CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Restauro Marshall JCM 800 1987: iniziò così
Restauro Marshall JCM 800 1987: iniziò così
di [user #40183] - pubblicato il

Niente come il JCM 800 ha messo d'accordo chitarristi di ogni epoca e stile. Averne uno d'epoca, una rara edizione 1987 pre-master, è un sogno di molti. Pierluigi ci è riuscito, ma ha dovuto sudarselo. Così ha avuto inizio la sua avventura per il restauro di una Marshall JCM 800 1987.
Niente come il JCM 800 ha messo d'accordo chitarristi di ogni epoca e stile. Averne uno d'epoca, una rara edizione 1987 pre-master, è un sogno di molti. Pierluigi ci è riuscito, ma ha dovuto sudarselo. Così ha avuto inizio la sua avventura per il restauro di una Marshall JCM 800 1987.

Chi non conosce la JCM 800? Probabilmente uno dei Marshall più famosi della storia, nato dopo la rescissione del contratto di distribuzione che Jim Marshall aveva stipulato con Rose-Morris, che di fatto impediva di vendere con profitto i Marshall al di fuori dell’Inghilterra a causa degli alti ricarichi che l’azienda distributrice faceva gravare sui pezzi esportati.
Il primo modello prodotto e distribuito da Marshall prese il nome del suo creatore, James Charles Marshall, abbreviato in JCM, mentre il sibillino "800" fu ispirato dal numero di targa della sua auto, e non dal decennio di produzione come in tanti credono. Semplice, robusto e affidabile, fu usato praticamente da tutti, dai maggiori esponenti del blues di quegli anni (SRV ne aveva uno in sala d’incisione, Buddy Guy ne ha fatto uno dei suoi ampli preferiti) fino ai pezzi grossi del metal (Kerry King, Zakk Wylde), riuscendo a ritagliarsi un grande seguito anche nel rock e nel punk. Nessun altro amplificatore, con molta probabilità, è riuscito a mettere insieme mondi tanto differenti.

Restauro Marshall JCM 800 1987: iniziò così

La mia caccia a un esemplare integro o restaurabile dei primi anni di produzione comincia proprio qui, dal mio grande amore per questo modello e, a dirla tutta, è durata parecchio in quanto uno stack completo dei primi anni di produzione ha un valore decisamente elevato, soprattutto se non modificato (condizione per me imprescindibile).
Passano un paio d’anni, nel frattempo ho acquistato un altro Marshall e non sento quasi più il bisogno di una JCM, quando m'imbatto in un annuncio che desta la mia attenzione: vi campeggia una JCM in evidente stato d’abbandono, la descrizione è molto scarna e - soprattutto - l’amplificatore ha caratteristiche che personalmente non avevo mai visto su una 800: l’ampli infatti ha una configurazione da vecchia plexi, con quattro ingressi, due volumi e niente master. Che diavolo di JCM sarà mai?
Vengo a scoprire che, tra le JCM800 monocanali, accanto alla serie Master Volume (2203 e 2204), fu prodotta anche una serie Standard (1959 e 1987) senza master e con quattro ingressi, rarissima e magica.
Avevo trovato il Sacro Graal delle JCM.

Restauro Marshall JCM 800 1987: iniziò così

Neanche a dirlo, alzo il telefono e concordo un appuntamento con il venditore, cortese e disponibile. Arrivati lì, uno scenario del tutto inedito per me si para dinnanzi ai miei occhi: la vecchia signora del rock è infatti semisommersa da un mare di tastiere e organi più o meno cannibalizzati, all’interno di un grosso garage sotterraneo, umido e con più zanzare del Borneo.
La tiro fuori da quell’inferno, adagiata sulla sua cassa 1982 Lead da 400 watt, ed eccola lì, sporca e cattiva (sporchissima in verità): una JCM 800 1987, ovvero 50 watt di pura potenza Marshall imbrigliata in circa settanta chili ripartiti quasi equamente tra testata e cassa. La ispeziono senza farmi prendere dall’eccitazione: è un esemplare originale, non vedo segni di modifiche, niente buchi sui pannelli, sembra perfetta, ma la rimozione della griglia posteriore rivela che l’ampli ha avuto una storia più tormentata di quanto io avessi inizialmente immaginato: gli zoccoli delle valvole di pre sono stati parzialmente tranciati (sic!) e il primo cap di filtro sembra, anzi è, un vecchio condensatore da radio italiano, di valore e voltaggio del tutto a caso.

Restauro Marshall JCM 800 1987: iniziò così

A rischio di far esplodere un simile macello elettrico accendo la belva (il venditore mi dice che funziona) ed effettivamente parte: a suonare suona, ma il suono è acidissimo e fa più rumore di una motosega.
Spengo tutto. Mi fermo a pensare. Il venditore propone testata e cassa a un prezzo di poco più alto del valore della sola cassa, l’amplificatore è originale, la cassa ha i suoi coni originali e va benissimo, l’umidità non ha danneggiato i cabinet in legno. La mia diagnosi per il rumore è che gli elettrolitici di filtro sono definitivamente andati, cambiandoli tutti e tre dovrei essere a posto, del resto uno è già stato (malamente) cambiato. Mi faccio coraggio, accetto il fatto che se il problema elettrico si fosse dimostrato più grave avrei dovuto spendere una fortuna in lavori di restauro e, dopo una breve trattativa, il polveroso gigante è mio.

Restauro Marshall JCM 800 1987: iniziò così

Nota della redazione: l'avventura per il recupero completo dell'amplificatore è lunga e travagliata. Pierluigi ce la racconterà tutta, un po' per volta...
800 amplificatori fai da te gli articoli dei lettori jcm manutenzione marshall
Mostra commenti     43
Altro da leggere
Schertler in Italia con Aramini
Le tentazioni del Diavoletto
Thunderdrive Deluxe LTD: triplo overdrive fai-da-te per neofiti
Plasma Pedal: fuzz ad alto voltaggio
Quaini si dà al Kemper, o quasi
Gli anni delle Telecaster Maple Cap
Seguici anche su:
News
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing
Ha inizio la settimana del Namm 2019




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964