CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
5 cose da non fare e da sapere quando si prova una chitarra a SHG
5 cose da non fare e da sapere quando si prova una chitarra a SHG
di [user #17404] - pubblicato il

SGH è un paradiso in terra per i chitarristi. Un giardino dell’Eden colmo di primizie, delizie e rarità dove ci si può aggirare annusando, accarezzando e pizzicando tutto ciò che ci solletica. Ecco alcuni accorgimenti per far sì che quello che deve essere un festoso simposio tra note e chitarre non si trasformi in una caotica orgia di svisate e larsen.
SGH è un paradiso in terra per i chitarristi. Un giardino dell’Eden colmo di primizie, delizie e rarità dove ci si può aggirare annusando, accarezzando e pizzicando tutto ciò che ci solletica. Ecco alcuni accorgimenti per far sì che quello che deve essere un festoso simposio tra note e chitarre non si trasformi in una caotica orgia di svisate e larsen. 

Non esagerate nei tempi della prova. Vi privereste del piacere di provare tanti altri strumenti e rubereste tempo agli altri per fare la stessa cosa. Bastano trenta secondi per accorgersi se ci sentiamo una chitarra sotto le dita. Se vibra alle nostre stesse frequenze. E un minuto per capirne - magari guidati dal venditore o costruttore - le caratteristiche. Il resto è solo libidine. E non bisogna esagerare. 

5 cose da non fare e da sapere quando si prova una chitarra a SHG

La gente va a SHG per guardare le chitarre, non per ascoltare voi. Non abbiamo ricordi di sconosciuti diventati celebrità perché notati mentre provavano una chitarra a una fiera. Sfruttate concretamente SHG per scoprire, conoscere, apprezzare e comperare strumenti. Di sicuro SHG è una vetrina straordinaria per i musicisti presenti come dimostratori. Magari sfruttate questa fiera per prendere contatti e proporvi per le edizioni successive in quella veste. Ma intasare uno stand per far sentire al mondo come sapete fare il “Volo del Calabrone” è da looser.

Per la stessa ragione, ricordatevi che quando si prova una chitarra non si deve dimostrare nulla a nessuno. Se non a se stessi che la chitarra che ci stiamo spupazzando fa al caso vostro. Suonate quello che sapete e che dovete suonare. Godetevela. Nessuno pretende lick country perché avete chiesto di sentire una Tele o citazioni di Jimi perché imbracciate una vecchia Strato. 

 5 cose da non fare e da sapere quando si prova una chitarra a SHG  

SHG pullula di professionisti, eccellenze nel campo degli strumenti musicali. Quando decidete di provare una chitarra, raccontatevi, fatevi suggerire lo strumento da sentire e lasciatevi guidare nella prova.

Se avete trovato la vostra chitarra, non fatevela scappare. C’è la possibilità di accaparrarsi strumenti davvero rari, veri feticci o occasioni assolute. Ne abbiamo visti di chitarristi uscire a bocca asciutta e cuore infranto perché si sono fatti soffiare una chitarra che avevano provato, li aveva conquistati ma per qualunque motivo hanno deciso di aspettare per acquistare.

5 cose da non fare e da sapere quando si prova una chitarra a SHG

Avevamo scritto questo pezzo per lo scorso Shg di Napoli. Lo riproponiamo alla vigilia di questa edizione milanese come utilissima guida di sopravvivenza.
shg milano 2014
Nascondi commenti     48
Loggati per commentare

Guida semiseria... anzi no!
di smilzo [user #428]
commento del 06/11/2014 ore 12:42:34
1) Qualunque chitarra elettrica suona meglio ad alto voume. Ecco, un po più alto di esagerato e suona ancora meglio.
2) Chiunque sa suonare bene una chitarra accordata, ma bisogna essere bravi per suonare scordati. Dimostrate di esserlo scordando la chitarra.
3) E' inutile chiedere di abbassare il volume. Sappiamo che la chitarra suona meglio ad alto volume.
4) La chitarra suona meglio dopo qualche birra, il chitarrista no. Ci sono eccezioni.
5) Sì, quello che sfreccia come Flash con la reflex è Alberto.

6) Se togliete di dosso gli occhi da un set di PU perchè passa una figa, non siete malati... o forse sì???

;)
Rispondi
Re: Guida semiseria... anzi no!
di DavGilm [user #31629]
commento del 06/11/2014 ore 13:42:14
Ottima guida ma permettetemi un commento, tra il serio e il faceto: se devo spendere 1500/2000 euro (o piu') per una chitarra, mi dispiace ma non ci sto 30 sec e neanche un minuto a provarla. Mi prendo il tempo che reputo necessario per convincermi dell'acquisto.
Forse in questo senso la Fiera non è il posto migliore per provare uno strumento.

