CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Gli stili del blues

di [user #30504] - pubblicato il
Ciao a tutti, è da un pò di tempo che ho riscoperto questo genere e più passa il tempo e più mi appassiono.
Ma dopo aver iniziato ad ascoltare dischi su dischi, da quelli dei padri fondatori della regione del Delta , tipo Robert Johnson e Son House, passando per Hendrix e Stevie Ray Vaughan, per poi amare BB King, senza disdegnare una strizzatina d'occhio al R&R, al Country blues ed al Rockabilly etc etc, ho iniziato a perdermi completamente eheheh !!!!
Molti artisti nei loro dischi mischiano i vari stili, molte raccolte di cd, anche se riferite specificatamente ad un genere particolare o ad una regione specifica, di fatto presentano al loro interno stili e shuffle differenti e quindi non ci stò capendo più niente.
Vi chiedo un aiuto, non tanto per quanto riguarda il lato solistico, ma più che altro per quello ritmico e per l'individuazione, almeno su larga scala dei differenti generi di shuffle, da quelli prettamente della zona del Mississipi, a quelli di Chicago oppure del Texas.
Lo sò che considerata la vastità del genere, la moltitudine degli artisti e le mille influenze che in più di cento anni hanno contaminato quello che forse troppo genericamente viene definito blues e quindi racchiuderlo in categorie definite è una richiesta azzardata, ma almeno vorrei riuscire ad individuare con maggiore chiarezza le basi ritmiche delle diverse regioni americane ed i differenti stili.
Dello stesso autore
Marshall valvestate 8008 collegamento a scheda audio
Dubbi traccia master in Garage band
Dubbio pedale espressione e volume
Giri standard nel blues e generi affini
un aiuto per Natale
Rumore di fondo pedalboard
Accordi e scale
AAA Cercasi Pedalboard
Loggati per commentare

Io mi sono dato queste ...
di Foglio [user #19480]
commento del 06/02/2014 ore 14:20:19
Io mi sono dato queste definizioni... Che sono da prendere con le pinze perché sono molto superficiali e non veritiere, ma mi aiutano un po' nella catalogazione delle influenze...

Lo shuffle alla Robert Johnson è definito blues del delta... Il blues di Chicago è quello più simile al rock... Il texas blues non è più shuffle, ma anzi, si fonde col country e il rock...
Rispondi
Magari può esserti d'aiuto http://soundme.com/blues/blue05.htm ...
di aleck [user #22654]
commento del 06/02/2014 ore 20:12:05
Magari può esserti d'aiuto vai al link .

Io non amo dividere in categorie ma per i tre stili di cui parli ti do dei consigli di ascolto:

Delta Blues (quello del mississippi che nasce nelle piantagioni): Howlin' Wolf e Tommy Johnson. La ritmica la riconosci facilmente, è il così detto walkin' blues. Il blues del delta (che è principalmente acustico) prende le melodie dalla musica delle piantagioni (frequente è l'uso di bottle neck tra l'altro), mentre il "rithm" (scandito dal "thumb" - pollice - nelle forme rudimentali di finger stile e finger picking) è fortemente cadenzato ed ripreso dalla tradizione pianistica (stride e boogie woogie) e dalla necessità di essere un efficace accompagnamento a narrazioni quasi da "cantastorie".

Il Chicago Blues è il blues del delta spostato nelle città. I ragazzi fortunati riuscirono a liberarsi dalle piantagioni e ad andare in città in cerca di fortuna e di un contratto, magari in un'emittente radio o una casa discografica. E' un blues fondamentalmente elettrico, più "brioso" nelle sonorità, il fraseggio è fortemente incentrato sull'uso delle pentatoniche, si afferma in maniera più definita lo schema in 12 misure e la ritmica si fa meno cadenzata che nel delta blues, meno " walkin' " e influenzata dagli stili jazzistici che andavano formandosi parallelamente. Nella chitarra è ancora frequente l'uso delle dita ma diviene dominante l'uso del plettro, tanto nelle ritmiche che nelle parti solistiche. Puoi facilmente comprendere lo sviluppo del sound e del ritmo del Chicago Blues ascoltando Muddy Waters (considerato uno dei padri della scuola di Chicago e non è facile capire che si tratta di uno dei primi, è ancora evidente e dominante lo stile "cadenzato" derivato dalla musica del Delta), BB King (e qui c'è da dire che lui, musicalmente, nasce a Los Angeles anche se ebbe la consacrazione a mito proprio a Chicago. Nel suo stile sono confluite molte influenze soft derivate dalla musica soul) e Buddy Guy (secondo il mio modesto parere uno dei migliori chitarristi di blues della storia, molto molto caratteristico. Ad oggi lui è forse il massimo esponente del blues made in Chicago).

