CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Con Ibanez non si diventa ricchi
Con Ibanez non si diventa ricchi
di [user #116] - pubblicato il

Le recenti dichiarazioni di Cesareo sul"made in Italy hanno sollevato un mare di commenti e discussioni. Il chitarrista degli Elii ha speso parole lusinghiere sugli strumenti musicali italiani e questo da alcuni è stato visto in contraddizione con la sua figura di endorser Ibanez. Per fare - con grande serenità - chiarezza sulla discussione, torniamo a lasciare la parola a Cesareo.
Le recenti dichiarazioni di Cesareo sul made in Italy hanno sollevato un mare di commenti e discussioni. Il chitarrista degli Elii ha speso parole lusinghiere sugli strumenti musicali italiani e questo da alcuni è stato visto in contraddizione con la sua figura di endorser Ibanez. Per fare, con grande serenità, chiarezza sulla discussione torniamo a lasciare la parola a Cesareo.

Cesareo: ciao a tutti, sto leggendo i commenti e per quanto mi riguarda sono sereno, ma voglio che si sappia che con Ibanez non si diventa ricchi. 
Quando si vende una mia chitarra mi vengono riconosciuti circa 20$. Dell'ultimo modello sono stati prodotti e venduti 78pz. Il calcolo è facile.
Nei primi anni 80 sono passato da Fender a Charvel e, infine, a Ibanez. Tutte chitarre acquistate. Il rapporto con Ibanez si è solidificato per la mia fedeltà al prodotto fino ad allora sempre acquistato. In quegli anni nessun liutaio poteva soddisfare le mie esigenze, inoltre le chitarre di liuteria costavano tre volte di più dei modelli standard. 

Con Ibanez non si diventa ricchi

Mi è capitato di arrivare sul luogo di un concerto e il service non aveva caricato il baule con le mie chitarre. Tramite Mogar, distributore Ibanez, un negoziante ha aperto il suo negozio di domenica e mi ha fatto arrivare due Ibanez fiammanti sul palco. 
È evidente che oltre alla qualità che esprime Ibanez, c'è il valore aggiunto di un grosso distributore che può assisterti su tutto il territorio dal Trentino alla Sicilia. Per la mia mole di lavoro questo aspetto è irrinunciabile.
Per quanto riguarda il Made in Italy, io compro parecchie cose che mi piacciono veramente tanto. Ho però anche l'onestà di declinare tante offerte di regalie, a volte di grande valore economico. Proprio perché non posso restituire la gentilezza ricevuta con la mia visibilità sul prodotto. 
Aggiungo, per finire, che mi compro anche delle Ibanez. Questo per sfatare la bizzarra idea che tutto mi viene regalato. Ci tenevo a far luce su una serie di spiacevoli malintesi così che su Accordo torni il sereno. 
A presto,
Cesareo


cesareo grazie per la domanda interviste
Link utili
Le dichiarazioni di Cesareo sul made in Italy
Mostra commenti     107
Altro da leggere
Max Cottafavi: così provo una chitarra
Katrina Chester: nulla si può mettere tra te e il tuo primo amore
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Paoletti: “Non abbiate paura di provare cose nuove”
Maurizio Solieri: ricordi di Massimo Riva
Andrea Martongelli in tour con Altitudes & Attitudes
Seguici anche su:
News
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing
Ha inizio la settimana del Namm 2019




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964