DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Con Ibanez non si diventa ricchi
Con Ibanez non si diventa ricchi
di [user #116] - pubblicato il

Le recenti dichiarazioni di Cesareo sul"made in Italy hanno sollevato un mare di commenti e discussioni. Il chitarrista degli Elii ha speso parole lusinghiere sugli strumenti musicali italiani e questo da alcuni è stato visto in contraddizione con la sua figura di endorser Ibanez. Per fare - con grande serenità - chiarezza sulla discussione, torniamo a lasciare la parola a Cesareo.
Le recenti dichiarazioni di Cesareo sul made in Italy hanno sollevato un mare di commenti e discussioni. Il chitarrista degli Elii ha speso parole lusinghiere sugli strumenti musicali italiani e questo da alcuni è stato visto in contraddizione con la sua figura di endorser Ibanez. Per fare, con grande serenità, chiarezza sulla discussione torniamo a lasciare la parola a Cesareo.

Cesareo: ciao a tutti, sto leggendo i commenti e per quanto mi riguarda sono sereno, ma voglio che si sappia che con Ibanez non si diventa ricchi. 
Quando si vende una mia chitarra mi vengono riconosciuti circa 20$. Dell'ultimo modello sono stati prodotti e venduti 78pz. Il calcolo è facile.
Nei primi anni 80 sono passato da Fender a Charvel e, infine, a Ibanez. Tutte chitarre acquistate. Il rapporto con Ibanez si è solidificato per la mia fedeltà al prodotto fino ad allora sempre acquistato. In quegli anni nessun liutaio poteva soddisfare le mie esigenze, inoltre le chitarre di liuteria costavano tre volte di più dei modelli standard. 

Con Ibanez non si diventa ricchi

Mi è capitato di arrivare sul luogo di un concerto e il service non aveva caricato il baule con le mie chitarre. Tramite Mogar, distributore Ibanez, un negoziante ha aperto il suo negozio di domenica e mi ha fatto arrivare due Ibanez fiammanti sul palco. 
È evidente che oltre alla qualità che esprime Ibanez, c'è il valore aggiunto di un grosso distributore che può assisterti su tutto il territorio dal Trentino alla Sicilia. Per la mia mole di lavoro questo aspetto è irrinunciabile.
Per quanto riguarda il Made in Italy, io compro parecchie cose che mi piacciono veramente tanto. Ho però anche l'onestà di declinare tante offerte di regalie, a volte di grande valore economico. Proprio perché non posso restituire la gentilezza ricevuta con la mia visibilità sul prodotto. 
Aggiungo, per finire, che mi compro anche delle Ibanez. Questo per sfatare la bizzarra idea che tutto mi viene regalato. Ci tenevo a far luce su una serie di spiacevoli malintesi così che su Accordo torni il sereno. 
A presto,
Cesareo


cesareo grazie per la domanda interviste
Link utili
Le dichiarazioni di Cesareo sul made in Italy
Mostra commenti     107
Altro da leggere
Per Steve Vai, andare in tour non è più sostenibile
Dallo shred al pop napoletano, andata e ritorno: sul palco con Edoardo Taddei
La chitarra elettrica dopo la pandemia: dalla fascia media al custom da sogno
Il groove interiore: quello che ti fa sorridere mentre suoni
La versatilità della Telecaster con Gennaro Porcelli
Pantera: lo speciale Gibson su Rex Brown
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964