CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Celebration Day
Celebration Day
di [user #910] - pubblicato il

Beh, non lo avrei creduto. Ore 23:50, sono appena rientrato dalla proiezione di Celebration Day, il film-concerto che ripropone in grande stile la storica esibizione londinese del dicembre 2007. Ah sì, per chi non lo sapesse, erano i Led Zeppelin.
Beh, non lo avrei creduto. Ore 23:50, sono appena rientrato dalla proiezione di Celebration Day, il film-concerto che ripropone in grande stile la storica esibizione londinese del dicembre 2007. Ah sì, per chi non lo sapesse, erano i Led Zeppelin. L'evento era stato sapientemente pubblicizzato, creando una notevole attesa per il 20 novembre, data ufficiale di uscita, attesa aggravata dalla notizia dell'astuta anteprima di stasera.

Celebration Day


In realtà non avevo un solo motivo per perdermela. Così ho caricato in macchina mio figlio Davide (Francesco non c'era, ahiahi) e mi sono diretto alla sala più vicina.
Una delle principali curiosità riguardava il pubblico. Monfalcone non è di certo Londra, quanti amanti di quella vecchia musica si sarebbero potuti recuperare in un qualsiasi mercoledì sera (oltretutto con un biglietto a 12 euro…)? Eppure, con mio stupore, la sala si è riempita. Completamente!

Quei quattro marpioni (in pratica c'era anche John Bonham, la metà dei geni di Jason sono i suoi!) hanno veramente qualcosa di speciale. Chi altri potrebbe riempire un cinema (1500 cinema, per la precisione) con la semplice proiezione di un concerto, oltretutto di cinque anni fa, da anni perfino su Youtube?
E' il classico tipo di filmato che uno si compra in dvd e si guarda comodamente spaparanzato sul divano di casa, magari con un paio di amici e qualche birretta. Niente di speciale.
Perché quindi scomodarsi per andare a vederselo fuori casa?
Perché è tutta un'altra cosa. La condivisione di un'emozione la amplifica e la moltiplica.
Sembrava di essere veramente a un concerto, con la gente che a tratti si lasciava rapire a tal punto da applaudire alla fine dei pezzi, o all'inizio di quelli più celebri e amati, e a cantare assieme alla band, assieme al pubblico del film.

Celebration Day

E in certi momenti, quando l'inquadratura riprendeva il palco intero, il pubblico del concerto sembrava fondersi perfettamente con quello in sala, dando veramente l'illusione di "essere lì".
Condividere la visione e l'ascolto con centinaia di altre persone diventa un rito. E ti ritrovi a scattare foto come se fossi veramente ad un concerto.

Le questioni tecniche passano assolutamente in secondo piano. Ok, Plant non ha più la voce di un tempo. Ma che classe, ragazzi. Page pare sul punto di disgregarsi da un momento all'altro (o di perdere la dentiera), ma regala dei momenti di rara intensità e bellezza, con dei suoni a volte incredibili e giganteschi, a volte strambi e perfino sgradevoli. Come sempre, del resto.

Celebration Day

Jones, compassato, preciso e composto come al solito, forse si è conservato bene proprio per questo (o perchè si tinge i capelli?). Bonham è una macchina da guerra potentissima, un degno erede di cotanto padre.

Fin dalle prime note i quattro mettono in chiaro le cose: l'attacco di "Good times, bad times" esalta subito la platea. Da lì in poi, un susseguirsi di sbalzi emotivi, tra rock, blues, psichedelia, prog, ballad (ovviamente non poteva mancare Stairway), fino all'apoteosi di un'imperiale Kashmir.
I bis vedono un Bonham sudatissimo e felice e un Page praticamente sciolto, e un'esecuzione forse per questo meno riuscita del resto. Ma ormai non ha importanza.
Il pubblico in sala applaude.

Parliamo anche delle immagini.
Riprese eccezionali, numerose telecamere che inquadrano ogni dettaglio.
Vedersi una LesPaul di 15 metri fa un certo effetto, non c'è che dire. Si poteva anche verificare lo stato di usura dei tasti. Ho però il sospetto che il montaggio sia stato affidato a uno psicopatico: i cambi di inquadratura, soprattutto delle viste più ravvicinate, al limite del macro, sono molto spesso inutilmente frenetici e continuati, con gran fastidio per gli occhi che cercano invano di adattarsi per mettere a fuoco le immagini sfuggenti. Peccato, ma non basta a rovinare un'esperienza veramente notevole. Davvero non è come guardare un dvd.

Celebration Day

Questa la scaletta completa:
1. Good Times Bad Times
2. Ramble On
3. Black Dog
4. In My Time Of Dying
5. For Your Life
6. Trampled Under Foot
7. Nobody’s Fault But Mine
8. No Quarter
9. Since I’ve Been Loving You
10. Dazed And Confused
11. Stairway To Heaven
12. The Song Remains The Same
13. Misty Mountain Hop
14. Kashmir
15. Whole Lotta Love
16. Rock And Roll
eventi led zeppelin
Mostra commenti     57
Altro da leggere
'The Mystical Journey of Jimmy Page's '59 Telecaster' il video animato che racconta la storia della famosa chitarra
Kleisma: la musica che nasce dal web
Nick Johnston arriva in Italia
Al via il Lloyd Spiegel clinic tour con Cole Clark
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
RedBull e Shure presentano Soundscapes
Seguici anche su:
News
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing
Ha inizio la settimana del Namm 2019




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964