CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

El RAYO Bass VI ! Serve che aggiungo altro ????

di [user #30656] - pubblicato il
Ehm... guardate l'immagine... e guardate chi mi ha risposto alla mail e cosa dice.... ;)


Che ve devo di altro ???? ;)

Dello stesso autore
Arihanne - Electro Acoustic Archtop
Rebel in azione :)
Rebel - Storia di un Riuso "Mixato"
Max Smeraldi SM Strat
Ghibli - Blu tuareg e sabbia del deserto.
Carrello della Spesa :)
Loggati per commentare

Un grande
di stefano58 [user #23807]
commento del 15/04/2013 ore 21:08:32
ecco quello che sei...te lo dico sempre , no ? Il lavoro , fatto con passione , a volte paga...complimenti frate' , non mi resta che venirlo a provare...:-)))))))
Rispondi
Re: Un grande
di valerio62 [user #30656]
commento del 15/04/2013 ore 21:15:08
Sbrighete.... prima che me lo chiedono in california. hahahahahahhahahahahhahahah
Rispondi
Re: Un grande
di jdm61 [user #20274]
commento del 16/04/2013 ore 20:51:47
sognando california???? ciao vale'... il lavoro ben fatto paga, eccome...
Rispondi
Complimentoni!!
di Chiodo utente non più registrato
commento del 15/04/2013 ore 22:43:59
Quando qualcosa esce bene si sente eccome!!
E' una potenza quel basso....bravo Valerio!!:))))
Rispondi
Son felice per te, ti ...
di Pinus [user #2413]
commento del 15/04/2013 ore 22:46:19
Son felice per te, ti è venuto bene il rayo bass, suona alla grande :)
Rispondi
OK....
di valerio62 [user #30656]
commento del 15/04/2013 ore 23:43:35
Quanti ne faccio ? Su su battiamo il ferro quando è caldo :)
Rispondi
Quelli come te saranno il ...
di helloween [user #27122]
commento del 16/04/2013 ore 09:20:3
Quelli come te saranno il motore che farà ripartire l'economia italiana (non scherzo)...
Grande compare Valè!!! :-)
Rispondi
Re: Quelli come te saranno il ...
di valerio62 [user #30656]
commento del 16/04/2013 ore 10:19:17
beh questo è un complimento "SERIO", grazie della stima fratello.
Rispondi
Re: Quelli come te saranno il ...
di helloween [user #27122]
commento del 16/04/2013 ore 10:35:49
E' la verità! Secondo me, se tu avessi un piano marketing serio, piazzeresti tutti i tuoi pezzi. Un catalogo interamente fatto da videorecensioni che descrivono dettagliatamente ogni chitarra con allegata una videoprova minuziosa...secondo me faresti faville...e mi giocherei pure il made in italy rapportandoti a strumenti di musica classica...in fondo pensa: sappiamo fare strumenti di classica come pochi al mondo, vuoi che non sappiamo fare le elettriche? L'Italia col "made in italy" ha un potenziale che le permetterebbe di vivere di rendita...io sto pensando alle esportazione di prodotti agroalimentari puntando proprio sul made in italy "artigianale"...in paesi come l'Australia, paesi nordici e USA andrebbero via come il vento e soprattutto pagati a peso d'oro!!! Forse siamo proprio noi italiani quelli che meno comprendono ed apprezzano il "made in italy"!!!
Rispondi
Re: Quelli come te saranno il ...
di valerio62 [user #30656]
commento del 16/04/2013 ore 10:43:2
Concordo con tutto e infatti sto cercando di mettere in piedi un sito dedicato proprio alle chitarre. Ho mio cugino a San Diego e li non stanno messi bene nemmeno loro... secondo me quando si sblocca la situazione sarà più semplice....
Rispondi
Re: Quelli come te saranno il ...
di helloween [user #27122]
commento del 16/04/2013 ore 10:58:57
In tutto il mondo sentono la crisi. La differenza sta in come la popolazione reagisce ad essa...chi si piange addosso e chi si rimbocca le maniche...poi dipende anche da altri fattori come il governo in primis, ma questo è un altro discorso, soprattutto troppo noioso da affrontare qui ;-)
Rispondi
Re: Quelli come te saranno il ...
di Pinus [user #2413]
commento del 16/04/2013 ore 11:11:57
Si, e poi c'era la marmotta che confezionava il cioccolato.....
Rispondi
Re: Quelli come te saranno il ...
di helloween [user #27122]
commento del 16/04/2013 ore 11:25:35
Anche quello è utile per attirare clienti...una simpatica marmotta vende più cioccolato di un bravo negoziante ;-)
Rispondi
Re: Quelli come te saranno il ...
di Pinus [user #2413]
commento del 16/04/2013 ore 11:33:49
Al momento di tirare fuori due dindini scappano tutti, belli e brutti
Rispondi
Re: Quelli come te saranno il ...
di helloween [user #27122]
commento del 16/04/2013 ore 11:40:39
Non può durare per sempre questa situazione...
Rispondi
Re: Quelli come te saranno il ...
di Pinus [user #2413]
commento del 16/04/2013 ore 12:40:24
Uhm secondo me al di la della situazione, tanti che elogiano poi non comprano niente, magari spendono cifre pari o piu alte per cose marchiate. Poi un altro problema è fare le cose davvero professionalmente, io mi sto costruendo un po di chitarrae, ma in ambito extralavorativo è difficile ottenere risultati privi di magagne che gli altri potrebbero acquistare e anche a farli poi nessuno li prende davvero in considerazione se si tratta di doverli acquistare, nessuno o quasi....
Rispondi
Re: Quelli come te saranno il ...
di valerio62 [user #30656]
commento del 16/04/2013 ore 13:27:42
Io credo che il problema delle "magagne" in realtà sia un falso problema. Ho verificato che molte cose, specie in questo mondo, sono veramente leggende metropolitane se non addirittura astuzie mosse dai grandi produttori.
Che differenza ci sarebbe se facessi con il CNC su scala industriale che sò, 100 esemplari di burny ???
Secondo me ci sarebbe molta differenza con quelle fatte a mano in quanto tra loro, quelle fatte con il cnc non differirebbero quasi per niente.

