CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Gibson Les Paul Signature 2014: mogano griffato
Gibson Les Paul Signature 2014: mogano griffato
di [user #16167] - pubblicato il

Una firma, si sa, non è sempre garanzia di qualità. Con una firma il prezzo spesso lievita, non quello della LP Signature 2014. Abbiamo voluto verificare che gli euro da sborsare fossero l'unica cosa a puntare verso il basso in questa Les Paul griffata.
Una firma, si sa, non è sempre garanzia di qualità. Con una firma il prezzo spesso lievita, non quello della LP Signature 2014. Abbiamo voluto verificare che gli euro da sborsare fossero l'unica cosa a puntare verso il basso in questa Les Paul griffata.

Per quanto riguarda la produzione Gibson, il 2013 è stato interamente dedicato a Lester Polfuss, la mente geniale che ha letteralmente rivoluzionato il mondo della chitarra elettrica creando lo strumento che ha segnato indelebilmente la storia del rock.
Per celebrare al meglio il ricordo di Mr. Les Paul, in Gibson han prodotto due differenti modelli: la Signature T e la Tribute.
Il 2014, anno del 120esimo anniversario rimarcato dall’inlay al 12esimo tasto, è segnato oltre che da un ampliamento dei modelli anche da un nuovo strumento celebrativo. La Les Paul Signature 2014 però non si pone come uno strumento d’elite con prezzi proibitivi ma anzi, di listino costa svariate centinaia di euro in meno rispetto al modello Standard. Un buon modo di celebrare il caro vecchio Lester senza gravare a suon di firme sul prezzo finale del prodotto.
Una significativa diminuzione del costo però non è, fortunatamente, bilanciata da un calo nella qualità costruttiva, tanto che nella breve comparativa che abbiamo realizzato proprio in occasione del test la Signature ne è uscita a nostro avviso a testa alta. Vediamo però cosa rende questa ennesima LP così particolare e meno costosa.

Il corpo e il manico sono, manco a dirlo, in mogano. La tastiera a 22 tasti over binding presenta i classici segnatasti a trapezio. Dietro la paletta, inclinata come da tradizione, trova posto il meno tradizionale Min-ETune, il sistema elettronico di accordatura consistente in un robottino in grado di aiutare il musicista nei cambi di tuning quanto nella normale EBGDAE. Completano la dotazione hardware, oltre al ponte Tune-o-matic cromato, i tre potenziometri dedicati due al volume dei singoli pickup e uno al tono generale dello strumento. Il quarto posto, solitamente occupato da un controllo di tone, è sostituito da un mini toggle switch che attiva un boost in grado di dare una botta da +15dB al nostro sound.
Proprio sopra al battipenna con firma dorata di Les Paul troviamo i due humbucker che equipaggiano la Signature. Nello specifico due ’57 Classic, splittabili tramite i controlli di volume.

Come si può vedere dalle foto, la LP Signature 2014 è una chitarra senza troppi fronzoli, uno strumento dal quale ci aspettiamo un sound bello ciccio e diretto. Il top in acero leggermente fiammato nasconde il famigerato traditional weight relief, ovvero il sistema di alleggerimento che prevede la realizzazione di nove camere nel mogano. Queste permettono di rendere lo strumento leggermente più risonante e soprattutto più leggero. In realtà la chitarra in prova non può essere certo considerata leggera, ma sicuramente il weight relief fa il suo mestiere a dovere.

Colleghiamo il jack e cominciamo a sentire quanto la Signature possa spingere. Prima di accendere l’amplificatore accordiamo con l’accordatore robotico, con il quale ancora non siamo entrati del tutto in confidenza ma che si dimostra efficace e veloce, anche se non sempre preciso al 100%. Già da spenta, la sunburst è risonante e vibra con decisione. Il manico con profilo '50s poi regala confidenza fin da subito. Anche i tasti trattati criogenicamente risultano ben rifiniti e non infastidiscono nel playing anche se posizionati sopra il binding.
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Apriamo il volume del pickup al manico e intuiamo subito che il clean non è certo l’ambito in cui la Les Paul Signature vuole restare. Nonostante il Divided #13 sia restio a saturare, i ’57 Classic mettono subito in difficoltà il pre cercando di portarlo verso un crunch nemmeno troppo leggero. Bisogna giocare con la pennata o con il knob per tornare al clean vero e proprio che in generale è molto spunto sulle basse, ma non cupo. Passando in posizione uno la situazione peggiora, o migliora, a seconda dei punti di vista. Se si plettra con decisione, il clean diventa subito un vecchio ricordo, soprattutto se si ha la malsana idea, sempre a seconda dei punti di vista, di attivare il boost on-board. La botta di volume, sembra regalare anche una sana dose di medie che saturano con decisione l’amplificatore anche se la teoria vorrebbe selezionato il canale clean.

