CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Chitarristi da Zero - Giro di Do
Chitarristi da Zero - Giro di Do
di [user #116] - pubblicato il

Iniziamo una serie di lezioni dedicate a insegnare la chitarra da zero, utili ai principianti assoluti. Ma utili anche a quei giovani rockettari - feroci esecutori di power chord - soggetti però ad attacchi di panico, se devono accompagnare gli amici all’acustica davanti a un falò in spiaggia.
Imparare a suonare bene la chitarra è difficile. Ci può volere una vita e tante volte nemmeno quella basta.
Ma imparare semplicemente a suonarla è dannatamente facile. Il primo giro di accordi si impara in un paio di pomeriggi. Basta una chitarra con tutte e sei le corde, un po’ di pazienza e soprattutto un amico paziente che ci accordi la chitarra e mostri le prime diteggiature. Non serve scomodare un insegnante o andare a lezione per imparare a suonare quattro accordi che ci permettano di cantare la nostra canzone preferita di Battisti, Katy Perry, Nirvana, Bob Marley o Vasco.
Ecco allora che abbiamo deciso di approfittare di questi due mesi di luglio agosto, dove tutti abbiamo più tempo, per lanciare una serie di appuntamenti dedicati all’apprendimento della chitarra da zero: utili tanto ai principianti assoluti che magari ai giovani metallari e rockettari, feroci esecutori di ritmiche in power chord, ma soggetti ad attacchi di panico se devono accompagnare gli amici all’acustica davanti a un falò in spiaggia.
Partiamo con un classico dal quale tutti siamo partiti, il “Giro di Do”.
A guidarci in questa serie di lezioni Daniele Maraspin, giovane e promettente chitarrista triestino, diplomando alla Lizard. Daniele - Bat per gli amici - suona metal estremo rigorosamente a sette corde e studia musica con passione. E’ perfetto per incarnare la figura del giovane guitar hero del quartiere al quale rubare in amicizia qualche dritta sulla chitarra.
 Gianni Rojatti

Prima di iniziare sinceriamoci di avere ben chiaro il nome delle corde a vuoto della chitarra, dalla più grossa alla più sottile, MI, LA, RE, SOL, SI e MI cantino


Il "Giro di Do" è composto da quattro accordi: Do, Lam, Rem e Sol7.
Il primo passo è imparare a suonarli singolarmente. Bisogna memorizzarne la forma e la diteggiatura. Affrontiamoli separatamente, uno per uno, come vediamo nell’ Es.1) del video. 

DO Maj (Do maggiore)


Il Mi cantino suona a vuoto. Il dito indice della mano sinistra schiaccia il primo tasto sulla seconda corda, il Si. La corda di Sol risuona a vuoto; il dito medio pigia il secondo tasto sulla corda di Re; da ultimo il dito anulare schiaccia il terzo tasto sulla corda di La. La corda più bassa il Mi non deve suonare. Suoniamo tutte le corde con un’unica pennata verso il basso e poi, per sincerarsi che ogni corda suoni in maniera chiara e precisa, pizzichiamole singolarmente.


 LAm (La minore)


Il Mi cantino suona a vuoto. Il dito indice della mano sinistra schiaccia il primo tasto sulla seconda corda, il Si. Il dito anulare schiaccia il secondo tasto sulla corda di Sol e il dito medio il secondo tasto sulla corda di Re. La corda di La risuona a vuota e la corda più grossa, il Mi, non deve essere suonata. 


Rem (Re minore)


L’indice pigia il primo tasto sulla prima corda, il Mi. L’anulare preme il terzo tasto sulla corda di Si mentre il medio il secondo tasto sulla corda di Re. La corda di Re va suonata a vuoto. Le corde di La e Mi basso non devono suonare.


 Sol7 (Sol settima)


Tutte e sei le corde devono suonare. L’indice pigia il primo tasto sulla prima corda, il Mi. Le corde di Si, Sol e Re devono suonare a vuoto. Il dito medio pigia il secondo tasto sulla corda di La. Il dito anulare il terzo tasto sulla corda di Mi basso.


Una volta imparati a suonare singolarmente tutti gli accordi, l’aspetto più impegnativo sarà cercare di passare da uno all’altro in maniera fluida e naturale, cercando di non fare delle pause. Per questo un buon metodo di lavoro è isolare gli accordi a copie di due e concentrarsi nei singoli passaggi. Iniziamo con il provare esclusivamente di passaggio da Do a Lam.




Ora concentriamoci a cambiare da Lam a Rem.




Infine proviamo il passaggio tra Rem e SOL7.




 Fatto questo, molto lentamente iniziamo a provare i quattro accordi in successione. Inizialmente ci preoccuperemo soprattutto di eseguire in maniera corretta le diteggiature sincerandoci che tutte le corde e note suonino chiare e intelligibili. Per questo anziché provarli con una sola unica pennata le pizzicheremo una alla volta, rispettando il disegno di arpeggio proposto.




Vi lascio una backing track sulla quale provare a suonare in successione gli accordi.



Niente di concettualmente difficile o da capire. Serve solo tanta pazienza e olio di gomito. Evitate di spaccarvi la testa e mortificarvi provando queste cose allo sfinimento. Dedicateci quindici, venti minuti al giorno. Magari un paio di volte. Con un po’ di costanza resterete stupiti dei risultati raggiunti. Cercate di farvi accordare la chitarra all’inizio di ogni sessione di prova. Provare con una chitarra scordata è fastidioso e frustrante e vi impedisce in maniera totale di capire se state lavorando in maniera corretta o meno. La piacevolezza del suono in quello che fate sarà il vostro incentivo a migliorare. Una chitarra scordata vi nega alla base questo presupposto.

Mostra commenti     6
Altro da leggere
Due stompbox classici tornano con Danelectro
Dark Sun: delay e riverbero in uno da Seymour Duncan
MXR Custom Badass Modified OD: alternativa al TS?
Piatti Pasha. Una garanzia di carattere e qualità
Epiphone dedica una Explorer a Lzzy Hale
Wah Joyo con pedale volume incorporato
Seguici anche su:
News
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
Ascolta New Horizons: il nuovo singolo di Brian May
I temi chitarristici più caldi del 2018
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964