CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
La suonabilità in cifre
La suonabilità in cifre
di [user #17170] - pubblicato il

Quando si può provare una chitarra prima dell'acquisto il problema non si pone, ma quando l'unico mezzo per conoscerla è una scheda tecnica su un monitor conoscere e interpretare i numeri forniti dai produttori è fondamentale.
... tra convertitori on line e metro Ikea.

In un precedente articolo sottolineavo l’importanza della suonabilità nella valutazione di una chitarra acustica, un fattore su cui molti costruttori tagliano corto nella descrizione dei loro modelli con frasi del tipo “a fingerpickers' dream and great for strumming”, come dire ideale per tutto.

È ovvio che quando abbiamo la possibilità di provare uno strumento il problema non si pone, saranno i nostri sensi a dirci se fa per noi oppure no, ma a volte capita che la chitarra di cui ci siamo invaghiti non sia disponibile nei negozi della nostra città o che non venga importata nel nostro Paese. In questi casi, prima di prendere in considerazione l’acquisto on line, l’unico modo per farci una idea del tipo di suonabilità offerto da quel modello è leggere attentamente la scheda tecnica sul sito del produttore. Ma lì cominciano i problemi perché bisogna spulciare tra sigle e misure che spesso sono espresse in pollici frazionati. Quanto misura in millimetri un capotasto da 1-13/16? E una spaziatura di corde da 2-1/4 di quanto differisce rispetto a una da 2-5/16 ? E che differenza c’è tra un manico V e uno Modified V? Vediamo allora quali sono i dati che hanno a che fare con la suonabilità e come interpretarli.

Nut Width o Fingerboard Width at Nut: larghezza della tastiera al capotasto.
Le due misure più diffuse sono 1-11/16 e 1-3/4, ma molti modelli di ispirazione vintage o dedicati alla tecnica fingerpicking hanno tastiere da 1-13/16 o addirittura da 1-7/8. Le misure sono espresse in pollici frazionati e per un primo confronto dovremo fare un po’ di equivalenze riportando tutte le frazioni allo stesso denominatore, quindi avremo: 1-11/16, 1-12/16, 1-13/16, 1-14/16. Ora la cosa è più chiara: le misure aumentano progressivamente di 1/16 di pollice. Sì, ma quanto fa in millimetri?

Sapendo che 1 pollice equivale a 25,4mm il calcolo non è difficile, ma un buon convertitore rende tutto molto più rapido e preciso. In internet se ne trovano parecchi, Claredot mi è sembrato uno dei più efficienti. Ecco la risposta: 1/16 di pollice = 1,5875mm.
Dunque la differenza al capotasto tra i vari tipi di tastiere è poco più di un millimetro e mezzo. Ovvio che se passiamo dalla tastiera più stretta alla più larga avvertiremo una notevole differenza (quasi mezzo centimetro), ma tra le due misure standard di 1-11/16 e 1-3/4 la differenza al capotasto è solo di 1,5mm. Molti temono che questo scarto incida parecchio sulla spaziatura delle corde, ma basta un semplice calcolo (differenza tra le due tastiere divisa per i cinque spazi delle corde) per scoprire che nella tastiera da 1-3/4 gli spazi tra le corde al capotasto si aprono di 0,3mm. Una differenza quasi impercettibile. Però nessuno rimane fermo al primo tasto, quindi bisogna prendere in considerazione un’altra misura, ben più significativa.

Fingerboard Width at 12th Fret: larghezza della tastiera al 12esimo tasto (a volte la misura viene presa al 14esimo tasto).
Con questo dato possiamo ricavare anche la larghezza della tastiera al quinto tasto, che si trova a metà tra nut e 12esimo tasto, così avremo anche un'idea della larghezza intermedia della tastiera.
Basta applicare questa formuletta
(Nut + 12°) : 2

Facciamo un esempio pratico.
Mettiamo che vi siate invaghiti di una Martin 00-18v (e ti credo!). La scheda tecnica dice che misura 1-3/4 al Nut e 2-1/4 al dodicesimo tasto e allora:

1-3/4   +   2-1/4  =  4 pollici
4  :  2  =  2 pollici, cioè la larghezza del quinto tasto.

Ora potete misurare la tastiera della chitarra su cui suonate di solito e fare un raffronto. Naturalmente dopo aver fatto ricorso al convertitore on line, a meno che...
A meno che non siate forniti di un comodissimo metro lineare in carta dell’Ikea, marcato da una parte in centimetri e dall’altra in pollici frazionati. Se non l’avete vi consiglio vivamente di farne incetta la prossima volta che “qualcuno” vi costringerà a un tour tra mobili e suppellettili svedesi. Almeno avrete un motivo per sottoporvi al supplizio.
Ma per completare il discorso sulle dimensioni della tastiera bisogna prendere in considerazione un altro dato.

