CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Gibson LPX: la rivoluzione raggiunge la Les Paul
Gibson LPX: la rivoluzione raggiunge la Les Paul
di [user #116] - pubblicato il

La Les Paul diventa hi-tech come mai prima. L'ammiraglia Gibson si dota di un'interfaccia audio integrata, connettività Bluetooth e quattro pickup personalizzabili in ogni parametro, rigorosamente in modo analogico. Dopo la Firebird X, arriva l'edizione limitata LPX.
La Les Paul diventa hi-tech come mai prima. L'ammiraglia Gibson si dota di un'interfaccia audio integrata, connettività Bluetooth e quattro pickup personalizzabili in ogni parametro, rigorosamente in modo analogico. Dopo la Firebird X, arriva l'edizione limitata LPX.

I fan di Gibson che hanno seguito la "rivoluzione" annunciata dall'azienda con la presentazione della Firebird X probabilmente si sono chiesti perché il salto verso le tecnologie avanzate non abbia interessato per primo il modello Les Paul. L'ammiraglia della casa ora decide di tenersi al passo coi tempi e per il 2013, l'anno dedicato al suo creatore Lester Polfuss, acquisisce il suffisso di "X" con tutta la dotazione hi-tech che ne deriva.

Come la Gibson Firebird X, la LPX è una chitarra elettrica il cui punto di forza è da individuare nella dotazione completa di apparecchiature elettroniche ad alta tecnologia. La chitarra monta tre pickup di nuova concezione più un piezo posizionato nel ponte Tune-o-matic i quali, grazie a un'interfaccia audio integrata nel body, possono essere personalizzati in ogni parametro elettrico per ricostruire pressoché ogni configurazione esistente, dai single coil agli humbucker passando per i P90 con ogni livello di output ed equalizzazione possibile. Il tutto avviene in maniera totalmente analogica, senza l'intervento di modelli digitali e simulazioni computerizzate.
A ciò si aggiungono comunque processori di effetti e simulatori per effettistica e amplificazione, così da racchiudere in un solo strumento un'intera catena di suono, dalle corde al cabinet con tutto quello che c'è di mezzo, pedali compresi.
Una ricca dotazione di switch e potenziometri gestisce la selezione dei suoni caricati in memoria. Per chi dovesse preferire metodi di controllo più tradizionali, è comunque possibile collegare la chitarra a due pedaliere Bluetooth, una dotata di sei pulsanti e l'altra di un pedale d'espressione.
La tecnologia robot non può mancare per una chitarra hi-tech che si rispetti, quindi la LPX esce di fabbrica con meccaniche automatiche robot e un potenziometro illuminato per selezionare tra più accordature pre-impostate.

Suoni, configurazioni di pickup e accordature possono essere programmati in totale libertà su PC Windows o Mac con l'editor dedicato scaricabile gratuitamente dal sito ufficiale GIbson.
La chitarra è alimentata da una piccola batteria ricaricabile facilmente sostituibile anche sul palco, così da non restare mai a secco portando con sé una carica di ricambio da montare al volo.

Gibson LPX: la rivoluzione raggiunge la Les Paul

Dal lato della liuteria tradizionale, la serie limitata Gibson LPX prevede una qualità in linea con la moderna produzione USA.
Il body è in mogano con un top in acero figurato di grado AAA. Il manico è incollato, in mogano e con una tastiera in granadillo.
22 fret e diapason da 24,75 pollici sono uno standard per il modello.

I tre pickup magnetici, cromati e fissati su pickup ring in metallo, hanno le dimensioni di un minihumbucker e sono così configurati: al manico è impiegato un pickup in Alnico V, al ponte Alnico II e per il ponte viene preferito un magnete ceramico.

Mentre la ricca dotazione elettronica e la scelta di un top figurato evidenziano il desiderio di fornire uno strumento senza compromessi, la mancanza di binding e l'uso di dot anziché dei più comuni segnatasti a trapezio cercano di tenere il prezzo entro un limite ragionevole, un limite che comunque viene fissato alla cifra di 4999 dollari per il listino statunitense.

La LPX è dotata, di fabbrica, di 55 preset per tutti i gusti, dai clean appena colorati da soffici modulazioni ai distorti più aggressivi. Undici sono, invece, i preset già impostati per l'accordatura.

Il sito ufficiale Gibson offre alcuni clip audio per saggiare le potenzialità della nuova LPX.
Per approfondire la conoscenza degli strumenti Gibson della famiglia X, rimandiamo alla panoramica sulla precedente Firebird X e alla sua prova su strada.

Gibson LPX: la rivoluzione raggiunge la Les Paul
chitarre elettriche gibson les paul lpx
SOSTIENI LA MUSICA

Dal 1992 ACCORDO si impegna a favore di chi fa musica, offrendo gratuitamente contenuti di alta qualità e servizi. Sostieni ACCORDO per sostenere la musica italiana nella sua stagione più difficile.

Dona adesso e usufruisci dei serviizi riservati ai sostenitori!
Link utili
Gibson LPX
Panoramica Gibson Firebird X
Gibson Firebird X: la prova
In vendita su Shop
 
CORPO STRATOCASTER ALDER VINTAGE WHITE
di Boxguitar.com
 € 229,00 
 
Audix SMT-19
di Banana Music Store
 € 32,00 
 
RCF SUB 702-AS II - SUBWOOFER ATTIVO
di SL MUSIC
 € 765,00 
 
NS Design NXT4a Double Bass Sunburst
di Banana Music Store
 € 1.799,00 
 
Lakewood novità Grand Concert M35cp Deluxe con astuccio. Spedizione inclusa
di Dream Music Studio
 € 2.769,00 
Visualizza il prodotto
Zoom R16 Registratore Digitale Multitraccia 16 Canali
di Music Delivery
 € 362,00 
 
Spaccazocchi M. Noi e la Musica vol. 3 (per l’Insegnante)
di Centro della Musica
 € 28,00 
 
LANTEC 75A HICKORY PALISSANDRO BACCHETTE DA BATTERIA 75-A
di Borsari Strumenti Musicali
 € 13,00 
Nascondi commenti     96
Loggati per commentare

