CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Fraseggio Blues: maggiore e minore con Carl Verheyen
Fraseggio Blues: maggiore e minore con Carl Verheyen
di [user #116] - pubblicato il

Carl Verheyen ci ha suonato un paio dei suoi lick da vecchia volpe session man, perfetti per vivacizzare il fraseggio blues tra pentatonica maggiore e minore. Eccoli trascritti e analizzati.
Carl Verheyen ci ha suonato un paio dei suoi lick da vecchia volpe session man, perfetti per vivacizzare il fraseggio blues tra pentatonica maggiore e minore. Eccoli trascritti e analizzati.

Abitualmente sommo pentatonica maggiore e minore quando suono blues. Io di base tendo a utilizzare la pentatonica maggiore sul primo accordo del blues e spostarmi su quella relativa minore quando la progressione si sposta sul quarto.

Fraseggio Blues: maggiore e minore con Carl Verheyen
Chiariamo questo suggerimento di Verheyen con un piccolo esempio che evidenzia proprio il passaggio tra il primo e quarto accordo su un blues di A. Passiamo da un A7 a un D7 e su ciascuno utilizziamo le pentatoniche suggerite.

In realtà, nel blues il passaggio tra pentatonica maggiore e minore può essere fatto con una certa libertà su ogni accordo. Per esempio ecco un fraseggio, piuttosto articolato che si snoda alternandosi tra maggiore e minore.


Sezioniamolo e osserviamo attenta mentente la costruzione. Vediamo che in realtà lo scheletro del fraseggio cui Verheyen sembra fare riferimento è sempre quello della pentatonica minore. La modulazione in maggiore avviene non tanto suonando dei veri e propri frammenti di pentatonica maggiore, ma semplicemente integrandone delle note alla minore come passaggi o punti di appoggio. Attenzione al cromatismo sulla corda di E cantino che utilizza il passaggio tra quarta e quinta giusta attraverso la nota blues, la b5.


Ricordando che la pentatonica minore è formata dalle note A, C, D, E, G e quella maggiore da A, B, C#, E, F#, nella partitura abbiamo evidenziato tutti i passaggi sulle note maggiori.
Per facilitarne la visualizzazione isoliamo i tre pattern minori sottintesi.


Ecco invece un altro fraseggio che, in maniera radicalmente diversa, parte dalla pentatonica maggiore e risolve su quella minore.


Qui invece lo scheletro di riferimento è quello del A maggiore pentatonico e nello spartito abbiamo evidenziato le note della pentatonica minore. Assolutamente mirabile dal punto di vista tecnico il bending che parte sul secondo ottavo del quarto movimento della prima misura. L’indice solleva le corde di E e B contemporaneamente e con un solo movimento alza il G a A e prepara il passaggio sul successivo F# alzando sulla corda di B il E al quindicesimo tasto.


carl verheyen lezioni
Mostra commenti     2
Altro da leggere
Tommy Emmanuel: come scrivo una canzone
Concentrazione o non Distrazione?
Nili Brosh: meno esercizi e più metronomo
Tommy Emmanuel: evitare i vuoti di memoria
Come ripartire da zero
Registrare la batteria: ambiente e microfoni
Seguici anche su:
News
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
Ascolta New Horizons: il nuovo singolo di Brian May
I temi chitarristici più caldi del 2018
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964