Spero di non aver detto niente controcorrente....
Rispondi
Re: Guida semiseria... anzi no!
di smilzo [user #428]
commento del 06/11/2014 ore 14:46:01
7) Hai un secondo ogni euro di potenziale spesa. 10 euro, 10 secondi. 600 euro, 10 minuti. 6000 euro, goditela.... :D
Rispondi
Re: Guida semiseria... anzi no!
di Deadwing utente non più registrato
commento del 06/11/2014 ore 15:09:24
7) Hai un secondo ogni euro di potenziale spesa. 10 euro, 10 secondi. 600 euro, 10 minuti. 6000 euro, goditela.... :D

Sir, you won the internet.

ahahah parole sante
Rispondi
Re: Guida semiseria... anzi no!
di bluestringer utente non più registrato
commento del 06/11/2014 ore 14:51:51
Se hai comprato uno strumento in 1 minuto, o hai avuto una botta di culo epocale, oppure lo rivendi. La seconda quindi, direi.
Rispondi
Re: Guida semiseria... anzi no!
di SixStrings2000 utente non più registrato
commento del 06/11/2014 ore 15:30:13
hai detto bene, mi sta bene che facciano pubblicita agli eventi musicali sparsi a destra e manca ma un conto e dare consigli cosi a cuor leggero, ma dai scherziamo?


---
Il "Sarcofago" emette scariche e lampi ogni qual volta mi avvicino... ... ...
Rispondi
Re: Guida semiseria... anzi no!
di Sparklelight [user #41788]
commento del 06/11/2014 ore 15:50:43
4) Chitarra e chitarrista suonano sicuramente molto meglio dopo svariate birre :-)
6) La tipa passa mentre i p-u restano ... quindi ... correte dietro alla tipa :-P

:-D
Rispondi
Re: Guida semiseria... anzi no!
di smilzo [user #428]
commento del 06/11/2014 ore 16:04:54
Sulla carta sul 6 ti do ragione. Ma in realtà non mollerei i PU! ;)
Rispondi
sarò duro..
di Zenzero [user #36862]
commento del 06/11/2014 ore 15:24:25
Ma il fatto che in "30 secondi si capisce tutto di una chitarra" è la più grande c*****a che abbia mai letto, sul serio.
Mettici la mano fredda, l'ambiente, il volume basso, l'ampli che non si conosce.. Seeeeeeeee altro che che secondi, che siamo tutti professionisti? Non dico mezz'ora, ma dieci minuti su una chitarra ce li passo, soprattutto se devo sborsare cifre alte!
Rispondi
Una chitarra non si prova ...
di SixStrings2000 utente non più registrato
commento del 06/11/2014 ore 15:25:19
Una chitarra non si prova in un minuto: Bisogna capire se ci sono difetti, bisogna controllare il corpo, il manico, i tasti, le maccaniche, i magneti, il ponte. Una cosa importantissima è vedere come la chitarra reagisce ai nostri effetti ed ai nostri amplificatori. Quanta gente compra un oggetto che poi a casa suona totalmente diverso e se lo rivende in un istante perche ne rimane deluso? Se la chitarra costa parecchio un minuto puo essere fatale e rivelarsi una gran mazzata perche presi dalla foga di avere lo strumento magari prendiamo un qualcosa con un difetto che ci è sfuggito forse irreparabile!!! Ed il fatto che agli stands ci siano i costruttori, i tecnici o chicchessia non significa che hai il massimo riguardo circa cio che vorresti prendere perche si sa che chi deve vendere porta acqua al suo mulino e non guarda in faccia nessuno, magari passa sopra piccoli difetti che il ragazzo alle prime armi non conosce e che probabilmente nemmeno riesce a vedere e si porta quindi a casa un qualcosa di non settato a dovere, non al 100%!!! Che facciamo allora stiamo comprando una chitarra usata a 500 euri che pensavamo fosse apposto poi dobbiamo portarla il giorno dopo dal liutaio che per risistemarla e ci chiede altrettanti denari, solo perche l'abbiam presa perche era tamarra, perche ce l'ha l'artistoide e quindi pure noi dobbiamo avercela per forza facendo a gomitate tra la follla in corsa per accaparrarcela per primi senno ce la soffiano? Quando presi la Fender Stratocaster '64 a Corona alla Fender la provai con Cruz per un ora e capimmo che il tempo la segno di imperfezioni e piccoli difetti che il neofita non vede proprio, non li vede assolutamente, figurati in un minuto, e stamo a parla de na chitarra coi controc... Dopo circa 2 settimane la portai finalmente a casa, perfettissima e rimessa in ordine dalla Fender, altro che un minuto e col carrello della spesa vai alle casse... Certi consigli sviolinati a cuor leggero da dietro una cattedra vi prego di non darli proprio e sinceramente non li capisco affatto, non vedrei, senza offesa per Rojatti, la professionalita in certe affermazioni! Se parliamo di chitarre, rispetto parlando, di una certa fascia e destinate ad un target giovanile neofita alle prime armi ci posso pure stare, me ne frego dei piccoli difetti tanto ce devo suona finche la sfascio ma se mi dite 2 minuti mi piace la prendo quando passo davanti lo stand di Cruz o della Gibson con esposte chitarre del 1960, se permettete, prima di lasciare un assegno a 4 zeri io voglio controllarmi, pure per un ora, quello che mi sto prendendo perche è un serio investimento nel tempo e se vuoi rivendere poi la gente non va per il sottile, vuole mille garanzie se deve darti tanti tanti dindarelli!!!