Fara' la stessa fine dell'indegna ...
di alexus77 [user #3871]
commento del 24/07/2013 ore 07:58:2
Fara' la stessa fine dell'indegna Firebird X, ossia un bel salto nel dimenticatoio. Se uno vuole spendere soldi per una Gibson si fa una Custom reissue,
Rispondi
Re: Fara' la stessa fine dell'indegna ...
di pumba [user #158]
commento del 24/07/2013 ore 08:29:52
Esatto ! Io veramente non capisco Gibson icona storica come Fender che si fa prendere la mano dalla tecnologia trasformando una chitarra in un cellulare ! Voto 4 -
Rispondi
Re: Fara' la stessa fine dell'indegna ...
di distorto [user #28299]
commento del 24/07/2013 ore 13:39:3
in Italia mi faccio monaco, una delle chitarre più brutte della storia, invece di investire tanti soldi in ricerca tecnologica (senza ritorno economico) si concentrassero a far meglio le chitarre tradizionali e ad offrirle ad un prezzo umano. Mi sa che questi ultimamente ci prendono un pò in giro, avete visto la storia sui condensatori bumblebe, hanno scoperto che in realtà sono semplici condensatori da 4 euro, mentre loro li vendono a 120 dollari.......... vendono le relic a circa il 40% in più rispetto le serie normali, solo perchè qualcuno le maltratta, dovrebbe essere il contrario o no? Il problema è ci trattano come ebeti, oppure gli ebeti sono ormai la maggioranza tra noi. Addirittura qualcuno dice che le relic suonano meglio, rispetto ad un trattamento non relic, ok gli psichiatri non moriranno mai di fame.
Rispondi
mi piaceva pure la firebird.. ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 24/07/2013 ore 08:27:26
mi piaceva pure la firebird.. mi piace pure questa..
Rispondi
Concordo...
di fender64 [user #14522]
commento del 24/07/2013 ore 08:27:56
Concordo a pieno....non stuzzica l'appetito dei strumentofili e dei chitarrofili....e poi snatura l'essenza selveggia e ruvida della chitarra..
Rispondi
Sarò conservatore..
di tomac [user #19209]
commento del 24/07/2013 ore 08:33:49
ma preferisco limitare gli effetti elettronici nelle scatoline dei pedalini, la chitarra la voglio rigorosamente "ignorante"....
Rispondi
Il prezzo di listino del ...
di angeletto [user #21395]
commento del 24/07/2013 ore 08:49:15
Il prezzo di listino del sito Gibson segna circa 5000$... Diciamo sui 2500€... Ma si possono spendere 2500 euro per una chitarra così??? Onestamente per quella cifra comprerei una custom shop, tipo una 59 reissue oppure una 58 reissue oppure una 60 reissue...
Non mi piace.
Ciao
Angelo
Rispondi
Re: Il prezzo di listino del ...
di uallarone [user #36443]
commento del 24/07/2013 ore 08:54:47
attualmente con 2500 non ti porti a casa niente di quello che hai detto :)
ahinoi, la gibson ha aumentato tutto il listino...bisogna salire un po' (in alcuni casi un bel po'..)
Rispondi
Re: Il prezzo di listino del ...
di angeletto [user #21395]
commento del 24/07/2013 ore 08:56:36
Dai fammi sognare :) hai ragione, tuttavia non spenderei 2500 euro per quella chitarra :)
Ciao
Angelo
Rispondi
Re: Il prezzo di listino del ...
di uallarone [user #36443]
commento del 24/07/2013 ore 09:27:49
guarda, io quando ho saputo quanto costa per davvero mi sono messo le mani nei capelli...io resto fedele, fedelissimo alla traditional (e un giorno sarà MIA!)
Rispondi
Re: Il prezzo di listino del ...
di angeletto [user #21395]
commento del 24/07/2013 ore 09:45:55
Fai benissimo! Ce l'ho e ti posso dire che è una signora chitarra! :)
Rispondi
la firebird x..
di uallarone [user #36443]
commento del 24/07/2013 ore 08:53:09
la firebird x l'ho potuta provare e analizzare con calma e cognizione di causa. è difficile da usare, scomoda nella disposizione dei comandi, e, a parte qualche modulazione, molto discutibile in tutto il comparto del multieffetto. la LPX è identica..forse un po' più "familiare" per le sue forme. ps: 5000$ è un prezzo moooolto aleatorio
Rispondi
Re: la firebird x..
di Matteo Barducci [user #29]
commento del 24/07/2013 ore 10:47:39
Nelle intenzioni originali della casa c'era quella di offrire la possibilità di caricare gli effetti così come si fa con i plugins di una qualsiasi DAW. Il cuore dello strumento è un processore DSP analogo a quello dei sistemi Pro Tools o dei pedali Strymon. Non so se questo sia effettivamente avvenuto, il sito riservato ai possessori di questo strumento è accessibile solo previa registrazione...
Rispondi
Analogica
di sdan [user #208]
commento del 24/07/2013 ore 09:02:54
"rigorosamente analogica"...fa un po' ridere, comunque certamente un'altro fiasco.
Rispondi
Hehehe. Ogni volta che compare ...
di Oliver [user #910]
commento del 24/07/2013 ore 09:23:31
Hehehe.
Ogni volta che compare un nuovo modello Gibson conosco già i commenti.
A - Ma è possibile che continuino a produrre sempre gli stessi strumenti da sessant'anni?
B - Ma così si snatura uno strumento storico!

Sono andato a sentirmi tutte le clips (chissà quanti lo fanno, prima di farsi un'opinione...) e le sonorità sono oggettivamente molto interessanti. Chissà perchè una Variax non suscita altrettante reazioni negative, eppure in sostanza offre molto di meno. Penso che ad un turnista, ad un amante della registrazione o a chi esegue covers di generi vari possa risultare molto utile. Anche più di una Variax, vista la dotazione di effetti on board.

Peccato che qualcuno, nell'ufficio design di Gibson, lasci passare alcune cadute di gusto davvero incomprensibili. L'accozzaglia estetica casuale dei controlli è inguardabile e rovina un body altrimenti molto elegante. Perchè tre knobs diversi tra loro? Perchè addirittura due uguali, ma di colore diverso? Sone TRE, mica tredici... cosa ci vuole ad impararne le funzioni senza dovere usare i colori come nei giochi per la prima infanzia? La LesPaul tradizionale ha 4 knobs, sono tutti uguali, e nessuno si è mai sbagliato :)
E poi i pomelli degli switch, stesso discorso. Se mi presentano chi ha deciso di metterne uno... turchese!, lo schiaffeggio.
Infine, il manico. Sembra appiccicato lì per caso, un avanzo di un'altra chitarra. Peccato.
Se poi qualcuno mi sa spiegare il perchè di quella paletta che, oltre ad essere meno elegante di quella classica (perfetta), complica il passaggio delle corde più esterne con inutili angoli, lo ringrazio.
Rispondi
Re: Hehehe. Ogni volta che compare ...
di plastic [user #5227]
commento del 24/07/2013 ore 09:34:58
Condivido ogni parola, virgola e parentesi!!

Plastic
Rispondi
Re: Hehehe. Ogni volta che compare ...
di kirschak [user #32705]
commento del 24/07/2013 ore 10:25:34
chitarra brutta che non comprerò mai.
Come pure brutta è la paletta che però, al contrario di quanto osservi tu, mi sembra che tenda a ridurre e non ad accentuare gli angoli delle corde del SOL e del LA, in modo da consentire un accordatura più stabile.
Rispondi
Re: Hehehe. Ogni volta che compare ...
di Oliver [user #910]
commento del 24/07/2013 ore 16:03:06
Non direi: mentre sol e re si trovano nella solita posizione, si e la sono più spostati all'esterno, e ancora di più i due mi, creando un notevole angolo con il capotasto (nella paletta Gibson standard le due corde esterne proseguono rettilinee dallo stoptail alla meccanica).
Rispondi
Re: Hehehe. Ogni volta che compare ...
di Matteo Barducci [user #29]
commento del 24/07/2013 ore 10:41:4
Ti rispondo io:

- uno dei pot è un push-push, mentre un altro è il famigerato MCK. Li hanno messi diversi perché nell'idea del progettista c'era l'intenzione di dare indicazione visuale alle funzioni a cui sono assegnati i controlli.

- idem come sopra: il colore celeste indica i delay, ciascuno dei tre toggle switch comanda un tipo di effetti differente.

