CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Sacro e profano: Non è rock and roll but I like it
Sacro e profano: Non è rock and roll but I like it

di [user #3] - pubblicato il
Con lo spirito "stai preoccupato" con cui si recensisce il lavoro di un amico mi sono messo all'ascolto del CD "Sacro e Profano" di Paolo Anessi e Simona Grasso. Dubbioso sui titoli (per me che recito "It's only rock and roll but I like it" come fosse l'Ave Maria, un CD che si apre con "Guarda che luna" non è il massimo dell'appeal) l'ho sparato dall'iPhone nel totale disprezzo della richiesta dell'autore di sentirlo su un buon impianto.
Quando arriva il CD di un collaboratore da sentire è sempre un problema, soprattutto se oltre che collaboratore è anche un amico. La faccenda si fa seria, e se poi non mi piace? Con questo spirito "stai preoccupato" mi sono messo all'ascolto del CD "Sacro e Profano", nuovo lavoro di Paolo Anessi e Simona Grasso.
Dubbioso sui titoli (per me che recito "It's only rock and roll but I like it" come fosse l'Ave Maria, un CD che si apre col titolo "Guarda che luna" non è il massimo dell'appeal), l'ho sparato dall'iPhone nel totale disprezzo della richiesta dell'autore ("sentilo su un buon impianto"). Dopo due pezzi ho capito che stavo facendo un torto a un gran lavoro, così ho schiacciato STOP e l'ho mandato sull'impianto stereo. E si è riempita - letteralmente - la stanza di musica, come non capita spesso.

Allora, in questo album ci sono almeno tre valori importanti: la voce, l'arrangiamento e le chitarre.
La voce. Simona Grasso è un talento naturale, con un'intonazione perfetta e un gran feeling. Interpreta con originalità, a volte è provocatoria (cioè affronta in modo "profano" brani che per molti sono "sacri"), dispone di una musicalità che non è da molti. Alcune piccole ingenuità nell'interpretazione (beata gioventù) sono segnali positivi, a dimostrare che Simona ha ancora tanto margine per crescere. E chi la ferma quella?

L'arrangiamento. Dimostra tutta la geniale follia creativa di Paolo Anessi e non mi riferisco solo agli effetti speciali, usati sempre con garbo e misura. Tutto è ripreso perfettamente, inclusi i deliziosi rumori delle dita sulle corde, chiarissimo, davanti e anche intorno, con una spazialità notevole, sembra di avere tutto lì, strumenti e voce, al posto giusto come in un club eppure ti avvolge. Se ascolti con attenzione ti rendi conto che quella sensazione di naturalezza è in realtà frutto di un lavoro certosino, creativo e rigoroso, sia in fase di ripresa, sia di produzione.

Infine le chitarre. Ecco, qui Paolo ha gioco facile, perché le sei corde lui le sa accarezzare con tocco gentile, rispettoso della tradizione jazz, ma al contempo con quel frizzo in più di chi ha masticato tanti generi ed è capace di sorprendenti con improvvisi guizzi tecnici. Che fosse bravo si sapeva, ma qui, sul suo terreno, dà il meglio.

Riassumendo. Jazz vero, quello nato nei ghetti per essere intrattenimento povero. Un jazz di pronta beva, piacevole da ascoltare, sapientemente incrociato con la nostra tradizione popolare. Un babà di CD, accattatevìllo a SHG e magari fatevelo firmare da Paolo e Simona, che non mancheranno di esibirsi per la gioia di tutti.


Dello stesso autore
La gioia di rivedere l'usato a SHG sabato e domenica
Hai visto che puoi indicare che musica ti piace?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Billy Gibbons, icona e massimo esperto di "Tone"
Milano Music Week: il capoluogo lombardo rilancia la voglia di fare musica in Italia
Nasce Fender Italia: abbiamo intervistato il manager europeo Graeme Mathieson
Loggati per commentare

grandissimi Paolo e Simona
di lucky54 [user #18494]
commento del 09/11/2012 ore 17:19:38
Grandissimi Paolo e Simona spero di essere lì con voi domenica....
un' abbraccio da Lucky & the Speakeasy
Rispondi
Mhuà!
di blackjack [user #31354]
commento del 09/11/2012 ore 17:48:32
Mhuà!
Rispondi
"Argon e Propano"... un album ...
di diumafe [user #17831]
commento del 09/11/2012 ore 18:04:52
"Argon e Propano"... un album disco molto gassoso... :-)
Rispondi
bella recensione.....
di bernablues [user #16917]
commento del 09/11/2012 ore 18:35:03
ma almeno un paio di sample per farci un'idea? ;-))))))))
Rispondi
Re: bella recensione.....
di alberto biraghi [user #3]
commento del 09/11/2012 ore 18:36:20
Guarda, lo avrei fatto, ma con SHG siamo nellammerda, vedo Paolo se riesce.
Rispondi
Re: bella recensione.....
di alberto biraghi [user #3]
commento del 10/11/2012 ore 11:27:2
Messo un sample...
Rispondi
Re: bella recensione.....
di bernablues [user #16917]
commento del 10/11/2012 ore 17:20:23
Bravissimi!!! rivisitano la musica Italiana in una maniera del tutto personale, senza però stravolgerne i connotati, credo che possano benissimo, essere gli "ambasciatori", del made in Italy "musicale" all'estero, alla stessa stregua di Davide Facchini ed Anita Cammarella, ce ne fossero!!!!! ;-)))
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
News
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe chitarre!"
La storia del delay
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive

Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964