---
Il "Sarcofago" emette scariche e lampi ogni qual volta mi avvicino... ... ...
Rispondi
Re: Una chitarra non si prova ...
di Repsol [user #30201]
commento del 06/11/2014 ore 19:05:40
Io sono d'accordo con quello che dici, ma allo stesso tempo do ragione a Rojatti.
Nel mio caso ci metto anche meno di un minuto a capire se una chitarra va bene per me.
E se poi ha qualche difetto non ne faccio un dramma.
È così, è questione di feeling. Ma capisco anche chi è più zelante e vuole essere sicuro al 100% prima di acquistare. È così in tutte le cose, c'è chi si fida dell'istinto e chi vuole andare più a fondo.
A volte va bene un atteggiamento altre volte è meglio l'altro.
Probabilmente la guida non è diretta al neofita, ma a chi ha già una buona conoscenza.
Rispondi
Re: Una chitarra non si prova ...
di Aktarus [user #5855]
commento del 07/11/2014 ore 15:06:31
Non credo che uno acquisti una chitarra da 4 o anche 5 zeri in una fiera?
Diamo per buono che uno tanto esperto voglia essere sicuro di un suo acquisto, secondo voi lo fa in una fiera? Con tutto il casino che c'è ?
Gli esperti in fiera prenderanno contatti, gli altri sono li a provare tutto senza la minima intenzione di acquistare
Rispondi
Re: Una chitarra non si prova ...
di alberto biraghi [user #3]
commento del 07/11/2014 ore 18:19:38
Evidentemente allora gli incassi a sette cifre dei maggiori espositori, che sono la norma anno dopo anno, derivano dalla vendita di decine di migliaia di plettri :-)
Rispondi
Re: Una chitarra non si prova ...
di Aktarus [user #5855]
commento del 07/11/2014 ore 22:47:47
Si sa che il core business sono i plettri. Le Chiarre sono fatte per vendere plettri :))
A parte gli scherzi, non o detto che non si acquista a SHG! Ho detto che se uno ha bisogno di provare e riprovare non lo fa a una fiera
Rispondi
Re: Una chitarra non si prova ...
di alberto biraghi [user #3]
commento del 07/11/2014 ore 23:03:02
Ho capito male io allora :-) visto che dici "gli esperti in fiera prendono contatti". Nella mia esperienza, c'è di tutto, chi come me impiega meno di un minuto a capire se la chitarra è "lei" o no, chi invece ha bisogno di prove e notti di riflessione.
La mia osservazione riguardava la sicurezza di alcuni, secondo i quali una chitarra importante non si compra di getto. Non è così, è soggettivo e dipende dalla persona: in 22 anni di SHG ho visto chitarre con prezzi da capogiro acquistate in pochi secondi non da ricchissimi sfaccendati, ma da musicisti veri, che hanno dovuto fare i debiti o vendersi sette chitarrine in cambio di una chitarra vera. Però se sei come me e la senti subito non c'è verso, o la porti a casa o stai male da bestia.
Rispondi
Re: Una chitarra non si prova ...
di SixStrings2000 utente non più registrato
commento del 07/11/2014 ore 22:31:
E io che sto a di? Alla fiera mi ci faccio un giretto ma non prendo la prima chitarra che mi frulla per le mani. pure se costa 100 euro o me la regalano, questo è poco ma sicurissimo...
Rispondi
Pressione sonora
di smilzo [user #428]
commento del 06/11/2014 ore 15:31:18
8) Se non trovi Masotti, dirigiti dove la pressione sonora è maggiore.
9) Se senti assenza di pressione ai timpani e totale silenzio, scappa: sei finito nel cantuccio dell'acusticoooo!!!