- per quanto riguarda la paletta, quello è il fattore di forma più adeguato per contenere il PCB di controllo delle meccaniche e le meccaniche stesse. Tieni comunque presente che la LPX è stata realizzata con le parti avanzate della Firebird X...
Rispondi
Re: Hehehe. Ogni volta che compare ...
di Oliver [user #910]
commento del 24/07/2013 ore 15:34:40
Non mi era sfuggito il riciclaggio delle componenti e del concetto generale della Firebird X, infatti mi sarei aspettato commenti del tipo: "E dove sarebbe la novita', nella forma del body?" :)
La diversa funzione di potenziometri e switches, per quanto sia piu' complessa del solito, diventa ovvia anche dopo una semplice lettura del manuale e, tenendo anche conto del fatto che il piu' delle volte i controlli della chitarra si utilizzano senza nemmeno guardarli, avrei privilegiato un look piu' coerente ed elegante, vista la scelta del top. Su un body nero, ad esempio, il tutto sarebbe molto meno evidente. All'atto pratico non cambierebbe molto, ma sappiamo bene che nella scelta di una chitarra il fattore estetico e' spesso molto importante.
Riguardo al sistema di accordatura, mi sembra strano che sia favorito dalla forma della paletta, visto che viene normalmente installato (ed e' previsto anche il montaggio aftermarket) sulle Lespauls ed SG con paletta tradizionale.
Rispondi
Re: Hehehe. Ogni volta che compare ...
di Matteo Barducci [user #29]
commento del 24/07/2013 ore 15:47:29
No, il MinE Tune non è lo stesso "aggeggio" che viene montato su questa.
Rispondi
Re: Hehehe. Ogni volta che compare ...
di Oliver [user #910]
commento del 24/07/2013 ore 16:03:45
Ah, ecco.
Rispondi
Re: Hehehe. Ogni volta che compare ...
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 24/07/2013 ore 22:30:44
Non posso che essere d'accordo.....tonnellate di applausi.
Rispondi
Quoto Oliver!
di nick74 [user #15609]
commento del 24/07/2013 ore 09:41:49
La chitarra ha un suo perché.
Chi come me è imbranato a registrare non riuscirà a cogliere appieno le potenzialità, ma un turnista... Questo è il SUO strumento!.
Unico appunto che vedo tra le caratteristiche di connessione al PC è che necessità di Windows 7 ed un processore da almeno 1 Ghz.
Personalmente dovrei cambiare anche PC. Dobbiamo programmare 4 effetti e tre menù... Non dobbiamo guidare lo Shuttle da casa! Esagerati.
Rispondi
Re: Quoto Oliver!
di Adimant [user #12733]
commento del 24/07/2013 ore 10:27:31
Dai, il processore da 1 Ghz ormai ce l'ha anche il telecomando della lavatrice!! Non esageriamo!
Per quanto riguarda Windows 7 è ovvio che sia così, dato che neanche più Microsoft supporta WinXP.
Rispondi
Mah... brutta esteticamente e cara ...
di Farloppo [user #27319]
commento del 24/07/2013 ore 10:03:57
Mah... brutta esteticamente e cara ammazzata. Posso capire che a livello teorico possa essere utile a un turnista, ma a quel punto si toglie uno zero e si prende un POD.
Inoltre pasticciare con i comandi sul body é una delle cose più scomode che possa fare un chitarrista mentre suona.
Rispondi
buffa 'sta cosa (scritta da ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 24/07/2013 ore 10:07:27
buffa 'sta cosa (scritta da alcuni) che deve essere usata dai turnisti... :-D
Rispondi
boia
di Khaos88 [user #18462]
commento del 24/07/2013 ore 10:28:03
Esteticamente è orribile mi sembra una chitarra della chicco! comunque io di tutti quei controlli non saprei cosa farmene apparte il piezo..
Rispondi
Dico no
di Tubes [user #15838]
commento del 24/07/2013 ore 10:29:30
No, no, e poi ancora no . Lo strumento,per me s'intende, deve essere grezzo . Poi ,dopo, aggiungo quello che mi pare, analogico,digitale,valvole,transistor . Posso fare un'eccezione per le synth-guitar, ma ,ripeto, la chitarra elettrica per me è corpo,manico e pick-up . 'Ste cose qua Gibson dovrebbe farle fare a produttori minori che magari si ricaverebbero una nicchia di mercato . Non penso comunque che sia un oggetto che possa stuzzicare un chitarrista serio, meno che mai un professionista . Poi,ovviamente, sono pronto a essere smentito dai fatti, che in questo caso si chiamano vendite sul mercato .
Rispondi
Re: Dico no
di Matteo Barducci [user #29]
commento del 24/07/2013 ore 10:45:16
La LPX in realtà era già disponibile presso i rivenditori dall'inizio dell'anno. L'hanno presentata al NAMM e si sapevano le caratteristiche da gennaio. Penso addirittura che sia già esaurita, o comunque disponibile solo su ordinazione.
Rispondi
Re: Dico no
di Tubes [user #15838]
commento del 24/07/2013 ore 13:37:35
Ok, quindi la chitarra vende o, se è un esemplare a tiratura limitata o sperimentale , a questo punto andrà solo su ordinazione avendo comunque raggiunto gli scopi commerciali per cui è stata messa in produzione . Chiaro che chi l'ha acquistata non la pensa come me e come tanti altri che sono intervenuti commentando, ma questo è normale e sano che avvenga . Però forse non era meglio non abbinare a un modello storico una tecnologia del genere ? Cioè creare un nuovo design che abbia fatto da capostipite a una futura linea di strumenti per musicisti professionisti e non che gradiscono queste innovazioni . Perché, sia ben chiaro, può darsi anche che stiamo parlando della chitarra elettrica del domani . D'altronde c'era anche chi non apprezzava la fotocamera sul telefonino ( io, per esempio) e adesso, in effetti, è di una comodità irrinunciabile . Detto questo, forse io non avrei snaturato una Les Paul, tutto qua . Se me la regalassero ? Certo che me la tengo !
Rispondi
Re: Dico no
di Matteo Barducci [user #29]
commento del 24/07/2013 ore 13:50:26
Beh, una delle critiche mosse alla FBX a livello internazionale era proprio quella di non assomigliare a nessun modello storico e che avrebbero fatto meglio a mettere i "guts" elettronici dentro una LP...
Rispondi
Francamente a me non dispiace,preferisco ...
di Zado utente non più registrato
commento del 24/07/2013 ore 10:42:01
Francamente a me non dispiace,preferisco di gran lunga questo tipo di sperimentazione piuttosto che riproporre sempre la solita LP in salse neanche tanto differenti da diverse decadi a 'sta parte.
Rispondi
Sembra di voler fare a ...
di MM [user #34535]
commento del 24/07/2013 ore 10:43:25
Sembra di voler fare a tutti i costi del disfattismo, e dispiace..... ma è veramente orrenda.
A quel prezzo poi.......
Rispondi
Gli Audio Samples del sito ...
di giambu [user #4070]
commento del 24/07/2013 ore 10:45:46
Gli Audio Samples del sito sono fatti apposta per sconsigliarne vivamente l'acquisto.
Rispondi
Re: Gli Audio Samples del sito ...
di elgaldil [user #22921]
commento del 24/07/2013 ore 11:36:3
quoto e straquoto
Rispondi
Aspettiamo tutti con ansia la ...
di RollingMat [user #31842]
commento del 24/07/2013 ore 11:01:55
Aspettiamo tutti con ansia la telecaster a alimentazione nucleare, vero?
Rispondi
Resto perplesso
di Adimant [user #12733]
commento del 24/07/2013 ore 11:02:47
C'ho i soldi, voglio il giocattolo nuovo, suono la chitarra e mi piacciono le nuove tecnologie applicate dovunque si possa applicarle con profitto. Mi compro questa bestia. Apro la confezione e ci trovo dentro l'interfaccia audio (con un po' di dotazione software del tipo Guitar Rig 4 Pro e Ableton Live Lite 8 Gibson Studio Edition), i due pedali bluetooth, due cavi stereo, una tracolla, gli alimentatori di tutto ciò che va alimentato ed ovviamente una Gibson LP con tutta la qualità che la contraddistingue. A questo punto la attacco all'ampli o direttamente alla scheda, ho al pedaliera ma senza i cavi, il pedale di espressione, tutti i suoni che mi possono servire, casomai posso andare anche in diretta su un impianto uscendo dalla scheda audio (usandola come una sorta di DI box).

