CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Stef Burns parla della Roland V Guitar
Stef Burns parla della Roland V Guitar
di [user #16167] - pubblicato il

Quando capita l’occasione di sentire Stef Burns suonare è bene non farsela sfuggire, soprattutto quando la performance è inserita in un evento organizzato da Roland Italy per presentare la nuovissima Roland V Guitar, un Stratocaster ben più evoluta di quello che solitamente ci si aspetta.
Quando capita l’occasione di sentire Stef Burns suonare è bene non farsela sfuggire, soprattutto quando la performance è inserita in un evento organizzato da Roland Italy per presentare la nuovissima Roland V Guitar, un Stratocaster ben più evoluta di quello che solitamente ci si aspetta.

Prima del concerto presso al Blues House di Milano siamo riusciti a scambiare quattro chiacchiere con Stef proprio riguardo a questa novità di casa Roland, entrata a far parte del suo personale arsenale. Prima però di lasciare a lui la parola vediamo più da vicino con che cosa abbiamo a che fare.

La Roland V Guitar G5 si basa su delle fondamenta davvero solide, tra le mani infatti abbiamo una Fender Stratocaster American Standard. Una chitarra certo non top della gamma ma in grado di rispondere bene al tocco, tenere l’accordatura alla perfezione anche con un largo uso del tremolo, ma soprattutto portatrice sana del sound Strat tanto amato da milioni di chitarristi e della versatilità che ha reso celebre il progetto di Leo Fender.

Roland semplicemente si è limitata a incastonare all’interno di questa Fender un sistema in grado di espanderne, tramite un pickup esafonico le potenzialità. Accanto alle manopole per tono e volume trovano posizione due selettori rotativi più piccoli. Il primo dedicato alla scelta della tipologia di suono si vuole utilizzare, il secondo invece è dedicato all’accordatura. La tecnologia utilizzata è quella dei modelli fisici, la COSM che già abbiamo trovato in numerosi pedali Boss, come per esempio quelli costruiti in collaborazione con Fender stessa. Con un giro di manopole si potrà scegliere in un nanosecondo se utilizzare degli humbucker, una Telecaster, un Stratocaster con differenti pick up, dei Wide Range oppure degli humbucker definiti bright. Interessante notare come grazie alla latenza pari a zero e il suono studiato nei minimi dettagli mentre si imbraccia la V Guitar non si ha l’impressione di essere collegati a un computer, anzi il suono è naturale più che mai. Se a questo si aggiunge la possibilità di spaziare tra molte diverse accordature, drop D, baritona, DADGAD solo per citarne alcune, il quadro si fa completo. 

Stef Burns parla della Roland V Guitar

In definitiva quella che abbiamo tra le mani è qualcosa di diverso, che si va a inserire assieme alla Peavey AT200 e le Gibson dotate di Mini E-Tune e Line6 Variax nel mercato in continua crescita delle chitarre dotate di sistemi di autotuning e di simulazioni di suono. Il prezzo inoltre non si discosta molto da quello di una Stratocaster American Standard, bisogna inoltre sottolineare che sempre con un click si può tornare a utilizzare i pickup veri montati di serie.


Stef Burns parla della Roland V Guitar
chitarre elettriche fender g5 interviste roland stef burns
SOSTIENI LA MUSICA

Dal 1992 ACCORDO si impegna a favore di chi fa musica, offrendo gratuitamente contenuti di alta qualità e servizi. Sostieni ACCORDO per sostenere la musica italiana nella sua stagione più difficile.

Dona adesso e usufruisci dei serviizi riservati ai sostenitori!
In vendita su Shop
 
NUX Loop Core
di Banana Music Store
 € 95,00 
 
GOTOH SD90-MG MAGNUM LOCK GOLD
di Boxguitar.com
 € 83,00 
 
REMO PS031800 PELLE BATTERIA PINSTRIPE TRASPARENTE 18 PER TIMPANO PS-0318-00
di Borsari Strumenti Musicali
 € 32,90 
 
GATO CORDE PER CHITARRA CLASSICA
di SL MUSIC
 € 1,50 
 
ELIXIR 16002 CUSTOM LIGHT PHOSPHOR BRONZE CORDE 10/47 - MUTA PER CHITARRA ACUSTICA
di SL MUSIC
 € 18,90 
 
UFIP - ROUGH CHINA 18
di Music Works
 € 208,10 
 
marshall 6100 30th anniversary 1962 1992
di Scolopendra
 € 680,00 
 
YAMAHA MODX7 SYNTH SINTETIZZATORE 76 TASTI DINAMICI SEMIPESATI CON POLIFONIA DI 192 NOTE MOD-X7
di Borsari Strumenti Musicali
 € 1.345,00 
Mostra commenti     21
Altro da leggere
Violenza e stile firmati Marty Friedman: in prova la Jackson MF-1 Purple Mirror
Nel legno, su cornice o battipenna: cosa cambia per un pickup
La Slash Collection sbarca su Epiphone
Cosa rende speciale la Ibanez Quest
Eurus: la prima chitarra BOSS con synth integrato
Potenza e flessibilità inaspettata nella Jackson di Chris Broderick
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Fender Telecaster 1960 Relic - Master Built Yuriy Shishkov
Visualizza l'annuncio
Fender Stratocaster 69 Master Built Dennis Galuszka Real Gold 24K
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Eric Clapton non suonerà per i soli vaccinati, ma non è un No Vax
I Radiohead remixano Creep per una versione “Very 2021”
Chibson USA Placebo Pedal: il pedale che fa… niente!
Cavi sessisti: no, non è uno scherzo
Living Electronics: un album che si ascolta solo su Game Boy?!
Fender Stratocaster #0689 dell'agosto 1954: il restauro ToneTeam
Se sei bravo ti basta una scopa con le corde? Sì, ma anche no
La Les Paul è davvero come la voleva Les Paul?
I sosia dei Måneskin su un cartellone in Lettonia? Significa più di ...
Fender Stratocaster #0018 del 1954: il restauro ToneTeam
E se il ritorno al rock passasse dalla realtà virtuale?
Che cos’è il blues? Il video
Un plotone di star per il vaccino con la chitarra dei Tenacious D
Il fenomeno Maneskin
La posizione del pickup al manico tra mito e scienza




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964