HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Accordo e la musica live.
di [user #17170] - pubblicato il (Modificato) 

A seguito del post di Oliver sulle difficoltà a proporre musica dal vivo, mi ritorna una domanda sulla quale rimugino da tempo. La butto lì:  in un periodo di profonda crisi in cui centinaia di gruppi capaci languono nelle cantine e i pochi spazi disponibili vengono occupati da dj e pianobaristi con karaoke, un portale come Accordo può contribuire a rimettere in circolo la musica live nel nostro paese?

E’ un obiettivo ambizioso e forse prima dovrei chiedermi se vuole farlo, ma prima della volontà servono le condizioni e su quelle vorrei prima riflettere.
Accordo mette già a disposizione dei suoi utenti una sezione di “annunci” per compravendita di strumenti musicali e una sezione dedicata alla promozione di “eventi”. Sarebbe così folle pensare ad una nuova sezione, gestita con le stesse modalità, in grado di mettere in contatto band che gravitano su Accordo e locali che programmano musica live?
Niente di più di un database che permetta di incrociare domanda e offerta di musica dal vivo. Non si tratta certo di aprire una agenzia di spettacoli, ma solo di organizzare un punto di scambio, così come  la sezione “annunci” non è un negozio on line, ma un punto di raccolta di domande e offerte.

Non è certo una novità, in passato l’esperimento è stato tentato con scarso successo da vari portali dedicati, ma nessuno di quei siti poteva contare sulla visibilità, l’autorevolezza e la diffusione di Accordo.
Credo che la realizzazione di questa idea non richieda molto di più che una pagina dove le band e i gestori di locali possano caricare i propri dati attraverso moduli standard appoggiati su un normale database in grado di incrociare i dati. In questo modo i locali potrebbero cercare band in modo mirato (per budget, formazione, genere musicale o area geografica) e ottenere visibilità presso un enorme bacino di appassionati di musica, mentre le band potrebbero cercare i locali che offrono le condizioni giuste in cui proporsi, magari inserendo nella loro scheda un video-demo linkato da YouTube, come è già possibile fare in People. Le transazioni avverrebbero ovviamente con contatti privati, come già avviene per gli “annunci”, sollevando Accordo da ogni responsabilità.

Ovvio che l’implementazione di un data base richiederebbe un investimento iniziale da parte di Accordo, ma si aprirebbero anche nuovi spazi pubblicitari mirati (produttori di sistemi PA, mixer, luci, microfoni, attrezzature da palco, gli stessi locali che programmano musica live) con un ritorno economico probabilmente in grado di ammortizzare velocemente l’investimento e procurare utili. Inoltre la promozione di musica dal vivo - in un panorama desolato - potrebbe diventare un vanto per il più importante sito italiano di musica e strumenti musicali. E se l’esperimento funzionasse, si possono già immaginare step successivi con la pubblicazione su “Audio” di recensioni di band e, perché no, anche di locali che promuovono iniziative musicali interessanti.

Ora, dopo queste riflessioni, posso formulare la domanda “delle cento pistole”:
è interessato Accordo ad inserire tra i suoi servizi la promozione della musica dal vivo? Ci crede? Può farlo? Io qualche idea su come organizzare la cosa in modo semplice ed efficace ce l’avrei, e sicuramente non sono l’unico.

Dello stesso autore
Acoustic Pride: NAMM 2013...
Per curiosità...
Suing ecsperiment in de chiccen...
Chitarra obesa...
L'anti-bonamassa...
Soluzione blind test "Le tre Martin". ...
Commenti
una buona proposta
di stefano58 [user #23807] - commento del 03/11/2012 ore 11:30:0
che andrebbe ad arricchire un sito già ottimo.Non so le insidie tecniche , ne quelle organizzative , ma credo che la redazione si sia dimostrata già ampiamente pronta a svolte repentine e a cogliere al volo le occasioni presentatesi , e poi se ci sono persone serie come te Mirco che si mettono in gioco , credo che varrebbe la pena tentare. Perchè se parliamo di musica , il momento live resta un punto cardine e un gradino più alto nella condivisione . Penso anche che i gestori di locali possano poi toccare con mano la bontà delle proposte Accordiane facendo un minimo di zapping su people , e magari daremo una mano a dekaraokizzare il mondo.Bravo , qualunque sia il proseguio :-)
Rispondi
Caspita, niente male come idea. ...
di Oliver [user #910] - commento del 03/11/2012 ore 11:32:35
Caspita, niente male come idea.
Non so se sia fattibile, ma credo che valga davvero la pena di rifletterci.
Rispondi
Che gran sbattimento sarebbe...
di giored [user #27009] - commento del 03/11/2012 ore 11:53:06
E al contempo che gran cosa per il "nostro" sito!!! :)
Rispondi
L'idea è buona. Forse basterebbe ...
di aPhoenix90 [user #22026] - commento del 03/11/2012 ore 12:05:15
L'idea è buona.
Forse basterebbe ampiare il quadro "cerca musicista", aggiungendovi le sezioni e le modalità che suggerisci tu. Potrebbe comunque essere una buona base di partenza per vedere se la cosa funziona oppure no, e valutare se l'investimento vale la candela.
Rispondi
Bravo Mirko, QUOTO !
di Blues_guitar_man [user #16047] - commento del 03/11/2012 ore 12:36:19
Bravo Mirko, QUOTO !
Mi sembra un'ottima idea.
Non serve a nulla lamentrsi che non si trovano locali dove suonare, che i musicisti non vengono pagati adeguatamente, che i gestori dei locali non hanno cultura musicale etc.
Di queste cose abbiamo letto molto su ACCORDO.
Nei momenti difficili, lamentarsi è inutile (lo è anche negli altri momenti !), mentre questa proposta merita tutto il supporto possibile. Sono con te.
Spero lo sia anche la redazione !
Rispondi
Woah...
di Salvog [user #26748] - commento del 03/11/2012 ore 12:40:26
Grande idea, se Accordo ha anche buone aspirazioni ed auspica avveniristiche idee nonché progetti futuri, non può rimanere sorda alla proposta.

