DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Robben Ford Live a Padova
Robben Ford Live a Padova
di [user #20637] - pubblicato il

Mr. Ford, parafrasando il titolo dell’ultimo album, ha portato il blues a casa nostra. Il chitarrista ha regalato ai suoi fan due date italiane, il 3 aprile all’Orion Club di Roma e il 4 aprile al Teatro Geox di Padova, in occasione del tour promozionale per il suo lavoro Bringing it Back Home. Noi lo abbiamo potuto apprezzare nella sua data in veneto.
Mr. Ford, parafrasando il titolo dell’ultimo album, ha portato il blues a casa nostra. Il chitarrista ha regalato ai suoi fan due date italiane, il 3 aprile all’Orion Club di Roma e il 4 aprile al Teatro Geox di Padova, in occasione del tour promozionale per il suo lavoro Bringing it Back Home. Noi lo abbiamo potuto apprezzare nella sua data in veneto.

Che dire? Ineccepibile, come al solito. In effetti, è parecchio difficile aggiungere qualcosa che non sia già stato scritto riguardo la statura di questo gigante californiano.
Ne ha fatta di strada il ragazzo, oggi 61enne, dagli inizi con la band del padre Charles: il tour con Davis nel 1986, i progetti solisti, i numerosi dischi d’oro, sempre in equilibrio tra mondo blues e jazz, ibrido musicale dotato della spontaneità del primo e della raffinatezza del secondo, una chimera organica senza un grammo di superfluo.
Con quest’album, tuttavia, Robben ha deciso di tornare ancora più indietro negli anni, alla musica della sua infanzia, al soul, a Chicago e al blues delle origini, in un viaggio nel tempo alla ricerca di una semplicità che è così facile dimenticare. È ritornato al futuro armato di una stupenda Epiphone Riviera del 1963 e del fidato amplificatore Dumble, distribuendo a piene mani nuovi brani e vecchi successi, per la gioia dell’affamata platea padovana.

Ad accompagnarlo sul palco un cast d’eccezione: il bassista David Piltch, il batterista Lemar Carter e Ricky Peterson all’organo Hammond. È anche merito loro se il concerto è volato senza la benché minima incrinatura, senza nessun calo di tensione o momento di stanca. Una cosa che colpisce fin da subito è l’alchimia che lega i quattro musicisti, in costante ascolto reciproco, senza nessuno che assuma una posizione di superiorità sugli altri. Si guardano, scambiano cenni, scherzano tra di loro, divertendosi come una band di liceali alle prime armi che provano in un vecchio scantinato puzzolente. Il sound generale ne risente, ora irrobustito, compatto come un corpo solo. Insomma, in un universo musicale dove è fin troppo comune incontrare formazioni in cui il leader si staglia con forza sugli altri membri, relegati a semplici propaggini, la band di Robben Ford si dimostra un vero fiore all’occhiello del panorama sonoro internazionale, in fatto di interplay e professionalità.

Foto di Marco Peruzzo
Robben Ford Live a Padova

Sappiamo bene che il primo equalizzatore è nelle mani del chitarrista e nel tocco, ma menzione speciale va fatta ai fonici, i quali hanno confezionato un suono che sfiora la perfezione: il risultato è talmente alto, talmente studio-quality, che per i primi secondi di concerto abbiamo pensato che ci avessero giocato un brutto scherzo, mettendo in riproduzione una performance già registrata in studio. Urge un mea culpa e delle scuse ufficiali per aver peccato di troppa malizia, ma a nostra discolpa possiamo difenderci giurando che anche al più scettico dei sound engineers sarebbe letteralmente caduta la mandibola di fronte a tanta perizia.

Ecco, siamo caduti nuovamente nel tranello. Signore e signori, qui per voi un altro dei mille articoli celebrativi di un idolo del blues come Ford. Poco male. Ogni tanto la banalità serve a guardare l’ovvio da una prospettiva diversa, imparare a meravigliarci di nuovo per quello che davamo per scontato, risalire alle radici. A ritornare a casa.

Nota della Redazione: Accordo è un luogo che dà spazio alle idee di tutti, ma questo non implica la condivisione di ciò che viene scritto. Mettere a disposizione dei musicisti lo spazio per esprimersi può generare un confronto virtuoso di idee ed esperienza diverse, dando a tutti l'occasione per valutare meglio i temi trattati e costruirsi un'opinione autonoma.
concerti robben ford
Mostra commenti     6
Altro da leggere
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
Guarda Tommy Emmanuel suonare la Ibanez Jem di Steve Vai
In video dal vivo il prototipo della PRS Robben Ford Signature
Eric Clapton positivo al Covid-19: rinviati i concerti di Bologna e Milano
Paul Stanley positivo al COVID-19: “mi ha preso a calci”
Eric Clapton non suonerà per i soli vaccinati, ma non è un No Vax
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964