Il Texas Blues è un genere blues a sè. Nasce nel Texas ed è un blues meno metropolitano del Chicago blues ma anche meno legato alle piantagioni e alle paludi in cui lavoravano gli schiavi. Il contesto sociale in cui nasce è quello dei giacimenti petroliferi e dei ranch e, anche se i suoi capostipiti sono neri, troverà seguaci illustri soprattutto tra i bianchi. Le maggiori influenze musicali sono riscontrabili nella country music (e in questo caso l'influenza è reciproca) e nel jazz (da cui lo swing). E' importante dunque fare una distinzione. Il carattere ritmico del Texas Blues è duplice: da un lato vi è il ritmato e rimbalzante stile country, quasi da Carter Family per intenderci (anche se il paragone non credo sia opportuno), dall'altro vi è lo shuffle, lo "strascinato", ripreso dal jazz e dallo swing (che a loro volta lo riprendevano dalla ritmica "cadenzata" dei generi del Delta del Mississippi). Tra gli ispiratori del Texas Blues annoveriamo nomi come T-Bone Walker e Blind Willie Johnson (dalle forti influenze spiritual e jazz) o Lightnin' Hopkins e Blind Lemon Jefferson (dove è evidente invece la matrice country). Tra i nomi più influenti della scena Texas Blues val la pena ricordare Freddie King e Stevie Ray Vaughan: entrambi hanno saputo sintetizzare al meglio tutte le diverse tendenze della scena blues Texana creando uno stile unico, efficace e molto caratterizzato.

Spero di esserti stato d'aiuto :P

Comunque, specialmente ad oggi, non ha veramente più senso stare a classificare: la commistione è stata tale che ormai ogni chitarrista blues ha un bagaglio di influenze molto vario. Diciamo che forse il Chicago blues più soft, rimescolato al country ed al jazz oggi è lo stile blues più in voga tra i nuovi astri del genere... Ma allo stesso tempo non possiamo ignorare tutta la generazione di bluesman nata per emulazione di Stevie Ray....

Una nota a parte la farei per Jimi Hendrix e Robert Johnson. Entrambi sono artisti di transizione, cruciali nello sviluppo della musica popolare in generale e risulta assolutamente riduttivo inserirli in un genere piuttosto che in un altro.

Se hai domande o critiche ponile pure, son sempre ben accette.

Spero di esser stato utile.
Rispondi
Re: Magari può esserti d'aiuto http://soundme.com/blues/blue05.htm ...
di bradsorph [user #33836]
commento del 07/02/2014 ore 10:25:26
Ottima sintesi ed esposizione ;)
Rispondi
Grazie per le risposte ! ...
di asaa1976 [user #30504]
commento del 07/02/2014 ore 10:38:22
Grazie per le risposte !
E' vero che oggi non ha più tanta importanza identificare i vari generi o stile, in quanto c'è stata una mescolanza notevole in più di cento anni, ma oltre a questioni puramente chitarristiche e tecniche, la mia ricerca è volta anche a soddisfare una mia sete di conoscenza storica di come sia nato e sviluppato questo genere musicale che di fatto può essere considerato il "Padre" della musica moderna.
Rispondi
Re: Grazie per le risposte ! ...
di aleck [user #22654]
commento del 07/02/2014 ore 16:42:47
Qualche informazione te la ho data :)

Quando ho tempo scrivo due righe su quel che so della nascita del genere, è una questione abbastanza complessa e ampiamente sfaccettata :P
Rispondi
Uno dei padri - il Jazz
di Claes [user #29011]
commento del 07/02/2014 ore 11:28:27
Da bambino ho subìto un lavaggio di cervello Jazz dato che mia madre aveva cantato in un quartetto femminile e mio padre clarinetto e sassofono stile Big Band Jazz. Non l'avrei pensato, ma mi è stato utile per suonare chitarra e Blues.
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
“Bella Ciao” la versione di Marlene Kuntz e Skin
Framus: Idolmaker più accessibile con la serie D
Raf e Tozzi , il 30 aprile inizia il tour
Eko CS 10: una buona classica per tutte le tasche
Kleisma: piattaforma professionale per musicisti
Trasformare il nervoso in una melodia allo slide
Teoria, musica d'insieme e ascolti guidati per i batteristi
Frontiers Rock Festival VI , il 27 e 28 aprile al Live Music Club
Gli artisti devono essere inguaribili ottimisti
Millencolin due date live in Italia
Bose Professional, innovazione e tradizione a MIR 2019
Rubber Soul: combo british in scatola
Preamplificatori da sogno: Rockett Revolver
Switchblade Pro: somma, commuta, inverti con uno switch
Looperboard: loop station avanzata da HeadRush

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964