Scale Length: lunghezza della scala o diapason.
È la distanza tra nut e sella, i due punti che determinano la porzione di corda vibrante, cioè il diapason. In casa Martin i diapason standard sono di 24.9 e 25.4, mentre in casa Gibson i diapason più usati sono di 24.75 e 25.50 (tanto per complicare un po’ le cose in questo caso le misure vengono espresse in pollici decimali). Altri costruttori adottano dimensioni leggermente differenti. Ovviamente il diapason determina anche la lunghezza del manico e la suddivisione dei tasti sulla tastiera, quindi una chitarra a scala corta avrà i tasti più ravvicinati rispetto a una a scala lunga e questo è uno dei motivi per cui si sostiene che offra una migliore suonabilità. Ma con una scala corta, di quanto sono più ravvicinati i tasti?

Su Lutherie Information Website, il liutaio Mottola mette a disposizione un comodissimo calcolatore in javascript: basta inserire la lunghezza del diapason per avere le posizioni di tutti i tasti rispetto al Nut. Risulta allora che tra un diapason di 24.9 e uno di 25.4 la differenza al quinto tasto è di 0.126, cioè 3,2mm. Stando sul pratico, significa che su una Martin 000 lo spazio dei primi cinque tasti è ridotto di 3,2mm rispetto a una OM.
Applicando lo stesso calcolo in casa Gibson risulta che tra un diapason di 24.75 e uno di 25.50
la differenza al quinto tasto e di 4,8mm, cioè lo scarto tra una J-45 e una J-200. Per fare un paragone incrociato, i primi cinque tasti di una Gibson J-45 risultano più stretti di 4mm rispetto a una Martin D-28. Dunque si parla di una differenza media di 4mm suddivisa nei primi cinque tasti.
Ma quanto ci accorgeremo di questa differenza? Se non siamo impegnati in diteggiature complicatissime credo che la noteremo poco. Io trovo addirittura più comoda la mia chitarra a scala lunga rispetto a quella con scala corta (forse perché non pratico diteggiature complicate!). Potremmo invece notare che un diapason lungo richiede una maggior tensione delle corde, ma riguardo alla suonabilità anche questa percezione è abbastanza soggettiva, infatti molti insistono su questo dato, ma poi nessuno si lamenta, per esempio, della maggior tensione delle corde Phosphor-bronze rispetto alle normali Bronze che in una muta Martin Light 0.12 è di 4,3 libbre, cioè 1,95Kg in più (uno dei motivi per cui le Ph-br hanno un suono più brillante). In realtà la percezione delle differenze tra i diversi diapason è condizionata da un altro fattore.

Neck Shape o Neck Profile: forma o profilo del manico.
È un dato importantissimo, che può determinare la nostra empatia con lo strumento molto più della lunghezza del diapason. Di solito si parla di profili a U, D, C e V, ma poi ogni costruttore adotta differenti definizioni: Low Profile, Low Oval, Full V, Vitage V, Modified V, Soft V... Come districarsi tra queste definizioni? Senza poter mettere le mani sulla chitarra è difficile farsi una idea precisa, ma come spesso accade, se diradiamo il fumo la sostanza si riduce di molto.
Ecco un confronto tra i profili più usati da Martin.

La suonabilità in cifre

Altri produttori adottano diverse definizioni che però sono grossomodo riconducibili agli stessi profili, come si può vedere in questi schemi di Taylor e Collings:


La suonabilità in cifre
La suonabilità in cifre
Oltre a essere molto più accurate nel disegno, le tabelle di Taylor e Collings danno anche informazioni dettagliate sullo sviluppo della sezione del manico, cioè su come cambiano il profilo e lo spessore in corrispondenza del primo e nono tasto. C’è da dire che queste informazioni sono molto tecniche e non vengono quasi mai riportate nelle schede sintetiche. Ai fini pratici risultano anche un po’ maniacali, ma è utile notare che il profilo a V è quello che si ingrossa maggiormente avanzando lungo il manico, come si può vedere dallo schema seguente.

La suonabilità in cifre

Dunque, al di là delle varie definizioni, Low Profile, Low Oval o Slim sono derivazioni del profilo a C e sono in genere manici arrotondati e abbastanza uniformi, che richiedono una minore pressione delle dita per chi tiene il pollice dietro al manico, mentre il profilo a V (Vintage V o Full V) è leggermente appuntito, aumenta sensibilmente di spessore procedendo verso il tacco del manico, ma è smagrito ai lati e risulta particolarmente adatto a chi abbraccia il manico col palmo della mano facendo spuntare il pollice sopra la tastiera. Il Modified V (Soft V) è una buona mediazione.

Dovremo fare particolare attenzione alla accoppiata tra profilo del manico e dimensione della tastiera, sicuramente tra i dati più importanti per determinare i tipo di suonabilità di una chitarra. Ma non è tutto.
Finora abbiamo preso in considerazione le caratteristiche che riguardano il campo di azione della mano sinistra (destra per i mancini), ma la suonabilità riguarda le condizioni in cui si trovano ad agire entrambe le mani.