In alternativa compro una chitarra di pari qualità (che abbia anche un piezo perchè voglio anche quello), un POD o qualcosa del genere con la sua pedaliera, il software, una scheda audio. E tutti i cavi che mi servono. E comincio a smanettare con i cavi, le connessioni, le impostazioni.

A conti fatti, se avessi i soldi (FALSO), volessi il giocattolo nuovo (VERO) e mi piacessero le nuove tecnologie applicate alla chitarra (VERO) andrei di corsa a comprare questa Gibson, che nella peggiore delle ipotesi suona come una Les Paul qualsiasi.

P.S.: effettivamente la disposizione, il tipo ed i colori di switch e potenziometri sono orrendi

P.S.2: Mi chiedo come mai tutte queste critiche quando si mette un po' di elettronica su una chitarra (solo perchè c'è scritto Gibson - tra l'altro Fender e Roland in piccolo e con meno pretese avevano già fatto una cosa del genere) e poi tutti quanti a osannare la possibilità di far passare la chitarra attraverso un iPhone per metterci su una paccata di effetti digitali. Non capisco, sinceramente.

Rispondi
Preferisco di gran lunga che ...
di fabfor utente non più registrato
commento del 24/07/2013 ore 11:49:39
Preferisco di gran lunga che una casa importante e famosa come la Gibson proponga strumenti all'avanguardia (che possano piacere o meno) che non l'ennesima reissue/signature del guitar hero di turno (meglio se defunto!) "dopo aver radiografato, scannerizzato, tomografato assialmente, annusato e leccato" la chitarra originale. Questo mi ha davvero stancato... ben vengano gli esperimenti. E non dimentichiamo che i classici per cui tutti inorridiscono quando vengono riaggiornati, e parlo di LP, Tele e Strato, erano a loro volta degli esperimenti.
Rispondi
Ricapitolando: Gibson produce una nuova ...
di davo [user #31664]
commento del 24/07/2013 ore 12:31:44
Ricapitolando:
Gibson produce una nuova signature: "Sono avidi mercanti che sfruttano il nome e il marchio"

Gibson produce una nuova reissue: "Sono avidi mercanti che sfruttano il marchio e dovrebbero fare chitarre impeccabili alla metà del prezzo "

Gibson produce una nuova standard: "Non fanno chitarre come una volta, fa schifo, sono avidi mercanti"

Gibson produce una chitarra LPX: "Questa non è una chitarra, la chitarra non deve avere questi aggeggi!"

Ora, che sia bruttina esteticamente è innegabile e personalmente non saprei davvero che farmene ma la domanda sorge spontanea: possibile praticamente qualsiasi cosa non vada bene?

E non intendo dire con commenti del tipo "non mi piace", "non mi interessa", ma sempre la solita solfa del fatto che la Casa Produttrice Tal dei Tali non capisce niente e non fa le cose a dovere.

A parte il fatto che l'intera storia della chitarra elettrica è fatta di sperimentazioni (non sempre riuscite) alla Gibson proveranno nuove strade come è giusto che facciano se ne han voglia, anche considerando il mercato e le possibilità di rientro economico, magari proprio prendendosi il rischio di sentirsi le critiche dei talebani.
Rispondi
Re: Ricapitolando: Gibson produce una nuova ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 24/07/2013 ore 12:48:5
non capisco perche' uno si dovrebbe esimere da criticare la Gibson in toto se gli sembra giusto farlo.. a me, per esempio, piace in definitiva solo la melody maker ad un pick up e, un po', queste elettroniche sperimentali.. poi potrebbero chiudere pure adesso..
Rispondi
Re: Ricapitolando: Gibson produce una nuova ...
di davo [user #31664]
commento del 24/07/2013 ore 15:43:00
Magari mi sono espresso male ma non mi sembra di aver detto che non si possa criticare Gibson o chi altro: il discorso è un po' più complesso e si riferisce a chi, probabilmente non apprezzando un prodotto, critica le scelte "in assoluto", posizione quantomeno debole e illogica.
Mi pare abbia poco senso spiegare a quelli di casa Gibson come condurre gli affari e fa veramente ridere questa atmosfera da oltraggio ogni volta che esce un nuovo modello.
Se non ti piace lo dimostri non comprandola, non certo battendoti il petto iniziando la solita litania di come nel '59 le chitarre fossero tutte un'altra cosa e così via...
Ripeto che questo esula da considerazioni che riguardano l'estetica o l'apprezzamento personale per un modello, cioè quello che hai scritto tu e che col mio discorso non c'entra nulla.
Io di questa chitarra non ho bisogno, non mi piace, non la comprerei e non saprei che farmene ma decisamente non mi pare il caso che Gibson chiuda né di iniziare la crociata perchè non aderisce ai miei canoni estetico-musicali.
Preciso che non ho neanche una Gibson o modelli similari fatti da altri ma non per questo mi metto (virtualmente) a picchettare di fronte alla sede perchè non mi piacciono.

Son chitarre, per cortesia.
Rispondi
Re: Ricapitolando: Gibson produce una nuova ...
di alexus77 [user #3871]
commento del 24/07/2013 ore 15:53:17
Beh, qui ti do ragione in pieno. Se non ti piace, non comprarla, semplice.
Rispondi
Re: Ricapitolando: Gibson produce una nuova ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 24/07/2013 ore 16:21:06
siamo in un sito nel quale si conversa di chitarre, Gibson e' una marca di chitarre, se ad uno va di dire che Gibson in toto non gli piace continuo a non vedere quale sia il problema.. tu, ovviamente, sei liberissimo di portare avanti i tuoi dialoghi e il tuo modo di pensare come piace a te...
Rispondi
Re: Ricapitolando: Gibson produce una nuova ...
di davo [user #31664]
commento del 24/07/2013 ore 16:48:22
Nessun problema.
Peccato che non è quello che ho scritto.
Vanno bene anche le reazioni pavloviane, a questo punto.

Anyway, grazie per la chiacchierata.

;-)
Rispondi
Re: Ricapitolando: Gibson produce una nuova ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 24/07/2013 ore 17:12:16
percepisco vagamente un certo intento offensivo :-D

.. ma non c'e' problema...

rassicurandoti pero' sul fatto che cio' che ti ho risposto e' pertinente ed attinente :-)
Rispondi
Re: Ricapitolando: Gibson produce una nuova ...
di davo [user #31664]
commento del 24/07/2013 ore 17:53:29
Nessuna intesa di offendere; per "reazioni pavloviane" intendevo quelle all'articolo, come avevo spiegato nel primo post, non riguarda nulla di ciò che hai scritto tu.