10) Se metti due stack identici a manetta uno verso l'altro, per cancellazione di fase chi sta all'esterno non dovrebbe sentire niente. Se ti fanno cenno di abbassare, prova a spostare un po' l'asse. Deve essere quello.

10bis) Hai controllato di aver splittato il segnale? Corri a comprarne uno, e un buffer, e un overdrive... ;)
Rispondi
Re: Pressione sonora
di THE_Luke [user #31235]
commento del 06/11/2014 ore 17:32:28
gli anni scorsi la pressione sonora era maggiore da BRBS, credo fossero al limite dell'esagerato. Viossy è un gusto da sentir suonare, cosi come Negrini (GNG), ma erano decisamente trooooppo alti per una fiera!
Rispondi
Re: Pressione sonora
di smilzo [user #428]
commento del 08/11/2014 ore 16:40:15
Mi ricordo che abbiamo misurato l'uscita di un ampli di Seba... 160w puliti (THD con strumenti di misura, no suono pulito che crunchia...)... contro i 135w masotti e i 100 di una plexi... cotanta virulenza deve uscire!!! ;)
Rispondi
***...SGH è un paradiso in ...
di maccarons [user #20216]
commento del 06/11/2014 ore 17:15:38
***...SGH è un paradiso in terra per i chitarristi. Un giardino dell’Eden colmo di primizie, delizie e rarità dove ci si può aggirare annusando, accarezzando e pizzicando tutto ciò che ci solletica***

quindi ergo la primissima cosa da fare e/o da sapere è: lasciare a casa carta di credito e quant'altro
che induca in tentazione ;-)))
Rispondi
Re: ***...SGH è un paradiso in ...
di kaio [user #2024]
commento del 07/11/2014 ore 12:35:44
...oppure ti porti dietro la moglie! ;)
Rispondi
Se devo stare un minuto ...
di Zado utente non più registrato
commento del 06/11/2014 ore 18:34:46
Se devo stare un minuto su una chitarra che potrei potenzialmente acquistare,a 'sto punto mandatemi un catalogo a casa e scelgo con quello,che mi risparmio anche i soldi per andare ;)
Rispondi
Re: Se devo stare un minuto ...
di Pietro Paolo Falco [user #17844]
commento del 06/11/2014 ore 19:19:50
È pure vero il contrario: se devo passare un'ora su un solo strumento riuscendone a provare non più di 3-4 in tutta la giornata e perdendomi così centinaia di altri strumenti e anche gli eventi, tanto vale andare in negozio!

Naturalmente i "30 secondi" sono un modo di dire, ma un modo di dire molto sensato: in una giornata come SHG conviene "assaggiare", soffermandosi solo se la mercanzia interessa.

La cosa migliore da fare è imbracciare uno strumento, fidarsi del primo approccio (manico, peso, solidità...) e solo se questo è positivo andare oltre. Da lì poi uno ci può trascorrere anche mezza giornata per studiarselo a fondo, ma secondo me ha senso solo se alla fine intende portarselo a casa davvero, altrimenti toglie spazio agli altri e si perde tutto lo show.
Ho visto fin troppi ragazzi trattenersi per mezze ore buone ripetendo ciclicamente "sì, ma 'sto manico non mi va proprio giù" e poi andare via da SHG lamentandosi di aver potuto provare poche cose. Cacchio, metti via quella e provane un'altra se non t'era piaciuta fin dall'inizio! :D
Rispondi
Re: Se devo stare un minuto ...
di Zado utente non più registrato
commento del 06/11/2014 ore 20:43:47
In realtà credo che chi vada all' SHG con intenti spenderecci sappia già cosa potrebbe interessarlo alla prima occhiata,nel senso,se sono un metallaro difficilmente toglierò del tempo alla prova di una ibanez perchè altrimenti non ho modo di andare a suonarmi una telecaster ;)

Per il resto son convinto ci sia gente che passa le ore a spippolarsi su uno strumento giusto per far scena e alla fine si gode poco o niente,ma questa è storia di sempre,purtroppo.

Rispondi
Ma dai non prendete(vi) la ...
di dale [user #2255]
commento del 06/11/2014 ore 19:37:47
Ma dai non prendete(vi) la cosa troppo sul serio, il succo (detto sempre con ironia) credo che sia questo:

Non monopolizzate per troppo tempo le postazioni di prova sparando 180000 note al secondo a volume altissimo che sennò non si capisce una mazza e non ci si diverte.


