CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Da Salonicco a Ozzy: intervista con Gus G
Da Salonicco a Ozzy: intervista con Gus G
di [user #17844] - pubblicato il

Frontman dei Firewind dal 2001 e chitarra solista accanto a Ozzy Osbourne dal 2009, il giovane Gus G lascia impronte sempre più grandi sulla scena metal. Lo abbiamo incontrato per conoscerlo più a fondo e rubargli alcuni trucchi del mestiere.
Frontman dei Firewind dal 2001 e chitarra solista accanto a Ozzy Osbourne dal 2009, il giovane Gus G lascia impronte sempre più grandi sulla scena metal. Lo abbiamo incontrato per conoscerlo più a fondo e rubargli alcuni trucchi del mestiere.

Quando si parla di metal è facile volare con la fantasia alla scena underground americana, o tornare indietro agli esordi inglesi, oppure ancora figurarsi la florida realtà musicale scandinava. Eppure, una delle più grandi rivelazioni della chitarra heavy metal degli ultimi anni proviene da tutt'altre terre. Gus G, all'anagrafe Kostas Karamitroudis, è arrivato dalla città greca di Salonicco fino in America per farsi largo tra i grandi nomi d'oltre Oceano fino a prendere posto al fianco di uno che, del metal, ha contribuito a modellare l'intera cultura: il frontman-cantante-icona-mangiapipistrelli Ozzy Osbourne.

A soli 33 anni, Gus può vantare una carriera da fare invidia a molti colleghi. Il suo nome compare tra i credits di innumerevoli band su ambo le sponde dell'Atlantico e la sua chitarra ha calcato i palchi di mezzo mondo. Oggi Gus è un professionista acclamato, apprezzato per il suo stile personale e la sua tecnica sopraffina, leader della band Firewind e con alcune interessanti novità in pentola.
Gus ha appena attraversato l'Italia per un breve clinic tour e noi, grazie anche alla complicità del guitar hero nostrano Andrea Martongelli, non ci siamo fatti sfuggire l'occasione di approfondirne la conoscenza, cominciando da dove tutto ha avuto inizio.

Da Salonicco a Ozzy: intervista con Gus G

Pietro Paolo Falco: A 18 anni arrivi negli USA ed entri al Berklee College Of Music. Cosa ricordi di quell'esperienza?
Gus G: Quando arrivai alla Berklee, realizzai presto che quel posto non era fatto per me. Ecco cosa ricordo. Odiavo andare a lezione tutti i giorni… non so, non mi sentivo a mio agio, anche se è una gran scuola sentivo che non era il posto per me, così decisi di lasciarlo.

PPF: Lo stesso anno, però, dai inizio al progetto Firewind.
GG: Quando lasciai il college rimasi a Boston per un paio di mesi, da alcuni amici che mi avrebbero aiutato a mettere insieme un demo. La ragione per cui avevo abbandonato il Berklee è che mi mancava l'esperienza sul campo, suonare con una band, scrivere canzoni. Non ero mai stato in uno studio di registrazione all'epoca, avevo giusto registrato qualche demo a casa.
Chiamai quel primo demo "Firewind", non era una band, ero solo io che provavo a suonare le mie prime canzoni. Ma quella fu la nascita dei Firewind.


PPF: Tre anni più tardi viene pubblicato l'album Guitar Masters.
GG: Qui bisogna mettere in chiaro una cosa: quello non è un mio album solista. Viene spesso detto così, ma è sbagliato.
Ti spiego cos'è successo. All'epoca avevo firmato da poco il mio primo contratto discografico con la piccola etichetta del chitarrista Dave Chastain, che aveva pubblicato il primo lavoro dei Firewind. Lui volle mettere insieme un progetto con vari chitarristi chiamato Guitar Masters. Mandò a diversi chitarristi un CD con otto backing tracks di basso e batteria e chiese di suonare una sola traccia di chitarra, e di improvvisare naturalmente. Avevo intorno ai vent'anni, mi sembrava un progetto divertente e improvvisai su tutto il disco. Registrai tutto in tre o quattro ore al massimo… e venne fuori che fu commercializzato come un album solista.


PPF: Ma c'è il tuo nome in copertina!
GG: Esatto! In effetti avevo chiesto a Dave di non pubblicarlo come un album solista, ma avevo firmato un contratto, lui aveva i diritti della musica e poteva farci quello che voleva. Ma è un equivoco, non è il mio album solista, non è neanche un album solista!
Comunque non sono arrabbiato con lui… probabilmente avrei fatto la stessa cosa al suo posto!


PPF: Sono riuscito a dargli un ascolto e la musica non sembrava affatto male. Certo, la copertina era orrenda!
GG: Tutto era orrendo! Il mio modo di suonare era orrendo, il mio suono era orrendo, le basi erano orrende! Erano una cosa come "dun, du-dun, du-dun" per tipo sei minuti!