Io farei una differenza macroscopica più che guardare le magagne, perchè ho imparato che non esiste magagna che non sia risolvibile.
La gente compra una LP Traditional 2013 e resta basita se si ritrova con uno strumento che non vale i soldi che ha speso... beh... è così che funziona nella produzione industriale eh, e mica adesso... è sempre stato così. Tu compri una chitarra e ci devi mettere le mani sopra per renderla quello che veramente vale... per fortuna ci sono eccezioni che confermano sta regola qui.

Come sarebbe stata quella LP se il compratore avesse scelto legno, manico tastiera meccaniche pickups top e anche colore e peso ?

Ve lo dico io come sarebbe stata... sarebbe stata MOLTO MEGLIO della LP Traditional... perchè la selezione è stata fatta dall'acquirente o da chi per lui... e le caratteristiche l'acquirente stesso le ha imposte.

Vi assicuro che fare una LP, come si deve, e con componenti scelti comunque costa. Anche se magari i pu li prendi su mercatino e li paghi la metà che nuovi... ma a fine elenco della roba acquistata, legno e vernici comprese.... meno di 400/500 euro non scendi mai... ora
non sono poi molti... giusto ?
bene
diciamo il costo più la manodopera pari al costo ?
1000 euro
è troppo ?
vieni, la provi... la vedi fare.... e quando te la porti via è ESATTAMENTE come la vuoi tu.

Io ad oggi ho visto almeno 4 o 5 amici restare a bocca aperta quando gli ho restituito quello che loro reputavano "inutile pezzo di legno da fondo di armadio"... un motivo ci sarà.

NON E' LA MARCA CHE FA LO STRUMENTO ma è IL PROGETTO.

Ora vediamo un'altra componente che influisce sui costi: il tempo.

Preparazione body: 1 settimana
Realizzazione manico: 1 settimana
Verniciatura: 1 settimana
Setup: 1 settimana (vi assicuro che è il tempo minimo per impostare uno strumento appena costruito)

quindi 1 mese.... non poco per un solo strumento... io a ottobre scorso ne riuscii a realizzare ben 2... Cherry Lady e Bluesy Green... sapete perchè ? Perchè i manici li avevo già, quindi sono due settimane di meno.......

Vieni da me e vai di corsa? Ok che manico Warmoth vuoi ?????
semplice.....

E poi, per fare un capotasto come si deve ci si mette una giornata... a partire dal blocco ovvio... il setup è centrale, importantissimo e nessuna industria lo fa come si deve, non avrebbe nemmeno senso perchè la chitarra va poi rifinita "addosso al chitarrista".