Che poi è la verità, infatti io non mi sono divertito e non ci torno, poi cosa vuoi comprare, al limite prenderai un p.u., una muta di corde, qualche pedale se va bene, non ho visto gente che si portava via una chitarra, magari qualcuno ci sarà stato, ma di solito la gente va li per vedere e stare qualche ora in mezzo alle chitarre.


Rispondi
Mah... Se uno ha tali ...
di alexus77 [user #3871]
commento del 06/11/2014 ore 22:00:33
Mah... Se uno ha tali limitazioni per provare, perché mai dovrebbe acquistare? Piuttosto se questi sono i limiti, che l'organizzazione faccia mia culpa e provveda per rimuovere ostacoli. Oppure se si è stabilito che lo scopo di SHG non è vendere chitarre ma solo guardarle, passi, ma a quel punto anche le paternali sono fuori luogo.
A proposito, "loser" si scrive con una sola O.
Rispondi
Siamo alle solite...maledetto meridione!
di liviobellini [user #42202]
commento del 07/11/2014 ore 03:16:21
Come sempre queste bellissime fiere le fanno ovunque tranne che al Sud Italia. Ma perchè a Bari non fanno mai nulla?!
Rispondi
Re: Siamo alle solite...maledetto meridione!
di dale [user #2255]
commento del 07/11/2014 ore 07:32:56
Mi pare che ne abbiano fatta un'edizione a Napoli.
Rispondi
Re: Siamo alle solite...maledetto meridione!
di alberto biraghi [user #3]
commento del 07/11/2014 ore 18:46:50
2013 SHG Salerno (e mi sono anche comprato una splendida Eric Clapton verde)
2014 SHG Napoli
2015.... stiamo a vedere che accade :-)
Rispondi
Dai su, non prendiamoci in ...
di Aktarus [user #5855]
commento del 07/11/2014 ore 08:24:00
Dai su, non prendiamoci in giro , non facciamo gli "espertoni". Sono stato a quasi tutti gli SHG e, come succede nei negozi, la stragrande maggioranza di chi sta li a sfrantumare i maroni con i suoi mini concerti, non ha nessuna intenzione di acquistare. Ha solo voglia di strimpellare o far sentire l'ultima canzoncina che ha imparato apposta per fare il figo davanti a un gruppo di persone che non lo caga nemmeno.
Uno veramente esperto che ha bisogno di tempo e tranquillità per cogliere davvero le sensazioni e le sfumature che offre uno strumento non credo acquisti a SHG O comunque in una fiera! Al massimo puo prendere contatti, conoscere i vari produttori e negozianti.
Rispondi
Il SHG è per prima cosa una fiera...
di FlavioGUIR [user #29097]
commento del 07/11/2014 ore 10:48:41
...quindi penso che l'acquisto cade sull' "occasione"! Se si vuole fare un acquisto più mirato bene, prenditi il bigliettino da visita del venditore, recati da lui (magari un altro giorno XD), fai una prova dello strumento\ampli\pedale\qualsiasi-cosa-che-hai-visto più accurata! Si può sempre scendere ad accordi con il negoziante, magari ti fa prezzo fiera anche se lo compri in negozio!
Rispondi
Penso proprio che una persona ...
di Aktarus [user #5855]
commento del 07/11/2014 ore 12:12:31
Penso proprio che una persona che va ad una fiera, se vuole comprare, ha già in mente dove puntare.
Non credo proprio che arrivi senza la minima idea di cosa vuole e inizia a provare qualsiasi cosa capiti. Se è così i 30 secondi sono pure troppi, perchè tanto ha solo voglia di provare e curiosare.

Se arriva con già l'idea di cosa prendere e ha bisognio di esaminare provare, trovare difetti, sentirne il feeling, allora i 30 secondi sono anche troppi, perchè uno che pensa di fare una prova e una verifica accurata di uno strumento in una fiera, con tutto il casino che c'è.....forse tanto esperto non lo è.
Una chitarra, un ampli o un pedale piace o non piace al primo colpo. Sono colpi di fulmine. Se non ti piace al primo colpo è inutile stare li a provare
Rispondi
Re: Penso proprio che una persona ...
di SixStrings2000 utente non più registrato
commento del 07/11/2014 ore 12:31:33
Ma infatti se uno è veramente espero innanzitutto prende appuntamento con chi produce direttamente uno strumento e ne verifica poi la bonta del prodotto che vuole acquistare prendendosi pure un ora di tempo!!! Se parli di usati e chitarre da battaglia il discorso si fa relativo al fatto di pelle e lo posso capire, sai quello che prendi con i relativi benefici di inventario!!! Di certo non si va alla fiera col carrello del supermercato e poi si va alla cassa con chissa che cosa, davvero, ma dai su un briciolo di serieta non siamo mica tutti 15enni qui......!