Tutti sono liberi di scrivere il loro pensiero, immagino; poi al massimo io me ne starò alla larga come faccio spesso ultimamente, visto che (sempre a mio giudizio) non c'è granché da confrontarsi o di cui discutere.

Comunque, grazie delle rassicurazioni ma continuo a pensare che si parli di due temi decisamente differenti.

:-)
Rispondi
Re: Ricapitolando: Gibson produce una nuova ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 24/07/2013 ore 18:46:44
scusami.. avevo capito male... abbi pazienza
Rispondi
Re: Ricapitolando: Gibson produce una nuova ...
di Matteo Barducci [user #29]
commento del 24/07/2013 ore 13:27:59
[/malign mode ON]

Perché per molti l'unica cosa che farebbe bene a fare Gibson è una Les Paul Custom fatta di legno dell'ultimo albero della foresta amazzonica, con la tastiera in ebano selezionatissimo vecchio di 200 anni, con i pickups avvolti a mano dallo scheletro di Seth Lover riesumato e testata da Jimmy Page in persona che te la viene a portare a casa, il tutto naturalmente ad un prezzo non superiore ai 100 Euro, anzi meglio se direttamente regalata! ;-)

[/malign mode OFF]
Rispondi
Re: Ricapitolando: Gibson produce una nuova ...
di alexus77 [user #3871]
commento del 24/07/2013 ore 15:51:56
Non direi. Critiche non logiche ci saranno sempre, ed e' vero che Gibson fa anche tante porcate, specialmente per il prezzo a cui le propone.

E poi non direi che la storia della chitarra elettrica e' fatta di sperimentazioni. Piuttosto e' un momento di "creazione" seguito da piccole variazioni sul tema. Ci sono ben poche sperimentazioni che mi vengono in mente, se ci limitiamo alla chitarra, l'effettistica e' altra cosa.

Questa di Gibson non e' sperimentazione, ma noia. Mettere due pulsantini su una chitarra che non fanno nulla di utile, o cose che si possono fare meglio con altri strumenti, e' poco rilevante secondo me. Sperimentazione sarebbe l'uso di materiali innovativi a mio avviso... e no, non includo nella categoria il "baked maple" per le tastiere.

Paragone: se la Ferrari si mettesse a fare auto elettriche che assomigliano ad una Smart, farebbe storcere il naso? Direi di si. Ecco, Gibson farebbe meglio a continuare a fare le sue R7/8/9.
Rispondi
Re: Ricapitolando: Gibson produce una nuova ...
di davo [user #31664]
commento del 24/07/2013 ore 16:42:07
"E poi non direi che la storia della chitarra elettrica e' fatta di sperimentazioni".
La Les Paul prende il nome da uno che ha fatto della sperimentazione sullo strumento una leggenda.
Oltretutto dubito che esista il momento della creazione, come nella bibbia; la Tele era una sperimentazione, la Strat una evoluzione diversa ma ugualmente sperimentale in quanto a concetto (ponte mobile etc).
Lo stesso vale per la Gibson: la SG non era solo una variazione sul tema, come la firebird e così via.
Le piccole "variazioni" comprendono tipologie di pickup estremamente differenti, wiring, ponti e hardware in evoluzione; non mi pare poco.
La sperimentazione è anche fatta da prove di ergonomia su modelli diversi, nuovi prodotti che ormai sono quasi dimenticati (perchè appunto sperimentali ma utili al "progresso" o anche rivelatisi inutili).
Non mi sembra che Fender o Gibson si siano limitati a sfornare copie di Strat e Les Paul.

Non mi pare neanche che, in questo caso, si possa parlare di "due pulsantini" e il fatto che non siano utili (per me come per te) non è un buon motivo per cassarli a priori.

Un buon paragone potrebbe essere questo: la nuova Ferrari ha 4 ruote e un motore e funziona sostanzialmente con lo stesso principio di una di 5 anni fa: questo non vuol dire che non ci sia stata sperimentazione per arrivare ad una versione più recente, che magari ha il cambio al volante invece che il cambio manuale.
Una chitarra ha molte meno parti su cui ragionare ma anche un cambio nel materiale e nella forma delle sellette è a suo modo sperimentale.

:-)
Rispondi
Re: Ricapitolando: Gibson produce una nuova ...
di alexus77 [user #3871]
commento del 25/07/2013 ore 05:32:0
A citazione rispondo con citazione ;)
"La Les Paul prende il nome da uno che ha fatto della sperimentazione sullo strumento una leggenda"
"Piuttosto e' un momento di "creazione" seguito da piccole variazioni sul tema"

Il discorso ferrari era un'altro, il concetto era che uno deve fare quello che sa fare bene, ed evitare pseudo-sperimentazioni da supermarket. Gibson fa chitarre tradizionali, quindi che faccia chitarre tradizionali. Se si vuole sbizzarrire con chitarre stravaganti ha altri marchi in suo possesso con un brand ben diverso tipo Kramer o Steinberger con le quali puo' fare di tutto. E' una questione di marketing, non di evoluzione e di offerta prodotti.
Rispondi
nei decenni gibson ha guardato ...
di Deadwing utente non più registrato
commento del 24/07/2013 ore 13:38:25
nei decenni gibson ha guardato troppo al passato, ora ne paga lo scotto. ogni novità non viene accolta che con una disapprovazione generale.

parlando di questo modello: ok all'innovazione e alla ridondanza tecnologica, ma un involucro più gradevole?
Rispondi
Sinceramente sono anche io un ...
di katori utente non più registrato
commento del 24/07/2013 ore 13:47:58
Sinceramente sono anche io un po' dubbioso sull'effettiva utilità di certe soluzioni, mi chiedo infatti perchè case importanti come appunto la gibson non vogliano sfruttare altri tipi di soluzioni, ad esempio, materiali di diversa natura o soluzioni literistiche alternative.
Non ha granchè senso trasformare la chitarra in una sorta di workstation dei poveri, ci sono già altri strumenti che svolgono questa funzione più che egregiamente.
Una volta sentii suonare Enrico Santacatterina con una chitarra stratosferica in carbonio (penso) ed aveva un suono meraviglioso. Perchè quindi non tentare la via dei materiali alternativi magari sviluppandone qualcuno a basso costo? (la fibra di carbonio è effettivamente costosetta ;))
Rispondi
Re: Sinceramente sono anche io un ...
di Adimant [user #12733]
commento del 24/07/2013 ore 15:00:3
Questa è di proprietà di Gibson:

vai al link

E qui di materiali diversi dal legno ce ne sono tanti.

Riguardo al carbonio, poi, non è che sia poi così costoso: oggi riesci ad acquistare sotto i mille euro un telaio da bici in carbonio di discreta qualità e sono più che certo che il prezzo è gonfiatissimo perchè alla metà compri dei cinesi che secondo molti sono fatti bene quanto gli altri. non c'è quindi una questione di prezzo quanto di mercato.

Per questa roba qui che è tutt'altro che una workstation dei poveri probabilmente, essendo Gibson e non essendo tutti i chitarristi del mondo dei puristi snob, c'è un mercato, tanto che qualcuno sopra suggeriva che probabilmente la serie, limitata, potrebbe essere già esaurita.