Bridge String Spacing o Saddle Spacing: spaziatura delle corde al ponte o spaziatura della sella.
È la distanza tra prima e sesta corda sul ponte, in pratica è lo spazio su cui ci troveremo ad agire con la mano destra. Ovvio che questa misura incide anche sulla spaziatura delle corde lungo la tastiera, quindi è importante per entrambe le mani. Corde più distanziate al ponte permettono di tenere la mano più aperta e favorire il movimento delle dita, quindi le tecniche di arpeggio o fingerpicking, ma possono ostacolare tecniche molto articolate col plettro, come nel flatpicking. Per evitare una eccessiva divaricazione delle corde lungo la tastiera, la spaziatura al ponte è in genere proporzionata a quella del capotasto. Ci sono alcuni abbinamenti standard, come Nut da 1-11/16 con 2-1/8 al ponte, oppure Nut da 1-3/4 con 2-1/4 o 2-5/16 al ponte. Significa che tra la spaziatura più stretta e quella più larga le corde in totale sono più aperte di 4,7mm, quasi mezzo centimetro. È improbabile trovare chitarre con capotasto stretto e spaziatura al ponte molto larga - avrebbe poco senso - mentre a fronte di Nut da 1-3/4 possiamo trovare anche spaziature al ponte abbastanza contenute come 2-3/16, una soluzione che può aumentare la versatilità dello strumento. Questo parametro riguarda la nostra tecnica strumentale preferita o, se pratichiamo varie tecniche, la destinazione che vogliamo dare allo strumento, ma è molto importante anche rispetto alla dimensione delle nostre mani.
A volte nelle schede tecniche non viene fornita la misura della spaziatura al ponte, ma in questi casi spesso la larghezza della tastiera viene data al 14esimo tasto, che in pratica coincide con la misura della spaziatura delle corde al ponte. Quindi due dati in uno.
Ma le chitarre acustiche, come certe persone, quando gli dai la mano si prendono anche il braccio.

Lower Bout: “pancia”, larghezza massima del top.
Tutti possono notare a occhio la differenza di dimensioni tra i vari tipi di chitarre acustiche, su internet abbondano schemi e immagini come queste:

La suonabilità in cifre

La suonabilità in cifre

Chitarre di ampie dimensioni costringono a tenere la spalla molto sollevata, una postura forzata che può intorpidire il braccio e, a lungo andare, provocare fastidi anche seri (dolori cervicali, mal di schiena, tendiniti, tunnel carpale). Una dreadnought, per esempio, sarebbe nettamente sconsigliata per un bambino, ma anche per adulti con una corporatura minuta. Chi ha suonato una 00, per esempio, avrà provato la sensazione di maggior comodità e naturalezza rispetto a una dread. Tuttavia vale anche il discorso contrario: chi è di grossa corporatura potrebbe trovarsi in imbarazzo con una piccola parlor. Ma l’ampiezza del top non è l‘unico fattore a condizionare la nostra postura.

Body Depth: profondità della cassa armonica.
Una OM ha una “pancia” (lower bout) di dimensioni non molto inferiori a quella di una dread, ma ha anche una cassa meno profonda di circa 2cm, quel tanto che basta per renderla più ergonomica e consentirci di imbracciarla tenendo la spalla più bassa. In questo caso le dimensioni contano.
Per chi vuole divertirsi col convertitore on line (o col metro Ikea), riporto lo spessore della cassa di alcuni modelli di riferimento, dai più maneggevoli ai più ingombranti.

Martin 0: 4 (4-1/4)
Martin OM: 4-1/4
Taylor Grand Concert: 4-3/8
Gibson L00: 4-5/8
Taylor Grand Auditorium: 4-5/8
Taylor D: 4-5/8
Martin D: 4-3/4
Gibson J45: 4-3/4
Gibson J200: 4-3/4
Martin J: 4-7/8

Al termine di questa carrellata sulle cifre della suonabilità è bene precisare che non tutti i costruttori forniscono schede dettagliate dei loro modelli. Spesso le regole del marketing suggeriscono che è più conveniente puntare su legni e finiture e se quel bellissimo modello in adirondak bordato in herringbone ci farà venire i crampi o il mal di schiena sono affari nostri. Il sito di Gibson, per esempio, brilla per la totale assenza di informazioni tecniche. In questi casi bisogna cercare altrove, magari nei forum dei fan del marchio che spesso sono vere miniere di informazioni. Ma se siete disposti a sborsare grosse cifre per una chitarra di gran marca, sarà bene cercare anche di metterci le mani sopra prima di acquistarla, non è poi così vero che tanto è facile rivenderla.

Un’ultima annotazione: ovviamente alcuni dei fattori che influiscono sulla suonabilità hanno effetto anche sul suono. Per esempio la lunghezza del diapason, la forma e le dimensioni della cassa armonica determinano notevoli differenze nel timbro di una chitarra. Ma questo articolo era esclusivamente dedicato alla suonabilità. Parlare del suono è molto più complicato. Come è molto più facile perdersi nei dettagli di liuteria che suonare bene.