Ma questo non importa a chi compra LP per avere l'"assegno circolare"... che se ti capitano tutti come me te lo dai in faccia o ti ci pulisci il deretano.... ;)

Rispondi
Re: Quelli come te saranno il ...
di Pinus [user #2413]
commento del 16/04/2013 ore 18:58:21
E, ma non puoi vendere le chitarre a 1000 euro, a meno di scendere a grossi compromessi
Rispondi
Re: Quelli come te saranno il ...
di valerio62 [user #30656]
commento del 16/04/2013 ore 19:17:0
già... e secondo te a quanto andrebbero vendute :)

Il "valore" di una cosa fatta a mano va da 0 a 1.000.000.000.000
in dipendenza di vari fattori...
ma se uno vuole farne altre di opere allora deve in qualche modo rendere il lavoro dotato di acquirenti... annoso problema..... ehhhhhhhhhhhh..... sospirooooooooooooooooooooo

;)
Rispondi
Re: Quelli come te saranno il ...
di Pinus [user #2413]
commento del 16/04/2013 ore 19:44:02
Il fatto che una ditta solo per stare aperta deve già sostenere un sacco di costi, ma davvero una barca tra tutta la messa a norma, i controlli periodici di estintori e macchinari, le spese per il commercialista, la spazzatura, l'iva che ora porteranno al 23% , tutte le tasse che ti chiedono xhe neanche sai cosa sono, poi per portare 1000 euro casa ne paghi 500 di tasse, oggi ho pagato le tasse sulle buste paga di due dipendenti che prendono 1000 euro al mese ciascuno, per il trimestre su un totale di 6000 euro in due, ho pagato 2995 euro di tasse. Più tutto quello che mi son dimenticato, alla fine 1000 euro se ne fai 10 l'anno ci rimetti pure....Poi da un punto di vista diciamo della richiesta del cliente è chiaro che si potrebbe incorrere in figuracce a meno di essere dei liutai a tutto tondo, pronti ad accollarsi qualsiasi richiesta. Anche una "banale" richiesta di chitarra con colore solido, che so surf green, potrebbe diventare impegnativa se non si ha un posto adeguato dove verniciare, e il lavoro fatto a mano è davvero lungo. Altrimenti il risultato non è garantito, comunque anche sentendo molti liutati alla fine tutti lodano lodano, ma se si tratta di comprare , anche se gli vendi una telecaster perfetta, fatta a mano da cima a fondo a 800 euro, non c'è nulla da fare alla fine i dindini non li cacciano, preferiscono comprarsi la mexico, almeno è rivendibile. fa niente che tu il legno l'hai scelto a mano tra un mucchio di pezzi, l'hai lavorato centrimetro per centimetro per ore e ore , e lo stai regalndo a 800 euro :( senti un po nin giro i vari liutai, anche avviati da anni, non vendono un cazzo e alla fine finiscono per far fare i pezzi alla cnc, almeno risparmiano il tempo e la fatica
Rispondi
Re: Quelli come te saranno il ...
di valerio62 [user #30656]
commento del 16/04/2013 ore 20:02:25
Conosco benissimo il dramma, sono un imprenditore anche io. Le mie chitarre chi le compra se le viene a prendere, le prova, tira fuori i soldi e se ne va a casa. PUNTO.
Io non voglio più dare la mia esistenza ad uno stato di merda simile.

Per cui.....
Rispondi
Premetto che è una bella ...
di dale [user #2255]
commento del 17/04/2013 ore 07:42:23
Premetto che è una bella soddisfazione per Valerio, questo è bene però...
Tutto giusto il vostro ragionamento, ma poi bisogna vedere se i sedicenti liutai fanno chitarre migliori non dico di CS e vintage riedizione, ma anche di Mexico, non parliamo di Gibson LesPaul o 335 perchè lì il discorso si complica, se poi andiamo sulle acustiche inizio a non trattenere più l'imbarazzo.........spesso casca l'asino, e fa una bella botta.
Fino a 10/12 anni fa era difficilissimo trovare qualcuno che si presentava come "liutaio", c'era un certo timore reverenziale nei confronti di una nobile professione, ora, con internet, e realtivi tutorial, e con il fatto che il progetto solid body è relativamente semplice da affrontare e alla fine "tutto suona", sono tutti liutai, tutti, anche chi ha assemblato un paio di strato e che fa (+ o -) il setup agli amici.
Ma quella è una (bella) passione, bricolage, non liuteria.


