CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Dragoon Massive: Dado Neri rock a palla!
Dragoon Massive: Dado Neri rock a palla!
di [user #116] - pubblicato il

Per presentare al meglio le nuove casse per basso, il team di Giniski con Dado Neri e Giacomo Castellano ha realizzato un video davvero potente. Abbiamo raggiunto i protagonisti per saperne di più a riguardo.
Dragoon, azienda leader nel settore degli speaker per chitarra elettrica da pochi mesi ha lanciato una nuovissima linea di casse per basso, caratterizzate da estrema potenza, leggerezza e look cool. Per presentarle al meglio, il team di Giniski con Dado Neri e Giacomo Castellano ha realizzato un video davvero potente. Abbiamo raggiunto i protagonisti per saperne di più a riguardo. 

Per cominciare abbiamo posto qualche domanda tecnica a Lorenzo Ginanneschi general manager di Giniski, produttrice delle casse Dragoon.

Descrivi dal punto di vista più tecnico queste casse.
Abbiamo applicato al basso le idee nate nel 2000 con la serie Dragoon da chitarra. L'idea di base Dragoon è chiara: avere un cabinet modulare, piccolo, leggero e che abbia alte prestazioni in efficienza senza perdere di corpo, dinamica, attacco e versatilità. Detta così sembra semplice. Ci sono voluti due anni di ricerca e sviluppo con investimenti economici e di tempo! Siamo partiti da delle vere e proprie "lavatrici parlanti" date in pasto live a Marzio Pinzauti (Transylvania, Suzi Q, Kisscovers, Hotter Than Hell, sigle Punto Radio, Spirit Of The Living God gospel choir, Gas Gas, FAMA) che si è reso disponibile come cavia/beta tester riportandoci commenti, consigli e bisogni. Avevamo bisogno del punto di vista di un bassista che con coraggio fosse in grado di portare LIVE dei prototipi che a volte "passeggiavano" sul palco per conto loro! Questo modo di lavorare insieme alla virtuale eliminazione di tutti i preconcetti costruttivi passati per i quali le casse devono essere grosse e pesanti (atteggiamento già adottato per le linee da chitarra), ci ha portato passo passo a sviluppare un progetto molto distante dal comune. Sono stati due anni creativi, eccitanti e problematici al contempo che ci hanno messo alla prova seriamente molto di più che per le linee da chitarra per la stessa differente natura dello strumento basso elettrico. Lo sviluppo ha tenuto conto di aspetti tecnici funzionali e performativi quanto del design. Abbiamo lavorato al CAD 3D e con le mani nude. Abbiamo provato, costruito, distrutto, riprovato step dopo step creando nuove tecniche costruttive e alla fine abbiamo ottenuto la nostra formula. Una struttura endoscheletrica si compenetra con un esoscheletro contenuto nelle dimensioni e nel peso dando vita ad una struttura con determinati coefficienti di elasticità e dumping che permettano agli altoparlanti (marchiati Dragoon e prodotti per noi e su nostre specifiche in Italia) di rendere le più minime sfumature al meglio con corpo e definizione. L'inedito sistema Dual Reflex, nato durante il lavoro, ha risolto il fastidioso problema di "imballo" delle basse con relativa confusione e perdita di presenza dei sistemi standard, permettendo performace omogenee a qualsiasi volume e mantenendo le dinamiche senza mai inserire compressioni, false frequenza o rimbombi indesiderati, seguendo dinamicamente il musicista qualsiasi tecnica o stile abbia in mente di eseguire.
A completare il panorama, oltre la modularità di entrambe i sistemi Massive e Pulse (la serie "piccola" quanto David contro Golia), c'è un sistema per le alte frequenze pensato per dare presenza a tutte le note e quindi proiezione nel mix generale, senza per questo frusciare o "squittire" di acute non riconducibili ad un basso!
Gestione della fase di lavoro (nostro vanto da ormai 10 anni), possibilità di variare l'impedenza all'occorrenza e interfacciabilità modulare sia fisica che elettronica dei 3 moduli per serie (Massive: 2x10" 1x15" 1x18" e Pulse: 2x6", 1x10" e 1x12") completano un prodotto decisamente non convenzionale con prestazioni che danno un nuova voce al basso, un po' come il passaggio da un grammofono a manovella all'ipod.
Si potrà vedere meglio e più dettagliatamente il sistema sul nuovo sito in uscita per fine anno o al più tardi prima del NAMM di metà gennaio dove, chi volesse farsi un giro a Los Angeles, può visitarci al Booth 2799 nella Hall D.