La chitarra in carbonio di cui parlavi, comunque, è la Xox "The Handle", che, penso, sia già sul mercato dopo diversi anni di sperimentazione. Bella.
Rispondi
In caso di malfunzionamento premere ...
di AlexEP [user #35862]
commento del 24/07/2013 ore 14:11:28
In caso di malfunzionamento premere Ctrl+Alt+Canc per il riavvio
Rispondi
sono per l'avanzamento ma...
di Zakk Fuckin' Wylde [user #5690]
commento del 24/07/2013 ore 14:42:40
a volte bisogna pensare bene a quello che si fa !
onestamente non mi sento di criticare ne di lodare....penso tra me e me che questo è un buco nell'acqua.
Rispondi
Re: sono per l'avanzamento ma...
di Adimant [user #12733]
commento del 24/07/2013 ore 14:53:04
Intanto Line6 con la Variax ha venduto ed anche bene, e tutti, quando uscì, dicevano che non era una chitarra...
Rispondi
Re: sono per l'avanzamento ma...
di Zakk Fuckin' Wylde [user #5690]
commento del 25/07/2013 ore 07:51:54
certo,ora line6 la puoi paragonare alla gibson ?
per piacere !
come suggerito gia da qualcuno di strade per far uscire questo obrobrio ce ne erano !
non dico che non dovevano farla bensi appoggiarsi a qualche altra società figlia o partner...
tuttoqui !
cmq gibson è libera di vendere anche scarpe con le corde per carità,se poi il gusto del compratore combacia ben venga.Non sarò certo io a criticare chi compra questa chitarra,anzi...
Rispondi
Re: sono per l'avanzamento ma...
di Adimant [user #12733]
commento del 25/07/2013 ore 08:25:01
Se l'avesse fatta uscire con per altre vie stareste qui a dire sì, vabbè, hanno fatto la copia della LP e ci hanno messo dentro un po' di elettronica... Qua ci sta una Gibson che costruttivamente sarò ben poco discutibile come tutte le Gibson, che sarà fatta come si deve dal punto di vista della liuteria. In più c'ha dentro tutto quello che ha una Variax e molto di più.
Ora ti può piacere o no, ma questa venderà (ha già venduto a quanto pare), e dunque non è un buco nell'acqua.
Rispondi
Re: sono per l'avanzamento ma...
di Zakk Fuckin' Wylde [user #5690]
commento del 25/07/2013 ore 08:41:33
allora: coi se e coi ma ............ non si arriva da nessuna parte.
Deto questo,che le gibson siano ottime chitarre non si discute,anche se è in dubbio che il costo non è proporzionato alla qualità,e anche questo non è in discussione !
Per ultimo continuo a dirti che per me è un buco nell'acqua ciò togliendo che non ho nulla contro e soprattutto della variax non mi importa. Perdonami magari sbaglio ma credo che ti interessi questa gibson,nessuno ti dirà niente se te la fai anzi sarò il primo a complimentarmi e a chiederti un sample !
Vendere 100 chitarre è un buco nell'acqua per gibson,spero tu intenda che ne abbiano gia vendute pareeeeeechieeeeeeeee.
Rispondi
Re: sono per l'avanzamento ma...
di Adimant [user #12733]
commento del 25/07/2013 ore 09:09:16
Se ne fanno cento e le vendono tutte è un successo. Se ne fanno un milione e ne vendono cento è un insuccesso. Tutto qui.
Rispondi
Re: sono per l'avanzamento ma...
di Matteo Barducci [user #29]
commento del 26/07/2013 ore 09:29:
> come suggerito gia da qualcuno di strade per far uscire questo obrobrio ce ne erano !
> non dico che non dovevano farla bensi appoggiarsi a qualche altra società figlia o partner...
> tuttoqui !

Infatti è sviluppata da Tronical GMBH ed Echo Audio.
Rispondi
Re: sono per l'avanzamento ma...
di Zakk Fuckin' Wylde [user #5690]
commento del 26/07/2013 ore 09:40:52
sulla paletta che c'è scritto ?
Rispondi
Re: sono per l'avanzamento ma...
di Matteo Barducci [user #29]
commento del 26/07/2013 ore 10:49:07
Cioè?

Gibson ha stretto un accordo con due aziende indipendenti per lo sviluppo del sistema. La parte elettronica è sviluppata in Germania da Tronical:

vai al link

Il G-Node invece è una creatura di Echo Audio:

vai al link

Non è ne più ne' meno di quello che fece Fender quando strinse l'accordo con Roland per la fornitura del GK-2/3 sui suoi modelli(ed in contropartita Roland mise in commercio i pedalini Boss "ispirati" agli ampli fender), oppure di quando Roland si fece fare i controllers per i suoi primissimi guitar synth(GR-500) da Ibanez...
Rispondi
Re: sono per l'avanzamento ma...
di Zakk Fuckin' Wylde [user #5690]
commento del 26/07/2013 ore 11:01:27
si ok,ma qui stiamo parlando della Les Paul con marchio Gibson !
sono daccordo con tutto e tutti tranne che sul modello usato per questa innovazione.
ma non critico certamente gibson,se stanno dove stanno un mtivo ci sarà !
Rispondi
Re: sono per l'avanzamento ma...
di Matteo Barducci [user #29]
commento del 26/07/2013 ore 14:02:36
Beh, in realtà la Les Paul LPX non era neanche preventivata...

Sono state le critiche all'estetica della Firebird X a suggerire di utilizzare il package elettronico su una chitarra meno "estrema" e più convenzionale. Tra l'altro sul forum americano era tutto un fiorire di discorsi del tipo "peccato, l'avessero fatta con il body della LP sarebbe stato senz'altro meglio"...
Rispondi
La chitarra tutto in uno ...
di angusnoodles [user #13408]
commento del 24/07/2013 ore 14:56:39
La chitarra tutto in uno mi appassiona da tempo per la praticità... Sia per esercitarsi in giro senza doversi portare troppa roba sia per salire su un palco (palchetto per quanto mi riguarda 😛) solo con una chitarra al collo e dare un cavo al fonico o sbatterlo nel combo e via... Però qua stiamo parlando di una chitarra mooolto costosa... Sto sperimentando il modo di attaccare alla chitarra il Korg Pandora Mini... In un punto in cui posso manovrarlo mentre suono allo stesso modo in cui accedo ai potenziometri della chitarra... Il vantaggio è quello di avere un suono che può andare anche direttamente nel mixer data la simulazione di cassa... Ti prepari dei preset e via... Niente cavi e pedaliere a terra... Magari con un wireless puoi suonare anche seduto al tavolo con gli amici a gustare birra e patatine :-)))
Rispondi
Re: La chitarra tutto in uno ...
di Adimant [user #12733]
commento del 25/07/2013 ore 08:29:32
Pensa che io stavo pensando di comprare un pezzo di legno da quattro soldi (una stratoforme quasiasi) e farci un buco per metterci dentro l'elettronica di un Pod mini!
Rispondi
Re: La chitarra tutto in uno ...
di angusnoodles [user #13408]
commento del 25/07/2013 ore 15:04:11
Proprio ciò a cui stavo pensando io... Però qualcosa di non definitivo per la chitarra... Ho cercato invano una custodia tipo quelle per tene i cellulari alla cintura adatta al Korg per fissarlo con una cinghietta al corno superiore di una stratoide in modo da averlo sotto mano... Ma non ho trovato ancora nulla di simile... Vandalizza una Bullet Strat per il tuo progetto... 100 euro circa... E secondo me non sono nenache tanto male...
Rispondi
Re: La chitarra tutto in uno ...
di Adimant [user #12733]
commento del 25/07/2013 ore 15:16:54
Anche perchè se viene bene poi smonti tutto e lo rifai su qualcosa di meglio! :)
Rispondi
Il problema di Gibson è ...
di Aktarus [user #5855]
commento del 24/07/2013 ore 17:56:13
Il problema di Gibson è che non sanno più come conciliare ildesiderio di espandersi in settori futuristici e ipertecnologici con la forte e prepotente vena artigianale tradizionalista delle sue chitarre. Chi vuole una les paul vuole una chitarra molto tradizionale, non vuole vedere lucettine! Il problema sta tutto qua. Sono sicuro che se creassero una les paul con tutte le caratteristiche estetiche che ci si aspetta e una tecnologia "nascosta" da manopole normali senza led e lucettine, sicuramente sarebbe meno criticata.
Rispondi
Lester
di robogg [user #204]
commento del 24/07/2013 ore 18:18:25
Lester, perdona loro perche' non sanno quello che fanno.
Rispondi
Re: Lester
di Matteo Barducci [user #29]
commento del 26/07/2013 ore 09:31:51
Lester ha usato dal vivo poco prima della sua morte la Gibson HD.6X-PRO, progenitrice di questa, oltre ovviamente alla sua recording pesantemente modificata...

