DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Costruire un loadbox
Costruire un loadbox
di [user #2413] - pubblicato il

Il loadbox o dummy load è un carico che può sostituire la cassa di un amplificatore per chitarra o basso, permettendo all'amplificatore di funzionare come se avesse il cono attaccato. Vediamo come procedere per costruirci il nostro loadbox artigianale a basso costo.
Il loadbox o dummy load è un carico, di solito resistivo, che può sostituire la cassa di un amplificatore per chitarra o basso, permettendo all'amplificatore di funzionare correttamente, come se avesse il cono attaccato. Nell'articolo visibile a questo indirizzo erano state proposte alcune possibilità di utilizzo all'interno del routing del segnale, mentre nel presente vedremo come procedere per costruirci il nostro loadbox artigianale a basso costo.

Iniziamo dal procurarci una lamiera di almeno 1mm per costruire il contenitore che conterrà il loadbox, oppure comprate uno scatolato di alluminio o metallo di generose dimensioni. Le dimensioni dipendono anche dalle parti che comprerete, per cui prima di prendere o fare la scatola aspettate di avere tutti i componenti così da dimensionarla in modo corretto.
Non c'è una regola precisa, ma affidatevi al buon senso e lasciate uno spazio sufficiente tra i componenti. Non è un pedalino, gli elementi non devono toccarsi, i cavi non devono appoggiarsi sulle resistenze che possono diventare calde e danneggiare il rivestimento del cavo.
Sostanzialmente bisogna fare dei buchi per fissare i resistori con dei bulloncini e i buchi per le prese jack di ingresso e quella del lineout. Bucare il metallo è semplice con un trapano e una punta per metallo, l'importante è fare un segno al centro del cerchio con un bulino di modo che la punta non scivoli quando si appoggia. Per tagliarlo invece basta un seghetto alternativo da venti euro con la lama per il metallo adatta allo spessore che state tagliando e una morsa o morsetto per bloccare la lamiera. Una volta costruito il case potete passare al circuito.
Quello serve sono quattro resistenze di questo tipo. Quelle che vi ho indicato sono da 8 ohm/50watt ciascuna e servono a ottenere una resistenza totale di 8 ohm, se vorrete costruirne uno da 16ohm basterà prendere quattro resistori da 16ohm dello stesso tipo. I quattro resistori si rendono necessari per ottenere una potenza complessiva di circa 200watt. Potreste prendere anche una sola resistenza da 200w/8 ohm dello stesso tipo, ma costerebbe qualche centinaio di euro.

Apriamo una parentesi sulle resistenze: queste sono a filo avvolto (wirewound - in inglese) hanno un tolleranza dell'1%, quindi il valore reale di ogni singolo resistore, così come quello medio totale, sará compreso tra 8.08 ohm - 7.92 ohm, fatto salvo della resistenza di contatto dovuta a cavi, saldature, contatti, etc. Per un totale di, supponiamo, altri 0.02ohm avremo un valore medio al jack d'ingresso compreso tra circa 8.1 - 7.94 ohm, questo a 20°C. I resistori in oggetto hanno però un coefficiente di temperatura di + o - 50ppm/°C (ppm significa part per million). Tradotto in soldoni, la resistenza varierà al massimo di 0.00005 ohm per ogni grado centigrado, quindi possiamo stare tranquilli da questo punto di vista. Anche la temperatura d'esercizio è ampia, da -55°C a 250°C, chiusa parentesi.

Costruire un loadbox

Continuiamo nella costruzione. Come cavo per connettere i resistori ho usato del cavo di rame ad anima piena da 1mm di diametro, senza guaina, smaltato in argento, che si trova da Leroy Merlin (incredibile!).
Qualsiasi cavo decidiate di usare, verificate prima che il diametro non sia troppo grosso per passare nei fori di connessione dei resistori, per il resto del circuito invece usate cavo con guida di sezione 1mmq ad anima piena (sezione, non diametro) o quello che avete, basta che non sia troppo sottile. Per non avere successivi problemi di mancanza di spazio, prima di montare i cavi sul pannello inserite nei reofori la parte più lunga del cavo argentato che collega tutti e quattro i resistori da 8 ohm, senza saldare. Montate i componenti sul pannello dello scatolotto e procedete a saldare seguendo il semplice schema elettrico sovrastante.

Parentesi sul saldatore: per fare questo tipo di saldature agevolmente bisognerebbe avere un saldatore decente, tipo i Weller da novanta euro, che hanno all'interno un sistema di regolazione che mantiene costante la temperatura della punta. Con oggetti come questi che hanno ampie superfici metalliche con un saldatore qualunque farete molta fatica, perché appena la punta tocca la zona da saldare tutto il calore viene disperso dalle parti metalliche e quindi la punta si raffredda e non salda. Avrete giá incontrato questo problema se avete mai provato a saldare il cavo di massa che dal fronte del body va sulla piastrina di ancoraggio delle molle del ponte nel retro della chitarra. Un buon saldatore è un buono e poco oneroso acquisto.

Costruire un loadbox

Il partitore di tensione per il line out potete saldarlo su un ritaglio di basetta di bachelite su cui farete dei fori, o una basetta millefori, e unirlo al resto del circuito fissandolo al case con dei distanziali e due bulloncini. Volendo potrete attaccare un dissipatore di calore passivo di metallo sulle resistenze e aggiungere una ventolina da 9V simile a quelle che si trovano all'interno del PC alimentabile a batteria.
Una volta finito avrete un loadbox da 8ohm che potrete collegare direttamente all'uscita cassa da 8ohm del vostro ampli tramite l'input e un line out sul loadbox da cui esce il segnale che arriva direttamente non filtrato dal vostro ampli, abbassato a livello di linea per poter essere utilizzato, per esempio, da una scheda audio o riamplificato.
Sulle testate per chitarra di solito ci sono due uscite per collegare le casse per cui potete comunque usare una cassa per sentirvi se volete, senza dover aggingere un'uscita thru sul loadbox. Il line out può essere superfluo se il vostro ampli ha già uno slave out di serie, ma il loadbox vi può sempre servire se volete usare lo slave out senza che vi si senta, usando il loadbox come semplice carico al posto della cassa.
elettronica fai da te
Link utili
Dove e perché usare un loadbox
Mostra commenti     24
Altro da leggere
Gibson ES 339 tra il Satin e il Gloss
Cambio superficiale: spunti per una finitura fai-da-te
Let it (Treble) Bleed
Lucidare chitarra in finitura nitro opacizzata
La chitarra elettrica fatta con mobili Ikea
Pota! Ho fatto un omaggio alla mia terra: Potacaster!
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964