Un salutone Perry.
Rispondi
Potrebbe essere una bella idea! ...
di sepp [user #10489] - commento del 03/11/2012 ore 13:20:26
Potrebbe essere una bella idea!
Rispondi
L'idea è buona. Bravo Perry. ...
di Mr_Pone utente non più registrato - commento del 03/11/2012 ore 13:26:50
L'idea è buona. Bravo Perry.
Chissà se la Redazione vorrà fare questa valutazione costi/ benefici...
Rispondi
l'idea è buona, ma non ...
di giuseppe40 [user #18743] - commento del 03/11/2012 ore 13:59:57
l'idea è buona, ma non credo risolva, secondo me neanche in parte, il problema.
La domanda-offerta, come dici tu è "sballata". Nel senso che secondo me c'è tanta offerta e pochissima domanda. Vedo la mia realtà. Di gruppi che suonano ce ne sono a centinaia se non migliaia. Locali che fanno musica dal vivo pochissimi e quelli che ne fanno : A tendono a farne meno, B vanno a colpo sicuro : C cercano di lucrare in maniera eccessiva.
Ne fanno meno perchè la musica live piace meno alla massa rispetto ad un dj set, ad esempio. Purtroppo i grandi numeri degli avventori dei pub, locali ecc ha un livello culturale che si è notevolmente abbassato, fondamentalmente della musica live non gliene puo' fregare di meno. Poi c'è il colpo sicuro, si cercano gruppi già conosciuti nella zona, affermati e che magari hanno già un notevole seguito. C non vogliono pagare, si inventano contest per fare musica gratis, legano la "paga" all'incasso, al numero delle consumazioni ecc. A tutto questo va aggiunta la difficoltà oggettiva, ad esempio a Bologna ci sono pesanti restrizioni per orari, decibel, con gli anziani ( blocco elettorale fondamentale per l'amministrazione comunale ) che dettano legge. La situazione è insostenibile. Quei pochi gestori volenterosi sono intralciati in mille modi. Lo dice uno che fino a tre anni fa suonava live 4 volte la settimana. Se adesso suono una volta al mese sono contento, due festeggio.
Rispondi
Re: l'idea è buona, ma non ...
di perrynason [user #17170] - commento del 03/11/2012 ore 15:47:51
La tua analisi non fa una grinza, purtroppo è così e so bene che quel e oggi manca è la domanda. Quello che mi chiedo è se una realtà importante e seguita come quella di Accordo può contribuire a smuovere le cose, facendo leva su una enorme comunità estesa su tutto il territorio nazionale che è anche un potenziale pubblico itneressato a eventi live. E se mettere in contatto questa comunità coi gestori "di buona volontà" può aprire spazi tra le offerte asfittiche e standardizzate di dj set e karaoke. Anzi, dovrei dire se può ri-aprire spazi, perché tu stesso mi confermi che solo tre anni fà la situazione era diversa e i concerti live costituivano buona parte della normale programmazione.
In sostanza, mi chiedo se una grande comunità come quella di Accordo sarebbe in grado di riallacciare quel filo interrotto tra domanda e offerta.
Rispondi
Re: l'idea è buona, ma non ...
di giuseppe40 [user #18743] - commento del 03/11/2012 ore 15:54:20
provare non fa sicuramente male. fatto sta, che tutte le volte che ho suonato a bologna ( e decine e decine di volte ho pubblicato l'evento su accordo) non mi si è presentato mai un accordiano!!! :-)
Rispondi
Secondo me
di melody [user #1994] - commento del 03/11/2012 ore 14:07:54
il vero problema è che, oggi come oggi, dal punto di vista del gestore di un locale, far suonare gente dal vivo è un gran casino. Di conseguenza sono sempre meno i posti che accettano di farlo e quelli che accettano di farlo spesso operano nella "illegalità". Metto illegalità fra virgolette perchè il buon senso vorrebbe che il regime ordinario fosse quello illegale e non viceversa! Perchè deve essere un casino imbracciare una chitarra e cantare in un bar O mia bela madunina, piuttosto che Love in Vain di Robert Johnson?!

