HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Chaosound Anti-Effect
Chaosound Anti-Effect
di [user #20705] - pubblicato il

Dopo aver impiegato anni nella ricerca del suono perfetto, cosa si può fare di meglio se non distruggerlo, magari sgretolarlo con un ultimo pedale ideato con il preciso scopo di deteriorare il segnale in maniera controllata? È ciò che fa l'Anti-Effect.
Ogni volta che si parla di pedali, come molti di voi ormai ben sanno, sono sempre in prima linea per cercare di informarmi e saperne il più possibile. Mi sono imbattuto in questo nuovo aggeggio due giorni fa, ma mai prima d'ora ero inciampato in niente di simile!

Si chiama Anti-Effect il prodotto nato dalla mente (malata?) della nascitura Chaosound.
"Fortunatamente" non siamo davanti all'ennesimo distorsore, in questo dobbiamo ammettere una certa originalità da parte di un marchio emergente in un settore credo saturo quanto mai prima d'ora.
Ma allora cosa fa questo scatolotto nero? Per dirla in breve: è un simulatore di problemi!
Lo scopo è quello di ricreare l'effetto di un cavo malfunzionante, di un amplificatore rotto, di una registrazione su di un nastro (ma il nastro è purtroppo incappato sotto un bombardamento!) con la differenza che il "guasto" è sotto il nostro controllo.

Chaosound Anti-Effect

A guardarlo sembra un pedale come un altro. Input, Output, spinotto per l'alimentazione (9vdc) e uno switch per il true bypass nella parte superiore, tre potenziometri nella parte alta e due stomp switches nella parte bassa. Nulla di più semplice... almeno, forse, fino a quando non si decide di metterselo sotto ai piedi.
Da sinistra a destra, il primo dei pot (Rate) regola la quantità di modulazione, se mi passate il termine. Il secondo (Sequence) permette di scegliere tra quattro differenti modi in cui il suono verrà degradato. Il terzo (Depth) regola l'entità di danneggiamento del suono.
I due stomp lavorano in maniera momentanea (lo stomp va quindi tenuto premuto, ecco spiegato il motivo dello switch true bypass posizionato nella parte superiore): il primo, a sinistra, aziona l'effetto, il secondo, a destra, ha la stessa funzione dello switch di sinistra ma porta il depth al massimo (indipendentemente da quale sia il settaggio del pedale).

Io non sono ancora riuscito a immaginare un reale possibile utilizzo di questo box nero, di certo non entra a far parte della mia wishlist, ma chissà che nelle mani giuste non possa portare a risultati interessanti.
Vi lascio con un video dimostrativo dell'oggetto in questione, chissà che non sia uno di voi ad intuire ciò che non sono riuscito a trovare io.

Che il mercato dei pedali abbia davvero raggiunto il suo picco e sia quindi il momento di fare un passo in dietro? Chi può dirlo!

Nota della Redazione: Accordo è un luogo che dà spazio alle idee di tutti, ma questo non implica la condivisione di ciò che viene scritto. Mettere a disposizione dei musicisti lo spazio per esprimersi può generare un confronto virtuoso di idee ed esperienza diverse, dando a tutti l'occasione per valutare meglio i temi trattati e costruirsi un'opinione autonoma.

anti-effect chaosound effetti e processori
Link utili

Altro da leggere
Pubblicità
Hall Of Fame 2: TC svela la tecnologia Mash...
Mooer Micro Preamp: ascolta dieci ampli in...
Echosystem: Empress testa il delay universale...
J Rockett controlla la compressione con 6...
Pubblicità
Commenti
secondo me è molto interessante ...
di Deve [user #26261] - commento del 07/02/2013 ore 11:22:52
secondo me è molto interessante ma lo avrei realizzato in modo differente e integrato con altre skill per aprirmi a più stili possibili
Rispondi
Re: secondo me è molto interessante ...
di alessio326 [user #28175] - commento del 07/02/2013 ore 15:42:41
Stessa cosa per me...
Magari con un auto-wha (o un chorus) e un delay
Rispondi
Loggati per commentare

In realtà una roba del ...
di tylerdurden385 [user #30720] - commento del 07/02/2013 ore 12:40:58
In realtà una roba del genere su Accordo era già comparsa, mi pare fosse prodotta da una ditta polacca o russa, che aveva un mulino come logo. Io non vedo quale possa essere l'utilità di un aggeggio simile, se non in studio per qualcosa di particolare ed anche lì se mi dessero un cd in cui si simula il suono di qualcosa di rotto, non credo riuscire a trovare qualcosa di geniale. Ma io sono per chitarra, cavo e ampli, quindi non faccio testo.
Rispondi
Come potrò fare a meno ...
di PierluigiMaisto utente non più registrato - commento del 07/02/2013 ore 12:55:03
Come potrò fare a meno dei rutti con la chitarra? :-DDD
Rispondi
sicuramente potrà ritagliarsi in un ...
di zaloral [user #31722] - commento del 07/02/2013 ore 13:02:21
sicuramente potrà ritagliarsi in un set up per chi suona noise, sperimentale e affini.
altrimenti non riesco proprio a pensare ad un utilizzo che non sia il gioco.

