HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Mooer Blue Faze e Ninety Orange
Mooer Blue Faze e Ninety Orange
di [user #33241] - pubblicato il

I pedali Mooer hanno conquistato velocemente il mercato occidentale contando su un elevato rapporto qualità prezzo e su un'estetica attraente. La linea comprende effetti per tutti i gusti, tra cui il Blue Faze e il Ninety Orange, rispettivamente ispirati a un noto distorsore dalla "faccia blu" e un phaser arancione.
I pedali Mooer hanno conquistato velocemente il mercato occidentale contando su un elevato rapporto qualità prezzo e su un'estetica attraente. La linea comprende effetti per tutti i gusti, tra cui il Blue Faze e il Ninety Orange, rispettivamente ispirati a un noto distorsore dalla "faccia blu" e un phaser arancione.

Sono un paio di giorni che convivo con un Blue Faze e un Ninety Orange prodotti da Mooer.
Il primo, con un gioco di parole abbastanza stupido per il nome e per i colori, richiama subito la Faccina Blu, il Fuzz Face al silicio di MXR, modello Hendrix. Il secondo, un phaser, è dichiaratamente una copia del classico MXR Phase 90, con però un'aggiunta, che forse lo rende più simile al modello signature di Van Halen.

Da qualche giorno avevo puntato su internet il Blue Faze. Piccolo, economico e dalle demo di YouTube sembrava avere un gran bel suono. La GAS cominciava a fare capolino.
Complice una breve ricerca su Google Shopping, mi sono accorto che il prezzo più basso riportato è proprio quello del negozio sotto casa. È salita la GAS.
"Va be', ma costa così poco, spulciamo i siti stranieri e vediamo che ne dicono".
Non si trova molto, ma per quel poco sono tutti entusiasti. La GAS aumentava.
Allora così, per curiosità, ho spulciato il resto della serie tramite le recensioni. Tutti pedali ben riusciti, forse l'unico di cui non ho sentito pareri tropo entusiasmanti è il compressore. Per il resto tutti entusiasti. Dannata GAS.
L'occhio mi è caduto sul phaser, il Ninety Orange, che dalla demo mi sembrava essere addirittura superiore rispetto al Phase 90 che avevo qualche anno fa.
È fatta. Sono sceso e sono andato a comprarli.

Mooer Blue Faze e Ninety Orange

Arrivato dal negoziante, chiedo i pedali e me li mostra nella loro confezione.
Ora, me li aspettavo piccoli, ma sono addirittura minuscoli! Meglio, occupano meno spazio in pedaliera. Li guardo, più che altro stupefatto dalle dimensioni, non li provo neanche e li prendo. Poco più di 100 euro per entrambi.
Torno a casa, sistemo i pedali, li alimento e accendo l'amplificatore. Non sembrano introdurre perdite di segnali, già è un punto a favore.

Accendo il Fuzz.
Due manopole soltanto: volume e fuzz.
Gran bel suono. Sgranato ma abbastanza ben definito su ogni singola corda (per me che vengo dal Muff è quasi un miracolo) e soprattutto si ripulisce con il volume. Un miracolo per le mie orecchie.
Nessun problema con le ritmiche, anche se amo maggiormente i suoni più acidi, ma il meglio lo dà usato per lick e assolo. Un filo di delay e ho un ottimo suono alla Santana, dosando il gain con il volume.

Avrei voluto registrare io, ma non ho nessun mezzo per registrare, ecco quindi una demo presa da YouTube.


Dopo un po' mi rendo conto che non è tutto oro quel che luccica.
La mancanza di un controllo di tono si sente, ma questo è un difetto che ha preso dal suo maestro, il Fuzz Face originale, e quindi non ne faccio una colpa al pedale.
Ronzio di fondo accettabile (è pur sempre un fuzz), non si sente durante l'esecuzione, ma girando il controllo del fuzz mi rendo conto che a fine corsa aumenta esponenzialmente arrivando a dare fastidio. Solo alla completa fine della corsa però. Se ne può fare a meno, dopotutto, per 50 euro...

Il suono mi piace, è quello che stavo cercando. Ottimo, ora proviamo il phaser.
Un'unica manopola per dosare il tempo del phaser e un selettore con cui scegliere tra due modalità: Modern e Vintage.
Lo accendo senza neanche controllare i settaggi e suono un unico accordo aperto.
Rimango stupefatto. Il suono è quello tipico del Phase 90 in tutto e per tutto, solo leggermente migliorato in alcuni aspetti.
Non sono un grande utilizzatore del phaser con i suoni distorti, ma per quanto abbia provato non mi è sembrato di sentire nessun incremento e\o decremento di volume.
Il selettore di modalità lascia scegliere tra il classico Phase 90, denominato Vintage, e una seconda modalità Modern, equalizzata diversamente. In sostanza si sente di più l'effetto, in una via di mezzo tra il selettore dello Small Stone e quello dell'EVH Phase 90.
Una goduria. Un phaser a dir poco perfetto per un prezzo ottimo.