Dragoon Massive: Dado Neri rock a palla!
Dado ce la fa sentire in una dimensione molto rock. Le consiglieresti a un bassista più legato a generi come jazz, fusion o pop?
Assolutamente si! Il bello di questi sistemi è che enfatizzano e migliorano le prestazioni di partenza, completano e migliorano la catena del suono, in qualsiasi modo sia pensato dal musicista.
Non si parla più di sistemi che si riferiscono ad un solo ambito perché incapaci di sviluppare e sottolinerane un altro per le loro specifiche mancanze di performance.
Mi è sempre piaciuto definire così il nostro lavoro: ricordi le marmitte espansione per motorini ed i finali per motociclette? Noi facciamo marmitte speciali per chitarra e basso, aumentiamo e miglioriamo la resa del sistema base standard dove la cassa, purtroppo, è un "ammennicolo" necessario per poggiarci sopra l'amplificatore spesso costruita a basso costo su adattamenti di progetti, idee e necessità vecchie quanto me e te che non hanno seguito il naturale evolversi del musicista sia esso chitarrista o bassista;.
Noi boostiamo le performance studiando e creando prodotti specifici a questo scopo: more and better!




Stessa domanda che faremo a Dado: Chi o cosa glie lo fa fare a un bassista a rompersi la schiena e caricarsi sulle spalle ampli e casse gigantesche come quelle nel video, quando potrebbe tranquillamente usare una DI diventando tra l'altro il beniamino del fonico?
Con questa idea alcune delle storiche casse del passato sarebbero già morte! Oggetti pesanti anche oltre 80kg senza case e grandi come un frigorifero bifamiliare! Certo se ti piacciono come suonano e sai come gestirle o hai chi lo fa per te.... buona camicia a tutti.... Io non potrei, sono di statura media, non certo Braccio di Ferro, ma sono molto esigente acusticamente, certe cose proprio non potrei permettermele!
Le riprese del video cercano di essere ovviamente impressionanti, ma il sistema è veramente maneggevole e leggerissimo. La 1X18" pesa appena 19Kg! Con i sistemi Dragoon non ci si rompe la schiena, anzi, spesso veniamo scelti proprio per la leggerezza dei nostri prodotti (abbiamo clienti con problemi seri alla schiena) e di seguito il cliente ci dice sbalordito ed entusiasta "ma suonano pure da paura!!".
Conosco un musicista che ha una cassa vintage alta credo un metro e ottanta (valutane il peso a mente) è parcheggiata a casa da sempre, non sa mai come portarsela dietro e l'unica volta che lo ha fatto non c'era posto sul palco! Finisce sempre a suonare su una cassa da chitarra o in DI Tutto ciò non ha senso.
Una DI è comoda, evita al tecnico di mettere e gestire un altro microfono, ma vuoi mettere la sensazione e la soddisfazione che si ha con uno vero rig? Il suono di una cassa, se ben ripreso, dà profondità e dinamicità al tutto, dà vita!
Poi non sempre è possibile andare in diretta ed alcuni suoni vengono fuori veramente asettici e freddi.
In fine lo ammetto, da musicista voglio essere il beniamino delle fan non del fonico! Se pensi all'after show (parlo dello smontare il palco, ovviamente, come no) tutto questo ha un senso per il quale vale la pena portarsi il proprio rig benché, concordo, sia facile da trasportare, leggero e performante e ti lasci il tempo e fiato per firmare autografi!

DADO NERI:
Ora però spazio al musicista che ha realizzato questo video, probabilmente quello che nel video si è divertito di più! Dado è anche l'autore dei due brani suonati nel video, impreziositi dalle chitarre di Giacomo Castellano e Gianni Rojatti.