Non lo so, secondo me, ora che si dà una bella scremata si ottengono tantissimi appassionati assemblatori, qualche truffatore, e qualche liutaio, il quale, se lavora bene e a prezzi concorrenziali lavora eccome, magari in nero, ma lavora.
Ad esempio ultimamente ho provato una semihollow da un discreto nome, a parità di prezzo non la prenderei mai in cambio della mia 335, ma proprio mai, poi alla fine anche il discorso della rivendibilità ha una sua dignità secondo me, (infatti anche se ho avuto decine di strumenti e suono da 20 anni non ho mai comprato liuteria...ancora...) perchè ripeto, ammesso (e non concesso) che la liuteria media che si trova in Italia sia migliore dell produzione Fender&Gibson standard (lasciamo stare il CS please) non la puoi far pagare quanto loro, che, piaccia o meno, hanno un nome e una credibilità:
tu (non tu Valerio, tu in genere) chi sei?
Chi ti conosce?
Riesci a fare una 335 che costa meno di Gibson e suona meglio, una 0028 che costa meno di Martin e suona meglio?Una Tele vintage che costa meno di CS e suona meglio?
Se si, se esistete, fatevi vivi, vi verrò volentieri a trovare....


Io la vedo così.
Rispondi
Re: Premetto che è una bella ...
di valerio62 [user #30656]
commento del 17/04/2013 ore 08:17:31
Bella analisi... e questo a me è stato chiaro sin da subito, ecco perchè mi è venuto subito in mente di provare a fare chitarre che non replicassero altre chitarre, anche perchè in caso di replica non è che puoi trovare chissà quale miglioria rispetto a determinati modelli. Una strato, tre tele, una LP prossimamente, al limite una 335 ma perchè mi servirà per fare esperienza in quel tipo di lavorazione...
Sai le passioni vanno sempre prese per mano e lasciate crescere quanto più possibile, pensa che io , finito il liceo, feci medicina all'università di Roma, arrivai fino alle cliniche e mollai per andare a lavorare come informatico, tanta era la mia passione per quella materia. Dal 1987 ad oggi quanti anni sono??? E sono informatico a livello midollare eh... Poi, da quando avevo 15 anni... il mare l'ho sempre amato con tutto me stesso, il mio primo mezzo di locomozione è stato una barca... passione per la vela... 35 anni di vela alle spalle, di cui gli ultimi 15 come responsabile di settore e istruttore per un importante ente di promozione sportiva, sono anche uno dei fautori della vela-terapia italiana e una sorta di operatore-sociale/velista nominato sul campo. Insomma, sono uno che quando viene preso dalla passione non si risparmia di certo.
Questo discorso solo per significare che la via del saggio è sempre nel mezzo, così, in quel giusto mezzo dove non esiste il "liutaio unico e irripetibile" e non esiste nemmeno il "liutaio idrosolubile a pronta azione" ma esistono "appassionati" che vogliono condividere le proprie passioni con altri appassionati e per fare questo a volte si incontrano, sperimentano, comprano e vendono.
Adesso non è più possibile pensare a tutelare la propria professione, quel tempo è FINITO, perchè se quella professione la vuoi ancora rendere tale devi necessariamente andare incontro a realtà che ti minano tutto il discorso rendendolo privo di continuità (anche le Squier e le Epi da 300 euro suonano a volte meglio delle consorelle maggiori, per cui se si danno la zappa sui piedi le grandi case figuriamoci l'appassionato).
Io la vedo così, mai mettere la propria passione nell'angusto ruolo di mezzo di asservimento dell'umano alle regole caparbie del mondo capitalista e consumista... perchè quella passione presto sarebbe delusa. Se ami fare una cosa falla... ma falla secondo la tua passione e condividila sempre, perchè se hai una passione e te la tieni per te sei un uomo morto che ancora non si è accorto di esserlo.
Io adoro questo sito quando si parla di queste cose, ma mi diventa completamente indifferente quando lo vedo ricoperto di "commercio"... vedi... è una bella differenza.
;)
Rispondi
Che soddisfazione !! Grande Valerio ...
di janblazer [user #26680]
commento del 16/04/2013 ore 11:41:41
Che soddisfazione !! Grande Valerio che crede nelle cose che fa.. e le fa con passione e cuore !!
Ciao !!
;-)
Rispondi
Re: Che soddisfazione !! Grande Valerio ...
di valerio62 [user #30656]
commento del 16/04/2013 ore 11:49:49
Beh vengono bene proprio per quello secondo me :)

