DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Fender Champion 600: ampli da addomesticare
Fender Champion 600: ampli da addomesticare
di [user #6766] - pubblicato il

Un piccolo combo valvolare come il Champion 600 può far comodo e offrire un sound interessante, ma niente che non si possa migliorare ancora con una buona dose di manualità, una manciata di valvole nuove e un cono sovradimensionato.
Un piccolo combo valvolare come il Champion 600 può far comodo e offrire un sound interessante, ma niente che non si possa migliorare ancora con una buona dose di manualità, una manciata di valvole nuove e un cono sovradimensionato.

Da tempo cercavo un piccolo valvolare economico da usare in casa e, dopo varie ricerche sul web, la mia attenzione si era rivolta su quattro amplificatori: Harley Benton GA5, Epiphone Valve Junior, Bugera V5 e Fender Champion 600. Per l’uso che ne dovevo fare (jazz) e per la ridotta potenza (4/5W), per me l’uno valeva l’altro.
Sia chiaro che parliamo di giocattoli, quindi la qualità sonora è quella che è, ma per un uso più che domenicale senza infastidire vicini, figli e moglie un piccolo combo valvolare mi andava più che bene.
Le caratteristiche peculiari degli amplificatori presi in considerazione erano le seguenti.

Harley Benton ed Epiphone praticamente identici. Prodotti e assemblati dalla stessa fabbrica in Cina ed equipaggiati con un anonimo cono da otto pollici. L’unica differenza sostanziale tra i due combo è nel look del rivestimento esterno.
Il Bugera V5 era il più papabile per il cono da otto pollici Bugera design, per il riverbero e , soprattutto, per lo switch con il quale c’è la possibilità di variare la potenza di uscita da 4W a 1W a 0,4 W.
Il costo di questi tre amplificatori oscillava tra i 120 e i 170 euro.
Il Fender lo avevo lasciato per ultimo sia per il costo (230/250 euro, a mio avviso decisamente sproporzionato rispetto agli altri tre) sia per il cono da 6,5 pollici che, anche se marcato Fender Design, lo ritenevo po' piccolo per questo tipo di amplificatore. Però, per il look vintage e per le dimensioni contenute, il Champion 600 era l’ampli che preferivo di più e sul quale mi sono orientato per l’acquisto.
La scelta del Fender è dovuta anche al fatto che, dopo essermi documentato in merito su vari siti web stranieri, su Accordo e su YouTube, avevo elaborato una serie di semplici modifiche per migliorare la resa sonora senza spendere grosse cifre e senza modifiche al circuito.

Fender Champion 600: ampli da addomesticare

Finalmente trovo un Champion usato per un prezzo accessibile e lo compro. Ricevuto l’ampli, passo alle modifiche.
La prima cosa che sostituisco è la tela davanti al cono. Questo panno tipo velluto, anche se molto bello a vedersi e piacevole al tatto, è un vero e proprio muro di gomma. Nemmeno a soffiarci attraverso appiccicandoci la bocca sopra passava l’aria, figuriamoci il suono di un cono da 6,5".
Al posto del velluto metto un ritaglio di una maglia di lana. Risultato: prima usciva un alito da moribondo, adesso una piacevole brezza montana da non sottovalutare.
L'interruttore aveva la levetta spezzata e lo sostituisco (costo €.5,50). Sostituisco anche la chicken knob nera del volume con un’altra di colore marrone, residuo di un tester della leggendaria Scuola Radio Elettra Torino.

Fender Champion 600: ampli da addomesticare

Le valvole in dotazione erano una Sovtek 12AX7 e una 6V6 GT anonima. Le provo, ritengo che non sono poi così male e le lascio al loro posto.

Fender Champion 600: ampli da addomesticare

In conclusione l’ampli, per il sound che cercavo e il look vintage, era perfetto. Avevo speso in tutto meno di cento euro ed ero pienamente soddisfatto.

A questo punto, conclusa la recensione, avrei allegato un paio di foto, ringraziamenti, saluti e baci ai lettori e sarebbe finita qua. E invece no! Avevo fatto i conti senza la GAS.
Difatti, dopo qualche giorno, trovo un cono usato Weber Signature 8" 15W dotazione di fabbrica al Fender Vibro Champ Eric Clapton.

Fender Champion 600: ampli da addomesticare

Come un demone perverso, la GAS si impossessa di me. Senza pensarci due volte mollo i freni inibitori. Compro il cono Weber, una 6V6 GT STR e una TAD 12AY7, espressamente prodotte per gli ampli Champ/Tweed e in mezza giornata monto il tutto.

Fender Champion 600: ampli da addomesticare

Certo il piccolo Champion non è diventato un Twin, però godetevi le foto.
God Bless Leo Fender.

Nota della Redazione: Accordo è un luogo che dà spazio alle idee di tutti, ma questo non implica la condivisione di ciò che viene scritto. Mettere a disposizione dei musicisti lo spazio per esprimersi può generare un confronto virtuoso di idee ed esperienza diverse, dando a tutti l'occasione per valutare meglio i temi trattati e costruirsi un'opinione autonoma.

Fender Champion 600: ampli da addomesticare
600 amplificatori champion fender
Mostra commenti     28
Altro da leggere
Jeff Beck e la Fender Strat 1957 in video
Spoiler: a Natale tutto sulla Stratocaster
Fender American Original '50s Stratocaster Inca Silver
Ascolta in video i single coil Fender più amati
SHG 2022 Vintage Vault: Pietro Verri Fender Bass Collection
Tutte le Fender American Vintage II in video
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Fender Telecaster 1960 Relic - Master Built Yuriy Shishkov
Visualizza l'annuncio
Fender Stratocaster 69 Master Built Dennis Galuszka Real Gold 24K
Seguici anche su:
Altro da leggere
La sindrome del Most Underrated
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964