Manco a dirlo il crunchy sound è il campo di battaglia preferito dalla Signature. Soprattutto se alla saturazione selezionata sull’ampli si aggiunge la botta del boost. Interessante sia suonare con il plettro sia cercare la morbidezza delle dita. Una goduria insomma. Con tutta questa potenza, e visto soprattutto che il crunch l’abbiamo avuto sotto le dita praticamente da subito, passiamo alle distorsioni. Per testare questo pezzo di mogano firmato abbiamo scelto il KOR Oracle e il Fuzz di Mastro Valvola, che testeremo a breve. Con il primo il sound diventa rabbioso, grazie al buon output dei ’57. Al ponte perfino un po’ tagliente. Il corpo però c’è sempre, non si sente mai la mancanza di basse, nemmeno quando si splittano i pickup. Con il fuzz, nonostante le basse molto presenti e persistenti, il suono non diventa impastato e cupo. Le medie belle in evidenza garantiscono intelligibilità e presenza.


In definitiva la Les Paul Signature 2014 è una signora Les Paul, degna di cotanto nome, molto più di altri modelli anche più costosi che abbiamo testato negli scorsi anni. La diminuzione di prezzo non comporta un calo né nella qualità generale né nelle prestazioni sonore. Certo, quando insieme si mettono le tre parole Gibson, Les e Paul, raramente si scende sotto i mille euro. Anche in questo caso, per portarsi a casa la Signature, bisognerà sborsare una cifra che si aggira intorno ai 1500 euro. La dotazione tecnica e la cura nei dettagli però rendono questi euro spesi bene.

Seguici su Twitter
chitarre elettriche gibson les paul signature
SOSTIENI LA MUSICA

Dal 1992 ACCORDO si impegna a favore di chi fa musica, offrendo gratuitamente contenuti di alta qualità e servizi. Sostieni ACCORDO per sostenere la musica italiana nella sua stagione più difficile.

Dona adesso e usufruisci dei serviizi riservati ai sostenitori!
In vendita su Shop
 
Audix I5
di Banana Music Store
 € 94,00 
 
PAISTE - ALPHA MEDIUM HI HAT 14
di Music Works
 € 170,00 
 
Ghs Boomers GBXL Extra Light .09-.042
di Music Island
 € 7,00 
 
Boccole e viti fissaggio manico 12mm chrome
di Chitarre e componenti
 € 5,00 
 
LANEY - GH30R 112 COMBO 1x12 30
di Music Works
 € 499,00 
 
Seymour Duncan SA3SC Single Coil Woody
di Gas Music Store
 € 65,00 
 
Genelec 8050B
di Banana Music Store
 € 1.389,00 
 
SINTOMS FILO TASTI 26 cm STEEL JUMBO 2,8x1,4
di Boxguitar.com
 € 4,50 
Nascondi commenti     9
Loggati per commentare

Bah, preferivo quel modello simile ...
di Foglio [user #19480]
commento del 10/07/2014 ore 08:33:36
Bah, preferivo quel modello simile alla 335, color oro...
Rispondi
http://www.thomann.de/it/gibson_lp_signature_2014_cb.htm?sid=2158480d92f92bedec8809064d1e31b8. Qui pare costi 1,800 ...
di gipson [user #32466]
commento del 10/07/2014 ore 09:57:11
vai al link Qui pare costi 1,800 e parla di modern weight relief e non traditional. Comunque carina.
Rispondi
Re: http://www.thomann.de/it/gibson_lp_signature_2014_cb.htm?sid=2158480d92f92bedec8809064d1e31b8. Qui pare costi 1,800 ...
di Matteo Barducci [user #29]
commento del 10/07/2014 ore 11:50:38
Sul sito Gibson danno "traditional weight relief"...
Rispondi
Re: http://www.thomann.de/it/gibson_lp_signature_2014_cb.htm?sid=2158480d92f92bedec8809064d1e31b8. Qui pare costi 1,800 ...
di Denis Buratto [user #16167]
commento del 10/07/2014 ore 14:03:54
Il sito Gibson riporta il traditional, comparata alla standard poi il peso maggiore si sente, quindi non posso che confermarti che la signature ha il traditional weight relief :-)
Rispondi
questo modello non mi piace ...
di SteveZappa93 [user #38837]
commento del 10/07/2014 ore 10:53:23
questo modello non mi piace proprio!nonostante io ami le gibson!
Rispondi
Prezzo e configurazione la renderebbero ...
di alcor72 [user #16133]
commento del 10/07/2014 ore 12:03:0
Prezzo e configurazione la renderebbero interessante.
Non amo gli accoppiamenti estetici, i Knob neri, il battipenna nero e le cornicette pickup nere su Acero Cherry Sunburst.

