbero e lavoriamo con il pick-up al ponte per avere il massimo dell'attacco e dell'incisività quando cureremo la pronuncia degli accenti ritmici. Serviamoci di un'equalizzazione pulita piuttosto neutra, con medie e basse pronunciate e acuti non troppo accentuati.

ASCOLTI CONSIGLIATI:

Steve Morse's band - Coast To Coast (1992, MCA Records)
Per chi è interessato ad approfondire la pennata alternata applicata alle pentatoniche e alle corde a vuoto - come affrontata in questa lezione -Steve Morse può essere un riferimento assoluto. Coast to Coast è uno dei suoi dischi più avvincenti e riusciti, suonato interamente in trio assieme al virtuoso bassista Dave Larue. Morse mescola rock, country, bluegrass e sonorità barocche. La sua pennata alternata è folgorante e colpisce non solo per la velocità ma soprattutto per l'irresistibile scansione ritmica."User Friendly" è un capolavoro di virtuosismo, groove e musicalità. Ascoltatela e lasciatevi ispirare prima di affrontare questi esercizi.

Doug Aldrich: pentatonica, corde a vuoto e pennata alternata
dough aldrich lezioni
Link utili
La pagina di Doug Aldrich
Altro da leggere
Pubblicità
Come abbellire una vecchia pentatonica ...
Gus G: "Shred estremo per pentatoniche estreme"...
Due lick brucia pentatonica...
Tony MacAlpine: Sweep & Tapping da morire......
Pubblicità
Tosin Abasi: arpeggi sospesi su sette corde...
Paul Gilbert: sostituzioni, esercizi & pause...
Paul Gilbert: un lick blues in cinque...
Michael Angelo: ecco il segreto della plettrata...
Telesavalas, la principessina rosa della plettrata...
Michael Angelo: paura e delirio in alternata...
A Scuola di Sweep - La pennata...
Pentatoniche a tre note per corda: string skipping, tapping...
Pennata alternata: dal progressive al metal...
Commenti
....azz che lezioncina, questa!! Grandissimo. ...
di jdm61 [user #20274] - commento del 03/05/2012 ore 19:25:38
....azz che lezioncina, questa!! Grandissimo.
Rispondi
Grazie JDM! Sentito che manina ...
di Gianni Rojatti [user #17404] - commento del 03/05/2012 ore 19:56:38
Grazie JDM!
Sentito che manina il nostro Doug? E che mi dici di quest'aria da rockettaro selvaggio ma allo stesso tempo un'impostazione della mano sinistra quasi da chitarrista classico per quanto precisa?
Rispondi
dico che gli manca solo ...
di jdm61 [user #20274] - commento del 03/05/2012 ore 21:21:18
dico che gli manca solo lo sgabellino per la gamba sinistra...manine da fata...
Rispondi
Un grande....
di joe 67' [user #4443] - commento del 03/05/2012 ore 21:12:10
Le sue doti sono apprezzate da tanti. Veramente un grande. Lezione e consigli apprezzatissimi. Rock on Doug!!
Rispondi
Un grandissimo!...e vedrai nelle prossime ...
di Gianni Rojatti [user #17404] - commento del 04/05/2012 ore 00:2
Un grandissimo!...e vedrai nelle prossime lezioni.
Grazie Joe.
Rispondi
gran personaggio, visto in clinic: ...
di Axel - Sixstrings [user #14274] - commento del 04/05/2012 ore 13:04:09
gran personaggio, visto in clinic: umiltà e tecnica da vendere.... mitico Doug!
Rispondi
Gibson
di Dragon [user #9714] - commento del 04/05/2012 ore 13:19:33
Grande chitarrista, solo una curiosità..la bella bionda che stringe tra le braccia quale gibson è?
Rispondi
Caro Dagon, la bionda ha ...
di Gianni Rojatti [user #17404] - commento del 04/05/2012 ore 14:09:13
Caro Dagon,
la bionda ha incuriosito anche noi: In primo luogo perchè è dannatamente bella; quindi perchè fa un certo effetto vedere un chitarrista così moderno suonare una chitarra così "vecchia"...un briciolo di pazienza e ne parleremo approfonditamente tra queste pagine.
In ogni caso quella che vedi nel video è una semplice Gold Top con manico 50, mentre i pick up sono signature.
Rispondi
Grazie
di Dragon [user #9714] - commento del 05/05/2012 ore 17:08:50
Tenchiù mr. Rojatti,
non mi resta che aspettare di ricevere maggiori informazioni su questa chitarra, per ora mi limito a dire che trovo suoni davvero benone!!!
Rispondi
non mi voglio sbagliare ma ...
di mickeysambora [user #19910] - commento del 05/05/2012 ore 18:45:24
non mi voglio sbagliare ma nel dvd dei whitesnake live all'hammersmith apollo fa vedere le chitarre e una sua gibson ha la firma(fatta con un graffio) di jimmy page...
Rispondi
Figata di lezione! la pennata ...
di Carrera [user #31493] - commento del 05/05/2012 ore 17:25:23
Figata di lezione! la pennata alternata è una delle tecniche più infingarde. Proverò con gusto questi esercizi!
Rispondi
Mi son sempre chiesto come ...
di slash82 [user #3691] - commento del 05/05/2012 ore 21:28:37
Mi son sempre chiesto come faccia ad aver quell'impostazione della mano sinistra col manico 50 e chitarra non di certo ascellare..Io ho una Vos 58 (quindi manico ciccione),ho provato per curiosità e non mi è uscita mezza nota!:)
Rispondi
Per me è persino controproducente ...
di Carrera [user #31493] - commento del 06/05/2012 ore 08:56:41
Per me è persino controproducente tenere la mano così perchè mi ostacola dibrutto sui bending e vibrati che sono la chiave nel suonare rock, dico per il tocco!
Voi riuscite? Io metto il pollice sopra il manico...
Rispondi
di giomomoz [user #43208] - commento del 09/02/2018 ore 12:00:51
Esercizio validissimo davvero, aiuta a pulire la mano destra e la coordinazione... top
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Sul palco con Max Rosati
Ralph Salati: pennata alternata medicina per il ritmo
Quando il batterista è diventato protagonista
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964