Nota della Redazione: Accordo è un luogo che dà spazio alle idee di tutti, ma questo non implica la condivisione di ciò che viene scritto. Mettere a disposizione dei musicisti lo spazio per esprimersi può generare un confronto virtuoso di idee ed esperienza diverse, dando a tutti l'occasione per valutare meglio i temi trattati e costruirsi un'opinione autonoma.

chitarre acustiche chitarre elettriche liuteria
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Link utili
Giudicare una chitarra acustica
Convertitore frazioni di pollici
Calcolatore posizione tasti
In vendita su Shop
 
Ernie Ball 6058 Cavo per strumenti Black mt 7,6
di Centro della Musica
 € 24,90 
Visualizza il prodotto
Radiomic. Vhf Doppio Soundsation Wf-v21ppb 2 Bodypack + Headset 205.75 - 208.80mhz
di Music Delivery
 € 70,00 
 
Planet Drum DB52-127 Silver
di Banana Music Store
 € 350,00 
 
Cort G250 Silver Metallic
di Banana Music Store
 € 299,00 
 
Fender Swell Neoprene Strap, 2 Tracolla per Chitarra
di Centro della Musica
 € 29,00 
Visualizza il prodotto
Omnitronic Spl-1 Meeter Rack
di Music Delivery
 € 83,00 
 
DW Design Smoked Acrylic Limited Edition 14x8
di Dream Music Studio
 € 365,00 
 
KARMA - GLASER 150 - GARDEN LASER MULTICOLORE DA ESTERNO
di Music Works
 € 45,00 
Nascondi commenti     60
Loggati per commentare

ahhhh ...che articolo, che competenza....bravissimo ...
di Mr_Pone utente non più registrato
commento del 15/12/2012 ore 08:20:39
ahhhh ...che articolo, che competenza....bravissimo Mirco
Rispondi
Doppio, anzi triplo WOAH.......
di Salvog [user #26748]
commento del 15/12/2012 ore 08:58:41
Per la barba di Nettuno.....

quest'uomo è un pozzo di sapere!!!!


Sono sconcertato,

ma ci tengo a precisare, nel senso buono!!!


Bye!!

Rispondi
Ma questa è meglio della ...
di Martinez53 [user #23272]
commento del 15/12/2012 ore 09:30:37
Ma questa è meglio della Divina Commedia. Mirco il Dante Alighieri della chitarra...!
Rispondi
Re: Ma questa è meglio della ...
di perrynason [user #17170]
commento del 15/12/2012 ore 10:40:26
Allusioni al naso?
:-)))))
Rispondi
Re: Ma questa è meglio della ...
di Martinez53 [user #23272]
commento del 15/12/2012 ore 10:43:33
Si....;-)))))))))))))))))))))))))
Rispondi
Sinceramente la Nota della Redazione ...
di perrynason [user #17170]
commento del 15/12/2012 ore 10:13:42
Sinceramente la Nota della Redazione non l'ho capita.
Rispondi
Re: Sinceramente la Nota della Redazione ...
di jebstuart [user #19455]
commento del 15/12/2012 ore 17:31:11
Mi pare sia chiaro significhi che l'Autore si assume la responsabilità intellettuale di quel che afferma nell'articolo e che Accordo, pubblicandolo, non necessariamente condivide i concetti che vi sono espressi.
Per la verità la cosa mi sembra ovvia per una testata che accoglie articoli non professionistici e di iscritti che non fanno parte integrante della Redazione e per i quali, di conseguenza, non vengono applicate strategie redazionali.
Senza contare che questo pacato prendere le distanze è di gran lunga preferibile ad una politica di censura e controllo dei contenuti.
Tutto qui.
Rispondi
Re: Sinceramente la Nota della Redazione ...
di perrynason [user #17170]
commento del 16/12/2012 ore 11:23:24
Comprensibile! Alberto ha paura che possano mandarlo a vivere con la Santanchè per qualche mese (non si sa mai che cambino i valori dei pollici frazionati!)
Rispondi
Ciao Perry!!! Grandissimo articolo!!! Naturalmente ...
di helloween [user #27122]
commento del 15/12/2012 ore 10:47:45
Ciao Perry!!! Grandissimo articolo!!! Naturalmente ora dovrò comprare una chitarra online per provare di aver appreso bene le nozioni ah ah ah :-) magari una bella martin...chissà!!! :-P
P.s la nota della redazione la mettono sotto ogni articolo. Sarà una sorta di noticina che sgrava la responsabilità(???) dalla testata all'esclusivo scrittore dell'articolo (penso io).
Rispondi
Re: Ciao Perry!!! Grandissimo articolo!!! Naturalmente ...
di perrynason [user #17170]
commento del 15/12/2012 ore 11:05:17
Beh, siccome ho comprato ben due chitarre via internet, abbastanza economiche ma ottime (e impossibili da trovare nei negozi!) ho pensato potesse essere utile condividere qualche ragionamento, ma prima di sborsare un pacco di soldi per una Martin vorrei metterci bene le zampe sopra! :-)))

