CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Valveking 20 Micro Head: classe A in economy
Valveking 20 Micro Head: classe A in economy
di [user #16167] - pubblicato il

Peavey rinnova la serie Valveking, una tra le più apprezzate del marchio americano, soprattutto per il prezzo competitivo. Valvole e prezzo basso sono un ottimo punto di partenza, ma per uscire vittoriosi da una recensione serve anche un gran suono. Abbiamo messa alla prova la più piccola della seria, nell'OUT Studio di Michele Quaini ed ecco come si è comportata.
Peavey rinnova la serie Valveking, una tra le più apprezzate del marchio americano, soprattutto per il prezzo competitivo. Valvole e convenienza sono un ottimo punto di partenza, ma per uscire vittoriosi da una recensione serve anche un gran suono. Abbiamo messa alla prova la più piccola della serie, nell'OUT Side Studio di Michele Quaini ed ecco come si è comportata.

Sono quattro i modelli che compongono la nuova Valveking Series, due combo e due testate. Ci sono stati mandati in prova sia il combo da 50 watt che la Micro Head da 20 watt. Abbiamo deciso di iniziare proprio dalla piccola testatina da 20 watt che concentra al suo interno gran parte della tecnologia di tutta la serie.

Il nero la fa da padrone, come nella vecchia serie e una manciata di manopole bianche gestiscono le principali funzioni della Micro Head. Da sinistra troviamo il clean volume, ovvero li pot che regola il volume del solo canale pulito. In realtà essendo presente un master volume, questa prima manopola controlla di fatto anche il guadagno del canale pulito. In seconda posizione sulla griglia di partenza troviamo il lead gain. La Micro Head ha due canali indipendenti, almeno per quanto riguarda il guadagno. Questo secondo controllo regola il gain del solo canale distorto. Questo livello può essere ulteriormente boostato attivando il gain boost, un piccolo switch posto subito dopo i primi due chicken head, esattamente sopra il pulsante per il cambio canale (funzione richiamabile anche tramite footswitch). Proseguendo ci imbattiamo nella sezione di equalizzazione, bassi medi e alti, in comune a entrambi i canali, seguiti dal riverbero. Questo controllo seleziona il mix tra segnale wet e dry. L’on off del riverbero è una delle quattro funzioni richiamabili via footswitch. Chiudono il pannello anteriore il controllo Vari-class e Master Volume. Quest’ultimo come accennato in precedenza controlla il volume globale della piccola testata Peavey. Il controllo Vary Class invece è una delle features più interessanti della Micro Head. Permette di variare la classe dell’amplificatore, passando da una classe A a una AB. Per chi volesse approfondire le differenze tra i due sistemi consigliamo la lettura di questo articolo. La peculiarità di un controllo come questo è rappresentata dalla possibilità di sperimentare anche tutte le posizioni intermedie tra i due estremi. Dobbiamo ammettere che la differenza si palesa chiara solo quando il controllo è completamente a sinistra o a destra. Le posizioni intermedie offrono delle sfumature non sempre apprezzabili, ma del suono parleremo nei dettagli più avanti.

La Peavey oggetto della prova è una testata piccola, ma ricca di accessori e orpelli. Sul retro troviamo un’altra manciata di features da citare, prima tra tutte il loop effetti seriale attivabile via footswitch. Troviamo anche due uscite, oltre a quelle dedicate alla cassa. Un XLR e un USB, dei veri e propri line out in formati differenti. Entrambi con simulazione di cassa, che prendono il segnale dopo la sezione finale. Il primo è l’ideale per essere sparato in un impianto senza bisogno di microfonare il cono, il secondo perfetto invece per registrare direttamente con un computer e un software DAW dedicato. Per ultimo, non per importanza, il selettore della potenza in uscita. Quando perfino 20 watt sono troppi si può scegliere di switchare a 5 o perfino a 1 watt

Valveking 20 Micro Head: classe A in economy

Accendiamo la bestiolina e aspettiamo che le due EL84 nel finale e le tre 12AX7 del pre siano belle calde. Comodo l’indicatore di status che con un rassicurante verde ci segnale che il finale è tutto in ordine. Cominciamo dal canale pulito in classe AB. Volume a metà corsa. Il clean è quello di una coppia di EL84. Limpido, non esageratamente grosso, con un ottimo bilanciamento tra le frequenze. L’headroom non è esagerato, ma il sound è comunque bello articolato. La riserva di clean non è estrema, anzi il suono tende in fretta a sporcarsi, ma lo fa gradualmente, non in modo fastidioso. La dinamica della classe AB fa il suo dovere. Ruotando il potenziometro in classe A la situazione cambia drasticamente. Il sound diventa croccante, scoppiettante. L’effetto on-off è reso in maniera molto credibile. Ovviamente quello che era un pulito diventa un crunch leggero, molto leggero, ma gradevole. Anche con una semplice Strat non si fatica a far increspare il suono. Decidiamo quindi di lasciarci alle spalle il crunchy e passare alla distorsione vera. Premiamo il tasto per il cambio di canale, quello sull’ampli perché il footswitch non è in dotazione, e passiamo al paradiso dei rock. Torniamo in classe AB e manteniamo il gain basso. Il crunch si fa deciso, aumenta di molto il sustain, ma la pasta resta la stessa, bene equilibrata e non eccessivamente cattiva. Interessante la la naturalezza con cui si riesce a snocciolare gli accordi senza che le note si impastino. Ottima la dinamica che risponde bene al tocco, soprattutto in classe AB. La maggior rotondità in questa configurazione si apprezza ancora di più al salire del gain. Anche andando quasi a fine corsa, pur diventando aggressivo, il suono resta corposo e mai tagliente. Attivando il gain boost si nota un ulteriore aumento del guadagno. In realtà il controllo rende molto meglio quando si è a metà corsa o giù di li, diventando un’ottima arma per gli assolo. 

Valveking 20 Micro Head: classe A in economy

Passando in classe A tutte le impressioni del clean test si ripropongono. Il suono è più brusco, caldo e aggressivo. Il guadagno diminuisce leggermente e le basse si intorbidiscono un po’. Tutto nella norma. Come detto all’inizio la differenza tra le due classi si avverte di più quando si porta il controllo agli estremi. Nel mezzo ci sono diverse sfumature, più dolci o più brusche a seconda dei gradi di rotazione del potenziometro. Un parametro che per alcuni potrebbe comunque diventare componente fondamentale nella ricerca del proprio suono.

In definitiva la Peavey Valveking 20 Micro Head è una piccola testata con tutte le carte in regola per entrare a far parte dell’arsenale di micro testate per chitarra presente oggi sul mercato. Come prezzo non si colloca tra le più economiche. Si aggira intorno ai 450 euro, ma vedendo le features ci sentiamo di dire che vale i soldi richiesti per l’acquisto. Vi lasciamo quindi al video nel quale la MH20 è stata collegata a una cassa Epiphone Valve Junior e microfonata con un SM57 e un MD421


Maggiori informazioni sul sito ufficiale Peavey
amplificatori micro head peavey valveking
Link utili
Maggiori informazioni sul sito ufficiale Peavey
Mostra commenti     25
Altro da leggere
Valeton Asphalt: un chilo di rock n roll
Schertler in Italia con Aramini
Quaini si dà al Kemper, o quasi
Paoletti: “Non abbiate paura di provare cose nuove”
Il Supergroup diventa un mini-ampli smart
NUX nel ring dello smart modeling
Seguici anche su:
News
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing
Ha inizio la settimana del Namm 2019




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964