Qui una demo. Di nuovo, non mia.


Sui suoni, niente più da dire. Fanno il loro dovere. Passiamo ora al resto.
I pedali si presentano in una confezione di cartoncino nero che li avvolge totalmente, molto elegante e lontana anni luce dalla plastica in cui vendono i Behringer. All'interno troviamo il classico libretto di istruzioni (libretto... un semplice foglietto piegato a fisarmonica, come i bugiardini dei medicinali), in inglese per il fuzz e inglese/cinese per il phaser, e un adesivo con il logo Mooer. Quest'ultimo è inutile, ma fa sempre piacere avere qualcosa da azzeccare sul retro delle pedaliere.
Per le rifiniture, i pedali hanno un bel colore pastello entrambi, uniforme e senza sbavi apparenti. Lo switch sembra ben solido e non credo mi si romperà sotto i piedi a breve, almeno usandolo in maniera convenzionale. Al contrario la manopola per dosare il livello è davvero rifinita male su entrambi i pedali. La tacca nera all'estremità è pitturata male proprio, il nero è abbastanza sbavato, ma se non teniamo il pedale attaccato agli occhi non si nota neanche.
Niente da dire invece per il controllo del volume del fuzz e per il selettore di modalità del phaser, molto più resistente degli switch presenti su Small Stone e Small Clone.

Ho provato ad aprire il fuzz, per sbirciare un po' il funzionamento e la costruzione. Niente da fare. I pedali sono così piccoli che gli spinotti femmina dei jack coprono il 70-80% della visuale. Avrei dovuto smontare anche quelli e, sinceramente, su un pedale appena comprato non mi andava di farlo.

Ricapitolando, per i due pedali.
Prezzo: ottimo. Entrambi mi sono costati quanto un Fuzz Face originale usato. Il phaser costa meno da nuovo dell'MXR usato.
Estetica: piccoli e veramente ben fatti, tranne nelle manopole più grandi.
Suono: qualità pari agli originali, forse il phaser è anche superiore all'MXR.

Nota della Redazione: Accordo è un luogo che dà spazio alle idee di tutti, ma questo non implica la condivisione di ciò che viene scritto. Mettere a disposizione dei musicisti lo spazio per esprimersi può generare un confronto virtuoso di idee ed esperienza diverse, dando a tutti l'occasione per valutare meglio i temi trattati e costruirsi un'opinione autonoma.

Mooer Blue Faze e Ninety Orange
blue faze effetti e processori mooer ninety orange
Altro da leggere
Pubblicità
Bob Weir disegna il preamp acustico...
Albert Lee: la strumentazione del perfetto...
MXR ed EVH insieme per il 5150 Chorus...
Fulltone Full Drive 2 V2: più piccolo e in...
Pubblicità
Commenti
Bella scoperta, i Mooer
di edgar587 [user #15315] - commento del 18/06/2013 ore 11:33:00
In effetti ci sono i delay (devo capire quale tra i 5 diversi che produce faccia al caso mio...!) che mi attirano non poco.....e anche l'envelope filter sembra molto buono, ma sono già in dolce attesa di un altro..se 'sta testa di fango del corriere si muove..! :)
Rispondi
sul ninety orange
di francesco72 [user #31226] - commento del 18/06/2013 ore 13:23:08
possiedo lo scatolotto arancione da sei mesi e ne sono entusiasta: prima avevo un phase 90 ma l'incremento di volume che dà non era gestibile poichè utilizzo il phaser anche con le distorsioni e nelle parti di chitarra ritmica. Insomma, dopo un mese di convivenza e di prove in parallelo, ho giubilato l'mxr e tenuto il mooer che, come scrivi, ha anche una mod in più: la scelta tra vintage e modern. Quanto alla solidità per ora non ho avuto problemi pur avendolo usato in almeno una decina di live. Infine quoto in pieno il grande vantaggio di ridurre lo spazio in pedaliera.
Pee Edgar587: io ho il reecho e l'echolizer. Quest'ultimo è un buon delay: silenzioso, fa il suo dovere e non altera il segnale. Il primo, però, è decisamente superiore: non solo ha maggiore escursione sui tempi di ritardo (780 ms contro 600), ma ha anche la possibilità di scegliere tre sonorità diverse, e lo sono veramente, di cui quella analog suona decisamente bene. In definitiva sono ben contento dei miei mooer (possiedo anche chorus, blade, green mile e crunch box), anche se, confesso, che mi incuriosiscono molto gli "hotone": anch'essi micro, anch'essi economici, ma con una belal luce colorata che spara verso il pubblico. Qualcuno li ha provati?
Rispondi
Re: sul ninety orange
di blackmorgan [user #33241] - commento del 18/06/2013 ore 13:57:22
Gli HoTone non li ho mai provati nè visti in giro (anche se, onestamente, fino alla settimana scorsa non avevo mai visto neanche un Mooer...) però esteticamente non mi piacciono. Poi quel potenziometro rivolto verso il pubblico mi sembra scomodo.