PS: già, la N.d.R. è standard, non me ne ero accorto e credo sia proprio come dici tu. Grazie.
Rispondi
Re: Ciao Perry!!! Grandissimo articolo!!! Naturalmente ...
di helloween [user #27122]
commento del 15/12/2012 ore 11:09:31
Si è vero, in base al prezzo è meglio metterci le mani sopra; però quando si comprano chitarre anche buone della fascia di prezzo di 700-800 euro seguire questi accorgimenti è molto utile, paragonando magari manici di chitarre che già si hanno a casa. M'incuriosisce molto il manico a V, mai provato in vita mia; sembra comodo per i non-virtuosismi, diciamo alla Clapton.
Rispondi
Re: Ciao Perry!!! Grandissimo articolo!!! Naturalmente ...
di RedRaven [user #20706]
commento del 15/12/2012 ore 21:09:56
provai tanti anni fa una folk con manico a V, non me l'aspettavo e scappai terrorizzato, diciamo. Col senno di poi e per come posiziono la mano forse varrebbe una prova oggi. Certo che un barrè non so come sia agile..
Rispondi
Re: Ciao Perry!!! Grandissimo articolo!!! Naturalmente ...
di perrynason [user #17170]
commento del 16/12/2012 ore 00:44:13
Se non hai una impostazione classica col pollice sempre al centro e le altre dita a martello, su un Modified V nessun problema.
Rispondi
Re: Ciao Perry!!! Grandissimo articolo!!! Naturalmente ...
di RedRaven [user #20706]
commento del 16/12/2012 ore 00:49:19
Mah era una Cort se non ricordo male con una V molto molto secca e qualche difficoltà c'era eccome, a volte il pollice dietro deve stare in mezzo per fare forza, oltretutto ho le dita non molto forti.
Rispondi
Re: Ciao Perry!!! Grandissimo articolo!!! Naturalmente ...
di helloween [user #27122]
commento del 16/12/2012 ore 01:15:21
Forse é un profilo più adatto ad una elettrica bluesettara...
Rispondi
Re: Ciao Perry!!! Grandissimo articolo!!! Naturalmente ...
di perrynason [user #17170]
commento del 16/12/2012 ore 02:15:28
Il Modified V lo trovi un po' dappertutto: OM, 000 a 12 e 14 tasti, parlor e pure dread. Abbinato alla tastiera giusta è una "mezza via" molto funzionale.
Rispondi
Complimenti!!!
di mech875 [user #24363]
commento del 15/12/2012 ore 11:03:58
Azzz.... che articolo.
Rispondi
esci da questo corpo !
di stefano58 [user #23807]
commento del 15/12/2012 ore 12:08:16
Non sei il perry che conosco , chiunque tu sia riportacelo indietro eh eh eh
Sei stato così bravo che ora vado a comprarmi una chitarra sul web con il metro di ikea che ho conservato.Male che va te la ricompri tu :DDDDDDDDD bellissimo articolo mirco , vanto di noi acusticanti !
Rispondi
Re: esci da questo corpo !
di perrynason [user #17170]
commento del 15/12/2012 ore 15:01:40
Col metro Ikea stai in una botte de fero, ma ti calcoli la TUA suonabilità! Po lo so che ti compri le dread e io non le voglio!
;-)
Rispondi
Re: esci da questo corpo !
di Mr_Pone utente non più registrato
commento del 15/12/2012 ore 15:45:26
Ce lo invidiano TUTTI
eh eh
Rispondi
Re: esci da questo corpo !
di stefano58 [user #23807]
commento del 15/12/2012 ore 16:50:12
Verissimo ! In primis bonamassa :DDDDDDD
Rispondi
Re: esci da questo corpo !
di perrynason [user #17170]
commento del 15/12/2012 ore 16:55:08
Bona lì !!!
Rispondi
Re: esci da questo corpo !
di stefano58 [user #23807]
commento del 15/12/2012 ore 17:01:56
e se è invidiosso , che ce posso fa ? :DDDDD
Rispondi
Ottimo
di mauriziodb [user #19064]
commento del 15/12/2012 ore 12:39:16
Questi sono gli articoli che mi piacciono, pieni di schemi, disegni e misure, da questi articoli si imparano cose fondamentali e utili, altro che le suggestioni romantiche.
Rispondi
da ex secchione...
di nicolapax [user #27042]
commento del 15/12/2012 ore 12:56:01
... quale sono, gli articoli "tecnici" e di approfondimento mi fanno tornare alla mente quando ero dall'altra parte della cattedra (ora sto al di qua...). Oggi sono molto meno formale da insegnante di quanto non lo fossi da studente.
Bellissimo articolo ricchissimo di preziose informazioni.
Grazie