La Standard tradizionale è molto più bella...ma ci sta che si cambi
Rispondi
Loggati per commentare

Quto Alcor a riguardo le ...
di KJ Midway [user #10754]
commento del 10/07/2014 ore 12:52:52
Quto Alcor a riguardo le plastiche nere...

Comunque non suona da LP a mio avviso, non mi piace granchè.
Rispondi
io voto si
di francesco72 [user #31226]
commento del 10/07/2014 ore 17:44:12
per vari motivi: è l'ennesima riprova in due anni che finalmente Gibson si è svegliata e sta proponendo idee nuove piuttosto che ributtare sul mercato strumenti vecchi di 40 anni cambiandone il colore. Qui mi pare che le soluzioni tecniche siano assai apprezzabili anche se non a tutti possono andare a genio (a me ad esempio il boost a mano non è mai parso funzionale). E' un segno di vitalità, di ricerca che fa comunque bene al mercato della chitarra.
In secondo luogo, proprio pochi giorni fa contestavo i 4.000 euro della jackson celebrativa dell'anniversario della super strat non parendomi prezzo adeguato a quanto offriva lo strumento ma piuttosto legato al nome ed all'anniversario. Al contrario direi che i 1.500 o 1.800 di questa Lp sono ben in linea col mercato, anzi, mi spingo a dire che non sono pochi, ma obiettivamente è un prezzo onesto.
ciao, Francesco
Rispondi
Ma menomale!! finalmente... hanno creato ...
di luxvan [user #15458]
commento del 11/07/2014 ore 10:49:16
Ma menomale!! finalmente...
hanno creato uno stumento con quanto di meglio avessero a disposizione ad un prezzo onesto, direi quasi "economico", comunque molto buono.
c'è tutto quello che si potrebbe desiderare eccetto: cover chrome per i '57. scoperti a me non piacciono gran che... gusti ;)
ma solo una cosa non mi convince(voi che ne dite?)
io avrei preferito 2 controlli tono e uno solo per volume, questa è la mia difficoltà con gibson, i due volumi a volte mi rompono...
Rispondi
Altro da leggere
Harmony Silhouette ora con Bigsby: progetto moderno dal vibe vintage
Kirk Hammett diventa endorser Gibson
Gibson diventa un'etichetta discografica: il primo album sarà di Slash
Un chitarrista duetta con il suono del Golden Gate che gli ingegneri non sanno spiegare
Fender Stratocaster #30817 del 1958: il restauro ToneTeam
Tastiere a ventaglio su due Solar a sei e sette corde
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Gibson Les Paul Slash Signature November Burst NAMM 2020
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Visualizza l'annuncio
Gibson USA Les Paul Joe Perry Signature 19961997
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson diventa un'etichetta discografica: il primo album sarà di Slas...
Un chitarrista duetta con il suono del Golden Gate che gli ingegneri n...
Pickaso Guitar Bow: chitarra acustica ad arco
La Telecaster di Hallelujah diventa criptoarte da 26mila euro
Eric Clapton non suonerà per i soli vaccinati, ma non è un No Vax
I Radiohead remixano Creep per una versione “Very 2021”
Chibson USA Placebo Pedal: il pedale che fa… niente!
Cavi sessisti: no, non è uno scherzo
Living Electronics: un album che si ascolta solo su Game Boy?!
Fender Stratocaster #0689 dell'agosto 1954: il restauro ToneTeam
Se sei bravo ti basta una scopa con le corde? Sì, ma anche no
La Les Paul è davvero come la voleva Les Paul?
I sosia dei Måneskin su un cartellone in Lettonia? Significa più di ...
Fender Stratocaster #0018 del 1954: il restauro ToneTeam
E se il ritorno al rock passasse dalla realtà virtuale?




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964