HOME | CHITARRA | DIDATTICA | LIFESTYLE | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Dixon Revolution Cajón Rack: intervista a Claudio Canzano
Dixon Revolution Cajón Rack: intervista a Claudio Canzano
di [user #16140] - pubblicato il

Un rack studiato per semplificare la vita ai batteristi/percussionisti che a questo aggiunge leggerezza e praticità. A curare l'intera fase progettuale, Claudio Canzano, Product Manager Master Music. Incuriositi dal suo progetto realizzato in collaborazione con Dixon, gli abbiamo rivolto qualche domanda.
Un rack studiato per semplificare la vita ai batteristi/percussionisti che a questo aggiunge leggerezza e praticità. A curare l'intera fase progettuale, Claudio Canzano, Product Manager Master Music. Incuriositi dal suo progetto realizzato in collaborazione con Dixon, gli abbiamo rivolto qualche domanda.

Possibilità di configurazione pressoché infinite e peso decisamente contenuto, questo per agevolare chi ha necessità di spostarsi spesso e facilmente con il proprio set.
Il rack è stato concepito in due varianti rappresentati dai modelli Basic ed Evolution. Entrambi sono composti da elementi tubolari cromati. Il tutto si sviluppa intorno al Cajón (che funge quindi anche da sgabello).

Gabriele Bianco: Com'è nata l'idea di realizzare un rack per percussionisti?
Claudio Canzano: Avevo sempre desiderato suonare uno strumento pratico, che avesse tutti i vantaggi che si possono ottenere da una batteria e da un set di percussioni, ma ogni volta che provavo a creare un set misto, finivo per montare un mare di aste pesanti! Dunque, un giorno mi sono semplicemente chiesto: “perché non metto tutto ciò di cui necessito su un rack?”
Da li ci è voluto davvero poco a sviluppare un disegno… Vederselo poi realizzare dal più grande costruttore di hardware al mondo, è stato ovviamente un sogno realizzato.

Dixon Revolution Cajón Rack: intervista a Claudio Canzano

GB: Qual'è stata la reazione di Dixon quando gli hai proposto il tuo progetto?
CC:
Inizialmente mi hanno detto: abbiamo già molti rack nel nostro catalogo… perché dovremmo produrne un altro? La mia risposta è stata un lungo discorso che dimostrava praticamente le peculiarità importanti ancora assenti nei rack già in catalogo! La cosa che hanno apprezzato di più, alla fine del mio lungo discorso, è stata la praticità d’uso e la tecnica che poi avrei applicato agli strumenti che sarebbero finiti sul mio rack.

GB:  Hai già in mente qualche eventuale evoluzione per il rack da te progettato, o credi che questa possa essere la sua forma definitiva?
CC:
Non si finisce mai di pensare, dunque in futuro farò evolvere ancora (Dixon permettendo) il rack… In ogni caso il modello Evolution è davvero interessante e lo diventa ancor di più se si guarda la tecnica "fusa" batteristica/percussionistica nel video. Questa unita a questo comodo rack, può davvero offrire spunti per il futuro sonoro e musicale di qualsiasi batterista percussionista.

Dixon Revolution Cajón Rack: intervista a Claudio Canzano

GB: Il tuo setup - almeno quello mostrato nel video - è ricco di elementi (pedali, piatti e percussioni più in genere). Ce lo puoi descrivere?
CC:
Essendo sia batterista che percussionista, ho provato a fondere per bene le due cose. Molti colori, ma anche la base strumentale che compone la batteria.

Questi sono tutti gli strumenti del mio set-up Meinl e Dixon del quale sono anche endorser:
AE-CAJ7 ARTISAN CAJONS SEGUIRIYA LINE
STB80S cowbell
STMT2B-BK tambourine Super Dry
STAH1B-BK tambourine Super Dry-Studio
MDST8BK drummer snare timbale
SH23 Proton Shaker
MPE2R low block>clave
FCA5-L foot cabasa
RA7BK rainmaker
CH27 chimes
WA7BK fiberglass waterfall
BI7RY fiberglass bird
FX Pedal
GX-12SH - hi hat
MB20-12RS-B splash
BS8 splash

Dixon Hardware
Evolution rack Cajon (Claudio Canzano signature)
PP9290 bass drum pedal
PP9290CP cajon pedal

Sennheiser Mic e In-ear
In ear ew 300 iem g3 (sistema in ear radio)
e80 auricolari
e604 microfoni

GB: Si intravedono anche dei pedali elettronici, in che modo li utilizzi?
CC:
L’intera pedaliera è un altro strumento comodo ideato da me e messo a punto dalle fidate mani di mio padre (batterista ed esperto conoscitore di meccanica ed elettronica).