__
Non uso mai una partitura nel dirigere l'orchestra.
Forse che un domatore entra nella gabbia con un libro su come domare i leoni?
Dimitri Mitropoulos
Rispondi
Questo è un'articolo....
di bernablues [user #16917]
commento del 15/12/2012 ore 13:49:3
Da "sartoria" liuteristica, molto approfondito, e chiaro allo stesso tempo, questi articoli, dovrebbero essere conservati in una cartella speciale di Accordo, Bravo Mirco, così si fa!!!! ;-)))))
Rispondi
Re: Questo è un'articolo....
di perrynason [user #17170]
commento del 15/12/2012 ore 15:03:30
Azz, i complimenti dal liutaio! Grazie!
;-)
Rispondi
Re: Questo è un'articolo....
di Blues_guitar_man [user #16047]
commento del 15/12/2012 ore 22:17:10
io infatti me lo salvo ! E lo confronto con tutti gli appunti che mi sono scritto negli anni di ricerche ! :-)
Rispondi
Re: Questo è un'articolo....
di perrynason [user #17170]
commento del 16/12/2012 ore 00:48:3
E se c'è qualcosa che non torna, segnala! Le sviste son sempre dietro l'angolo!
;-)
Rispondi
Bravo Perry,notevole articolo che arricchisce ...
di maccarons [user #20216]
commento del 15/12/2012 ore 13:55:4
Bravo Perry,notevole articolo che arricchisce Accordo.
Rispondi
Il metro dell'Ikea ce 'ho.. ...
di janblazer [user #26680]
commento del 15/12/2012 ore 13:59:1
Il metro dell'Ikea ce 'ho.. mi manca la Martin..
;-))
A parte tutto un gran bell'articolo.. e se l'ho capito anche io che di certe cose sono a digiuno.. vuol dire che è scritto molto bene e chiaramente..
Un bel DOC guadagnato meritatamente sul campo..
Ciao Perry !!
;-)
Rispondi
oh ............. finalmente .......... ho ...
di jazzino [user #23867]
commento del 15/12/2012 ore 14:26:58
oh ............. finalmente .......... ho capito tutto ;-)
La cosa che mi ha colpito di più è stato il termine "maniacale" in riferimento ai vari profili del manico ........ ma sarebbe altrettanto appropriato nell'utilizzarlo all'accuratezza del tuo articolo ;-)))
Detto questo credo che sia un logo comune che le chitarre a scala corta siano più comode !!
...... ma voglio raccontare come ho acquistato la mia D'Angelico NY ......
Entrato nel negozio mi sono state messe a disposizioni chitarre da sogno: ES175, benedetto, d'acquisto etc etc etc ....... con la vista non si giudica quindi con la collaborazione di un mio amico ...... mi sono fatto bendare mentre, utilizzando lo stesso ampli per tutte, lui mi passava quelle meraviglie una per una ........ quello che maggiormente mi colpiva, prima del suono, era l'empatia con chitarra, dettata fondamentalmente dalla comodità del Neck Shape che è la cosa che veramente mi fa preferire una chitarra ad un'altra ....... poi hanno fatto tutto le mie orecchie........ tornato a casa ........ ho scoperto tutti i numeri della mia D'Angelico ma solo in quel momento; gli unici numeri che ho scoperto li sono stati ......... gli euri !!!!!
Ciao Mirco ........ veramente bell'articolo
Rispondi
Re: oh ............. finalmente .......... ho ...
di perrynason [user #17170]
commento del 15/12/2012 ore 15:09:27
Ammazza, blind test feroce!
Si, forma del manico e suono dovrebbero essere i primi parametri di giudizio, ma 'ste benedette chitarre si fanno guardare...!
:-))))))
Rispondi
Re: oh ............. finalmente .......... ho ...
di jazzino [user #23867]
commento del 15/12/2012 ore 15:39:06
apposta mi so bendato ...... a vederle ......... bellissimissime ...... e come si fa a decidere !!
Rispondi
grazie per il tuo prezioso ...
di paserot [user #21075]
commento del 15/12/2012 ore 15:26:30
grazie per il tuo prezioso lavoro mi hai confermato coi numeri quello che spalle e cervicale mi dicevano da tempo e perchè l'istinto mi porta verso le OM
Rispondi
Re: grazie per il tuo prezioso ...
di perrynason [user #17170]
commento del 15/12/2012 ore 15:38:23
Segui l'istinto!!! E provane pure di più piccole! (chitarre piccole, grandi sorprese...)
;-)
Rispondi
Re: grazie per il tuo prezioso ...
di paserot [user #21075]
commento del 15/12/2012 ore 16:09:46
eh eh eh chitarre piccole grandi sorprese grandissima spesa
senza l'ultima voce l'alchimia diventa improbabile
Rispondi
Re: grazie per il tuo prezioso ...
di perrynason [user #17170]
commento del 15/12/2012 ore 16:51:08
Non è detto, ultimamente molti marchi di fascia media hanno inserito parlor 0/00 nei loro cataloghi. Se cerchi in rete saltano fuori cose appetitose!
;-)
Rispondi
Re: grazie per il tuo prezioso ...
di paserot [user #21075]
commento del 15/12/2012 ore 17:08:24
ti ringrazio per le dritte ma gli esperimenti si possono fare con un pò di denaro e di tempo m'è rimasto poco dell'uno e dell'altro vendo alcune cose e vado dritto dritto verso una OM amp.
di fascia media tipo RK o taylor o breedlove
cosa ne pensi?
Rispondi
Re: grazie per il tuo prezioso ...
di perrynason [user #17170]
commento del 16/12/2012 ore 00:53:21
vai al link
vai al link
anche se l'audio compresso di YouTube è quel che è.