è divertente come noi spendiamo soldi e quattrini per migliorare il suono ed evitare rumoracci e poi c'è chi fa ricerca e sviluppo per riprodurli.
è come spendere soldi in cure per star bene e poi prendere delle pastiglie per simulare la febbre o la dissenteria...
Rispondi
Re: sicuramente potrà ritagliarsi in un ...
di yasodanandana [user #699] - commento del 07/02/2013 ore 13:35:18
==è divertente come noi spendiamo soldi e quattrini per migliorare il suono ed evitare rumoracci e poi c'è chi fa ricerca e sviluppo per riprodurli.==

in definitiva ogni effetto consiste nel rovinare il suono originario della chitarra.. anzi, lo fanno pure l'ampli e il cono...
Rispondi
l'effetto ottenuto premendo sul bottone ...
di yasodanandana [user #699] - commento del 07/02/2013 ore 13:03:50
l'effetto ottenuto premendo sul bottone sinistro mi sembra interessante e nemmeno troppo estremo… io lo userei
Rispondi
Una copia di questo, già ...
di Signor_EMME [user #24839] - commento del 07/02/2013 ore 13:06:27
Una copia di questo, già passato per Accordo:

vai al link

La possibilità di spegnerlo rilasciando l'interruttore del pedale credo sia un po' piu comoda.
Rispondi
A me questi pedali che ...
di Bustio [user #24438] - commento del 07/02/2013 ore 13:55:24
A me questi pedali che tendono a destrutturare un po' il suono piacciono un sacco.
Probabilmente è la mia tendenza "alternative" a parlare :-D
Rispondi
Lo voglio :)
di Michele Quaini [user #14336] - commento del 07/02/2013 ore 19:30:42
io comunque LO VOGLIO!!!! :) sara' l eta'....sara' la nostalgia...o anche solo un po di noise a portata di piede ...ma lo voglio :))
Rispondi
vendo il mio cavo difettoso ...
di mcmir75 [user #23593] - commento del 08/02/2013 ore 10:08:35
vendo il mio cavo difettoso ad 1/10 del costo della scatoletta in questione
accorrete numerosi....
Rispondi
Datelo....
di gibsonmaniac [user #21617] - commento del 08/02/2013 ore 11:10:0
....a Tom Morello! lui saprebbe sicuramente impiegarlo.
Rispondi
Io lo uso sempre quest'effetto. ...
di blackmorgan [user #33241] - commento del 08/02/2013 ore 16:51:4
Io lo uso sempre quest'effetto.
Il mio però è naturale, solo chitarra e cavo...
Rispondi
stolen idea
di jedru [user #33831] - commento del 09/02/2013 ore 22:39:55
Well it happens that people steal great ideas for own purposes (without mentioning it).

Here's a little cheer-up (please take no offense, this is for fun) video:

vai al link

all best
j
Rispondi
Re: stolen idea
di feverdreamx [user #20705] - commento del 10/02/2013 ore 18:09:46
looking at the grafics, they seem to be the same pedal!
maybe just a new name for the company...don't know :D
Rispondi
Re: stolen idea
di jedru [user #33831] - commento del 11/02/2013 ore 08:05:30
It is not the same company.
They stole the pedal size and casing format as well as the whole idea. None of these guys even plays guitar!

Crushsound remains the original and is still producing the pedals. In fact there is a new Farmer's Mill just around the corner.

best
j
Rispondi
Ecco, io rimango affascinato da ...
di perrynason [user #17170] - commento del 11/02/2013 ore 10:41:36
Ecco, io rimango affascinato da questi prodotti (per la verità non è il primo del genere).
Sono frutto di intuizoni spregiudicate, di una profonda conoscenza del "mercato" e della capacità di sentirne gli umori con una intelligenza psicologica che sfiora il cinismo.
L'assunto è ineccepibile: tutti odiano un cavo che fa le bizze o un contatto che manda in vacca la pedaliera, tutti temono l'eventualità che qualcosa deteriori quel suono ricercato con cura maniacale, fatica e soldi. Ma se puoi creare il difetto a comando allora hai il controllo dell'eventualità che il dietto si verifichi. Uno strumento che può creare il difetto a comando diventa un superamento del difetto stesso, uno strumento di controllo del caso, un totem tecnologico da esibire con compiaciuto orgoglio. Ti sei comprato l'eventualità di ciò che non vuoi, ora la possiedi e puoi controllarla. You got the power!
Ma c'è anche il pensiero reverse: puoi sbattere il suono difettoso in faccia ai puristi, essere noisy e trasgredire i canoni. You got the power!

Un pensiero multi-uso. E vecchio come il mondo: vedrai che qualche pistola che si compra 'sta cagata lo troviamo di sicuro! (WE got the power, asshole!).
Rispondi
secondo me è una grande str.....ata!
di Dalmarcello [user #20263] - commento del 14/02/2013 ore 20:00:45
Mha! abbiamo toccato il fondo....
uno cerca tutta la vita di eliminare fruscii, fischi, intoppi e cavi che non funzionano, e perchè se li dovrebbe cercare? Non lo capisco.
Comunque lo scatolotto è bello!
Ciao
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
È ufficiale: Fender manda il palissandro in pensione
Roberto Pistolesi: il liutaio non liutaio
Costruisci la tua chitarra elettrica
Ibanez JS2480: Satriani va di Sustainiac
Nick Johnston sulla sua Schecter Atomic Green
I più commentati
5 motivi per suonare il liscio e 5 per non farlo
È ufficiale: Fender manda il palissandro in pensione
Bonamassa: pace con la chitarra acustica
Esperimento microtonale: quale accordatura suona meglio?
Arriva Adio: 50 watt portatili secondo Vox
I vostri articoli
Una Les Paul travestita da Duo Jet
JT Custom Teleste: la Telecaster che non c'era... e non cera
Stratocheap: il primo amore non si scorda mai
Fano Alt de Facto MG6
Brother & sister
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964