Delle chitarre digitali ne era talmente entusiasta che ne firmò di suo pugno un bel numero...
Rispondi
Re: Lester
di davo [user #31664]
commento del 26/07/2013 ore 13:03:33
Santissime parole.
Amen

MA vuoi mettere questo discorso con il piacere di sbraitare:

SACRILEGIO!!!!

;-)
Rispondi
Re: Lester
di yasodanandana [user #699]
commento del 27/07/2013 ore 09:50:36
vero.. se c'era uno che non era un tradizionalista era proprio Les Paul
Rispondi
lumi a petrolio
di fender66 [user #1640]
commento del 24/07/2013 ore 19:18:1
A me viene da ridere quando sento parlare di innovazione nel campo delle chitarre elettriche...Un po' come dire "è uscito un modello innovativo di lume a petrolio".... :)
Rispondi
Troppa roba (e complicata!) ...
di fbf [user #36393]
commento del 24/07/2013 ore 20:34:17
Troppa roba (e complicata!)
Rispondi
Seriamente... l'innovazione Gibson dovrebbe portarla ...
di angusnoodles [user #13408]
commento del 24/07/2013 ore 20:38:36
Seriamente... l'innovazione Gibson dovrebbe portarla principalmente a livello di liuteria spicciola prima di imbarcarsi a montare tanta elettronica su un progetto di chitarra degli anni '50... come montare l'elettronica di una Formula 1 su una giulietta primo modello... possibile che non si azzardino a fare una chitarra con liuteria più moderna prima di pensare a tanta stramba innovazione elettronica?
Rispondi
My two cents
di Starburst [user #25261]
commento del 24/07/2013 ore 21:24:05
Anche io, come tanti qui da quel che leggo, non saprei cosa farmene di una chitarra così. Tuttavia non mi sento nemmeno di criticare l'apertura a nuove tecnologie e il cercare di percorrere strade nuove. L'unico appunto semmai è l'utilizzo delle forma Les Paul, che gode ormai da decenni dello status di "classico". Una modernizzazione più sottile come sulla standard va bene (a patto che la traditional resti a disposizione della gente old school) ma questo è troppo, anche a livello estetico non mi piace affatto. Meglio la Firebird a questo punto, o un altro modello progettato da zero.
Rispondi
Era successa la stessa cosa ...
di RollingMat [user #31842]
commento del 24/07/2013 ore 23:54:04
Era successa la stessa cosa con la gibson recording negli anni settanta solo perchè avevano fatto una LP con qualche pot in più per dare più suoni. Quindi la storia si ripete e esisteranno sempre gli appassionati di una chitarra limitata che tale deve rimanere pur costando i milioni. Lunga vita alle '...caster'
Rispondi
la cosa bella è che ...
di giuseppe40 [user #18743]
commento del 25/07/2013 ore 01:06:38
la cosa bella è che ognuno è libero di comprarla, di guardarla, di suonarla. Ora posso dare solo un giudizio estetico. Non mi piace per niente. Paletta standard e pot uguali avrebbero migliorato tanto la situazione. la paletta Gibson vera, rimane un'opera d'arte.
Rispondi
Re: la cosa bella è che ...
di Adimant [user #12733]
commento del 25/07/2013 ore 08:32:46
Penso che la forma della paletta sia in qualche modo 'pilotata' dalle meccaniche automatiche (è solo una supposizione, ovviamente).
Rispondi
non mi piace
di Andre792 [user #24401]
commento del 25/07/2013 ore 12:10:56
tutta quella tecnologia , che si può trovare benissimo in alcuni pedali , secondo me intacca sia la linea estetica sia la funzionalità della chitarra ...
gli effetti e la modulazione del suono per me deve essere cosa a parte , altrimenti uno si prende una chitarra della line 6 che da vedere è meglio e certamente è più personalizzabile
Rispondi
Atto di forza
di Lespaulmatt [user #37608]
commento del 25/07/2013 ore 12:15:12
Personalmente, da Gibsoniano puro, non la comprerei mai, sono fedele alle mie std e custom, ma capisco la necessità del marchio più blasonato al mondo di dimostrare di essere un passo avanti a tutti i concorrenti.
La chitarra è tecnologicamente all'avanguardia ed è fantastica per chi si occupa di composizione in studio perché permette di avere uno strumento che da solo è l'equivalente di una decina di chitarre diverse, con ovvi risparmi di spazio ed investimento...... forse è per questo che non hanno curato le finiture, la paletta fa schifo ma copre meglio il sistema robot, la varietà di colori inesistente, o cosi o cosi, etc... è destinata ad un mercato di nicchia, fatto di professionisti del settore che scelgono lo strumento per motivi di lavoro... e sicuramente hanno altre chitarre "del cuore"..... questa non riuscirà a farli innamorare, ma farà bene il suo dovere.
Per noi amanti della LP, fanno le Custom shop più svariate .... e chiedono anche una botta di soldi, ma noi "drogati" ci caschiamo sempre e comunque e non ne abbiamo mai abbastanza!!!
Rispondi
Non capisco pienamente l'idea di ...
di elgaldil [user #22921]
commento del 25/07/2013 ore 17:29:35
Non capisco pienamente l'idea di "schiaffare" di tutto e di più in una les paul (abbruttendola, questo è indubbio), quando poi l'accessorio più comodo risulterà essere la pedaliera Bluetooth (perché hai voglia a smanettare tra duemila lucine se le mani le vuoi usare per suonare!!!)
...e allora alla fine ci sono mille alternative più che valide (e piu performanti a giudicar dai sample) tra le pedaliere in commercio...così l'innovazione si riduce a delle meccaniche robotizzate, un piezo (utile fino ad un certo punto - imho) e una configurazione di pick-up diversa dal classico doppio humb...