(di Breedlove ancora non ne ho provate)

Rispondi
Articolo da tenere sempre alla ...
di joerocker [user #11075]
commento del 15/12/2012 ore 19:05:05
Articolo da tenere sempre alla mano, complimenti! Anche se quando sono arrivato a metà lettura, ho deciso che non avrei mai comprato una chitarra senza provarla per non dovermi andare a confrontare con sti numeri!
Rispondi
Re: Articolo da tenere sempre alla ...
di perrynason [user #17170]
commento del 16/12/2012 ore 00:55:2
Beh, se la puoi provare non hai bisogno di tutte 'ste pippe!
:-))))
Rispondi
alla faccia dell'articolone!
di ansgar [user #18075]
commento del 16/12/2012 ore 11:51:45
non c'è niente di meglio di un articolo del genere da leggere la domenica mattina con tutta calma. allora è fatta, ci conto anche per domenica prossima eh! ;))
p.s. se esistesse un dottorato in liuteria teoretica te lo darebbero honoris causa ;))
Rispondi
Re: alla faccia dell'articolone!
di perrynason [user #17170]
commento del 16/12/2012 ore 12:34:3
Per la verità domenica prossima io contavo di leggermi un TUO articolone sulla OM28v che ti spupazzi ormai da tempo! E poi ci devi raccontare come è andata la vicenda della sella su cui abbiamo scatenato un putiferio nel sito di Frank Ford! :-))) (incollata o no?...).
Mi sa proprio che domenica prossima tocca a te!

PS: mi piacerebbe tanto studiare per un dottorato in liuteria pratica. Ma prima o poi...
Rispondi
Che lavorone di ricerca avrai ...
di dave1975 utente non più registrato
commento del 16/12/2012 ore 21:55:43
Che lavorone di ricerca avrai fatto!
Bravo, lo tengo tra i preferiti, sai mai che torni utile più avanti.
Lo segnalo anche a Bonamassa.
Rispondi
Re: Che lavorone di ricerca avrai ...
di perrynason [user #17170]
commento del 16/12/2012 ore 23:46:35
Fatta eccezione per alcuni dati, non ho fatto grandi ricerche. Sono cose che ho imparato un po' per curiosità, un po' per documentarmi prima di acquisare le mie chitarre.
Bonamassa? E che se ne fa di 'sto articolo?! (Te pòssino!)
;-)
Rispondi
....è molto più facile....
di franklinus [user #15063]
commento del 16/12/2012 ore 22:59:31
...è molto più facile perdersi nei dettagli di liuteria che suonare bene...hai chiuso ottimamente il tuo esaustivo articolo...te lo dice un liutaio ma,prima ancora, un musicista,anzi,io avrei tolto anche il"bene"finale...l'importante è suonare...bene o male cosa importa?io,come tanti,avrei preferito comporre l'1 /100 di"imagine"..4 accordi..un po' di batteria ...una melodia eterna...comunque,ancora complimenti per l'articolo
Rispondi
Re: ....è molto più facile....
di perrynason [user #17170]
commento del 17/12/2012 ore 00:15:43
Ah, con l' 1% dei diritti di autore di "Imagine" potrei comprarmi tutte le chitarre che voglio a caso (e pure pianoforti a coda!) :)
Scherzi a parte, mi piace tentare di arrivare alla sostanza delle cose al di là dei miti, del marketing e del fumo di tanti articoli. Credo che sia importante sapere certe cose per trovare lo strumento giusto, che ti aiuta a suonare anche un po' meglio, ma senza farsi troppe pippe su dettagli esoterici. Le chitarre sono bellissime, ma vanno suonate!
;-)
Rispondi
Eh! Questa è una cosa ...
di sepp [user #10489]
commento del 17/12/2012 ore 00:31:52
Eh! Questa è una cosa da leggersi con calma.
Intanto grazie!
Rispondi
Re: Eh! Questa è una cosa ...
di perrynason [user #17170]
commento del 17/12/2012 ore 11:59:34
Con calma, magari anche un po' alla volta o proprio per niente, se non devi compare una chitarra on line.
Ciao Ing.
:)
Rispondi
Re: Eh! Questa è una cosa ...
di sepp [user #10489]
commento del 17/12/2012 ore 12:30:37
Mah! Io l'ho trovato interessante anche senza dover comprare online.
Che poi anche avendo tutte queste info, se devi comprare online e quelle caratteristiche non le hai mai avute tra le mani, non è che sei proprio sicuro che siano quelle giuste per te.
Il fatto è che il mondo delle chitarre, per chi vuole approfondire, è affascinante anche perchè dietro le quinte si può scorgere design, ergonomia, fisica-meccanica ecc. ecc.
Mica male.
Rispondi
##se devi comprare online e ...
di perrynason [user #17170]
commento del 17/12/2012 ore 14:11:16
##se devi comprare online e quelle caratteristiche non le hai mai avute tra le mani, non è che sei proprio sicuro che siano quelle giuste per te##