L’adoro, sia per la praticità sia per la sonorità che mi permette di esprimere. L’intera pedaliera è composta da: Foot Cabasa, Hi hat pedal remoto, FX pedal Meinl, clave, loop e pedale per la voce TC Voicetone double. Vengono usati anche essi come colori e non come basi ritmiche fisse. Spesso l’uso di molteplici pedali viene preso come un potenziale a cui applicare ritmi o rudimenti. Io li uso come se avessi altre due mani con le quali suonare piccole percussioni.

Dixon Revolution Cajón Rack: intervista a Claudio Canzano

GB: Hai qualche altro progetto in mente con il quale semplificare ulteriormente la vita di batteristi e/o percussionisti?
CC:
Vivo ogni giorno esperienze che mi permettono (ormai da anni) di creare qualcosa che abbia a che fare con il mio mondo. Ti svelo un segreto: lo faccio soprattutto con l’idea di migliorare la vita musicale degli altri, più che la mia… ed è un grande onore e piacere. Dunque, Si! C’è molto altro ancora da svelare, tanto da inventare e da fare.. Non posso però, per motivi che tutti potranno comprendere, svelare nulla prima dell’uscita sul mercato. Ancora Hardware e.. qualche percussione ;)



Grazie di cuore a Claudio Formisano e tutto il team Master Music per la grande opportunità che mi hanno donato con Dixon.

claudio canzano dixon hardware interviste revolution cajón rack
Link utili
Master Music
Dixon
Altro da leggere
Pubblicità
L'onorevole Vignali a CustomShopMilano: fare...
Echo, rockabilly & telecaster: sale in...
Chitarre social per tecniche estreme...
Il pifferaio magico della chitarra...
Pubblicità
Commenti
bellissimo strumento e bellissima performance.. ...
di yasodanandana [user #699] - commento del 23/09/2014 ore 10:25:32
bellissimo strumento e bellissima performance.. complimenti
Rispondi
Molto interessante, certo che bisogna ...
di Pearly Gates [user #12346] - commento del 23/09/2014 ore 10:30:28
Molto interessante, certo che bisogna anche essere bravi per suonare in quel modo.
L'unica pecca le facce che fa ahahahahah
Rispondi
Re: Molto interessante, certo che bisogna ...
di Faus74 [user #41023] - commento del 25/09/2014 ore 00:55:33
AHahahha, io adoro i musicisti che fanno le "facce", ma devono essere spontanee, non costruite (non mi riferisco di certo a Claudio Canzano, parlo in generale) :-)
Rispondi
Dixon Rack cajon
di fasanogaetano [user #41920] - commento del 23/09/2014 ore 11:33:34
La maniera piu' semplice per far venir fuori le due anime della percussione: quella che fa il tempo, e quella che lo colora. ;) "A work of genius". (cit)
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





Visto a Custom Shop Milano 2017
L'onorevole Vignali a CustomShopMilano: fare sistema a vantaggio comune
Custom Shop Milano e la qualità
Il solo motivo per non venire a Custom Shop 2017
Echo, rockabilly & telecaster: sale in cattedra Don Diego
Come entrare a Custom Shop e uscirne con un AMPLIFi
A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Tieni il tempo
Dixon Revolution Cajón Rack: intervista a Claudio Canzano
Racer Café: Intervista a Erik Tulissio
Intervista a Dave Lombardo
Aspettando RitmiShow Napoli 2014: Naga Distribution
Intervista a Michael Baker
Vadrum vs V-Drums - Qualche domanda ad Andrea "Vadrum" Vadrucci
Intervista a Dave Weckl
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964