CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Otto suoni, tanta vernice e una Telecaster
Otto suoni, tanta vernice e una Telecaster
di [user #34535] - pubblicato il

Realizzare una chitarra in casa è un'esperienza che tutti dovrebbero provare. Mettere insieme pezzi anche già semilavorati e sbizzarrirsi con elettronica e colori nuovi è non solo divertente, ma anche didattico.
Era da molto tempo che ipotizzavo di cimentarmi in un assemblaggio di una solid body, possibilmente con tanto di verniciatura del corpo fatta come pareva a me.
Ecco il risultato.
È praticamente una Telecaster, chitarra a mio avviso stupenda e di semplice approccio per uno che non si era mai avventurato in questo campo.
Ho deciso che avrebbe avuto i due Humbucker, perché posseggo già una Telecaster con i single coil e non avevo chitarre in questa configurazione.

Corpo in mogano con top in acero marezzato, manico in acero e tastiera in palissandro con raggio 9,5 e fret medium jumbo.
Il manico l'ho acquistato già verniciato, in tono lievemente vintage, poi ho rifinito e lucidato i tasti uno per uno, realizzando anche il capotasto d'osso.
Il corpo era finito, non verniciato e senza fori per i ponte e hardware, che ho dovuto montare io stesso.
Ho montato meccaniche stile vintage Gotoh e battipenna in tartaruga.
Pickup Seymour Duncan SH4 JB al ponte + SSH1 (replica PAF '59) al manico, entrambi splittabili con push-pull nei potenziometri di volume e tono, selettore a tre posizioni per un totale di otto suoni nelle varie combinazioni.

Otto suoni, tanta vernice e una Telecaster

Non nego che la cosa più complicata è stata la verniciatura ed era la cosa che mi preoccupava di più, visto che la volevo fare come l'avrebbe fatta un liutaio. E così è stato.

Top tinto di una miscela di giallo e Vintage Amber di StewMac, poi finito con innumerevoli mani di nitrocellulosa Sayerlack. Gran bella vernice, per quanto suscettibile.

Otto suoni, tanta vernice e una Telecaster

Ringrazio un caro amico che mi ha aiutato nel cablaggio facendo anche prove di resa coi condensatori sui toni e sul volume.
Dopo il set-up, fatto da me anche questo, il risultato finale mi ha molto soddisfatto, sia all'occhio sia all'orecchio.
Suona, mi sembra, molto bene in tutte le posizioni, anche quelle a single coil, per le quali non credevo, mi aspettavo peggio. I doppia bobina sono: molto blues al manico e molto rock al ponte.

Otto suoni, tanta vernice e una Telecaster

Una faticata, ma ne è valsa la pena, suonare qualcosa di tuo è una sensazione impagabile.
chitarre elettriche fai da te
Mostra commenti     39
Altro da leggere
Power Players: le chitarre Epiphone per iniziare
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
Ascolta le Gretsch Double Jet al 2022
La Gibson che non sapevo di volere
Stratocaster riveduta, corretta e... semplificata.
La chitarra torna protagonista con “Kill or be killed” dei Muse
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
La straordinaria storia dei Pistole e Rose
I mini-robot Yamaha duettano con la tua musica
PianoVision: impara il piano nel metaverso
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
La chitarra torna protagonista con “Kill or be killed” dei Muse
Ecco le Fender dei Minions: prezzi a partire da 48mila dollari
Paul Gilbert: “Perché modificare una chitarra perfetta? Per farla s...
Guitar hero: la mia Top10
Il viaggio infinito e la Top5 dei desideri
La scena EPICA della BC Rich in Stranger Things 4
Un chitarrista, cinque contraddizioni
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964