Giustissimo! Sono solo un riferimento per capire quanto la suonabilità di un modello può avvicinarsi a quella della tua chitarra abituale. Però non è detto che quella della tua chitarra abituale sia in assoluto la suonabilità più giusta per te. Quindi queste rimangono indicazioni di massima, con le quali puoi anche entrare in un negozio e provare qualcosa di diverso. Ma possono anche farti capire cosa NON fa per te e farti evitare di perdere tempo su certi modelli.
Ci sono chitarre bellissime che però hanno un tipo di manico e di tastiera su cui so già che non mi troverò bene, quindi mi cerco un modello simile, ma con proporzioni diverse.
Rispondi
Bell'articolo :) Pensavo di sapere ...
di Pinus [user #2413]
commento del 17/12/2012 ore 19:07:12
Bell'articolo :) Pensavo di sapere tutto anche io su scale e affini ed invece ho scoperto da poco che c'è una menata per cui alcuni strumenti sono costruiti con la solita scala , ma con spaziatura dei tasti che segue un'altra regola per cui non valgono più le solite formule per calcolare la distanza tra loro dei tasti!
Rispondi
Re: Bell'articolo :) Pensavo di sapere ...
di perrynason [user #17170]
commento del 17/12/2012 ore 19:47:29
Ciao Pinus,
potresti spiegare meglio la "menata" :) o magari dare qualche link?
Rispondi
Re: Bell'articolo :) Pensavo di sapere ...
di Pinus [user #2413]
commento del 17/12/2012 ore 23:38:15
Sto facendo un articolo :)
Rispondi
Re: Bell'articolo :) Pensavo di sapere ...
di perrynason [user #17170]
commento del 18/12/2012 ore 00:10:38
Ottimo!
;-)
Rispondi
Arrivo tardi...
di viabcroce [user #13757]
commento del 03/02/2013 ore 11:29:18
... ma complimenti, un articolo "di sostanza"!

"le chitarre acustiche, come certe persone, quando gli dai la mano si prendono anche il braccio" vale da sola il prezzo del biglietto!

Una nota professionale: non mi è mai capitato un caso di tunnel carpale alla mano che pronuncia le note che sia poi stato ricondotto direttamente ad una cassa sovradimensionala. Ne hai avuto esperienza personale?

Grazie per il tuo tempo :)
Rispondi
Re: Arrivo tardi...
di perrynason [user #17170]
commento del 03/02/2013 ore 16:13:2
Dei malanni che ho citato ho avuto qualche tesmonianza da amici e conoscenti. Il tunnel carpale era citato, tra gli altri, su un paio di articoli americani che avevo letto, dedicati alla comodità dei vari shape.

Grazie per la lettura!
:-)
Rispondi
Re: Arrivo tardi...
di viabcroce [user #13757]
commento del 03/02/2013 ore 17:49:21
Dici shape del body, non del manico, vero?
Riusciresti a farmi avere gli estremi di quei documenti? Qui in 10 anni non c'è capitato nessun caso... forse perché la chitarra "folk" da noi è molto meno diffusa :/
Rispondi
uno l'ho ritrovato: http://www.acguitar.com/article/default.aspx?articleid=25579 ...
di perrynason [user #17170]
commento del 03/02/2013 ore 18:38:36
uno l'ho ritrovato:
vai al link

con una grossa cassa, la mano colpita sarebbe quella che regge il manico perché costretta a premere le corde con una maggior rotazione del polso... (al paragrafo "Depth")

L'altro articolo non saprei proprio come ripescarlo.
Rispondi
Altro da leggere
La Jackson Kelly si veste di Green Crackle con Brandon Ellis
Goldie: tre gold foil per la Music Man di St Vincent
Gold Glory: la spartana goldtop di Jared James Nichols
Gibson celebra 60 anni di SG 1961
Gibson, Epiphone e il ritorno in USA
Da Fender due tributi alla storia di Joe Strummer
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Vuoi fare l’influencer? Spiacente: YouTube non paga
Lo streaming funziona, se sai cosa vendi
Non farti fregare: impara a leggere i numeri dei social
Le telecamere di The Scene al Grand Ole Opry
Il rock è reazionario
A Sanremo ha vinto il rock: e giù tutti a indignarsi
Una foto svela per errore la prima Silver Sky SE?
Steve Vai infortunato per “un accordo bizzarro"
Shure stravince al Music & Sound
La collezione di Tommy Emmanuel in vendita per beneficenza
Spotify: il brevetto “ascolta” il tuo stato d'animo
Bruce Springsteen: Jeep ritira lo spot pubblicitario dopo la notizia d...
Chick Corea è morto
USA: fermate chitarre false per quasi 160mila dollari
Gli sviluppi delle accuse di molestie sessuali a Marilyn Manson




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964