CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Simple Minds in concerto
Simple Minds in concerto
di [user #17404] - pubblicato il

Un concerto eroico con una band che sfida e sconfigge il tempo. Quello meteorologico perché una pioggia torrenziale non ferma Jim Kerr e soci dall’offrire al pubblico che ha stipato l’Arena di Lignano il loro show, fino all’ultima nota. E anche quello cronologico, giacché i classici della band, a distanza di più di trent’anni, non hanno perso una virgola del loro fascino.
Un concerto eroico con una band leggendaria che sfida e sconfigge il tempo. Quello meteorologico in primis, perché una pioggia torrenziale non ferma Jim Kerr e soci dall’offrire tutto il loro show, fino all’ultima nota, ai 2800 paganti che hanno stipato l’Arena di Lignano. E anche quello cronologico, giacché i classici della band a distanza di più di trent’anni suonati non hanno perso una virgola del loro fascino.

Prova che se un’estetica musicale, certi strumenti e una maniera di suonare possono invecchiare, un songwriting efficace, una grande canzone, no. I Simple Minds sono stati delle icone della new wave tracciando in maniera decisa alcune caratteristiche di quel periodo variegato e raffinato: portamenti ritmici petulanti, scanditi dal basso in ottavi; parti di chitarra frammentate tra riff che rotolano su delay analogici e pennellate grintose di accordi sgranati; tappeti ossessivi e arpeggi ostinati di synth . Una trama sonora che oggi ripresentano con intatta fedeltà e coerenza, ricreando un’atmosfera deliziosamente e disperatamente anni ’80.

Simple Minds in concerto

Atmosfera in cui, con le orecchie digitali e quantizzate di oggi, godiamo nel sentire il continuo braccio di ferro tra il respiro del portamento ritmico della batteria di Mel Gaynor e le sequenze elettroniche dei synth. Un’instabilità elegante e affascinante su cui s’innescano sicuri i chitarristi di Charlie Burchill vero alter ego di Jim Kerr. Burchill è un puro guitar hero degli anni ’80, che come pochi rivendica un posto a fianco a giganti come The Edge e Andy Summers. Musicisti che in quegli anni hanno costruito un chitarrismo che in tutte le maniere si è allontanato dal rock tradizionale, dal solismo imperante del rock blues e del progressive. Oggi come allora, la chitarra di Burchill singhiozza accordi affogati del delay, accenna arpeggi nervosi e pizzica armonici distorti. Non suona mai la stessa parte per più di quattro misure, creando una tavolozza sonora coloratissima e frammentata che s’incastra in maniera perfetta e fantasiosa tra un basso gigantesco e onnipresente e muri di synth.
Colpisce la sua distorsione, particolarissima e soffocata, che fa arrivare come uno schiaffo l’attacco degli accordi ma quando aspetti anche la botta dei bassi, già è sparita, lasciando morbide code di delay e chorus ad accarezzare dove prima ha colpito. Un vero, originalissimo, marchio di fabbrica del suo playing.
“Waterfront” “Mandela Day” sono tra i pezzi più riusciti della serata. Ma i brividi, quelli veri, arrivano con “Someone somewhere in summertime” onirica e lancinante.
Jim Kerr è impeccabile e affascinante; elegante e sicuro, intrattiene gli spettatori con un italiano pressoché perfetto e anche nei momenti in cui la pioggia si fa torrenziale, tranquillizza il pubblico circa la continuazione dello show: “Siamo scozzesi, per noi è acqua fresca, va ancora tutto bene”.
Unica nota stonata. Arrivano, attesissimi, alla fine della scaletta i tre capolavori della band “Don’t you Forget about me” “Alive and kicking” e “Sanctify yourself”. Gioielli che i Simple Minds hanno consegnato alla storia e che, a loro volta, hanno consacrato i Simple Minds nella storia del pop. E allora perché non cantarne i ritornelli? Può starci bene che il primo inciso della canzone la band lo affidi interamente alla voce del pubblico ma nei restanti si pretende che sia il gruppo e l’artista a cantare. Altrimenti è una festa a metà. Altrimenti è un orgasmo mancato.

Simple Minds in concerto

Se è un vezzo, è detestabile. E se invece è un accorgimento per risparmiare ai fan che la voce non è più quella di una volta, forse è una soluzione ancora peggiore. Meglio sentire il proprio eroe arrancare ma crederci ancora; meglio ascoltare il brano arrangiato un semitono sotto; o, forse, addirittura meglio non sentirlo proprio. Piuttosto che ascoltare un classico del pop mutilato; una canzone magica, che ci ha fatto sognare, suonata dalla band che l’ha scritta ma cantata a squarciagola dal nostro vicino di posto sguaiato, sudato e che sbaglia le parole.

Foto di SIMONE DI LUCA
concerti simple minds
Mostra commenti     20
Altro da leggere
Nashville Number System: regola base per sopravvivere al music biz
Il karma, Kirk Hammett e il suo wah wah
L'ottava edizione di Piano Milano City
Sette consigli per un concerto più smart
Timelin3 in tour
Kleisma: la musica che nasce dal web
Seguici anche su:
News
E' morto Andre Matos, storico vocalist degli Angra
Il prototipo Ibanez di Herman Li all’asta per una buona causa
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964