Gran parte del casino deriva dall'incredibile quantità di norme e conseguenti adempimenti che regolano il fenomeno. Norme e burocrazia che quelli del mestiere sanno gestire, ma che allontanano tutti gli altri.

Sono sicuro che molti più posti accetterebbero di far suonare dal vivo se fossero sicuri di non avere rotture di palle dal braccio violento della legge. E 9 volte su 10 per non avere casini è bene seguire la legge, per quanto idiota possa essere.

Ammsso che la si capisca cosa voglia la legge ...

Un primo servizio utilissimo che accordo potrebbe offrire sarebbe la pubblicazione di un vademecum basico a servizio dei musicisti amatoriali (quelli "retribuiti" con una birra e un panino e il classico rimborso spese) e dei locali. Dunque:

Descrizione adempimenti fiscali, previdenziali, SIAE a carico della banda e/o del locale

Norme generali che disciplinano uno spettacolo di musica dal vivo (autorizzazioni amministrative, orari consentiti, livelli di rumore ecc.)

C


Rispondi
Re: Secondo me
di perrynason [user #17170] - commento del 03/11/2012 ore 16:08:0
Questo problema esiste ed è una delle cose che strangola i gestori che vorrebbero proporre musica dal vivo, ma che non hanno l'esperienza per farlo e rinunciano.
L'idea di fornire un "vademecum basico" su come affrontare gli aspetti burocratici è buona, ricordo che un po' di tempo fà un accordiano avvocato pubblicò un esauriente articolo sulla questione dei diritti siae, sui permessi per esibirsi e sui compensi per gli artisti.
Dunque credo che fornire un pdf con un decalogo per affrontare tali questioni non sarebbe un problema e probabilmente nella comunità si toverebbe anche chi ha le competenze per scriverlo ed è disposto a farlo gratuitamente. Mi spingo oltre: secondo me non sarebbe un problema nemmeno fornire una copia di contratto standard tra gestore e artista, in internet se ne trovano di già pronti.
Rispondi
E' una proposta interessante e ...
di janblazer [user #26680] - commento del 03/11/2012 ore 21:32:26
E' una proposta interessante e per alcune idee credo abbastanza fattibile..
Probabilmente andrebbe affrontata per gradi.. step by step..
Il bravo Perry ha gettato il classico sasso nello stagno per vedere quanti cerchi fa..
La parola adesso alla Redazione...
;-)
Rispondi
L'idea è ottima.....
di bernablues [user #16917] - commento del 05/11/2012 ore 15:43:08
Però, la visibilità di Accordo, è più che altro indirizzata a gli addetti ai "lavori", nel senso, a chi fa musica, e nella fattispecie ai chitarristi, credo che pochi gestori di locali, conoscano il sito, quindi prima di fare qualsiasi sezione dedicata, bisognerebbe pubblicizzare il sito, nel mondo dei gestori di locali, e non so quanto potrebbe incidere a livello economico su una realtà come quella di Accordo.it, poi ovviamente le mie sono solo constatazioni, che nascono da un ragionamento tutto mio, e che possono essere confutate da chi amministra il portale di Accordo ;-)))
Rispondi
Re: L'idea è ottima.....
di perrynason [user #17170] - commento del 05/11/2012 ore 16:06:22
Vero!
Ma credo che una organizzazione come Accordo srl, se ci crede, sappia dare visibilità ad una iniziativa in vari modi. Ovviamente c'è una questione di costi/benefici. Io ho buttato lì un'idea, poi se gli amministratori di Accordo vorranno valutarla...
;-)
Rispondi
magari 20 anni fa....
di Zakk Fuckin' Wylde [user #5690] - commento del 05/11/2012 ore 17:38:00
forse 20 anni fa sarebbe stata una grande opportunità !
oggi di siti che fanno questo ce ne sono e non funzionano un gran che bene.Certo accordo ha altra visibilità e altra fama ma sono daccordo con chi diceva che i locali sono meno ed è preferibile altro genere di musica e di personaggi direi !
L'idea resta ottima in assoluto ma difficilmente praticabile nella realtà.
Ricordiamoci che siamo in Italia aimè !
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





Le vostre esibizioni
Happy 2017!!
Rockabye!!...anche se non molto rock... :)
I'm On Fire
Capriccio n. 20 con GKG R36
Breve impro su "How Insensitive"...
di luvi
I vostri articoli
Trasformare una chitarra in un tres cubano
Voglia di Stratocaster
Tre mesi con Helix LT
Avere o non avere il fuzz: la risposta è DOD Carcosa
Marshall 8240 Valvestate: l'amplificatore degli amici
I compleanni di oggi
Angelus991
Vladyslav
cannibalsco
brucemaster
klauzz
Yellow75
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964