Rispondi
Re: Penso proprio che una persona ...
di DavGilm [user #31629]
commento del 07/11/2014 ore 13:49:52
Scusate, non è che voglia fare polemica o insistere sul punto.
Ma se per esempio voi volete comprare la macchina dei vostri sogni, dopo aver consultato tutte le riviste di motori, che fate? Vi ci sedete e la comprate per il semplice fatto che la trovate comoda?
Io credo di no, vorrete provarla, capire bene il motore e la capienza del portabagagli.

A mio parere stessa cosa per uno strumento.
Concordo che la Fiera non è sicuramente il posto migliore per fare acquisti in tranquillità ma che bastino 30 secondi o un minuto per capire uno strumento...
Io non ci riesco, invidio se c'è qualcuno che riesce a farlo.
Rispondi
Re: Penso proprio che una persona ...
di Aktarus [user #5855]
commento del 07/11/2014 ore 14:47:04
Tu che fai? Porti tutta la famiglia col set di valige e provi ad andarci in vacanza? :)
A meno che non sei un patito di motori che acquista una di seconda mano, che sa tutto, la maggioranza della gente comune sceglie l'auto sul catalogo, guardandole caratteristiche e poi va a prenderla dove piu conviene.

Tornando alle chitarre, che vanno provate, riprovate.. Ecco ma allora chi ordina una masterbuilt? Che è uno sprovveduto? Oppure ne ordina 5 o 6 e poi in base alla sua lunghissima esperienza ne sceglie una?
Rispondi
Re: Penso proprio che una persona ...
di DavGilm [user #31629]
commento del 07/11/2014 ore 15:18:40
Ma scusa, proprio perché decido di comprare una Masterbuilt che costa 5000 euro pretendo di provarla e riprovarla bene.
E' chiaro che il prodotto di per sé è ottimo, nel senso che sappiamo si parte da una fascia alta di strumento, ma questo non significa che comprerò la prima Masterbuilt che mi mettono tra le mani.
Cosi' come non comprerò una macchina semplicemente perché è bella nel catalogo.
Avrò si una chiara idea sul modello ma prima pretendo di sentirla in moto e provarla su strada.
Poi ribadisco, io son cosi'. Se altri ci riescono in meno...tutta la mia invidia.

Ti faccio il mio esempio concreto: voglio comprarmi una Telecaster e ho un certo budget a disposizione, quindi andrò su una fascia alta di prezzo. Certamente non mi fiderò della prima chitarra buona/ottima che mi metteranno tra le mani.
Rispondi
Re: Penso proprio che una persona ...
di Aktarus [user #5855]
commento del 07/11/2014 ore 16:02:29
Ma diamo,per buono che uno voglia provare e riprovare vari modelli della stessa identica chitarra per trovare quella che piu gli piace ( io provo invidia per chi riesce a trovare differenze su chitarre dello stesso modello) ma non lo fa in una fiera. Il mio punto di vista è che se uno riesce a cogliere differenze e sfumature in una fiera, tanto esperto non è, quindi meglio che torni a strimplellarsi su youporn

Se ordini una musterbuilt come fai a proarla? Ti fidi, la compria scatola chiusa! A meno che non arriva con qualche difetto evidente, con il manico rotto, non è che la ridai indietro perchè non senti il "giusto feeling"
Rispondi
Re: Penso proprio che una persona ...
di DavGilm [user #31629]
commento del 07/11/2014 ore 16:07:2
Ma infatti ti dico la verità, non comprerei mai una chitarra su ordinazione anche se si chiama Masterbuilt.
La vedo, la tocco, la provo, la compro.