Mah
Rispondi
Ma mi spiegate...
di ciun [user #15167]
commento del 26/07/2013 ore 08:22:39
...che cosa vorrebbe dire "liuteria innovativa"?
Ho letto diversi commenti che rinfacciano alla Gibson di lanciarsi in questo campo che non le compete anzichè evolversi in quello che è sempre stato il suo forte, la liuteria.
Giá i body con i fori interni suscitarono mezze rivoluzioni, non oso pensare a cosa succederebbe in caso di modifiche visibili.
Ricordo inoltre che Gibson è stata produttrice di amplificatori, non mi sembra così lontana dal mondo dell'elettronica.
Rispondi
2500 euro ???
di sundayplayer [user #13160]
commento del 26/07/2013 ore 13:41:15
Con 600 mi compro il Roland GR-55, con 1000 mi compro il Roland VG-99, con 100 prendo il pickup esafonico, con 200 compro una chitarrina qualsiasi (sempre più bella di 'sta cozza qui) e con i rimanenti 600 ci vado in vacanza....
Rispondi
Re: 2500 euro ???
di Matteo Barducci [user #29]
commento del 26/07/2013 ore 14:04:36
Ma non riusciresti comunque a processare ogni singola corda individualmente, aprendo magari sei istanze di Guitar Rig per applicare ad ognuna delle stesse una catena di effetti ed un'emulazione di ampli diversa(tanto per fare un esempio)...
Rispondi
Re: 2500 euro ???
di sundayplayer [user #13160]
commento del 26/07/2013 ore 14:37:
Vero.... almeno per ciò che riguarda l'audio (col midi si può fare)... però è una possibilità che - per me, almeno - non vale tutti quei soldi lì..... preferisco andare in vacanza, e al ritorno fare 6 overdub dentro alla daw con trattamenti differenti... :oP

ciao
Rispondi
Re: 2500 euro ???
di ciun [user #15167]
commento del 26/07/2013 ore 14:41:07
E poi i vari Roland un anno dopo hanno valore prossimo allo zero, così come la chitarrina.
Sta cozza è pur sempre una Gibson e una Les Paul, quoto tutti quelli che dicono : non mi piace e non mi interessa, ma fa bene Gibson a provare altre strade. Se uno potesse permettersi senza troppi problemi una spesa del genere secondo me il dubbio (se gradisce il progetto, beninteso) se lo metterebbe, ma probabilmente tutto è dovuto al fatto di non potersela permettere. O meglio, se uno deve investire tutti i suoi sudati risparmi in uno strumento anch'io trovo che sarebbe preferibile una Les Paul classica, questo sì che è un discorso che trovo condivisibile, un modello del genere va bene per chi ha giá avuto tutto e vuole qualcosa di diverso, il quale sicuramente preferirebbe la cozza alla chitarrina.
Rispondi
Re: 2500 euro ???
di sundayplayer [user #13160]
commento del 26/07/2013 ore 16:11:53
Si, quello che dici ha senso... Soprattutto sul provare strade nuove sono d'accordissimo, in questo caso però vedo un eccesso di bruttezza (..che chiaramente è un gusto personale) e un prezzo molto alto. (...considera però che secondo me tutte le gibson hanno un prezzo troppo alto.... le trovo in media bellissime, troppo pesanti, difficili da piazzare in un mix e troppo costose... opinioni personalissime....).
Trovo più centrati i progetti Variax, tutto sommato...

ciao
Rispondi
Re: 2500 euro ???
di ciun [user #15167]
commento del 27/07/2013 ore 09:41:20
Per quanto riguarda la bruttezza è ovviamente una questione di gusti, tieni presente che tendiamo a valutarla mettendola a confronto con le versioni delle LP che hanno fatto la storia e che dettano legge da decenni per quanto riguarda i canoni estetici in campo di chitarre, quindi lì la battaglia è persa in partenza quasi per tutti. I progetti Variax hanno la loro validitá in quanto incentrati solo su quelle caratteristiche e interessanti per chi cerca quel tipo di prodotto. Anche sul resto mi trovi d'accordo, la Les Paul è pesante, si impasta nel mix, forse un po' costose (ma personalmente ci vedo una differenza abissale rispetto ad altre chitarre, a livello di liuteria, quindi forse il prezzo è giusto), ma c'è da dire che sono belle, belle come non riesco a spiegarmi neppure io! Ed è per questo che la nuova arrivata fa storcere il naso, deve competere con un capolavoro di estetica.
Rispondi
Ennesimo "buco nell'acqua",mi sa che ...
di Peterpanico utente non più registrato
commento del 27/07/2013 ore 14:40:23
Ennesimo "buco nell'acqua",mi sa che alla Gibson siano un pò alla frutta.....sfornano inutili ciofeche a ripetizione,collezionando insuccessi commerciali da paura,boh contenti loro! :-)
Rispondi
Danni della chitarra
di JoeyRoss [user #38085]
commento del 31/07/2013 ore 11:53:51
ma secondo e fa la fine della firebird x cioè dimenticata ma poi se si danneggia il cpu interno nella chitarra chi è che lo ripara?
Rispondi
Cacciamo i mercanti dal tempio...
di musicmaster [user #30940]
commento del 16/08/2013 ore 19:19:29
Premesso che sono un Fenderiano (come se fossi un musulmano dentro a San Pietro....quindi entriamo con rispetto...), dopo anni passati a consumare le dita sulle tastiere ho capito che il setup giusto sono due mani, sei corde, uno max, tre pick-up (possibilmente single coil) e un combo a valvole, 12'', con due canali, dotato di reverbero (a molla).

Il resto è aria fritta. Gibson mi fa venire in mente bellissime chitarre soprattutto semiacustiche e leggendarie.

Estetica da vomitare, è più bello il game-boy di mio nipote, piu' pulito, più essenziale, accostamenti cromatici orribili, quell'obbrobrio dietro la paletta sembra uno scarafaggio di plastica, l'ergonomia dei comandi mi sembra uguale a zero.
Come segnatasti potevano mettere delle emoticon gia' che c'erano.

inaccettabile.
Davvero, soldi buttati via...
Rispondi
Altro da leggere
Fender svela le Player Plus: le testiamo in anteprima
Jazz Bass del 1960 e Stratocaster del 1959: come cambia il Sunburst? Il restauro Tone Team
Le Squier Paranormal in video
La tracolla conta
La Les Paul del ’52 salvata da un tornado torna a cantare: ascoltala in video!
Rock & Roll Hall Of Fame: in vendita le chitarre firmate dalle star
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Gibson Les Paul Slash Signature November Burst NAMM 2020
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Visualizza l'annuncio
Gibson USA Les Paul Joe Perry Signature 19961997
Seguici anche su:
Altro da leggere
Paul Stanley positivo al COVID-19: “mi ha preso a calci”
La Les Paul del ’52 salvata da un tornado torna a cantare: ascoltala...
Quando Charlie Watts prese a pugni Mick Jagger
Gibson diventa un'etichetta discografica: il primo album sarà di Slas...
Un chitarrista duetta con il suono del Golden Gate che gli ingegneri n...
Pickaso Guitar Bow: chitarra acustica ad arco
La Telecaster di Hallelujah diventa criptoarte da 26mila euro
Eric Clapton non suonerà per i soli vaccinati, ma non è un No Vax
I Radiohead remixano Creep per una versione “Very 2021”
Chibson USA Placebo Pedal: il pedale che fa… niente!
Cavi sessisti: no, non è uno scherzo
Living Electronics: un album che si ascolta solo su Game Boy?!
Fender Stratocaster #0689 dell'agosto 1954: il restauro ToneTeam
Se sei bravo ti basta una scopa con le corde? Sì, ma anche no
La Les Paul è davvero come la voleva Les Paul?




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964