VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
La storia di K&F: la culla dell'impero Fender
La storia di K&F: la culla dell'impero Fender
di [user #26523] - pubblicato il

La storia di Leo Fender è costellata di personaggi, esperienze ed esperimenti, di avventure come K&F Manufacturing Corporation, la vera molla per la nascita di Fender Electric Instruments. Tratta dal libro Fender di Maurizio Piccoli, vi proponiamo la storia di questa "società dei cento giorni".
La storia di Leo Fender è costellata di personaggi, esperienze ed esperimenti, di avventure come K&F Manufacturing Corporation, la vera molla per la nascita di Fender Electric Instruments. Tratta dal libro Fender di Maurizio Piccoli, vi proponiamo la storia di questa "società dei cento giorni".

Nel 1931 Rickenbacker era stata la prima ditta a introdurre nel mercato, producendola in gran quantità, una steel string elettrica, strumento di notevole richiesta in un periodo in cui la musica hawaiana era molto popolare. Leo continuava nel frattempo a sperimentare, e pur avendo intrapreso nel 1942 l’attività di costruttore di strumenti musicali, fu solo nell’autunno del 1945 che iniziò la produzione di un buon numero di amplificatori e di lap steel. Nello stesso anno venne costituita la K&F Company, un sodalizio dalla vita alquanto breve.

Ma come nacque questa “società dei cento giorni” che rappresenta un punto fermo nella storia della chitarra elettrica? Il 26 settembre 1944 Leo aveva ottenuto il suo primo brevetto relativo a uno strumento elettrificato a corpo pieno (solid body), nella fattispecie una lap steel. Costruiti alcuni esemplari, li noleggiò alle band della zona allo scopo principale di trarne giudizi sulla loro qualità, affidabilità e riceverne eventuali preziosi suggerimenti. L’accoglienza fu positiva e gli incoraggiamenti si sprecarono spronandolo a continuare.

La storia di K&F: la culla dell'impero Fender

L’attività del negozio (Fender’s Radio Service, in Spadra Avenue a Fullerton) molto ben equipaggiato, era florida. Leo poteva contare su otto riparatori di grande professionalità e soddisfaceva con essi gran parte delle esigenze della Contea di Orange.
In questo clima di prosperità commerciale accettare una nuova avventura era possibile e la proposta di “Doc” (Perché non costruiamo chitarre assieme?) fu accettata con entusiasmo.
Si misero con fervore a progettare. Si disegnava, si elaboravano le idee, si passavano notti tra schizzi e caffè ma i prototipi, a causa delle restrizioni imposte dalla guerra, potevano essere realizzati solo con materiali di scarto. Loro però erano incrollabili e fiduciosi di star facendo the right thing. Di lì a poco, infatti, dopo l’Armistizio del 1945, Leo e “Doc” si associarono. Nacque così la K&F Manufacturing Corporation e si avviò dapprima una piccola produzione di steel guitar per uso scolastico. La distribuzione avveniva tramite la Pacific Music Supply Company, la Francis Hall e altre organizzazioni che tenevano corsi di studio.

La storia di K&F: la culla dell'impero Fender

L’attività prosperava ma i crescenti investimenti che la fase di espansione richiedeva costrinsero “Doc” a ritirarsi dall’avventura nel gennaio del 1946. “Ho risparmiato per tutto il periodo della guerra per comperarmi una casa. Mio padre è stato in debito per tutta la vita.
Non voglio ripetere questa esperienza...”. Paura dell’indebitamento con le banche? Incapacità di assorbire l’allargamento del rischio imprenditoriale?
Qualche cedimento nella convinzione, ferrea inizialmente, che le cose sarebbero andate per il verso giusto? Tutte buone ragioni. Fatto sta che Kaufmann fece un passo indietro e in questo pesarono probabilmente anche i contatti fallimentari che ebbe con le case costruttrici per l’adozione di un suo vibrato. Leo era completamente esente da paure, incertezze o debolezze di qualsiasi tipo. Rischio e fede si mischiavano in maniera alquanto originale con l’estrema bonarietà dell’uomo, definito spesso un lavoro-dipendente. La tenacia e le idee illuminanti non gli mancavano certo e così proseguì la strada rilevando la quota del socio, ridenominando la ditta "Fender Manufacturing Company", spostando la sede a Santa Fe Avenue, sempre a Fullerton, rendendo ancora più stretta la collaborazione con Don Randall, suo amico da tempo, che di recente era diventato distributore dei prodotti K&F attraverso la ditta Radio-Tel che dirigeva.

La storia di Leo Fender e della sua più grande avventura è appassionante e ricca di risvolti. Puoi trovarla per intero leggendo il libro "Fender", di Maurizio Piccoli. Il libro è ora in offerta limitata sullo Store di Accordo, scoprilo a questo indirizzo.

La storia di K&F: la culla dell'impero Fender
fender libri maurizio piccoli
Link utili
Acquista Fender: Cent'anni di uomini, chitarre, bassi, amplificatori
Mostra commenti     4
Altro da leggere
Tono TBX e manico custom: Susan Tedeschi racconta la sua Telecaster signature
Dietro il lavoro di Produttore in un Breviario con Corrado Rustici
Vintage Visions from the World - Paolo Lippi e la Stratocaster Sunburst del 1955 #09759 [IT-EN]
Solismo jazz attraverso l'armonia: il metodo Garrison Fewell
Malmsteen racconta la storia della Strat per le telecamere Fender
Le Fender AM Pro II diventano Thinline in serie limitata
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
La mia LadyBird
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964