Rispondi
Re: Penso proprio che una persona ...
di Aktarus [user #5855]
commento del 07/11/2014 ore 16:27:06
Ma lo posso anche capire. Ma non credo che una fiera posa essere il luogo adatto per provare seriamente!
Quanti di quelli che sono li negli stand vogliono comprare veramente, sono li a esaminare le sfumature che offre uno strumento paragonandolo a un altro dello stesso identico modello?
Rispondi
?
di telecrok [user #37231]
commento del 07/11/2014 ore 13:53:00
In fiera ci vado per vedere un sacco di bella roba, bella e anche brutta è ovvio, il positivo della faccenda è che è tutta concentrata in un posto, ci sono tutti, proprio tutti, di tutto e di più, ci si riempie gli occhi, ci sono le novità, il vintage, l'usato sicuro e quello meno sicuro....., c'è tanto ed occorre tempo per non farsi scappare niente ed è quasi impossibile.
Se ho già in mente qualcosa, in fiera la trovo sicuramente, oppure vedo qualcosa che mi affascina e che vorrei magari la provo, certo che la provo ma non per delle ore, la guardo, la controllo, la tocco e mi informo ma a concludere l'acquisto, almeno che non ci sia da fare l'affare della vita e la vedo difficile anche se può succedere, vado in negozio, dal rivenditore di fiducia o meno, ma in un negozio dove posso tornare per fare i setting, per lamentarmi se esce qualche magagna ecce ecc., dove ho assistenza insomma.
In Fiera fatto l'acquisto, in genere, chi s'è visto, s'è visto, non perché ti abbandonano, in genere il problema è dovuto alla lontananza, specialmente se compri da stranieri.
A mio avviso gli strumenti musicali bisognerebbe sempre acquistarli da un rivenditore con cui si ha già un rapporto e lo si stima per serietà ed onestà, sono merci delicate, se è la prima volta l'amicizia o la fiducia possono nascere in quel momento, è importante specialmente se la spesa è cospicua, ci conosciamo, mi vendi la chitarra e torno volentieri, mi tratti bene, mi fai lo sconto e via dicendo, io la vedo così, preferisco, ma non siamo tutti uguali, ognuno ha le sue esigenze anche se è un consiglio che mi sento di dare.
Le Fiere si fanno per farsi conoscere, per mettere in mostra le potenzialità dell'azienda, del rivenditore, per vedere le novità, per far sì che una moltitudine di rivenditori, costruttori e professionisti del settore si incontrino, per fare affari o per instaurare collaborazioni.
Una cosa forse riesce più facile alle fiere così, trovare un vintage che hai cercato e che non trovavi, magari il prezzo è buono e sai che non devi farti scappare l'occasione, questo sì, può accadere, è successo anche a me, se non c'ero, se non ci fossi andato mi sarei perso l'occasione.
Per il resto è un bel modo di stare tra gente che insegue le stesse passioni, magari non proprio tutti ma nella maggioranza è così.
Ci sono anche quelli che non se ne perdono neanche una, i cacciatori di poster o dépliant e listini prezzi vari che poi finiscono immancabilmente nella spazzatura, quelli che vanno alla fiera del Lambrusco o delle auto d'epoca di cui non capiscono nulla e magari non gliene frega pure niente, con lo stesso approccio, passare un pomeriggio.
Da non farsi sfuggire invece, per me, è la possibilità di parlare con qualche vero esperto di tecnica liuteristica, elettronica o del suono, magari per chiedere un consiglio in vista di sostituire i PU., oppure sentire in azione dei PU artigianali di cui hai sentito parlare così bene o toccare con mano un ponte artigianale di lusso che promette meraviglie e vorresti comprare, perché le foto sui cataloghi sono una cosa, vedere e toccare è un'altra e via così.

ciao a tutti
Rispondi
Ma per vendere?
di pao.lyn [user #12312]
commento del 07/11/2014 ore 14:11:43
Approfitto di questa conversazione, per non aprirne una nuova.

Mi potete spiegare come funziona se, come dal manifesto, un privato volesse vendere o scambiare un proprio strumento?
Si intende che si vende o permuta con gli espositori? O ci sono spazi previsti allo scopo, tra privati?
Rispondi
Re: Ma per vendere?
di alberto biraghi [user #3]
commento del 07/11/2014 ore 18:33:13
Il biglietto di ingresso consente di portare in sala fino a due strumenti (comunque devi poterli portare con te da solo, per dire non puoi introdurre due Hammond).
Ci sono quattro tavoli grandi a disposizione dei privati, nella sala Classic, dove si possono esporre liberamente (anche qui, ognuno ne può esporre due, non si può fare la spola avanti e indietro per esporne trenta), i tavoli sono nella zona di maggior passaggio, quindi è realistico pensare che tutti li vedano.
Poi ovviamente puoi provare a "darli dentro" con i negozianti, che a SHG sono sempre molto disponibili ad andare incontro alle proposte dei loro clienti. Sulla base della nostra esperienza a SHG gli scambi sono molti, sia tra privati sia tra privati e rivenditori. L'atmosfera invita.