Dragoon Massive: Dado Neri rock a palla!
Foto di Giacomo Castellano

I brani che proponi nel disco sono stati scritti ad hoc per questo video o fanno parte di un tuo progetto? Ce li racconti a livello di suono, parti e produzione?
I brani sono stati scritti appositamente per questo video ma sicuramente li inserirò in un progetto personale a cui sto lavorando...
Parlandone con Giacomo (che ha prodotto il video) abbiamo concordato di iniziare con una ritmica sostenuta e d'impatto per catturare subito l'attenzione e questo mi ha portato a comporre un riff slappato con un suono molto saturo! Una volta registrato il riff il resto del brano è venuto da sé molto velocemente. Ho cercato di unire i miei tre generi preferiti: rock, metal e hip hop!
Completare il secondo brano è stato invece molto più complicato, ne ho registrate diverse versioni prima di trovare quella definitiva! Sono partito dal riff distorto e mi sono subito arenato! Ho scritto non so quanti temi prima di trovarne uno che mi convincesse! Fortunatamente suonando a loop con un pò di effettistica mi sono imbattuto nella parte in tapping con il delay e da lì tutto si è chiarito!!
Per ottenere il sound finale sono stati fondamentali la produzione di Giacomo, le sue chitarre e quelle di Gianni Rojatti!

Il bassismo che esce da questi tuoi brani è marcatamente rock. Eppure ci sentiamo tante influenze alternative, crossover, un sacco di anni '90. Ti riconosci in questa descrizione? Parlaci della tua formazione?
Mi riconosco perfettamente in questa descrizione!
Sono nato ascoltando in casa i Police, Led Zeppelin e King Crimson... ho poi proseguito l'adolescenza con i Primus, Metallica, Public Enemy, Beastie Boys... per poi trasferirmi a Londra dove il Trip Hop di Massive Attack, Bjork, Chemical Brothers e Prodigy si sentiva anche nei supermercati!
Il Crossover mi permette di esprimere tutte le mie influenze dove sicuramente hanno un ruolo prevalente quelle degli anni '90!
Non inizerò un discorso nostalgico di come fosse bello negli anni '90 sentire alla radio Van Halen, Madonna e Guns and Roses contemporaneamente in più stazioni... però sicuramente quegli anni hanno avuto un ruolo preminente nella mia formazione musicale e penso che li porterò sempre con me!

Dado, qual è il segreto per un suono di basso distorto che spacchi? Spesso capita che quando i bassisti attaccano il distorsore, il basso scompare!
Ci sono vari elementi da combinare insieme per ottenere un gran suono di basso distorto, non bisogna tralasciare niente, dalle corde utilizzate alle casse da microfonare!
Personalmente provo sempre diversi distorsori a pedale per ottenere il timbro che cerco, poi li passo dalla testata dove faccio alcuni ritocchi e infine microfono la cassa per registrare. Un fattore molto importante è un buon mix tra il canale pulito e quello distorto per essere sicuri di non perdere le basse per strada quando si inizia a saturare e questo si può ottenere usando due linee diverse in registrazione oppure un distorsore che abbia direttamente la possibilità di miscelare i suoni.
Anche le casse giocano un ruolo importantissimo, le Dragoon infatti mi aiutano molto nei suoni distorti perché non comprimono, perciò quando le registro (come nel video) il suono rimane definito sulle basse pur essendo molto effettato.

Al momento in che progetti sei coinvolto?
Al momento ho un sacco di progetti in cantiere con Giacomo e con la mia compagna Roberta Frighi! Voglio citarne uno di prossima uscita a cui tengo molto: Racer Cafè che vede altri due grandi musicisti all'opera: Erik Tulissio alla batteria e Gianni Rojatti alla chitarra, presente appunto anche in questo video!

Dragoon Massive: Dado Neri rock a palla!
Foto Davide Marchesi

Chi o cosa glie lo fa fare ad un bassista a rompersi la schiena e caricarsi sulle spalle ampli e casse gigantesche come quelle che hai nel video, quando potrebbe tranquillamente usare un DI?
Le casse gigantesche che ho nel video sono leggerissime, la schiena non me la spacco più!!! Usare la DI non è la stessa cosa, cambia completamente la risposta sonora, l’attacco, la profondità, non c'è niente di meglio di una testata e un set di casse potenti dietro la schiena!

Cosa ti ha conquistato di questi cabinet?
La loro trasparenza sonora e la loro resa sulle basse! Questi cabinet non enfatizzano nessuna frequenza a meno che non sia io a regolarla dall'ampli e reggono la 5a corda senza nessun problema di definizione!
Ah l'ho detto che sono incredibilmente leggere?

Dragoon Massive: Dado Neri rock a palla!

A chi li consiglieresti?
Decisamente a tutti!

GIACOMO CASTELLANO:
Infine il regista di tutta questa baraonda, Giacomo Castellano che ha prodotto interamente il video occupandosi anche di tutta la parte audio. 