Ora però prometto di studiare di più altrimenti vi tocca venire voi a turno a registrare le demo.
Rispondi
Re: Che soddisfazione !! Grande Valerio ...
di Pinus [user #2413]
commento del 16/04/2013 ore 19:57:17
Se mi vuoi, qualche giorno vengo a provarlo è :) Dove abiti tu? Io sono in quel di Milano
Rispondi
Re: Che soddisfazione !! Grande Valerio ...
di valerio62 [user #30656]
commento del 16/04/2013 ore 20:19:28
eh se prendi l'aereo per roma e scendi a fiumicino sono a 20 minuti di macchina...
Rispondi
Re: Che soddisfazione !! Grande Valerio ...
di jdm61 [user #20274]
commento del 16/04/2013 ore 21:01:26
questa e' micidiale! ** se prendi l'aereo per roma e scendi a fiumicino ** ahahahahahah
Rispondi
Re: Che soddisfazione !! Grande Valerio ...
di valerio62 [user #30656]
commento del 16/04/2013 ore 22:38:0
:)
Rispondi
Ohe, Valerio ...
di beppeferra [user #29294]
commento del 16/04/2013 ore 23:36:46
Quand'è che ti cimenti con un'acustica?
;-)

Beppe.
Rispondi
Re: Ohe, Valerio ...
di valerio62 [user #30656]
commento del 17/04/2013 ore 00:21:08
Si si messaggio ricevuto e ben impresso a fuoco fratello :)
Stefano mi tiene ben presente la cosa... e tra qui e là ci passa una Weissenborn su cui sto già rimuginando un pò. Il fatto è che mi manca praticamente tutta l'attrezzatura da "acustico liutaro", che come ben sai è un pò diversa sia da quella per il solid.hollow.carved.body che da quella per fare manici, incollati o meno.
Non è che le finanze siano così floride ultimamente per cui i tempi si allungano perchè gran parte degli strumenti, ove possibile, me li realizzerò da solo e qualcuno sarà da comperare per forza tanto alla fine a rifarli non vengono come si deve e i costi diventano pari a quelli già fatti.

La scorciatoia passerebbe per il kit... ma non lo reputo idoneo, ormai un pò di esperienza la ho e non mi darebbe nessuna conoscenza in più. Vorrei farla a partire da fondo fasce e top, così come sono. Farmi magari anche le catenature interne. Sugli intarsi e la rosetta probabilmente cercherei qualcosa di pronto per il momento ma non è detto, magari riesco a trovare il modo di utilizzare l'avorio vegetale anche per quello...

L'ho sempre considerata la liuteria quella "tosta" realizzare una acustica così come ho sempre considerato il chitarrista acustico e il fingerpicking il VERO CHITARRISTA. Ma so anche che, come non si impara a suonare la chitarra dal fingerpicking, non ci si avvicina alla liuteria partendo dall'acustica ;)

e me sà che ho ragione.

Magari se vendo qualche solidbody trovo il modo di farmi gli attrezzi da acusticante ;)
Rispondi
Re: Ohe, Valerio ...
di beppeferra [user #29294]
commento del 17/04/2013 ore 21:57:39
Non credo che il chitarrista vero sia il fingerpicker, non è una questione di strumento o di tecnica e neanche di genere musicale ... ma questo è un'altro discorso.
Penso invece che sia vero che il liutaio che costruisce strumenti acustici debba avere altra attrezzatura e anche un'altra preparazione rispetto al liutaio "elettrico", ma alla fine è sempre una questione di esperienza, che ti puoi fare solo provando, sperimentando, sbagliando e migliorando ad ogni tentativo ...
Purtroppo non sono interessato alle elettriche (ne ho già due in casa, che prendono polvere), ma seguo con interesse gli sviluppi del tuo lavoro.

Ciao Valerio.
Rispondi
Re: Ohe, Valerio ...
di valerio62 [user #30656]
commento del 17/04/2013 ore 22:15:5
EH ma tanto l'acustica è già all'orizzonte eh......
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
News
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
Ascolta New Horizons: il nuovo singolo di Brian May
I temi chitarristici più caldi del 2018
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964