Tolgo il cappellino da organizzatore e metto quello da chitarrista malato di GAS da 35 anni. Ho comprato quasi tutte le mie chitarre per corrispondenza in USA, sono tutte vecchie e sono state quasi tutte acquistate negli anni 80 e 90. In alcuni casi mi sono arrivate chitarre con cui non mi trovavo a mio agio, ma trattandosi sempre di strumenti perfetti (il trovarsi bene è soggettivo) non ho avuto difficoltà a rivenderle e rientrare dei miei soldi. ma le chitarre che ho oggi mi piacciono tutte e le ho comprate tutte senza provarle.
Alla jam finale di SHG alle 18.30 (siete tutti invitati) suonerò con la mia Stratocaster del 1956. Tutti quelli che l'hanno provata sono concordi nel considerarla una chitarra con voce eccezionale. Anche quella è stata acquistata per corrispondenza nel 1983 da Guitar Trader.
A me, chitarrista poco tecnico ma con orecchio fino e mano sensibile, basta pochissimo per capire una chitarra. La prendo in mano, la soppeso, la tocco, sento il manico, ci facci tre note da spenta e ho capito la suonabilità. Poi ci faccio tre note amplificata e ho capito la voce. Mi rendo però conto che ad altri serva più tempo. Ma quando ho comprato la mia Clapton prima serie a SHG Salerno l'ho provata per meno di trenta secondi.
Rispondi
Re: Ma per vendere?
di pao.lyn [user #12312]
commento del 07/11/2014 ore 19:08:39

Grazie, informazione completa e,....... invitante.
Ci si vede domenica!
Rispondi
Re: Ma per vendere?
di paserot [user #21075]
commento del 08/11/2014 ore 09:39:03
anch'io come te non ho mai perso più di un minuto per capire se quello che avevo tra le mani era ciò che cercavo
ed anche quando non c'era la possibilità di toccare anche solo guardando attentamente delle foto mi sono preso molte chitarre
sono stato fortunato o forse erano tempi migliori
ultimamente uso un po più di cautela
la vite del t.r. spannata o addirittura lo stesso bloccato o rotto il fret coll'incisione da botta sulla corda il vano pot
o il sotto parapenna o i p.u. cannibalizzati date taroccate sulla testa dei manici o assemblaggi furbi oltre che copie
sempre più convincenti danno ragione a chi non si accontenta più di uno sguardo e via :-)


Rispondi
io ho comprato un sacco
di lbaccarini [user #14303]
commento del 08/11/2014 ore 13:05:12
ho preso tantissima roba a shg tutta ottima ed a prezzi super, dopo un po' di tempo che si frequenta il mondo delle chitarre si impara e sceglierle in fretta ma ovviamente è soggettivo quindi la patronale anche no!
Rispondi
Ma non è che uno ...
di Aktarus [user #5855]
commento del 08/11/2014 ore 13:28:57
Ma non è che uno deve comprare in 30 secondi!
È un modo per dire che se vuoi provare solo per curiosità, dovresti avere il buon senso di non suonare per mezz'ora per far sentire come sei bravo.
È chiaro che se uno ha veramente te i tensione di comprare ci starà un po' attento.
Rispondi
Re: Ma non è che uno ...
di smilzo [user #428]
commento del 08/11/2014 ore 16:42:06
Io ero andato per comprare un compressore. Mi hanno messo in mano una chitarra di liuteria, amore a prima vista... al primo accordo... fermata, e comprata il giorno dopo. :)))
Rispondi
Le cuffie???
di IBIZ 670 [user #35429]
commento del 09/11/2014 ore 19:50:31
Sbaglio o erano veramente pochi gli espositori che dotavano di cuffie chi provava gli strumenti? Non è forse la cosa migliore da fare? Una cosa che veramente mi ha sorpreso è sentire spesso strumenti scordati o peggio, suonati a volumi esagerati. Io francamente quando acquisto scommetto sull'istinto e l'emozione che mi procura la vista dello strumento, la vera prova poi a casa con calma e regolando il set up alle mie esigenze ..
Rispondi
Altro da leggere
SHG e RitmiShow Milano 2014: in giro con Monica
SHG Milano 2014: Giacomo Castellano sul cavo
Telecamere in giro a SHG Milano 2014
SHG Milano 2014: Ola Englund e il ruolo del musicista oggi
SHG Milano 2014: Source Audio
SHG Milano 2014: Racer Café
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy
Su Radiofreccia uno speciale sui Rolling Stones
Ikea pensa ai musicisti: arriva Obegränsad
Usato: abbiamo perso la ragione?
PRS è al lavoro su una Tele-style con Myles Kennedy?
Bob Taylor si ritira: annunciato il nuovo CEO e Presidente
Nick Drake e gli altri: Guild, icona al collo dei giganti
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...
È morto Richard Benson: chi era il chitarrista, il personaggio, l’u...




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964