Dragoon Massive: Dado Neri rock a palla!

Ci racconti la produzione di questo video?
Conosco Lorenzo Ginanneschi da quando eravamo ragazzini! Abbiamo praticamente cominciato insieme l'attività professionale, ognuno nel suo campo.
C'e' sempre stata una fiducia enorme, sia a livello personale che professionale e quando mi hanno chiesto di realizzare il video per le casse Massive mi sono sentito estremamente lusingato. Il tutto è avvenuto dopo la pubblicazione del mio video per Ibanez che ha svelato la mia inedita passione per il video. Nell'istante stesso in cui mi è stato chiesto di realizzare il clip ho avuto la visione di quello che potevo e volevo ottenere: una demo che fosse hi-energy come un live ma che mostrasse in tutti i suoi aspetti fondamentali il prodotto.
Con Dado è la stessa cosa: siamo sia colleghi che amici ed è molto semplice lavorare a delle idee quando c'e' stima e rispetto reciproco. Gli ho spiegato la mia idea (abbastanza semplice in realtà) ed è riuscito a comporre della musica perfetta per il tipo di video che avevo in mente. Successivamente ho creato uno storyboard completo, utilizzando delle comparse. Con questo video mi sono voluto mettere alla prova spingendomi oltre, ho tanto da imparare ma quest'attività mi sta appassionando sempre di più.

... e noi che pensavamo che fossi solo un metallaro!
Il mio cuore metallico c'è sempre ma non riguarda più la musica, diciamo che è più uno stile di vita!
La musica è stata scritta e arrangiata da Dado, io ho contribuito con l'editing ed il mix, inoltre io e Gianni abbiamo suonato le chitarre.
Il video è tutta farina del mio sacco, compreso il logo che si muove dietro Dado, le schermate ecc. Abbiamo girato tutto in un pomeriggio ma per il montaggio c'e' voluto un po', sono ancora lento!
Colgo l'occasione per ringraziare Lorenzo Desiati, un grande fotografo che ci ha dato una mano a tirare fuori il meglio che potevamo dai mezzi a disposizione. Lorenzo ha inoltre fatto qualche ripresa extra che ho usato anche nel montaggio finale.

Dragoon Massive: Dado Neri rock a palla!
Foto Antonio Ancarola
Cosa rende, secondo te, efficace un video per un pezzo strumentale?
In generale credo che serva avere una visione, così come per un mix o per una composizione. Almeno così funziona per me.
Tecnicamente credo che il montaggio sia la parte più fondamentale per dare il giusto ritmo al video ma è anche vero che senza le riprese fatte bene si riesce a far poco. Ripeto, sono un neofita, mi trovo in imbarazzo a parlare come un pro!

Il basso nel mix dei brani è protagonista senza mai essere sopra le righe. Aiutaci a centrare il suono di basso in un mix!
Ecco, qui siamo più nel mio campo di expertise. Il problema principale era ottenere che il basso fosse ben presente senza per questo sacrificare le chitarre, altrimenti sarebbe sembrato un mix sballato.
Fortunatamente i brani sono stati arrangiati da Dado in maniera intelligente, il basso usciva dal mix già nei provini grazie alla giusta scrittura delle parti.
Il mix finale l'ho fatto con il video in synch, sfruttando il fattore di prossimità (definizione inventata ora da me), ovvero quando vedi Dado più vicino il basso è leggermente più presente. Ho imparato questo trucco guardando il famoso documentario sui Rolling Stones intitolato "SHINE A LIGHT" e diretto da Martin Scorsese, io però faccio variazioni minime nel mix.
Ritengo che mixare per un cd o un video sia completamente diverso!

Le casse Dragoon sono distribuite da Spaghetti Guitar Tools.

Dragoon Massive: Dado Neri rock a palla!
casse e altoparlanti dragoon spaghetti guitar tools
Link utili
Dragoon su Spaghetti
Mostra commenti     0
Altro da leggere
Bose S1 Pro: starting guide
dB Technologies al Prolight & Sound 2019
Bose S1: audio Pro in 7kg
Deuce Deluxe: Tech 21 torna sulle casse FRFR
Celestion dedica due coni al suono vintage
Namm 2019: Peavey audio
Seguici anche su:
News
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing
Ha inizio la settimana del Namm 2019




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964