Da Salonicco a Ozzy: intervista con Gus G

PPF: Gli anni a seguire ti hanno visto suonare accanto a diversi nomi del panorama metal.
GG: In linea di massima, cercavo di entrare nel business musicale e suonare con molte band. Nessuno dei progetti a cui ho contribuito implicava accordi discografici, erano solo delle occasioni per accumulare esperienza e lavorare con altre persone.
Ho suonato in Svezia con i Dream Evil, che hanno rappresentato la mia prima opportunità grossa, con un grande studio di registrazione e un produttore. Intanto continuavo a scrivere musica per i Firewind, che erano una cosa mia, mandavo demo a Dave Chastain e lui mi aiutava a mettere tutto insieme senza una vera e propria band. Mi misi a lavorare con il mio amico Marios (Iliopoulos, ndr) per formare una band death metal, i Nightrage…
Da lì sono cominciati i primi tour, in Giappone, in Europa con i Dream Evil, nel 2005 sono stato chiamato dagli Arch Enemy per sostituire Chris Amott in tour, per l'Ozzfest in America…
Dopodiché mi sono concentrato sui Firewind, per formare un vero gruppo, e non solo una band da studio.
Questo è accaduto in otto anni, poi nel 2009 ho firmato il contratto che ha cambiato la mia vita, con Ozzy.


PPF: Il tuo predecessore, Zakk Wylde, di te una volta ha detto "Gus is fuckin' awesome"…
GG: Zakk è come il fratello maggiore che non ho mai avuto. Voglio dire, sono un suo grande fan, sono cresciuto con i suoi dischi. È parte della famiglia Osbourne e per me fu uno shock quando venni a sapere che avrebbe lasciato la band. Ma aveva i suoi Black Label, Ozzy voleva cambiare sound, ha scelto me e Zakk mi ha sempre supportato. L'anno scorso è tornato per l'Ozzy And Friends Tour, è bello condividere questo tipo di esperienze.

PPF: Quindi siete ancora in contatto?
GG: Certo, parliamo piuttosto spesso, ci scriviamo, ci teniamo in contatto. Sarebbe grandioso se i Firewind e i Black Label partissero in tour insieme, ne abbiamo parlato e potrebbe accadere.

Da Salonicco a Ozzy: intervista con Gus G

PPF: Ormai sei cresciuto e hai un tuo nome. Hai pensato di fare qualcosa di più "tuo" dei Firewind? Un disco col tuo nome in copertina?
GG: Chi te l'ha detto? Come fai a saperlo? In effetti sto lavorando sul mio primo album solista, un vero album solista. Non una fottuta roba alla Guitar Masters!
Sì, ci sto lavorando, lo sto mixando al momento. Vedrà la luce l'anno prossimo, in primavera.


PPF: Il tuo nome, intanto, è già su molti strumenti signature, dalla chitarra ai pickup, agli amplificatori ai pedali. Torniamo indietro a quando eri un giovane chitarrista emergente in cerca della strumentazione perfetta: qual è il punto con gli strumenti signature?
GG: Per me, disegnare uno strumento signature vuol dire essere liberi di creare qualunque cosa si voglia, realizzare la propria strumentazione da sogno, su misura, per trovare il suono ideale o per migliorare quello che già si ha. Sono molto fortunato a collaborare con alcune tra le più grandi aziende al mondo e sono davvero grato che abbiano permesso a me di entrare nel loro mondo e creare della roba insieme.
Sono molto fiero dei miei strumenti, perché rappresentano ciò che sono, ma ho scoperto che anche altra gente li trova belli e di qualità, e che avrebbero voluto suonarli a loro volta. È una cosa che va oltre il sogno più selvaggio che abbia mai fatto, avere una chitarra tutta tua e incontrare un ragazzo in Italia o in Giappone che ti dice "sai, ho la stessa chitarra"… lo adoro… è da andare fuori di testa!


PPF: C'è qualcosa in cantiere attualmente sul versante signature?
GG: Abbiamo presentato quest'anno l'overdrive BBE G Screamer, l'ultima aggiunta all'arsenale. Sto lavorando su un paio di cose con Blackstar, ci saranno presto novità…


PPF: Puoi consigliare una strumentazione base per addentrarsi nel metal?
GG: Credo che al giorno d'oggi siamo fortunati, perché si possono acquistare buoni strumenti a prezzi davvero bassi. Non bisogna prendere una Gibson o una Strat costosa, o una ESP Custom Shop, ci sono linee più economiche molto valide.
Per gli amplificatori è lo stesso, puoi portarti a casa combo e piccoli ampli a prezzi stracciati. Parlando dei Blackstar, quelli che uso io, dal vivo suono con il full stack, ma a casa ho un HT1, un amplificatore da un watt davvero piccolo, fenomenale.
Non devi spendere una fortuna per avere una buona strumentazione, a prescindere dal tuo livello. Naturalmente, se sei un professionista, devi cominciare a pensare a cose più costose per registrare in studio professionali e che resistano agli sballottamenti dei tour.
Gli strumenti sono là fuori che aspettano, io suggerisco ai ragazzi di andare in negozio, tirare giù dal muro le chitarre che più gli piacciono, cercare quella col feeling giusto e comprarla.


