DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Daniele Gottardo: il punto è avere un messaggio
Daniele Gottardo: il punto è avere un messaggio
di [user #116] - pubblicato il

Manca pochissimo all'uscita del nuovo disco di Daniele Gottardo, genialoide della chitarra moderna, in bilico tra mille generi. Lo abbiamo incontrato alla vigilia della clinic che terrà questa domenica a Cagliari per parlare del nuovo lavoro, dei progetti paralleli e della sua concezione dello musica.
Manca pochissimo all'uscita del nuovo disco di Daniele Gottardo, genialoide della chitarra moderna, in bilico tra mille generi. Lo abbiamo incontrato alla vigilia della clinic che terrà questa domenica a Cagliari per parlare del nuovo lavoro, dei progetti paralleli e della sua concezione dello musica.

Ci anticipi qualcosa sul tuo nuovo disco
Il nuovo disco é un lavoro che mi ha portato via davvero tanto tempo e tante energie. Ma ora sono veramente soddisfatto del risultato.
Uscirà entro un mese spero e non vedo l’ora. Ho curato particolarmente la produzione dell’album: su tutto gli arrangiamenti che sono parte principale della composizione. Abbiamo registrato un’orchestra da camera, esperienza che ha anche cambiato il mio modo di suonare. Aver sentito suonare e diretto le registrazioni di tanti strumenti classici, circa 15, mi ha permesso di integrare in maniera più coerente la chitarra elettrica in una sonorità classica 
E’ di fatto molto difficile far convivere il suono dell’elettrica in mezzo alle sonorità morbide dei legni o degli archi. 
Ho affrontato tutto da solo: dalla realizzazione di tutte le partiture e gli arrangiamenti, fino alla direzione e organizzazione delle sessioni, non dimenticando il mio ruolo attivo di musicista con la scrittura ed esecuzione delle mie parti di chitarra. E’ stato un lavoro davvero pesante. Spero sarà accolto bene dai chitarristi e non! 

Daniele Gottardo: il punto è avere un messaggio

Shred è una definizione nella quale ti ritrovi?
Si sicuramente mi ci ritrovo; mi diverto a suonare veloce! Certamente negli ultimi anni però, la mia direzione musicali sta prendendo una piega molto diversa dallo shred tradizionale. Mi piace da sempre il virtuosismo e credo che in una situazione moderna debba però essere integrato in un contesto musicale coerente. La storia dello shred è piena di esempi dove la chitarra suonava veloce in maniera spesso sconnessa e con poco contenuto. Evviva lo shred. Ma quando ha un messaggio musicale!

Abbiamo visto che sei anche coinvolto in un progetto quasi punk, dove suoni in maniera lontanissima dal tuo stile abituale...
Si, è molto divertente suonare con i Plastik Boobies, quasi uno sfogo dalla musica strumentale che suono solitamente e dai miei studi musicali diventati abbastanza cerebrali. Il gruppo era nato per gioco ma in seguito abbiamo deciso di registrare il disco e di produrlo al meglio delle nostre possibilità e siamo soddisfatti del risultato. Pochi sanno che mi sono divertito a suonare anche le parti di basso, situazione che sicuramente riprenderò. Trovo più semplice comporre e arrangiare musica con testo; le parole aiutano molto a dare un senso alle note. Mi diverto molto a suonare riff: nei miei brani strumentali cerco sempre di evitarli in quanto penso siano un elemento musicale esaurito nel mondo del rock ma in questo caso, un progetto punk, non ho fatto che suonare riff! (… e tanto shred ovviamente! )


Come imposti le tue clinic?
Stiamo pensando di suddividere le clinic di promozione al nuovo album durante i prossimi mesi in due parti: in una prima fase suonerò il nuovo disco e alcuni brani del mio precedente album “Frenzy of Ecstasy”, quindi segue una sezione più didattica.
Mi diverto a fare clinic piuttosto lunghe. Gli argomenti non mancano mai ed è bello quando c’è dialogo con i partecipanti. Per questo motivo non imposto quasi mai un programma e lascio che la clinic si sviluppi da se. Spesso parlo della mia filosofia chitarristica, lo sviluppo della creatività, la conoscenza dello strumento e come organizzare i materiali musicali in uno strumento incasinato di natura come la chitarra elettrica. Insomma, prediligo argomenti che ritengo importanti e dove sento di poter dire qualcosa. Sicuramente si farà tanta lezione di chitarra e musica perchè mi è capitato di assistere a troppe clinic di chitarristi di prim’ordine che parlavano del più e del meno: era solo un pretesto per arrotondare tra un concerto e l’altro. Sono cose che non sopporto!

Con che strumentazione stai suonando?
Ultimamente vario molto, dipende dalla situazione. Durante la registrazione dell’album Unbreastable dei Plastik Boobies ho usato 5 testate e molti pedali. Per il mio disco altre cose ancora… nelle clinic vario, spesso uso il mio pedale ElevenElectrix Gottyboy, altre volte Bogner. Spesso ho la tendenza a disinteressarmi dell’amplificazione e dei pedali, la mia concentrazione è diretta alla note e a come vengono suonate e sentite, questo è il suono per me, il resto è secondario.

Daniele Gottardo: il punto è avere un messaggio

Non trovi paradossale che spesso chi ha molta tecnica e capacità sia più soggetto a critiche di chi suona come un cane?
Pensandoci hai ragione! Ma come dicevo prima, alla fine riguardo allo shred è il contenuto quello che importa.
Prendiamo un classico esempio come Kurt Cobain; lui non aveva molta tecnica ma con quattro accordi messi al punto giusto è riuscito a dare un messaggio chiaro! Il punto è avere il messaggio, come viene poi tradotto è secondario. Anche i mezzi tecnici che si hanno a disposizione sono secondari, le due cose, il messaggio e i mezzi, sono dissociate e non vanno di pari passo. E’ compito dell’artista associarle! Alla fine, se c’è il messaggio, questo arriva con poca o tanta tecnica, credo.


Daniele Gottardo terrà una clinic questa domenica alle 16:00 a Cagliari, nel negozio di strumenti musicali Pesolo. Qui tutte le info sull'evento.
clinics daniele gottardo interviste
Mostra commenti     19
Altro da leggere
Dallo shred al pop napoletano, andata e ritorno: sul palco con Edoardo Taddei
La chitarra elettrica dopo la pandemia: dalla fascia media al custom da sogno
Il groove interiore: quello che ti fa sorridere mentre suoni
La versatilità della Telecaster con Gennaro Porcelli
Pantera: lo speciale Gibson su Rex Brown
National Style O: Gennaro Porcelli e il suono del blues
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964