VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Il mercato della Stratocaster vintage
Il mercato della Stratocaster vintage
di [user #26523] - pubblicato il

I sessant'anni della Stratocaster, con tutte le celebrazioni e le edizioni speciali che l'accompagnano, fanno venire voglia di accaparrarsene una, magari un buon pezzo d'epoca. Con un estratto dal libro "Fender" di Maurizio Piccoli vi diamo qualche spunto per distinguere il vero vintage dalle ciofeche.
I sessant'anni della Stratocaster, con tutte le celebrazioni e le edizioni speciali che l'accompagnano, fanno venire voglia di accaparrarsene una, magari un buon pezzo d'epoca. Con un estratto dal libro "Fender" di Maurizio Piccoli vi diamo qualche spunto per distinguere il vero vintage dalle ciofeche.

Il mercato degli strumenti Fender di buona annata (Stratocaster, Telecaster, Precision Bass) ha vissuto più stagioni. La prima si pone a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta quando progressivamente si diffuse la consapevolezza che la produzione CBS non era all’altezza della precedente. La seconda stagione si prende buona parte degli anni Settanta e Ottanta ed è caratterizzata dalla ricerca degli esemplari vintage pre-’60, allargandosi poi ai pre-CBS, in un crescente clima di diffusa confusione, di circolazione di strumenti con parti falsificate, di copie di provenienza orientale sufficientemente ben fatte per essere base di partenza per contraffazioni destinate ad acquirenti superficiali. In questo periodo il vintage vero non si è ancora rarefatto e i prezzi risultano “comprensibili” all’amatore.

Il mercato della Stratocaster vintage

Alla rimessa in ordine del mercato e alla cura della schizofrenica corsa all’insù delle quotazioni dei pezzi collezionabili concorsero più fatti: l’emissione, fin dalla prima metà degli anni Ottanta, delle serie Vintage, la naturale scomparsa per accaparramento di tutto ciò che di appetibile e/o collezionabile era ancora acquistabile a prezzi “umani” e la valutazione stellare dei pezzi più interessanti che eresse un argine psicologico e raffreddò la ricerca.

La terza stagione del mercato del vintage si apre con gli anni Novanta, definibili ironicamente quelli “con la bocca asciutta”. In questa decade, vista la rarefazione o l’irraggiungibilità dei pezzi buoni, il collezionista e l’amatore di bassa disponibilità economica ricercano, rivalutandoli, i “palettoni” CBS della seconda metà degli anni Sessanta e le serie limitate. Nulla di scandaloso, ma il fenomeno viene dettato dalla comprensibile “fame” dell’amatore, del “raccoglitore” più che del collezionista, entrambi in fase di prolungata astinenza.
Ai giorni nostri la corsa alla vera Stratocaster vintage è da considerarsi chiusa per i più. Ci sono transazioni o regalìe ad altissimi livelli tra super collezionisti e star dello spettacolo. In giro o sul palco di vere Strato pre-’60 nemmeno l’ombra. Le sostituiscono le ottime Relic le quali, per questo lavoro da controfigura professionale, si fanno pagare niente male. Quelle vere riposano nelle custodie o sotto teche di vetro.

Il mercato della Stratocaster vintage

Passando alla compravendita di modelli di Stratocaster “normali”, al di fuori dell’area delle collezionabili, è bene tener presente alcuni criteri di valutazione.
L’eventuale riverniciatura, anche se attuata professionalmente, fa calare di un buon 5% il prezzo. Se i pickup originali sono stati sostituiti con altri di valore anche superiore, il prezzo non lievita; tutt’al più è bene pagare un piccolo sovrapprezzo, rispetto alla valutazione del momento, e farsi consegnare anche i pickup originali. La sostituzione delle meccaniche con altre di miglior qualità non implica aumento o diminuzione nella valutazione a meno che la sostituzione abbia implicato il fare nuovi fori sul retro paletta. In questo caso è bene diminuire il prezzo di un 3/4%. La presenza di ammaccature e strisci dovuti al normale uso mantiene la valutazione mentre è accettabile pagare un 5% in più se lo strumento è in condizioni quasi perfette. Anche un 10% se l’esemplare è immacolato (mint conditions).

Puoi trovare la storia completa della Stratocaster con dettagli tecnici, evoluzione del modello, varianti e indicazioni per riconoscere pezzi da collezione e identificare codici seriali sul libro "Fender" di Maurizio Piccoli. Il libro è ora in offerta limitata sullo Store di Accordo, scoprilo a questo indirizzo.

Il mercato della Stratocaster vintage
chitarre elettriche fender libri maurizio piccoli stratocaster
Mostra commenti     23
Altro da leggere
Tono TBX e manico custom: Susan Tedeschi racconta la sua Telecaster signature
La AZ del 2024 di Tom Quayle punta su flessibilità e affidabilità
Ronciswall: una visione italiana per la chitarra elettrica del futuro
ST-Modern Plus HSS è la Strat-style ultramoderna di Harley Benton
Dietro il lavoro di Produttore in un Breviario con Corrado Rustici
La mia LadyBird
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
La mia LadyBird
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964