Riguardo ai Mooer: sono io che sono imbranato o in effetti le loro dimensioni ridotte sono scomode?
Il fuzz è giusto incastonato tra due pedali Boss, più alti, ed ogni volta per accenderlo accendo anche i pedali vicini. Stavo pensando di inserire un rialzo alla base del pedale.

Capita anche a te?
Rispondi
Re: sul ninety orange
di esseneto [user #12492] - commento del 19/06/2013 ore 09:39:07
Vedi quanto è strano il mondo dei chitarristi elettrici.....io trovo quasi indispensabile il Phase 90 proprio in virtù del fatto che utlizzandolo con le distorsioni(messo comunque prima del distorsore/ overdrive o sfruttando il canale lead dell'ampli) grazie all'incremento di volume mi fornisce un pò di spinta in più tipo booster e colora leggermente di medie il suono.Inoltre nelle ritmiche con un leggero crunch(mai usato suoni puliti) ingrossa e movimenta tipo leslie il suono fornendo un effetto quasi tridimensionale che suonando in tre(basso,batteria,chitarra) riempie molto.Senza dubbio questi Mooer sono molto convenienti come prezzo,ma io continuo a preferire gli originali, magari comprati usati(che comunque se ne trovano di praticamente nuovi)il phase 90 una volta fissato in pedaliera con il velcro non si smuove più mentre questi mini cloni mi sembrano poco pratici se uno fa parecchi live e non ci va tanto delicato quando pesta gli switch....
Rispondi
Re: sul ninety orange
di edgar587 [user #15315] - commento del 19/06/2013 ore 09:59:00
grazie per la dritta, attraverso le video recensioni sul tubo mi ero fatto anche io questa mezza idea...appena ho i liquidi mi faccio un giretto a Napoli, ho notato un bell'assortimento di mooer in un noto negozio ;)
Rispondi
Io ho il clone dell'OCD ...
di powerfuran utente non più registrato - commento del 18/06/2013 ore 15:59:5
Io ho il clone dell'OCD e sono stupito dalla bontà dell'imitazione. Non ronza, suona bene, il volume si alza sempre, fino a livelli impensabili... è solo scomodo in pedaliera per via della base ridottissima, l'ho attaccato con il velcro ed è solido ma spesso mi capita che si pieghi di lato quando cerco di attivarlo di fretta.
Rispondi
concordo in parte
di francesco72 [user #31226] - commento del 18/06/2013 ore 16:44:57
per la mia esperienza il problema dell'altezza non si pone perchè gli altri pedali che possiedo hanno lo switch praticamente alla medesima altezza dei mooer. invece la base stretta può essere un problema col pedale che si piega a destra o sinistra se non si sta un po' attenti, niente di drammatico comunque, una volta ricordo di aver fatto un concerto coi pedali solo appoggiati sulla pedaliera perchè non avevo avuto il tempo di bloccare il velcro come si deve.
Rispondi
piccolo OT, ma quanto è ...
di xstrings utente non più registrato - commento del 18/06/2013 ore 20:34:57
piccolo OT, ma quanto è bello l'arrangiamento di "while my guitar gently weeps" proposta nella prova del ninety orange!
Questa me la scopiazzo subito ;)
Rispondi
Re: piccolo OT, ma quanto è ...
di kirschak [user #32705] - commento del 19/06/2013 ore 18:28:0
Anche a me ha colpito molto....davvero bella!
Rispondi
Sarebbero perfetti per me che ...
di enricocaster [user #8828] - commento del 19/06/2013 ore 15:50:35
Sarebbero perfetti per me che uso il looper!
Mi incuriosisce parecchio il phase, pare suonare bene
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Albert Lee: la strumentazione del perfetto country boy
Jazzmaster diventa Contemporary con Squier
Fulltone Full Drive 2 V2: più piccolo e in regalo
Bob Weir disegna il preamp acustico definitivo con Pigtronix
Il primo TV Jones per Jazzmaster
I più commentati
Ringo Starr & His All-Starr Band live a Lucca
Washburn: torna la Idol per tutti i gusti
Meet The Pro - Chris Lord-Alge
Costruire un riff: tra accordi & melodia
Ma il basso, quando lo registriamo?
I vostri articoli
DV Mark Micro 50 M: piccola peste
Come sostituire un pickup sulla chitarra elettrica
Ibanez Pat Metheny Signature: non sempre ciò che cerchi è quello di cui hai bisogno
Modificare un pedale senza avere conoscenze di elettronica
Ampli artigianale per un vecchio Gibson: a little Red Frog story
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964