PPF: Molti chitarristi trovano difficoltà a trovare suoni che vadano bene per le parti ritmiche quanto per gli assolo. Come gestisci i due tipi di suono dal vivo?
GG: Non ho mai avuto due suoni diversi. Il mio suono distorto viene tutto dall'amplificatore. Attivo il pedale BBE per avere un po' di gain e sustain in più, ma il suono resta invariato. Credo sia molto importante imparare a gestire un solo suono, aiuta a essere più versatili. A meno di dover suonare in una band progressive, dove hai bisogno di un suono acustico, uno con chorus eccetera, nel metal tradizionale un solo suono basta. Pensa ai chitarristi degli anni '70 e '80, avevano solo l'amplificatore e imparavano a lavorare con le dinamiche, col potenziometro del volume…

Da Salonicco a Ozzy: intervista con Gus G

Da Salonicco a Ozzy: intervista con Gus G
gus g interviste
SOSTIENI LA MUSICA

Dal 1992 ACCORDO si impegna a favore di chi fa musica, offrendo gratuitamente contenuti di alta qualità e servizi. Sostieni ACCORDO per sostenere la musica italiana nella sua stagione più difficile.

Dona adesso e usufruisci dei serviizi riservati ai sostenitori!
In vendita su Shop
 
ARTURIA KEYLAB ESSENTIAL 49 TASTIERA MIDI / USB 49 TASTI
di Borsari Strumenti Musicali
 € 229,00 
 
Soundsation WM-S4PFJF
di Banana Music Store
 € 7,00 
 
BOSS - DD 500 DIGITAL DELAY
di Music Works
 € 350,50 
 
Bespeco DUCK7N Base da tavolo con asta microfonica telescopica
di Centro della Musica
 € 25,00 
 
Otto Link Tone Master Sax Soprano 8*
di Banana Music Store
 € 195,00 
 
Fender Noventa Stratocaster Maple Fingerboard Daphne Blue
di Banana Music Store
 € 819,00 
 
MUTA PER BASSO GALLI STRINGS RSB40100 4 CORDE Regular
di SL MUSIC
 € 26,00 
 
ERNIE BALL 2215 010/052 MUTA DI CORDE PER CHITARRA ELETTRICA
di Borsari Strumenti Musicali
 € 8,50 
Mostra commenti     4
Altro da leggere
Dammi Un Cavo: la sfida "consapevole" di Reference nel primo prezzo
Instagram banna i nomi della chitarra vintage: che sta succedendo?! [AGGIORNATO]
Dave Mustaine parla dei Metallica: “l’invidia mi ha motivato”
Joe Bonamassa a tu per tu con le Gibson Murphy Lab
Surfer Joe: Surfin' The Waveforms
Marco Scipione: un sax in forze a Gamechanger Audio
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Harmony Rocket H59
Visualizza l'annuncio
Sony PCM-800 Digital Audio Recorder
Visualizza l'annuncio
VINTAGE DIGITAL RECORDER - AKAI ADAM (Akai Digital Audio Multitrack format) Sony PCM-800 Digital Audio Recorder
Seguici anche su:
Altro da leggere
Jim Root è al lavoro su una Charvel signature
Macbook Pro 2021: cosa significa per i musicisti
Fart Pedal: il pedale che fa puzzette sbanca su Kickstarter
Paul Stanley positivo al COVID-19: “mi ha preso a calci”
La Les Paul del ’52 salvata da un tornado torna a cantare: ascoltala...
Quando Charlie Watts prese a pugni Mick Jagger
Gibson diventa un'etichetta discografica: il primo album sarà di Slas...
Un chitarrista duetta con il suono del Golden Gate che gli ingegneri n...
Pickaso Guitar Bow: chitarra acustica ad arco
La Telecaster di Hallelujah diventa criptoarte da 26mila euro
Eric Clapton non suonerà per i soli vaccinati, ma non è un No Vax
I Radiohead remixano Creep per una versione “Very 2021”
Chibson USA Placebo Pedal: il pedale che fa… niente!
Cavi sessisti: no, non è uno scherzo
Living Electronics: un album che si ascolta solo su Game Boy?!




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964